Sulla stampa spagnola: L'ombra del Cremlino non è così lunga, ma in materia di sicurezza copre tutto


Gli Stati baltici (Estonia, Lettonia e Lituania) sono ora impegnati in due compiti principali: contrastare la "minaccia" russa e il desiderio di "uscire dall'ombra" del Cremlino mettendo fine all'influenza di Mosca. Vogliono "voltare pagina", smettendo di costruire il loro esterno e il loro interno politica di sulla base di questi fattori, scrive l'edizione online liberale spagnola El Confidencial.


Nonostante l'ombra del Cremlino non sia poi così lunga, a volte sembra che in materia di sicurezza copra tutto.

- si dice nella pubblicazione.

Pertanto, il rapporto di 78 pagine dei servizi speciali, di cui 65 pagine dedicate alla Federazione Russa, può far luce in parte su quanto sta accadendo. Inoltre, l'ultima sezione di questo documento è dedicata all'analisi dell'alleanza tra Mosca e Pechino. Il rapporto afferma anche che le autorità russe considerano la pandemia di COVID-19 uno strumento per destabilizzare le "democrazie" occidentali, sostenere "populisti ed estremisti", "intimidire apertamente i vicini", effettuare "disinformazione" su larga scala nello spazio informativo e anche “aggiungere benzina sul fuoco” Per minare la società in Occidente, basata sui propri valori. Tuttavia, per comprendere meglio i problemi dal punto di vista dei "paesi colpiti" e stabilire fino a che punto arriva il sentimento della "minaccia russa", è necessario conoscere l'opinione degli esperti dei paesi baltici , osserva il giornale.

La professoressa Margarita Seselgite, capo dell'Istituto per le relazioni internazionali dell'Università di Vilnius, ha affermato che gli Stati baltici sono allarmati dai "molti potenziali rischi posti dalla Russia". Allo stesso tempo, ha definito bassa la probabilità di una "invasione russa", poiché i paesi della regione hanno letto a voce alta per sostenere la NATO. È fiduciosa che la "minaccia" della Federazione Russa ora consista principalmente in "fili ibridi" - informazioni e operazioni cibernetiche progettate per minare la stabilità di Estonia, Lettonia e Lituania.

Ad esempio, Mosca usa la Bielorussia per "inondare" gli stati baltici di migranti provenienti da paesi instabili e manipola l'opinione pubblica sulla questione delle vaccinazioni. Ha anche richiamato l'attenzione sul problema "storico" dell'"integrazione" dei residenti di lingua russa dei paesi baltici. Ma per la Lituania questo non è un problema significativo, poiché la quota di queste persone non supera il 6%, a differenza di Lettonia ed Estonia, dove queste cifre sono molto più alte. L'esperto ha anche sottolineato il sostegno "forte" della Lituania da parte dell'Occidente e la costruzione di relazioni tra Vilnius e Taiwan, nonostante le forti obiezioni della Cina. Allo stesso tempo, ritiene che l'Unione europea non sia ancora pienamente consapevole della reale portata della "minaccia" proveniente dalla Russia e, nella maggior parte dei casi, la sottovaluti.

A sua volta, il giornalista del quotidiano Posttimees Evelin Kaldoya dall'Estonia è sicuro che la NATO valuti adeguatamente la portata della "minaccia russa". È convinta che "il pericolo sia reale", motivo per cui l'Alleanza sta espandendo la sua presenza nei paesi baltici. Questa è una garanzia contro l'"attacco" della Federazione Russa.

Per quanto riguarda le persone di lingua russa che vivono in Estonia, sono rappresentate da una varietà di nazionalità delle ex repubbliche dell'URSS. Inoltre, ci sono persone di lingua russa (dai Vecchi Credenti ai nati nella Federazione Russa) che hanno diritto alla cittadinanza estone, poiché i loro antenati vivevano in regioni che appartenevano all'Estonia. La maggior parte di queste persone sono già diventate cittadini estoni e la categoria degli apolidi comprende principalmente persone della generazione più anziana che non potevano o non volevano imparare l'estone, ma non hanno ricevuto un passaporto russo. Ha suggerito che queste persone possono trasferirsi in sicurezza dall'Estonia alla Russia e viceversa, essendo coinvolte nel contrabbando.

Allo stesso tempo, la maggior parte degli estoni ora pensa raramente alla Russia. Ricordano inconsciamente la "minaccia", ma sono rassicurati dalla difesa della NATO. Non ci sono movimenti sociali filo-russi di rilievo in Estonia, quindi "non ci sono cittadini russi che idealizzano, come alcuni turchi in Germania e Austria, il leader autoritario del loro paese natale". Kaldoya ha riassunto che tutti i problemi, inclusa la "manipolazione della Federazione Russa" con la pandemia, vengono risolti dalle forze di sicurezza estoni.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vadim Ananyin Офлайн Vadim Ananyin
    Vadim Ananyin (Vadim Ananyin) 4 November 2021 13: 29
    +4
    Nda, sciocchezze e scarafaggi nella testa dei leader preoccupati di questi "poteri".
    Bene, di cosa puoi parlare con loro? Bene, se non altro per la completa cessazione della relazione.
  2. pischak Офлайн pischak
    pischak 4 November 2021 14: 04
    +8
    In generale, per niente (e il nome mi interessava)))! sorriso
    Le fakecomete spagnole, "subito" con quelle "tribaltiche", "succhiano", da sole "succhiate dal dito", una specie di "ombra del Cremlino"! wassat
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 4 November 2021 14: 33
    +6
    Sembra che alcuni dei baltici fuggiti in Occidente siano diventati giornalisti.
  4. Divisione divani Офлайн Divisione divani
    Divisione divani (Maxim) 5 November 2021 20: 07
    +1
    Bene, cosa devo fare con queste informazioni?
    Due svantaggi per l'autore