La corsa al gas turkmeno attende Europa e Cina


L'inverno è dietro l'angolo e la crisi energetica in Europa sta solo peggiorando. Allo stesso tempo, Gazprom è stata chiaramente nominata il principale "colpevole" e la stampa occidentale sta iniziando a sentire chiamate per mandarla all'inferno. Ma cosa, allora, sostituirà il gas russo?


Il trionfo generale delle fonti rinnovabili è ancora molto lontano, il nucleare fa paura a molti, il carbone è dannoso per l'ambiente. Non puoi nemmeno fare affidamento sul GNL, perché in un mercato liberale, i fornitori dimenticano l'Europa e inviano le loro navi cisterna in Asia, dove il profitto è maggiore. Rimane solo il gas, inoltre gasdotto, preferibilmente con contratti a lungo termine per forniture garantite. Ma dove trovarlo, se non in Russia? E anche qui si ricomincia a parlare molto del gas azero.

Corridoio meridionale per il trasporto del gas


L'idea di ridurre la dipendenza dell'Europa dalle forniture dalla Russia esiste da molto tempo. All'interno del suo quadro, è stato costruito il cosiddetto "Corridoio meridionale per il trasporto del gas", che collega i giacimenti dell'Azerbaigian con il gasdotto transanatolico turco (TANAP) e il gasdotto transadriatico (TAP), che porta all'Europa meridionale. L'unico problema è che nell'ambito della rete di gasdotti esistente, Baku può fornire solo 10 miliardi di metri cubi di gas all'anno ai paesi dell'Unione europea. Tuttavia, il presidente Aliyev si è recentemente vantato che le riserve accertate di gas dell'Azerbaigian hanno raggiunto i 2,6 trilioni di metri cubi e ha minacciato di espandere le forniture:

L'Azerbaigian ha iniziato le forniture di gas all'Europa alla fine del 2020. Vediamo che possiamo diventare fornitori di gas ad altri paesi dell'UE. Abbiamo in programma di collaborare con l'UE per espandere la geografia delle forniture.

Nel contesto dell'attuale crisi energetica, l'interesse di Bruxelles per le iniziative di Baku aumenterà ovviamente notevolmente. Tuttavia, l'Europa non sarà più piena di solo gas azero. Apparentemente, in un futuro molto prossimo, dovremmo aspettarci l'attivazione nella direzione del collegamento al "Corridoio meridionale di trasporto del gas" del Turkmenistan.

Gasdotto transcaspico


L'Europa guarda da molto tempo ai giacimenti di gas turkmeno. Questa repubblica dell'Asia centrale è estremamente ricca di riserve di "carburante blu", che ammontano a circa 19,5 trilioni di metri cubi. Tuttavia, a causa delle peculiarità della sua posizione geografica, Ashgabat può esportarlo solo in due paesi vicini: Cina e Russia. Ciò consente ai principali acquirenti di gas di fissare prezzi convenienti per se stessi, e la RPC è particolarmente riuscita in questo. Il Turkmenistan è costretto a vendere "carburante blu" al Celeste Impero a basso prezzo in cambio di un prestito di 4 miliardi emesso dalla Cina per la costruzione di un gasdotto per i propri bisogni. È così che devi essere in grado di fare le cose.

In alternativa a Russia e Cina, il Turkmenistan considerava il mercato energetico della lontana Europa. Era prevista la costruzione di un gasdotto offshore lungo il fondo del Mar Caspio, che avrebbe dovuto collegarsi con il Corridoio Meridionale del Gas. A spese del Turkmenistan, l'Unione Europea potrebbe già ricevere 30 miliardi di metri cubi di gas all'anno, che rappresentano già un volume molto significativo. Sfortunatamente per Ashgabat, il problema dello status giuridico instabile del Mar Caspio ostacolava la costruzione dell'oleodotto transcapiano e tutti questi piani rimanevano solo progetti. Inoltre, non era chiaro chi avrebbe pagato per la costruzione del gasdotto.

