Il prezzo del petrolio inizia ad accelerare: qual è il motivo


Il prezzo base del greggio Brent raggiungerà i 120 dollari al barile entro la fine di giugno 2022, secondo una policy note di Bank of America.


Il catalizzatore per aumentare le previsioni sui prezzi BofA è l'attuale crisi energetica globale, che ha visto salire alle stelle i prezzi di petrolio greggio, carbone, gas naturale e GNL mentre il mercato si riprende dalla pandemia.

Solo un mese fa, gli Stati Uniti prevedevano che il petrolio sarebbe potuto salire a 100 dollari nei prossimi sei mesi, e solo se il prossimo inverno si fosse rivelato più freddo del solito. Erano le forti gelate che erano considerate il motore più importante dei mercati energetici mondiali.

Gli esperti della Bank of America ora ritengono che la ripresa della domanda mondiale di petrolio continuerà a superare l'offerta nel prossimo anno e mezzo, il che porterà a una riduzione delle riserve e creerà una base per ulteriori aumenti dei prezzi dell'energia.

A settembre, BofA ha indicato un ambiente desolante nei mercati energetici europei, dove l'esaurimento del gas ha portato a una forte volatilità dei prezzi.

Gli Stati Uniti ora credono che l'aumento dei prezzi del diesel, del carburante per aerei e della benzina, insieme alla mancanza di capacità di raffinazione, accelererà l'aumento dei prezzi il prossimo anno.

Giovedì di questa settimana verrà concordata la produzione OPEC+, anche se molti si aspettano che il gruppo continui ad aderire al suo piano di aumento del cap di 400 barili al giorno. Tuttavia, il problema è che, fisicamente, i paesi esportatori non sono stati in grado di aumentare la produzione.

Altri trader e banche ritengono che il petrolio si avvicinerà presto ai 100 dollari, poiché la domanda di energia ha già raggiunto i 100 milioni di barili al giorno, una cifra da bacino.
  • Fotografie usate: mintekgkh.krasnodar.ru
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.