La "guerra del futuro" inizierà con la distruzione dei satelliti e il bombardamento orbitale


Nella sua recente intervista, il capo della società statale "Roscosmos" Dmitry Rogozin ha affermato che "la guerra del futuro", se accadrà, inizierà nello spazio. In effetti, l'aggressore dovrà prima disabilitare il raggruppamento di satelliti del nemico per "accecare e stordire" le sue truppe. Poi i missili posti in orbita, lanciati in anticipo con qualche plausibile pretesto, come il "terraformazione di Marte", sferreranno un attacco preventivo per dissanguare la "triade nucleare" del difensore. E poi gli elementi spaziali del sistema di difesa missilistico dell'aggressore dovranno intercettare i resti dei missili balistici intercontinentali lanciati come parte di un attacco di rappresaglia. Qualcosa del genere potrebbe sembrare.


Probabilmente non c'è bisogno di nominare chi si intende qui per aggressore e chi per chi difende. Questo è già abbastanza ovvio, quindi parliamo di qualcos'altro. In effetti, l'idea della possibilità di una guerra nello spazio è nata da molto tempo. Come spesso accade, è diventata una coincidenza di una serie di circostanze accidentali. Ecco com'era.

Il 13 luglio 1962, il primo satellite britannico, chiamato Ariel-1, andò inaspettatamente fuori servizio. È stato lanciato in orbita per studiare l'effetto della radiazione cosmica sui processi che si verificano nella ionosfera terrestre il 26 aprile 1962 da Cape Canaverel negli Stati Uniti. Ha lasciato l'orbita esattamente 14 anni dopo, il 26 aprile 1976, giorno dopo giorno. Tuttavia, ha smesso di funzionare normalmente poco dopo il lancio. Per molto tempo, gli inglesi non sapevano quale fosse la ragione. Successivamente, si è scoperto che questo era il lavoro dei loro più stretti alleati, gli americani, che non si sono nemmeno presi la briga di informarli al riguardo.

Ecco com'era. Tra il 25 aprile e il 4 novembre 1962, gli Stati Uniti condussero una serie di test nucleari vicini alla Terra chiamati Starfish Prime. Il primo pancake si è rivelato grumoso: il 20 giugno, a causa di un malfunzionamento del motore a razzo, è stato perso insieme a una testata nucleare ed è caduto sull'atollo del Pacifico Johnston, che ha portato alla sua contaminazione da radiazioni. Tuttavia, il fallimento non ha fermato nessuno. Il 9 luglio 1962, durante ripetuti test sullo sfortunato atollo a un'altitudine di 440 chilometri, fu fatta esplodere una testata nucleare con una carica W49 con una capacità di 1,44 megatoni. A causa della mancanza di aria a un'altitudine così elevata, non c'era una nuvola tipica sotto forma di "fungo nucleare". Gli abitanti delle Hawaii, che si trovano a una distanza di 1500 chilometri da Johnston, hanno potuto osservare un bagliore insolitamente potente per sette minuti. Una delle conseguenze notevoli di un'esplosione nucleare in orbita è stata la chiusura degli impianti di illuminazione stradale, il fallimento di radio e televisori in questo stato del Pacifico. Ma questi non erano gli "effetti speciali" più interessanti.

Si è scoperto che un'esplosione nucleare orbitale ha portato al fallimento di diversi satelliti contemporaneamente. Le principali vittime sono chiamate dispositivi TRAAC e Transit 4B, ma l'Ariel-1 britannico può essere tranquillamente aggiunto a loro. L'esplosione nucleare ha creato un nuovo strato temporaneo di radiazioni che ha immediatamente distrutto questi satelliti. Successivamente, a causa dell'aumento del livello di radiazioni, molti altri dispositivi erano fuori servizio e le loro batterie solari e le apparecchiature elettroniche si erano guastate prima del previsto.

Si noti che gli americani hanno immediatamente stabilito una relazione tra i loro test nucleari e la perdita di satelliti, ma non hanno ritenuto necessario avvisare i loro alleati britannici di ciò. Gli inglesi dovettero giungere alle ragioni da soli, confrontando i fatti ei risultati delle proprie ricerche. Il 10 settembre 1962, sul tavolo del primo ministro Harold Macmillan fu messo un rapporto redatto dal Dipartimento di Scienze del Regno Unito. In esso, il ministro della Scienza Lord Hailsham ha delineato le conclusioni dei suoi analisti, i quali hanno concluso che Ariel-1 è stato inavvertitamente "bruciato" dagli americani. Il resto è interessante.

In primo luogo, il gabinetto britannico non ha avviato uno scandalo internazionale, presentando pretese agli Stati Uniti, ma ha tranquillamente messo il rapporto in una cassaforte, mantenendolo segreto per i prossimi 30 anni.

