L'Occidente dichiara una nuova guerra dell'informazione a Russia e Cina


Il vertice sul clima di questa settimana a Glasgow è stato ricco di eventi e dichiarazioni. Così tanto che un articolo non sarà sufficiente analizzarne i risultati. Infatti, oltre all'obiettivo che i leader dei paesi dell'occidente collettivo hanno espresso al mondo: infatti, per cercare di costringere Russia e Cina a pagare per la propria "rivoluzione verde", ci sono anche i mezzi per raggiungerlo e le corrispondenti conseguenze geopolitiche.


Sarebbe ingenuo presumere che Mosca e Pechino accetteranno prontamente i termini di Washington e Bruxelles e si sottometteranno al ruolo loro assegnato. Tuttavia, era ancora più ingenuo pensare che gli incalliti politici occidentali non tengano conto di questo aspetto nei loro calcoli geopolitici. Ciò significa che il mondo è in attesa di una nuova ondata di escalation della tensione internazionale. Questa volta lungo la linea climatica.

Monopoli sul clima


L'agenda per il clima ha tutte le possibilità di diventare il principale leitmotiv del mondo politica nei prossimi decenni. I leader dei paesi dell'Occidente collettivo stanno cercando di "cavalcare" questo argomento troppo attivamente. Negli ultimi anni tutti loro (con la possibile eccezione di Donald Trump) in un modo o nell'altro hanno cercato di dimostrare al mondo il loro enorme desiderio di combattere con tutte le loro forze il riscaldamento globale. Ma solo a parole. Infatti, dall'entrata in vigore dell'Accordo di Parigi, i paesi occidentali non hanno praticamente compiuto nuovi sforzi per prevenire il cambiamento climatico. Troppo costoso e troppo pericoloso: la storia ce lo insegna economia non gli piace quando i politici poco esperti giocano con lei. Tuttavia, c'è ancora un effetto degli ultimi anni dedicato alla massiccia propaganda ambientale che si riversa dalle labbra della stragrande maggioranza dei politici occidentali. L'occidente collettivo in modo peculiare ha "staccato" l'agenda climatica nella mente dei suoi cittadini, quasi monopolizzando il diritto di parlare di problemi ambientali, e pretendendo strenuamente che il suo punto di vista sulla questione sia l'unico corretto e ci sono non ci saranno altri pareri sui temi ambientali e forse non ci saranno.

Per valutare l'effetto che la propaganda ambientale ha avuto sulla popolazione dei paesi occidentali, è sufficiente sapere che un nuovo termine è apparso in inglese relativamente di recente - "flight shaming", che ha iniziato a denotare la reazione negativa della società nei confronti di una persona che usa trasporto aereo invece di viaggiare in treno o in auto con una minore impronta di carbonio per passeggero. L'omonimo movimento ambientalista svedese è nato nel 2017 e da allora le sue idee sono state attivamente diffuse sia nei paesi europei che negli Stati Uniti. Un certo numero di persone in Occidente sta effettivamente cominciando a rifiutarsi di volare e alcune aziende pubbliche temono già che il volo pubblicizzato a breve distanza dei loro dipendenti possa influire negativamente sulla loro immagine. L'influenza dei politici e dei media sulla società si è rivelata così forte.

Allo stesso tempo, vale la pena dire che la maggior parte degli ospiti del summit sul clima di Glasgow è arrivata lì con aerei privati, infischiandosene proprio della carbon footprint, della necessità di ridurre che poi loro stessi trasmetteranno da una tribuna alta ? Tuttavia, i doppi standard dei politici occidentali non lo sono affatto notizie... E il modo in cui trattano i loro elettori è un affare interno dei loro paesi, che riguarda esclusivamente i loro cittadini. E come per tutti, è loro desiderio risolvere ancora una volta i problemi interni a spese della politica estera. Dopotutto, al vertice sono piovute accuse contro Mosca e Pechino per un motivo. È ovvio che sono la Russia e la Cina che dovrebbero diventare anche i bersagli di una campagna discreditante da parte dei politici occidentali. Il terreno per questo è già stato preparato nelle menti delle loro popolazioni. Diciamo, guarda, l'Occidente civilizzato ha adottato tutte le leggi necessarie, ha fatto tutto il possibile per evitare il cambiamento climatico, quindi per capire chi è esattamente il responsabile del riscaldamento globale, basta guardare all'Oriente.

