La Romania ha chiesto all'Ucraina di non riconoscere l'identità dei moldavi


Il ministro degli Esteri rumeno Dan Neculaescu, durante un incontro con il vice capo dell'ufficio del presidente ucraino Igor Zhovka venerdì 5 novembre, ha chiesto che Kiev non riconosca ufficialmente tale elemento dell'identità moldava come lingua. Nel frattempo, Russia e Ucraina sono gli unici stati che riconoscono l'esistenza della lingua moldava.


I funzionari hanno anche discusso dei problemi della comunità rumena che vive sul territorio dell'Ucraina. Abbiamo anche prestato attenzione all'accesso all'istruzione in lingua rumena, che è diventato difficile a causa della legge sui popoli indigeni dell'Ucraina, firmata da Volodymyr Zelenskyy nel luglio di quest'anno.

Il messaggio del Ministero degli Affari Esteri rumeno ha evidenziato che i diritti della minoranza rumena in Ucraina rimangono una questione molto importante all'ordine del giorno. È necessario risolvere tutti i problemi che sorgono in questo settore in modo sostenibile ed efficace.

Nel frattempo, il capo dell'Associazione dei moldavi dell'Ucraina Anatoly Fetesku ritiene che ora sia necessario compiere ogni sforzo per difendere l'identità nazionale dei moldavi. Secondo lui, Chisinau tiene politica difinalizzato all'assorbimento della Moldova da parte della Romania. A queste posizioni aderisce in particolare la presidente della Moldova, Maia Sandu, che si è dichiarata favorevole a un ipotetico referendum sulla “riunificazione” dei due Stati.
27 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 5 November 2021 18: 41
    +4
    Che proposta interessante. Come reagisce il Chisinau ufficiale a questo? sorriso
    Aspettiamo un po', guardiamo questo circo, forse all'improvviso ricordiamo che l'ucraino è un dialetto del russo e qui non c'era Ucraina. strizzò l'occhio E cosa? Il precedente eccolo qui, accanto.
    1. Tatiana Офлайн Tatiana
      Tatiana 6 November 2021 14: 23
      +2
      Il Segretario di Stato del Ministero degli Esteri rumeno Dan Neculaescu, durante un incontro con il Vice Capo dell'Ufficio del Presidente dell'Ucraina Igor Zhovka venerdì 5 novembre, ha chiesto che Kiev non riconosca ufficialmente tale elemento dell'identità moldava come lingua .

      Sembra che la Romania come parte della NATO, l'UE, insieme al Pentagono/USA abbiano deciso finora LEGALMENTE - secondo le finestre di Overton - di porre fine al riconoscimento dell'esistenza del popolo moldavo in quanto tale. L'esistenza del popolo moldavo è ormai riconosciuta solo da Ucraina e Russia.
      E se non ci sono moldavi, allora secondo i piani di Washington, Pentagono e paesi della NATO non dovrebbe esserci R.Moldova stessa.
      Questa è l'essenza segreta e lo scopo di esprimerlo.

      È inoltre degno di nota il cosiddetto "NATO Days" e una dichiarazione simile sono state fatte il giorno successivo, 5.11.2021 novembre XNUMX, dopo una conferenza online su "Prospettive di partenariato e sicurezza attraverso la cooperazione con la NATO per il periodo fino al 2030", che ha avuto luogo il 4 novembre a Chisinau.

      Nella capitale moldava si sono svolte consultazioni tra la dirigenza del ministero della Difesa moldovo ei rappresentanti della NATO.
      All'incontro hanno partecipato:
      da R.M. Valery Mizha, Segretario di Stato del Ministero della Difesa della Repubblica di Moldova;
      dalla NATO
      - Capo della direzione del partenariato orientale, divisione affari politici e politica di sicurezza della NATO, Tanya Hartman (NATO)
      Capo facente funzione dell'Ufficio di collegamento della NATO a Chisinau, Barbora Paklikova (NATO).

      Gli interlocutori hanno discusso della cooperazione tra l'Esercito nazionale della Moldova e la NATO nell'ambito della Defense Capacity Building Initiative (DCBI) e del Piano d'azione individuale Moldova-NATO (IPAP).