Fortunatamente per Ashgabat e i suoi partner europei, nel 2018 è stata firmata la "Convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio". Tutti e cinque i paesi del Caspio, inclusa la Russia, hanno stabilito nuove regole per la posa di condotte sottomarine. Ora, per questo, è sufficiente il consenso dei soli vicini più prossimi, e non di tutti e cinque gli Stati. In altre parole, non è più necessario il permesso di Mosca per firmare un accordo tra Baku e Ashgabat. È vero, è stata fatta una riserva sul fatto che altre parti della Convenzione potrebbero richiedere l'attuazione di tutti gli standard ambientali, ritardando il processo. La pratica dimostra che nel caso del Nord Stream 2, la Danimarca è stata in grado di prolungare la burocrazia per diversi anni, ma alla fine è stata comunque costretta a rilasciare un permesso. Perché la dirigenza russa abbia dato il via libera a un progetto energetico in competizione con Gazprom, l'autore delle righe non è ancora riuscito a capirlo da solo. Ma a Baku e ad Ashgabat si sono immediatamente rianimati. All'inizio del 2021, l'Azerbaigian e il Turkmenistan hanno firmato un memorandum d'intesa sull'esplorazione e lo sviluppo congiunto delle risorse di idrocarburi nel giacimento di Dostlug (Druzhba) nel Mar Caspio. Un evento molto simbolico e il nome del progetto. Contro chi le ex repubbliche sovietiche saranno amiche, probabilmente, e quindi è chiaro senza inutili spiegazioni.

Allora, cosa abbiamo. Nel Vecchio Mondo sta crescendo una crisi energetica su vasta scala. Il colpevole è Gazprom. Al momento c'è un piano per sostituire il gas russo con qualsiasi altro, ad esempio azero, o meglio ancora turkmeno. Tenuto conto dell'accresciuto interesse dell'Europa e dell'estrema politicizzazione della questione, si può presumere con un alto grado di probabilità che la stessa Bruxelles troverà gli investimenti necessari per la costruzione del gasdotto transcaspico. Allo stesso tempo, la stessa Mosca per qualche motivo si è legata le mani firmando la Convenzione sul Mar Caspio. Qual è il prossimo?

Ora resta da fare affidamento solo sulla posizione della Cina. Pechino è estremamente interessata a mantenere il suo status di esclusiva, e non ha bisogno del gas turkmeno per iniziare a dirigersi verso il mercato europeo alternativo. Perché dovrebbe? La RPC considera chiaramente tutte queste riserve di "carburante blu" come proprie, ei cinesi beneficiano della conservazione dello status di semi-cabala di Ashgabat. Ciò significa che dopo il ritiro volontario della Russia dal gioco, il Celeste Impero entrerà nella battaglia per il gas turkmeno con l'Europa, che sarà costretta a usare altri metodi di pressione.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev (Serge) 1 November 2021 13: 49
    0
    Aspettando/non aspettando...
    Puoi anche scrivere di Russia, Bielorussia, Sauditi e Star Wars.
    Prezzo e larghezza di banda sono fondamentali.

    Se non ci sono tubi per l'Europa, ma ci sono tubi per l'Asia, logistica corta e anche lì il prezzo è più alto (come sottolineano i media), allora qual è la lotta?
    E lì i verdi matureranno ...
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 1 November 2021 13: 56
    0
    Il presidente Aliyev si è recentemente vantato che le riserve accertate di gas dell'Azerbaigian hanno raggiunto i 2,6 trilioni di metri cubi e ha minacciato di espandere le forniture:

    La Russia può produrre gas anche al confine con l'Azerbaigian?
    E perché Eltsin nel 1991 ha dovuto rinunciare a un paese così ricco di gas come il Turkmenistan? Questo è grosso modo il modo in cui la Bulgaria ha abbandonato il gasdotto attraverso il suo paese. Molto miope!
  3. Marzhetsky Online Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 1 November 2021 14: 05
    0
    Citazione: Sergey Latyshev
    Se non ci sono tubi per l'Europa, ma ci sono tubi per l'Asia, logistica corta e anche lì il prezzo è più alto (come sottolineano i media), allora qual è la lotta?