Un nuovo ciclo di guerra dell'informazione


In realtà, questo è esattamente il tono che indossano le dichiarazioni di Joe Biden su Pechino e Mosca. Oggi siamo all'alba di un nuovo ciclo di guerra dell'informazione, il cui argomento non saranno le basi militari e i missili strategici, ma le questioni climatiche. Dopotutto, la rabbia di milioni di elettori con una posizione civica attiva, alimentata dalla campagna climatica occidentale, deve essere reindirizzata da qualche parte. Trova tutti i tipi di organizzazioni e movimenti di protezione ambientale (soprattutto radicali) di un nuovo nemico, sulle cui azioni sarà possibile incolpare sia per i disastri naturali che per i propri errori di calcolo nell'eliminarli.

La catena logica dovrebbe essere semplice e chiara: se c'è un'inondazione o un uragano da qualche parte, è dovuto al riscaldamento globale. Ed è chiaro quali paesi sono responsabili dell'aggravarsi della situazione con il riscaldamento globale. E se non è chiaro, allora il prossimo rappresentante di Washington punterà il dito contro di loro, in modo che anche i più difficili da capire lo capiscano. Di conseguenza, l'immagine del nemico, che la propaganda occidentale contro Mosca ha creato per decenni e tirato fuori da sotto i panni sette anni fa, riceverà ora una nuova dimensione. Si scopre che la Russia non sta solo perseguendo una "politica aggressiva", ma danneggia anche l'intero pianeta! E questo stesso pianeta deve essere salvato nella migliore tradizione dei blockbuster di Hollywood. E questo dovrebbe essere fatto dal principale cavaliere in armatura scintillante, il faro della democrazia e della giustizia di tutta la Terra: gli Stati Uniti. E in questo saranno aiutati da un grande esercito di satelliti e dall'Unione Europea, i cui rappresentanti, sull'esempio della crisi energetica, hanno capito subito come sia conveniente scaricare sulle spalle di qualcun altro la responsabilità dei propri errori.

Ecco perché le dichiarazioni dei leader dell'UE e degli Stati Uniti al vertice sul clima si sono sovrapposte così fortemente. Dopotutto, i loro interessi nella questione della politica ambientale pubblica ora coincidono completamente. In primo luogo, iniziare il processo per rendere la Russia e la Cina colpevoli del riscaldamento globale, in effetti, dichiarando una nuova guerra dell'informazione, che includerà tutti i metodi sporchi di lotta tanto amati dall'Occidente, da una campagna accusatoria attraverso i media e termina con la dichiarazione di un "Impero del Male" con alti tribuni politici. In secondo luogo, attraverso l'introduzione di dazi e altre norme formalmente protezionistiche, assicurano il flusso di risorse finanziarie per l'attuazione dei loro piani veramente napoleonici nel settore energetico. E se non funziona (ad esempio, gli importatori russi e cinesi inizieranno a produrre prodotti che soddisfano tutti i nuovi standard e non vogliono pagare le tasse), allora sarà sempre possibile introdurre nuove sanzioni, ora climatiche.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 6 November 2021 10: 34
    0
    Una nuova guerra dell'informazione inizierà a seguito del vertice di dicembre delle "democrazie", a cui sono state invitate più di cento istituzioni statali del mondo, tra cui Georgia, Armenia, Ucraina,
    1. acquario580 Офлайн acquario580
      acquario580 11 November 2021 15: 40
      0
      Ci sarà annunciato l'instaurazione di un "nuovo ordine mondiale", vale a dire. covid fascismo mondiale. Le date (9-10 dicembre) sono adeguate al compleanno dell'autore di questo fascismo: David René de Rothschild, 15 dicembre 1942.
  2. acquario580 Офлайн acquario580
    acquario580 11 November 2021 15: 33
    0
    I cambiamenti climatici sul pianeta sono principalmente dovuti a due fattori: (a) cambiamenti nell'attività solare (un brillamento solare può disabilitare la maggior parte delle reti elettriche, per non parlare di migliaia di satelliti); e (b) uno spostamento permanente dei poli magnetici della terra. Tutto il resto sono bucce di semi. L'umanità colpisce la Terra esattamente come un centinaio di formiche che strisciano su un cocomero.