      Durante la conferenza, il vice segretario generale della NATO Mircea Joana ha affermato che "la NATO ha bisogno di una Moldova stabile e sicura, libera dalla" pressione russa e dalla retorica aggressiva".
      È noto che il 26 settembre un aereo dell'aeronautica statunitense ha consegnato a Chisinau una partita di equipaggiamento militare del valore di 5 milioni di dollari, destinato alla modernizzazione delle forze armate della Repubblica di Moldova.
      E anche il senatore Jin Shahin paesi indipendenti come R.M. "Deve continuare ad affrontare le attività dannose della Russia, intensificando le necessarie riforme democratiche". e quel “aggressivo” Le azioni della Russia richiedono un'azione più COORDINATA da parte della NATO”.

      https://eadaily.com/ru/news/2021/11/04/nato-ukreplyaet-voennyy-potencial-moldavii-protiv-rossii-mircha-dzhoane
  2. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 5 November 2021 19: 55
    +8
    Inizia! Niente moldavi? Sarebbe fantastico se l'Ucraina lo riconoscesse. A differenza dell'Ucraina, che in realtà non esisteva fino al XX secolo, la Moldova (principato moldavo) è uno degli stati più antichi.
    Vediamo come si attorcigliano queste banderuole.
    1. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 6 November 2021 16: 52
      +2
      ha chiesto che Kiev a livello ufficiale non riconoscesse tale un elemento di identità dei moldavi, come una lingua.

      Finora, si dice che non esiste una lingua moldava, non moldavi. Questa volta.

      Ebbene, se la metà del XIV secolo d.C. è "uno degli stati più antichi", allora tutti questi Sumeri, Assiri e Babilonesi si accendono silenziosamente e nervosamente le sigarette. Questi sono due.
      1. NikolayN Офлайн NikolayN
        NikolayN (Nicholas) 28 dicembre 2021 21: 09
        0
        Probabilmente ti sbagli. Quando i moldavi parlavano moldavo, romeni e rumeni non esistevano ancora.
  3. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 5 November 2021 23: 52
    +6
    Nessuna Romania in questo territorio prima del 1878. non esisteva. C'era un principato di Valacchia. Nei tempi antichi, la lingua letteraria e diplomatica era slava. Poi qualcuno ha fatto un buon lavoro, ma molte parole radice di tutti i giorni sono slave.

    Nella lingua del contadino valacco, le parole nevasta (moglie), obada (orlo), obor (recinto del bestiame), evţa (pecora), opinca (scarpe contadine), osie (asse), otava (erba nuova dopo la falciatura), parlog (terreno non arato), parvac (sciame d'api che sciama per la prima volta), plaz (serpente all'aratro), a se plodi (allevare), pleva (pieno), polog (fieno falciato), prag (soglia) , prepeliţa (quaglia), prost (comune, stupido), prostac (sciocco), puhav (impasto lievitato), rasad (piantine), rasoio (bordo), roişte (sciame di api), sanie (slitta), situ (setaccio) e molti altri non sono presi in prestito

    La fede è ancora ortodossa. Furono chiamati rappresentanti della più alta aristocrazia fino alla metà del XX secolo boiardi... Quando la propaganda sovietica negli anni '20 e '30 voleva stigmatizzare più severamente la Romania ostile, dicevano: "Boyar Romania". Non abbiamo avuto boiardi dopo Peter ...
    La Romania è stata raccolta (dagli anglosassoni) intorno alla Valacchia pezzo per pezzo da altri paesi. Transilvania (Ungheria), Dobrudzha meridionale (Bulgaria, senza la quale la Romania non avrebbe accesso al mare) e anche piccole cose.
    Ora è diventato più difficile appendere le tagliatelle alle orecchie della gente. Apparve la genealogia del DNA.
    I madrelingua delle lingue slave sono i popoli con l'aplogruppo R1a (ariano, slavo, russo) e I2a (slavi meridionali).
    Madrelingua latina - R1b.