    I prezzi del gas turkmeno in Cina sono molto bassi. Questo è scritto direttamente nell'articolo e spiegato perché. In Asia, i prezzi sono più alti per il GNL. Queste sono due cose diverse.
    C'è già un tubo dall'Azerbaigian verso l'Europa. Basta attraversare il Mar Caspio dal Turkmenistan, e ora non ci sono ostacoli.
  4. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 1 November 2021 14: 15
    +3
    Per informazioni. Sul deposito Dostlug. Si tratta di un giacimento di condensati di petrolio e gas, dove non sono ancora stati effettuati studi geofisici. Quindi i suoi confini e le sue riserve sono solo provvisorie. Oggi è stimato in 100 miliardi di metri cubi di gas. Quanti di loro sono recuperabili è ancora sconosciuto.

    Nessuno farà scorrere il gasdotto lungo il fondo del Mar Caspio. Nelle vicinanze c'è il campo ACG sviluppato (Azeri-Chirag-Guneshli). Nel caso dello sviluppo di Dostlug, devi solo connetterlo con ACG e quindi l'infrastruttura è già lì. Sono solo pochi chilometri di un gasdotto sottomarino. Secondo i dati pubblicati, il 70% dei costi sono sostenuti dal Turkmenistan e il 30% dall'Azerbaigian. Di conseguenza, la divisione degli utili nelle stesse proporzioni.

    E infine, la cosa più importante. Identificato l'appaltatore e l'esecutore dei lavori sul campo. Questa è la società russa LUKOIL. Che sorpresa... Quindi, in linea di massima, sarà il gas russo.

    È probabile che le indagini geofisiche abbiano luogo nel 2022. Il trattamento dei dati richiederà diversi mesi. Entro la fine del 2022, potrebbe iniziare lo sviluppo del campo. Raggiungerà la sua capacità di progettazione in tre anni.


    E questa è una nave di confine turkmena proprio al confine del campo. La foto dell'anno scorso.
    L'Azerbaigian non è permesso lì. Forse l'esplorazione sarà effettuata anche da una compagnia russa.
  5. Il commento è stato cancellato
  6. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 1 November 2021 15: 18
    -5
    La corsa al gas turkmeno attende Europa e Cina

    - Sì, che "lotta" ??? - La lotta è già finita...
    - La Cina non lascerà mai il Turkmenistan fuori dal suo... abbraccio... - Ecco fatto - il treno è già partito...
    - Qui, anche la Russia difficilmente sarà in grado di liberarsi dallo stesso "abbraccio" (è urgentemente necessario "padroneggiare" l'intera "rotonda" Via del Nord) ... - E anche il Turkmenistan, ancora di più . ..
    - Per quanto riguarda il Caspio... - allora... allora... allora la Russia si è molto, molto "rotta" in questo Caspio... - Perché la Russia è diventata l'iniziatore, e poi ha firmato la "Convenzione sulla Status giuridico del Mar Caspio?" ?? e così via ... - = Bene, perché la Russia dovrebbe farlo ???
    - Bene, ora ... - Certo, la Cina non permetterà al Turkmenistan di andare da nessuna parte e non permetterà a nessuno di entrare in Turkmenistan (né la Turchia, né altri) ... - Ma questo non rende le cose più facili per la Russia ... - Sì , e il Kazakistan - anche oggi è caduto sotto l'influenza della Cina ... - la stessa cosa è successa con l'Iran ... - Quindi con la divisione ufficiale del Caspio e delle sue zone costiere ... - La Russia ha perso molto posizioni nel Caspio ... - Chi altro ha avuto una "influenza speciale", posizioni così forti come la Russia - nessun altro ... - Quindi oggi l'Europa non ha nulla a che fare nel Caspio ... - La Cina è già "al governo " là ...
  7. Yuriy Gagarin Офлайн Yuriy Gagarin
    Yuriy Gagarin (Yuri Gagarin) 1 November 2021 19: 19
    0
    Mi chiedo se il Reporter controlli gli articoli "analitici" per incompetenza?
    Vorrei chiedere all'autore perché affermare per cosa non ha la completezza dei dati?