Russia e Bielorussia: iniziata l'unificazione


Alla vigilia del 4 novembre, nel giorno dell'unità nazionale, i presidenti Alexander Lukashenko e Vladimir Putin hanno firmato un decreto che definisce le modalità per l'ulteriore sviluppo dello Stato dell'Unione di Russia e Bielorussia. Sia la data simbolica che il nome "vecchio regime" del documento: tutto dovrebbe indicare che l'unificazione dei due stati slavi più vicini è finalmente decollata.


Ricordiamo che lo stesso accordo sulla formazione dello Stato dell'Unione è stato firmato nel 1999. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti, ma questa forma di unificazione sovranazionale è rimasta solo sulla carta. Ma lo status di alleato più vicino, e persino situato sulla frontiera occidentale, ha dato a Minsk una serie di indubbi vantaggi, che il presidente Lukashenko ha abilmente usato, eliminando infiniti sconti e preferenze per la Bielorussia.

Gli eventi del 2014 possono essere considerati un punto di svolta, quando dopo il Maidan la Crimea è entrata a far parte della Federazione Russa e DPR e LPR si sono separati dall'Ucraina, ma si sono bloccati a metà. Poi le relazioni di Mosca con i suoi vicini cambiarono notevolmente: molte delle ex repubbliche sovietiche iniziarono a temere seriamente una ripetizione dello "scenario della Crimea" da qualche parte sul loro territorio. Allo stesso tempo, il rapporto tra il Cremlino e l'Occidente si è fortemente deteriorato e la questione del "transito del potere" è diventata la più significativa e dolorosa per le "élite" domestiche. In questo contesto, i cambiamenti nella coppia Mosca-Minsk sono diventati evidenti.

"Old Man" con aria di sfida non ha riconosciuto la riunificazione della Crimea con la Russia e ha anche parlato negativamente di ciò che sta accadendo nel Donbass, offrendo la sua capitale come piattaforma per il ritorno della DPR e della LPR a Kiev attraverso il processo di negoziazione. Al Cremlino, invece, hanno guardato al loro partner bielorusso con un nuovo sguardo, dal momento che lo Stato dell'Unione è diventato una delle possibili forme del cosiddetto “transito di potere”. Inaspettatamente per il presidente Lukashenko, la Bielorussia ha iniziato a esercitare forti pressioni sulla questione petrolifera. In risposta, Minsk ha iniziato a parlare del passaggio all'acquisto di materie prime dagli Stati Uniti e da altri paesi. La relazione si stava costantemente riscaldando e il loro culmine può essere considerato il caso scandaloso della detenzione di 33 "Wagneriti". Non si sa fino a che punto sarebbe arrivata la frattura tra i due alleati più stretti, ma è successo l'inaspettato.

Nell'estate del 2020 si sono svolte le elezioni in Bielorussia, in cui il presidente Lukashenko, come al solito, ha vinto con un punteggio schiacciante. Tuttavia, questa volta i calmi e laboriosi bielorussi per qualche motivo hanno rifiutato di riconoscere i loro risultati come onesti e hanno iniziato a scendere in massa in piazza. L'Occidente ha cercato di trarre il massimo beneficio sostenendo il "presidente Sveta" Tikhanovskaya e rifiutando di riconoscere la legalità della vittoria di Alexander Grigorievich. Sembrava un po' di più, e il regime di Lukashenka, che è stato costretto a prendere in mano la mitragliatrice, sarebbe crollato e la Bielorussia sarebbe diventata uno stato europeo di successo quanto la vicina Ucraina. Non c'è il minimo dubbio che il "Vecchio" sia sopravvissuto solo perché il Cremlino ha espresso il suo sostegno in modo molto chiaro e inequivocabile, promettendo di inviare "vacanze" e "veterani". Ricevuto un segnale da Mosca, il funzionario di Minsk ha dato il via alla violenta dispersione delle manifestazioni di massa. Si è rivelato brutto, ma efficace. A proposito, è così che avrebbe potuto essere in Ucraina nel 2014, mostra di più al Cremlino politico volere. Ebbene, a quanto pare, la lezione è stata imparata.

Questo è stato il punto di svolta. Da ora in poi, il presidente Lukashenko è diventato un "paria" per l'Occidente che non può più permettersi di destreggiarsi tra Russia, Stati Uniti e Unione Europea. Se aspettano la Bielorussia lì, quindi senza "Batka", e per lo stesso Alexander Grigorievich, i partner occidentali hanno accumulato troppe domande in modo che potesse spaventare Mosca con accenni a una possibile "integrazione europea".

Cosa vediamo un anno dopo, il 4 novembre 2021?

In primo luogo, Mosca e Minsk hanno firmato un decreto su 28 programmi di integrazione di Russia e Bielorussia. Tra questi, la convergenza e l'armonizzazione della politica macroeconomica, della politica monetaria, della regolamentazione e del controllo valutario, dei sistemi di pagamento, del diritto tributario e doganale, del controllo dei trasporti e del mercato dei trasporti, la formazione di un mercato unico per il gas, il petrolio e i prodotti petroliferi, la cooperazione campo dell'energia nucleare, del turismo, delle comunicazioni e dell'informatizzazione, ma non solo.