    E ora, guardiamo alla Romania e ai suoi vicini più prossimi:

    Romania R1b - 16%, R1a - 18%, I2a - 26%
    Moldavia R1b - 14%, R1 - 20%, I2 - 30%
    Bulgaria R1b - 10,5%, R1 - 17%, I2 - 19,5%
    Serbia R1b - 7%, R1 - 15%, I2 - 36%

    Vediamo che il rapporto tra aplogruppi slavi e romanici è simile. Lingue romanze e in Moldavia e Romania, qualcuno ha portato artificialmente.
    Particolarmente interessante è il fatto che il territorio della Romania non è mai stato qui. Ma su molte vecchie mappe la Romania è vicina. A sud della Bulgaria, dove si trova ora la parte europea della Turchia. Intorno a Istanbul (Costantinopoli). Ma anche lì non esiste una lingua romanza.
    Quindi, questo caso puzza molto di marcio. E non so nemmeno cosa abbiano di più i rumeni, arroganza o stupidità. Basta alzare le vecchie carte (che sono il mare) e tutto si svelerà. Bene, i dati sulla genetica.
    1. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 7 November 2021 15: 14
      +1
      Nessuna Romania in questo territorio prima del 1878. non esisteva.

      In quell'anno glorioso, inoltre, non esisteva una regione di Kaliningrad e nemmeno un paese chiamato "Federazione Russa".

      Nei tempi antichi, la lingua letteraria e diplomatica era slava.

      Qui devi specificatamente rassTsTso, cosa intendi per "antichità". Scrivono che nell'antichità c'era un fondale marino, quindi ora la zona è molto collinare lì.

      Poi qualcuno ha fatto un buon lavoro, ma molte parole radice di tutti i giorni sono slave.

      Questo si può dire della lingua moldava di tutti i giorni; nella lingua letteraria rumena le parole di origine slava sono quasi assenti.

      La fede è ancora ortodossa.

      La fede ortodossa sia tra i moldavi che tra i rumeni. Solo le metropoli sono diverse. E i rituali sono in qualche modo diversi. I rumeni festeggiano il Natale il 24 dicembre, i moldavi l'8 gennaio.

      La Romania è stata raccolta (dagli anglosassoni) intorno alla Valacchia pezzo per pezzo da altri paesi.

      Gli antichi slavi chiamavano a regnare i Variaghi guidati da Rurik, poiché la regola "autoctona" era fuori dall'ordinario) (Renov.

      Non toccheremo affatto la genealogia del DNA, perché odora di pseudoscienza.

      Lingue romanze e in Moldavia e Romania, qualcuno ha portato artificialmente.

      E ancora, sciocchezze. Nella storia (etnografia, antropologia), non ho visto un termine così scientifico "trascinare artificialmente". Posso dire così che nella seconda metà del 17° secolo, diverse persone (Bohdan Khmelnitsky, Ataman Ermak e molti altri) hanno portato artificialmente in Moscovia ciò che oggi chiamiamo Ucraina, Urali e Siberia.

      Particolarmente interessante è il fatto che il territorio della Romania non è mai stato qui.

      Possiamo dire che sulle "vecchie mappe" degli Urali e della Siberia, la parola Russia non appare affatto fino alla seconda metà del XVII secolo, e anche in tempi molto successivi. Questo è un fatto scientifico inspiegabile, ma lo è davvero.
      1. Boriz Офлайн Boriz
        Boriz (borizia) 7 November 2021 16: 20
        +1
        In quell'anno glorioso, inoltre, non esisteva una regione di Kaliningrad e nemmeno un paese chiamato "Federazione Russa".

        C'era una Russia chiamata Impero Russo. E nel 1758. Dalle truppe dell'Impero, Konigsberg fu occupata, con calma per 3 anni, poi, pagando le tasse all'erario imperiale e non pensando di lasciare l'impero. E nel 1760. Berlino era occupata.
        I tedeschi conquistarono Pietro III e Caterina I. Ed era necessario non arrendersi a ciò che presero, ma prendere lo Schleswig-Holstein, che era il possesso ereditario di Pietro III.
        Quindi, non solo Kaliningrad è nostra di diritto, ma anche Berlino, che nell'antichità era un territorio slavo.

        Possiamo dire che sulle "vecchie mappe" degli Urali e della Siberia, la parola Russia non appare affatto fino alla seconda metà del XVII secolo, e anche in tempi molto successivi.

        È importante che la Russia fosse al suo posto e si espandesse a spese di coloro che l'hanno attaccata, portando le persone in schiavitù.
        E quella che oggi è la Romania può ancora essere chiamata Valacchia, ma il nome Romania è chiaramente inverosimile.

        nella seconda metà del XVII secolo, varie persone (Bohdan Khmelnitsky, Ataman Ermak e molti altri) portarono artificialmente in Moscovia ciò che oggi chiamiamo Ucraina, Urali e Siberia.

