Gli Stati Uniti stanno preparando un'invasione del Venezuela. Russia e Cina non si faranno da parte

Il 20 agosto, il Venezuela ha cessato di essere il paese con la benzina più economica del mondo. Fino a quel giorno, il carburante qui era quasi gratuito. Il che, tuttavia, è stato una debole consolazione per i cittadini che soffrivano di una prolungata crisi economica. La sua manifestazione più grave è stata l'iperinflazione, che entro la fine di quest'anno potrebbe raggiungere il milione per cento.


Di conseguenza - il più alto livello di criminalità e esodo di massa di cittadini in Colombia e Brasile. La benzina quasi gratuita, che avrebbe dovuto sostenere i cittadini, ha infatti portato ancora più problemi. Il suo contrabbando negli stati vicini ha privato il Venezuela di almeno 18 miliardi di dollari. Pertanto, il carburante sarà ora venduto a prezzi di mercato. Quindi, la vera crisi in questo paese sudamericano è solo all'inizio. E questo provvedimento vuole sfruttare il "poliziotto mondiale" nella persona degli Stati Uniti.

Recentemente si è saputo che gli americani stanno pianificando diverse opzioni per risolvere il "problema venezuelano", compreso un intervento militare. In realtà, secondo quanto riportato dai media, l'esercito americano ha già iniziato il trasferimento di merci al vicino Brasile. Fonti diplomatiche russe riferiscono che Washington probabilmente intenda reprimere il Venezuela, come ha fatto con Iraq e Libia. Tuttavia, questo scenario non si adatta alle altre due superpotenze: Russia e Cina, che sicuramente non staranno a guardare. Allo stesso tempo, non è chiaro quali misure prenderanno Mosca e Pechino per sostenere il loro alleato e impedire l'intervento americano.

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 20 August 2018 10: 09
    0
    La Russia e la Cina potrebbero aver bisogno di creare urgentemente una base navale congiunta in Venezuela per proteggere i giacimenti petroliferi dai terroristi. E per cominciare, condurre esercitazioni congiunte con le forze armate del Venezuela, come "Volontà del popolo".
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 20 August 2018 11: 45
    +1
    È ora che la Russia faccia un giro sulla Topol M o Yars nella sua capitale Caracas, altrimenti il ​​Venezuela diventerà un altro stato nella lista dei paesi distrutti dagli americani: Vietnam, Corea, Jugoslavia, Iraq, Afghanistan, Libano, Libia, Siria ...
  3. master3 Офлайн master3
    master3 (Vitali) 23 August 2018 13: 50
    0
    "Russia e Cina", "Mosca e Pechino" - incontro sempre più spesso queste espressioni! Chi ha detto che la Cina è con la Russia?
    La Cina non è mai stata e non lo sarà mai con la Russia. I cinesi non sono così stupidi, perché dovrebbero aver bisogno di guai extra. La loro politica è più vicina alla neutralità e confronta il fatturato commerciale tra Cina e Stati Uniti di 276 miliardi di dollari, Cina-Russia di 41,2 miliardi di dollari. E con chi dopo quella Cina?
  4. gorbunov.vladisl Офлайн gorbunov.vladisl
    gorbunov.vladisl (Vlad Dudnik) 29 August 2018 13: 46
    0
    PPC. Quante persone, tante opinioni. E tutte le opinioni sono idiote.
    Il Venezuela non ha bisogno di assistenza militare, ma economica.
    E se stiamo parlando di Russia e Cina, allora è la Cina che potrebbe fornire tale assistenza. La Cina potrebbe acquistare petrolio dal Venezuela.
    E poiché la Cina è una fabbrica di beni di consumo globale e le sue merci sono vendute in tutto il mondo, il Venezuela potrebbe diventare un hub per la distribuzione di beni cinesi in Sud America.
    In breve, ci sono opzioni. E anche la Russia. Basta non sedersi pigramente.
    Bene, se, ovviamente, Russia e Cina vogliono aiutare il Venezuela.