In secondo luogo, si è deciso di creare una holding mediatica unita, ovviamente, per promuovere un'unica politica di propaganda e informazione per la Federazione Russa e la Repubblica di Bielorussia.

In terzo luogo, Mosca e Minsk hanno concordato che un cosmonauta dalla Bielorussia sarà inviato sulla ISS.

In quarto luogo, nell'ambito dello Stato dell'Unione, la Dottrina Militare è stata aggiornata, ovviamente, tenendo conto delle nuove sfide del blocco NATO.

quintoIn particolare, Minsk è di fatto pronta a riconoscere la Crimea come russa. Come sapete, tutti coloro che considerano la penisola ucraina devono ottenere un visto da Kiev per visitarla. Così, ad esempio, nel 2018, la famosa presentatrice televisiva Ksenia Sobchak ha fatto con aria di sfida. Arrivare in Crimea attraverso la Russia significa riconoscere la sovranità del nostro Paese su di essa. A tal proposito, si segnalano le ultime dichiarazioni pubbliche del presidente Lukashenko:

L'Ucraina ha chiuso il cielo alla Bielorussia e non possiamo arrivare in Crimea attraverso l'Ucraina. Vladimir Vladimirovich mi ha promesso tutto, ha promesso che mi avrebbe portato con sé in Crimea, mi avrebbe mostrato nuovi oggetti, cosa c'era di nuovo lì. E molto è stato fatto. E oggi uno se n'è andato e non mi ha invitato con lui. Bene, se non in Crimea, possiamo andare a San Pietroburgo?

Forse a San Pietroburgo, e forse a Sebastopoli. Come puoi vedere, in questo schema, non c'è domanda per un visto per Kiev, il che significherebbe l'effettivo riconoscimento della Crimea come russa. Dopo tale visita, ci sarà solo un passo formale fino al riconoscimento ufficiale da parte della Bielorussia.
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 5 November 2021 15: 41
    -12%
    Putin, i nostri oligarchi, si ammalano di cancro - le viscere sono magre. Pertanto, se l'unificazione è corretta, Lukashenka sarà il prossimo presidente della Russia!
    1. isv000 Офлайн isv000
      isv000 5 November 2021 23: 40
      0
      Citazione: acciaio
      Pertanto, se l'unificazione è corretta, Lukashenka sarà il prossimo presidente della Russia!

      Ed è vero, ed è vero! Vecchio - per cacciare i ladri, e PIL - avversario esterno - non per niente abbiamo un'aquila bicipite sul nostro stemma! ..
    2. Vyacheslav Mosca Офлайн Vyacheslav Mosca
      Vyacheslav Mosca 6 November 2021 14: 30
      +3
      Chi è l'oligarca? Colui che detiene il potere politico, economico, ecc. Non ci sono persone del genere in Russia. Ma in Bielorussia c'è - questo è Lukashenka. Ha il potere assoluto nella sua fattoria collettiva. E una persona del genere a capo di una potenza nucleare, prima o poi, porterà il mondo alla terza guerra mondiale, non per niente ha elogiato Hitler negli anni '3.
    3. Rico1977 Офлайн Rico1977
      Rico1977 (Alexander) 6 November 2021 21: 37
      0
      Li ha indossati molto tempo fa.
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 5 November 2021 16: 28
    +1
    Di chi hai appeso una foto così cupa, non c'erano più toni allegri? O non felice?
    1. IMHO Офлайн IMHO
      IMHO (Nikitoss) 7 November 2021 08: 36
      -4
      Perché essere felici che due nonni siano ancora al comando? Mi piacerebbe vivere nel paese che Channel One mostra, ma uscire in strada e entrare nei negozi in qualche modo non è felice.
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 7 November 2021 23: 42
        +2
        Perché essere felici che due nonni siano ancora al comando? Mi piacerebbe vivere nel paese che Channel One mostra, ma uscire in strada e entrare nei negozi in qualche modo non è felice.

        Di cosa essere felice? Il paese sta iniziando a unirsi. Siamo un popolo.
        Quello che ti mostrano lì in TV, non lo so, praticamente non guardo.
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 5 November 2021 17: 21
    -4
    Russia e Bielorussia: iniziata l'unificazione

