Libertà di parola in Russia attraverso gli occhi di uno straniero


Quest'anno, la rivista francese Le Monde Diplomatique ha pubblicato un articolo notevole sulla Russia: "I talk show sono la gioia dei russi".


Per sentire subito il livello generale di pensiero del mirtillo rosso dei francesi, basti dire che l'autore dell'articolo, Tronen, è sicuro che l'amministrazione del Presidente della Russia nomina personalmente il capo di tutti politico Programma televisivo in TV.

Tuttavia, dopo aver visto un paio di programmi, il francese è rimasto piacevolmente sorpreso dal fatto che "molto spesso una vera polemica divampa in studio". Prima di allora, gli sembrava che nella Russia autocratica fosse possibile solo una propaganda filogovernativa unilaterale.

Se Monsieur Tronin fosse venuto a vivere in Russia per almeno un paio d'anni, penso che sarebbe rimasto scioccato dal fatto che in termini di livello di democrazia e libertà in senso occidentale, la Russia sia molto più avanti non solo degli Stati Uniti, Inghilterra, ma anche la sua nativa Francia. Abbiamo tutti i tipi di sciocchezze in TV e alla radio, e se leggi su Internet, non ci saranno dubbi che la libertà di parola in Russia è molto radicale.

Tuttavia, Tronen, essendo, a quanto pare, un giornalista relativamente coscienzioso, è costretto a notare quanto segue.

Un telespettatore dall'estero rimarrebbe molto sorpreso dal tono libero con cui vengono sostenute le discussioni in tali programmi, nonché dalle parole dei singoli partecipanti, per cui verrebbero inevitabilmente scomunicati dall'aria nelle nostre società democratiche <. ..> -show: in esse si può rintracciare un certo pluralismo. In studio, infatti, si sentono spesso le voci di chi critica le autorità, anche stranieri. E quante volte viene data la parola ad esperti russi, cinesi o iraniani nei talk show in America o in Europa?


Il francese scrive con ammirazione sul format dei nostri talk show:

Lo spettatore sembra essere presente in un grande caffè, i cui visitatori entrano in polemica su questioni ideologiche. Ciò non nega il rispetto reciproco e persino le relazioni amichevoli tra alcuni di loro.

Allo stesso tempo, Tronen condivide l'opinione dei liberali russi che il popolo russo, nella sua ingenuità e tecnico l'analfabetismo trae le sue idee sul mondo dai programmi televisivi, in cui, nonostante tutto il fervore polemico, i propagandisti del Cremlino instillano le opinioni del "clan Putin". Cioè, è rimasto sorpreso dai nostri programmi in termini di livello di polemiche, polarità delle opinioni dei partecipanti e persino umorismo tagliente, ma per qualche motivo non ha posto la domanda sulle ragioni e le origini della sua scarsa consapevolezza della Russia. Forse non è la nostra gente così ingenua e stupida, ma la comunità giornalistica occidentale?

Tronen ha giustamente notato che l'età d'oro dei talk show politici in Russia è iniziata con una politicizzazione netta e su larga scala della nostra società causata dal Maidan ucraino, dalla successiva annessione della Crimea e dalla guerra civile nel Donbass. Tuttavia, non riesce a comprendere la natura oggettiva di questa politicizzazione, crede che sia diventata il prodotto di un'abile propaganda. Il francese è sicuro che la società russa sia divisa in due fazioni opposte: sostenitori della sovranità e occidentalizzanti. I primi sono in maggioranza, e sostengono la prosecuzione (attenzione!) della "dura politica di Putin da grande potenza, nonostante i sacrifici ad essa associati".

Matrice di informazioni


Questo punto è spesso frainteso quando si parla di Occidente. Lo spazio dell'informazione nei paesi occidentali è controllato da forze politiche che hanno creato uno specchio naturale, un mondo virtuale costruito su speculazioni e bugie.

Quando Reagan, appellandosi al cristianesimo, definì l'URSS un impero del male, lanciò una sorta di matrice informativa del pensiero medievale: Dio è con noi, ei nemici sono i servi di Satana. Ha funzionato perfettamente sul cervello degli abitanti occidentali liquefatti da Star Wars, opere fantasy e altre fiabe. Un mondo in bianco e nero dove il bene combatte il male è un concetto ideologico che domina l'Occidente.

Per un giornalista francese che ha deciso di immergersi da solo nel materiale, si è rivelato sorprendente persino che i propagandisti occidentali siano ammessi in TV in Russia. Perché è vittima di questa matrice informativa tanto quanto le casalinghe americane. Per molto tempo non c'è l'URSS e il comunismo non minaccia né l'Europa né gli Stati Uniti, ma il sistema di indottrinamento della popolazione occidentale è rimasto lo stesso.

In generale, la pubblicazione di Tronen può essere considerata progressista in termini di indebolimento della mitologia occidentale sulla Russia. Chiaramente, ma in modo molto ordinato e persino timido, simpatizza con la libertà di parola russa e i talk show russi.