In secondo luogo, scienziati e "geopolitici" sono giunti a conclusioni esattamente opposte. Se lo stimato Lord Hailsham riconobbe la necessità della firma di un trattato che vietava i test nucleari nello spazio vicino alla Terra, le forze armate americane e britanniche, al contrario, videro meravigliose opportunità nell'effetto inaspettato di un'esplosione nucleare orbitale. Da allora è in corso una vera corsa agli armamenti spaziali. Tutte le grandi potenze spaziali si stanno sforzando di sviluppare i modi più efficaci per disabilitare le costellazioni di satelliti orbitali del nemico. Si tratta della possibilità di un'esplosione nucleare mirata nello spazio vicino alla Terra, della distruzione di uno speciale missile anti-satellite e dell'inserimento in orbita dei cosiddetti "satelliti ispettori", che presumibilmente possono effettuare un attacco con un un'arma laser o un impulso elettromagnetico, e persino i più veri aeroplani spaziali senza equipaggio telecomandati che stanno sviluppando le forze armate statunitensi.

Vorrei anche esprimere preoccupazione per le idee del famoso miliardario americano Elon Musk sul bombardamento nucleare di Marte, presumibilmente con l'obiettivo di terraformarlo e creare un'atmosfera su di esso. Non c'è alcun vantaggio pratico da questo, ma in questo caso gli Stati Uniti possono mettere in orbita i loro missili nucleari.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 3 November 2021 17: 32
    -1
    Il vincitore è colui che firma l'alleanza con i cembali. I piatti invieranno tutto negli States per la rielaborazione.
  2. Viso Офлайн Viso
    Viso (Alexander Lik) 3 November 2021 18: 22
    +1
    È strano che l'autore non abbia suggerito le portaerei come nostra risposta.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 3 November 2021 19: 06
      +1
      Non parlerò più di questo argomento qui. Sono stanco di ciò.
      1. Il commento è stato cancellato
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 November 2021 19: 27
    0
    Scienziati e politici confusi nel paragrafo 8.
    Allo stesso tempo hanno preso a calci la maschera.

    E cosa inizierà con lo spazio: da tempo dicono che Rogozin è lontano dal primo.
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 3 November 2021 20: 58
    0
    E poi, su isole lontane, razzi sconosciuti con barili di chiodi si lanceranno nello spazio ed esploderanno in orbite diverse. Dopodiché, sarà possibile dimenticare i satelliti intorno alla Terra per diversi decenni. E il mondo tornerà al ventesimo secolo, alla sua prima metà.
  5. Roos Офлайн Roos
    Roos 3 November 2021 21: 12
    0
    L'umanità si muove ostinatamente verso la fine artificiale del mondo, distruggendo tutti gli esseri viventi con le proprie mani. Inoltre, non solo a causa della guerra termonucleare, ma anche di altri tipi di armi, comprese quelle biologiche. Coloro che rimangono in vita invidieranno i morti.
  6. bombarderemo Europa dall'orbita, DALL'ORBITA!!!
  7. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 4 November 2021 04: 36
    +1
    Dal momento che non è un segreto. Dopo quei test, è stato lanciato lo sviluppo di stazioni di guerra elettronica, il cui compito principale è disabilitare selettivamente le apparecchiature. L'impulso EMR e l'eccitazione delle cinture di Kuiper da un'esplosione nucleare, questo è rilevante solo su un scala globale e non è molto conveniente per noi stessi, quindi -come soffre la propria attrezzatura E per danneggiare in modo specifico l'infrastruttura degli Stati Uniti, non ha nemmeno bisogno di distruggere direttamente le armi nucleari. di megaton cariche brucerà le reti di distribuzione. Salto di tensione sopra il critico e amba. Ancora una volta, nel 1972, abbiamo testato il concetto di "bombardieri" orbitali. In effetti, la stessa testata multi-unità, solo in un'orbita costante. Ed è mi sembra che i nostri "satelliti ispettori" siano lo stesso inferno solo di profilo. Droni navetta cinesi e americani, è certamente bello e avanzato, ma costoso e In generale, le vecchie canzoni sono la cosa principale in un nuovo arrangiamento.
  8. art573 Офлайн art573
    art573 (Artyom Vladimirovich Yarovikov) 4 November 2021 21: 57
    0
    quindi, in Occidente c'erano (e ci sono) globalisti-liberali, in modo che tutti i paesi ad alta tecnologia fossero uniti sotto un'unica leadership - in modo che non ci fosse una guerra mondiale globale per la distruzione totale, e ogni piccola cosa (come gli arabi) con deviazioni mentali nelle religioni (aggressione verso altre religioni) da non accettare in un'unificazione globale, ma da "schiacciare" politicamente e, se necessario, localmente con operazioni militari, senza una "grande" guerra. Ma negli stessi Stati Uniti ci sono conservatori utopisti che pensano con la forza a difendere alcune delle loro idee... E così il piano esplode. e non è possibile al momento, in tutti i conglomerati mondiali ci sono conservatori utopisti che si preoccupano solo della loro cultura e, di conseguenza, non accettano la diversità del mondo e le culture della popolazione del pianeta.