        Mi dispiace turbarti, ma sulle mappe di quel tempo non c'erano né gli Urali, né la Siberia, né l'Ucraina.
        Al posto dell'odierna Ucraina, c'erano persone che si consideravano russe. Hanno chiesto di andare in Russia - sono stati accettati. Ma non subito. I polacchi chiamavano i nobili "ucraini" e "bielorussi" la nobiltà russa.

        Qui devi specificatamente rassTsTso, cosa intendi per "antichità". Scrivono che nell'antichità c'era un fondale marino, quindi ora la zona è molto collinare lì.

        L'hanno capito senza di te molto tempo fa. Qui, per cominciare: http://macedonia.kroraina.com/italev/sb/sb_3.htm#83_4

        Non toccheremo affatto la genealogia del DNA, perché odora di pseudoscienza.

        Forse stai illuminando l'appartamento con una torcia? La genealogia del DNA è stata a lungo una scienza a tutti gli effetti, uno strumento accurato e obiettivo per chiarire i movimenti dei popoli in diversi periodi della storia.
        Forse pensi ancora ai tedeschi come ariani? Quindi no, i discendenti degli ariani sono proprio i popoli slavi, gli sciti (e i loro discendenti, in varia misura, i kirghisi, i tagiki, gli uzbeki), le caste superiori dell'India, l'élite dei clan arabi, i leviti tra i ebrei, ecc. Persone con aplogruppo R1a.

        Questo si può dire della lingua moldava di tutti i giorni; nella lingua letteraria rumena le parole di origine slava sono quasi assenti.

        È esattamente quello che ho scritto: ripulito. Leggi la fonte al link. Fino al XV secolo in Valacchia non esistevano monumenti scritti in lingua romanza.

        Nella storia (etnografia, antropologia), non ho visto un termine così scientifico "trascinare artificialmente".

        Questo è il mio termine. E non hai incontrato molte cose in questa vita.
        1. miffer Офлайн miffer
          miffer (Sam Miffer) 7 November 2021 16: 39
          0
          L'importante è non scuotere le guance in quel modo. Ed è molto consigliabile non schizzare la saliva.
          Ho avuto insegnanti più talentuosi di te, quindi tutto il tuo pensiero io, scusami, ...

          ...in romanticismo...

          E aggiungerò la "lingua romanza" alla tua anamnesi. "Trascinare artificialmente" - ho già registrato lì.
          1. Boriz Офлайн Boriz
            Boriz (borizia) 7 November 2021 16: 50
            -1
            Soffiato via. Allora ok.
            1. miffer Офлайн miffer
              miffer (Sam Miffer) 7 November 2021 17: 22
              +1
              Chiaramente non sei uno storico. Nel migliore dei casi, si sono laureati nel 1971. istituto pedagogico o scuola militare. E se uno storico, allora è estremamente analfabeta.

              Mi sono laureato al dipartimento di storia della migliore università dell'URSS, quindi mi sono solo stancato di discutere di storia con un pensionato semianalfabeta.

              PS Non sono io che sono rimasto sbalordito. Sei tu che ti sei fuso con il tuo breg semianalfabeta.
              1. isofat Офлайн isofat
                isofat (isofat) 7 November 2021 18: 03
                -1
                miffer, nascondi molto abilmente la tua educazione! risata
        2. Boriz Офлайн Boriz
          Boriz (borizia) 7 November 2021 17: 29
          -1
          I tedeschi, Pietro III e Caterina I, cedettero ciò che avevano conquistato.

          Caterina II, ovviamente.
      2. Ulisse Офлайн Ulisse
        Ulisse (Alex) 7 November 2021 20: 05
        -2
        Nessuna Romania in questo territorio prima del 1878. non esisteva.

        In quell'anno glorioso, inoltre, non esisteva una regione di Kaliningrad e nemmeno un paese chiamato "Federazione Russa".

        Dal 1758 al 1762, Königsberg fu sotto la giurisdizione dell'Impero russo.

        occhiolino

        Molto prima della comparsa della "Romania" ..
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 6 November 2021 10: 28
    0
    Romani e moldavi sono un unico popolo che parla la stessa lingua.
    Se l'Ucraina lo riconosce, avrà luogo la riunificazione e quindi ci saranno rivendicazioni sulla parte costiera occidentale della regione di Odessa. La questione della Transnistria dovrà essere risolta da un triumvirato Federazione Russa-Romani-Ucraina.
    1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
      Igor Berg (Igor Berg) 7 November 2021 09: 15
      +1
      Quindi i finlandesi e gli ungheresi sono un solo popolo! Che cosa faremo? Riunirsi?
      1. miffer Офлайн miffer
        miffer (Sam Miffer) 7 November 2021 14: 29
        +2
        Non. Per prima cosa devi provare a portare i tedeschi dagli austriaci :))
    2. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 7 November 2021 14: 42
      +2
      Romani e moldavi sono un unico popolo che parla la stessa lingua.