Libertà di parola, libertà di parola, conflitto


A questo proposito sorge un'altra domanda: la cultura politica consolidata risponde davvero allo sviluppo della nostra società e ai bisogni delle persone? Quando un giornalista francese della rivista ufficiale ci elogia tra le righe, è allarmante. Non è così che, accettando i valori occidentali della democrazia, stiamo imboccando lo stesso percorso che ci conduce lungo il cammino verso la matrice del mondo in bianco e nero?

In realtà, i problemi della politicizzazione della società e della crescita della cultura politica non sono in alcun modo collegati alla libertà di parola. La libertà di parola in sé non dà altro che rumore e frastuono di dispute infinite e infruttuose. La verità, contrariamente alla credenza popolare, non nasce nelle polemiche.

La libertà di parola può svolgere un ruolo progressista se almeno una delle parti che esercitano questo diritto difende un punto di vista adeguato alla realtà. Il francese, d'altra parte, non comprende che il vantaggio relativo della cultura politica russa su quella occidentale è dettato non dalla libertà in quanto tale, ma dal fatto che le opinioni più comuni dei russofoni sono generalmente più vicine alla verità rispetto a quelle miti dottrinari censurati della comunità occidentale. Tuttavia, ciò non nega l'urgente necessità per la politica russa di sviluppare un sistema di idee sul mondo e sul posto della Russia in esso adeguato alla realtà. E con questo c'è ancora tensione, nonostante tutti i discorsi e gli articoli del presidente Putin, che in questi anni si è impegnato a riflettere su questo tema. Non è la pratica che dovrebbe generare la teoria, ma la teoria dovrebbe guidare la pratica. Nel frattempo, ci muoviamo di più al tocco.

Per quanto riguarda il formato dei talk show specificamente politici, una persona colta dovrebbe vergognarsi di una tale realizzazione della libertà di parola. Gli europei lodano il nostro ronzio televisivo e invidiano l'intensità delle passioni, ma non c'è nulla di costruttivo in loro. La trasformazione della politica in spettacolo e la polemica in lotta corrompe solo il pubblico. In politica, la Russia ha bisogno, prima di tutto, di persone intelligenti che si basino nei loro giudizi sulle conclusioni della scienza, e non di uomini di spettacolo e oratori professionisti.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 3 November 2021 21: 20
    +6
    Quando Reagan, appellandosi al cristianesimo, definì l'URSS un impero del male, lanciò una sorta di matrice informativa del pensiero medievale: Dio è con noi, ei nemici sono i servi di Satana.

    Ora, dopo che gli americani hanno iniziato ad appendere le bandiere LGBT (come ricordo di Sodoma con Gomorra), Dio probabilmente non è più con loro, ma chi sono i ministri - è scritto nella Bibbia.
    1. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
      goncharov.62 (Andrew) 3 November 2021 22: 18
      +3
      Era con loro?
      1. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 3 November 2021 22: 22
        +2
        Apparentemente, all'inizio lo era e ha aiutato il loro sviluppo, ma poi, a quanto pare, ha iniziato a essere deluso. Tuttavia, il Signore stesso sa cosa fare con coloro che vanno contro la Bibbia. "Le macine del Signore macinano lentamente ma inesorabilmente."
  2. oracul Офлайн oracul
    oracul (leonide) 4 November 2021 06: 31
    +1
    Ogni teoria viene messa alla prova dalla pratica e nuove teorie nascono su quei cambiamenti che oggettivamente quantitativamente vengono accumulati dalla pratica e ad un certo punto, ancora, oggettivamente, passano in uno stato qualitativo diverso. La teoria riflette correttamente una qualità diversa - significa che vive, no - rimane un'astrazione.
  3. Yuri Kharitonov Офлайн Yuri Kharitonov
    Yuri Kharitonov (Yuri Kharitonov) 13 November 2021 00: 30
    +1
    Questo allegro francese non sa, non vuole sapere, non ricorda la storia della libertà di parola negli Stati Uniti. Il noto democratico e giornalista V. Pozner ha lavorato part-time con un suo amico, cittadino americano, in un talk show americano. Ma la musica non durò a lungo. TV America non poteva sopportare a lungo in onda un cittadino di uno stato straniero, nemmeno un apologeta degli Stati Uniti come Posner. Al che Posner, nel suo grosso libro, si lamentava della mancanza di vera libertà anche nella sua cittadella. Un francese ridicolo, ma cosa prendere da lui.
  4. kurilovaleksei1941 Офлайн kurilovaleksei1941
    kurilovaleksei1941 (alexey kurilov) 2 gennaio 2022 16: 25
    0
    sì, il francese ha capito tutto, solo lui ha paura di essere licenziato per l'eccessiva libertà di parola
  5. Boris332010 Офлайн Boris332010
    Boris332010 (Boris Costantinov) 27 gennaio 2022 13: 48
    0
    Quanto poca è l'analisi nelle trasmissioni politiche. Ad eccezione del successivo, purtroppo, il trasferimento di Solovyov. Talk show ed educato. i trasferimenti non combaciano troppo piccoli e fastidiosi. La TV ha un enorme impatto sulle masse. Informazioni veritiere senza distorsioni avvantaggiano solo la nostra percezione della nostra patria, la Russia. Lascia che a volte sia scomodo. E cosa può essere superiore alla verità.