    - Eh, non dovresti parlarne così direttamente, per non "sfidarlo" ...
    - Tutto è così fragile, effimero, gravoso e mutevole che ... cosa ... che non dovresti fare troppo affidamento su di esso ...
    - Lukashenko è costantemente astuto, schivando, perdendo tempo ... - Quindi ha "aspettato" la creazione di alcuni famigerati - e persino ridicolmente finti, ma già legalizzati all'estero assurdo centro politico, dove qualcuno S. G. Tikhanovskaya è pronto " sostituirlo "in il suo incarico ... - e nella stessa Bielorussia si è trattato dell'uso delle forze di sicurezza per "neutralizzare" la situazione nel paese ...
    - Che cosa doveva portare a questo ???
    - Così e così ... - quando è diventato un gioco da ragazzi che Lukashenka potesse semplicemente "non sedersi sul suo trono" (anche se ha cambiato i capi delle agenzie di sicurezza) e la Russia potrebbe semplicemente "non riuscire a salvare il suo trono" ancora una volta .. - e ora ... questo Lukashenko ... - non appena un po '"oklematsya" ... - continua ancora a tirare le stesse "cornamusa" ...
    - Maledetta, primitiva e noiosa Gran Bretagna...; che ha adottato leggi e emendamenti statali per decenni ... - Accidenti, anche questa Gran Bretagna è riuscita a inventare una sorta di "Brexit", raccogliere i suoi soldi e ... e ... e arrampicarsi dall'UE .. . - E Lukashenka sta schivando tutto... - e tira la gomma...
    - Bene, ce la farà a... - Ce la farà alla "brutta situazione"...
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 5 November 2021 20: 18
    -7
    Tutto è corretto. Il vecchio sorprese ancora una volta tutti. Se tradotto in normale:

    In primo luogo, la Russia trascinerà su di sé 28 programmi di integrazione, principalmente nell'economia doganale-loot-tariffario. Cosa bene.

    In secondo luogo, creeranno un'unica ragazza medica e insegneranno al papà a contare correttamente i voti nelle elezioni.
    E poi pensa come gli alpinisti...

    In terzo luogo, Mosca pagherà per il cosmonauta dalla Bielorussia, solo così sarà (in memoria dell'URSS. E le loro galosce spaziali?) ...

    Quarto, il Cremlino darà nuove armi per spaventare i vicini. Perché La Bielorussia ha debiti, relativamente economici.

    Quinto, l'approccio multivettore di Batkina diventerà ancora più multivettore.
    La Crimea non ha riconosciuto, ma già rimprovera di non essere stato invitato a volare ...
  5. Vyacheslav Mosca Офлайн Vyacheslav Mosca
    Vyacheslav Mosca 6 November 2021 13: 31
    -2
    Lukashenka ha già fatto di tutto per garantire che non vi sia unione tra Russia e Bielorussia. Se l'anno scorso gli syabra si sono rifiutati di votare per lui, l'anno prossimo, inoltre, non sosterranno la costituzione. Con chi dunque unirsi? Con l'ultimo dittatore in Europa, chi non ha bisogno di niente dalla Russia se non di soldi? La situazione è a un punto morto. Da un lato, gli syabra stanno iniziando a odiarci silenziosamente e, dall'altro, Lukashenka ha spazzato via l'intero panorama politico. Beh, non si tratta di trasferire la Bielorussia a Tikhanovskaya. Dobbiamo aspettare e sopportare questo ghoul multi-vettore.
  6. Abakan Офлайн Abakan
    Abakan 6 November 2021 17: 49
    -2
    Citazione: acciaio
    Putin, i nostri oligarchi, si ammalano di cancro - le viscere sono magre. Pertanto, se l'unificazione è corretta, Lukashenka sarà il prossimo presidente della Russia!

    tra Lukashenko e Putin quasi 60 anni di presidenza e saranno presidenti a vita. Gheddafi o Saddam non potevano competere bevande aquila bicipite, saremo il primo Paese con due presidenti
    1. John Wick Офлайн John Wick
      John Wick (John Wick) 6 November 2021 20: 27
      +1
      Esatto: due Kirill sono potere occhiolino
  7. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 7 November 2021 08: 29
    0
    È giunto il momento, ma la Russia deve finalmente prendersi cura di se stessa.
  8. Krilion Офлайн Krilion
    Krilion (Krilion) 7 November 2021 11: 16
    0
    Non capisco perché tutti siano così felici .. in effetti, Lukashenka ha ottenuto ciò che ci è voluto così tanto tempo per estrarre: l'accesso a risorse economiche a prezzi russi .. allo stesso tempo, stai tranquillo, non ci sarà una vera unificazione .. . "appartamento piccolo, ma separato" .. puoi dimenticare il ritorno dei prestiti ricevuti ... nei prossimi 30 anni (o quanto durerà) di nuovo abbracci e baci con voti in eterna "fratellanza" .. una volta di nuovo .. i russi sono persone ingenue ... Lukashenka ha ingannato ancora una volta tutti, proprio come aveva fatto 20 anni prima ...
  9. Kuramori Reika Офлайн Kuramori Reika
    Kuramori Reika (Kuramori Reika) 7 November 2021 12: 39
    -2
    Perché abbiamo bisogno di un'altra repubblica impoverita al collo? Dai questo parassita insieme alla famiglia Natsik. Lascia che Gheddafi si senta. Questo ha vissuto troppo a lungo a spese degli altri.
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 9 November 2021 20: 48
      +2
      L'Ucraina non ti basta?
    2. Ulisse Офлайн Ulisse
      Ulisse (Alex) 9 November 2021 22: 34
      -2
      Perché abbiamo bisogno di un'altra repubblica impoverita al collo?

      L'Ucraina è ora impoverita.

      In Bielorussia c'è una produzione seria, un popolo laborioso che non defluisce in massa all'estero per guadagnare soldi dopo la "rivoluzione della dignità". sentire