      In breve, questa è una sciocchezza.
  5. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 7 November 2021 07: 06
    0
    Durkains è sopravvissuto Che tipo di pidocchi europei richiede qualcosa. risata
    1. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 7 November 2021 14: 39
      +1
      Una specie di pidocchi europei...

      Uzbagoysya!

      Romania - PIL • $ 12 pro capite.
      Russia - PIL • $ 11 pro capite.

      Sei ancora più sporco di quei pidocchi.
      1. isofat Офлайн isofat
        isofat (isofat) 7 November 2021 16: 16
        -1
        Citazione: Miffer
        Sei ancora più sporco di quei pidocchi.

        miffer! PIL mondiale medio pro capite 10 (US $) nel 926.

        Per qualche ragione, mi sembra che Alexei stesse parlando di un "pidocchio" completamente diverso, che non si misura dal PIL. risata

        PS Rimaniamo in silenzio sul posto dell'Ucraina in questa classifica. Siamo un popolo. sì
        1. miffer Офлайн miffer
          miffer (Sam Miffer) 7 November 2021 16: 46
          +1
          Ale, non stiamo parlando dell'Ucraina e non del reddito medio mondiale pro capite.
          Ho confrontato il PIL di Russia e Romania (pidocchi europei). E si è scoperto che la Russia è persino pessima.

          Per qualche ragione mi sembra...

          Con allucinazioni - tu da un medico specializzato.
          1. isofat Офлайн isofat
            isofat (isofat) 7 November 2021 17: 27
            -2
            Citazione: Miffer
            ... non si tratta dell'Ucraina ...

            Scusa, ti ho nuovamente turbato con qualcosa, ma lascia che ti ricordi il nome dell'articolo:

            - La Romania ha chiesto da Ucraina non riconoscere l'identità dei moldavi.

            Capisci? Dall'Ucraina! Una specie di Romania, commisurata alle dimensioni di un pidocchio, pretende qualcosa dalla nostra Ucraina.

            Capito, no? risata
      2. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
        alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 7 November 2021 17: 03
        0
        Mi sono perso ... una nazione mediocre. Di fronte è necessario scendere così. Avendo olio, si sono messi subito in posa. In Germania, sono impegnati in accattonaggio e piccoli furti. I disperati sono sporchi. Anche i nostri zingari russi sono molto più pulite e il PIL non è un indicatore
        1. isofat Офлайн isofat
          isofat (isofat) 7 November 2021 17: 39
          -3
          Non sei giusto con gli zingari.
  6. Rocj Офлайн Rocj
    Rocj (Gera) 7 November 2021 17: 23
    0









    In che modo i moldavi differiscono davvero dai rumeni?
    Rumeni e moldavi sono due persone apparentemente molto, molto vicine. In Europa, si crede che in realtà sia un popolo, la loro cultura, tradizioni, costumi sono così simili. E anche la lingua moldava sembra non esistere: il rumeno è stato dichiarato lingua ufficiale della Moldavia dall'inizio degli anni '1990.

    Ma ancora, perché rumeni e moldavi non sono un popolo in un paese, ci sono differenze significative tra i due gruppi etnici?
    In realtà c'è. Lo racconta il canale Ethnobaza.
    Quindi, i rumeni sono i discendenti dei Daci conquistati dall'imperatore romano Traiano e romanizzati nei secoli II-IV. Tribù di una speciale lingua indoeuropea, imparentate con gli estinti Illiri e Traci, forse con i moderni albanesi.
    Un contributo speciale alla formazione della lingua rumena (Limba română) fu dato in seguito dagli emergenti tedeschi (goti), turchi e slavi. Fino al 30-40% dell'intero lessico rumeno è costituito proprio da prestiti slavi. Război (guerra), bolnav (malato), bogat (ricco) e persino da (sì!) - tutte queste parole rumene provengono dalla lingua slava.

    Ma i moldavi, secondo una delle versioni, non sono solo i discendenti dei daci romanizzati, ma gli slavi, fortemente romanizzati nel Medioevo. Le strade e il Tivertsy, dopo la caduta della Rus' di Kiev sotto il colpo dei mongoli, caddero nell'orbita di una forte influenza ungherese-valca.

    A proposito, il territorio dell'attuale Moldavia non ha mai fatto parte dell'Impero Romano stesso: i possedimenti dei romani non provenivano dal lontano Danubio.
    Secondo un'antica bella leggenda, i pastori valacchi nel XIV secolo giunsero nelle terre degli slavi, devastate dall'incursione tartara. E, a modo loro, dopo aver concordato con i locali sopravvissuti, iniziarono a popolare gradualmente i territori di Tivertsy e Uliches, iniziando a mescolarsi attivamente con loro.

    È curioso che la Moldavia nel Medioevo fosse di per sé uno stato piuttosto fresco, con il suo esercito e i suoi governanti. E anche i turchi ottomani non acidi reagirono.

    La Moldavia era un grande stato indipendente nel Medioevo
    Le lingue rumena e moldava differivano per iscritto per molto tempo: i rumeni passarono dal cirillico al latino già nel XIX secolo. Ma i moldavi, che dopo il 1812 si rivelarono la provincia della Bessarabia dell'Impero russo, rimasero nella scrittura cirillica fino all'inizio degli anni '1990. A Pridnestrovie, usano ancora l'alfabeto cirillico quando scrivono nella lingua che qui si chiama moldava.
    provincia della Bessarabia.



    La lingua moldava (o la versione moldava del rumeno), tra l'altro, a causa del soggiorno di 200 anni della Moldavia come parte della Russia, è ancora più ricca di prestiti slavi, più precisamente ucraini e russi. Anche nel campo del vocabolario offensivo.

    Tra le differenze caratteristiche nella lingua, possiamo menzionare, ad esempio, "barabuli" (patata) tra i moldavi - "cartofi" in rumeno. O "harbuz" (anguria) per i moldavi - "pepene" per i rumeni. Bene, "păpușoi" (mais) è "porumb" in rumeni. Alcune tracce dal russo in moldavo - "din păcate" (Questo è un peccato) in rumeno e "cu părere de rău" (purtroppo) per i moldavi. Entrambe le lingue hanno un accento diverso
    L'esistenza separata per due secoli ha avuto un impatto abbastanza grande sulla mentalità di moldavi e rumeni. I moldavi sono molto più vicini agli slavi: russi, ucraini. Sono considerati ragazzi più aperti e meno religiosi. Conservatori nella tradizione, i credenti rumeni troveranno una lingua comune molto meglio con i popoli balcanici: bulgari, serbi, ungheresi.

    Ci sono alcune differenze nell'aspetto di entrambi i gruppi etnici l'uno dall'altro. Ad esempio, tra i moldavi ci sono molte più persone con occhi e capelli chiari che tra i rumeni - ha colpito una forte influenza slava. E tra i rumeni - turco, zingaro, ungherese.

    In generale, moldavi e rumeni, non importa quanto ci provino i loro attuali governanti, così come gli unionisti (sostenitori della fusione di Romania e Moldavia), i popoli sono piuttosto diversi. Lascia che i parlanti sembrino essere nella stessa lingua. Rumeni e moldavi difficilmente diventeranno una nazione di un unico stato nel prossimo futuro.
    Mappa del mondo antico.



    Fortezza di Khotyn e Pan Moldavo con una bandiera

    1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
      Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 8 November 2021 10: 45
      +1
      È improbabile che rumeni e moldavi diventino mai una nazione di un singolo stato nel prossimo futuro.

      Non esiste una sola istruzione statale di una singola nazione al mondo, come dimostra la presenza di dialetti e accenti locali all'interno di una lingua, per non parlare di altre differenze.
      La Romania è membro dell'UE e la Moldova si sta impegnando. L'unificazione è reciprocamente vantaggiosa e quindi inevitabile. È una questione di tempo.
      La posizione dei "democratici" sulla questione della Repubblica Moldava pridnestroviana è ovvia:
      1. Ritiro delle forze di pace della Federazione Russa
      2. Associazione della Moldova con l'UE
      3. Referendum e sezione - Moldova alla Romania e PMR all'Ucraina.