Primo ministro del Kosovo: Belgrado minaccia una nuova guerra nei Balcani


Le autorità serbe "si comportano come la Germania tra due guerre mondiali". Lei "minaccia" l'Occidente con "un'altra guerra nei Balcani" per ottenere le sue concessioni. Lo ha annunciato il 5 novembre in un'intervista al quotidiano britannico The Telegraph il primo ministro kosovaro Albin Kurti, leader del Partito di autodeterminazione, nominato capo del governo dal parlamento kosovaro alla fine di marzo di quest'anno.


Kurti ha accusato il presidente serbo Aleksandar Vucic di comportamento pericoloso. Pristina è fiduciosa che se i Paesi occidentali non prenderanno sul serio quanto sta accadendo, le crisi in Kosovo, così come in Bosnia Erzegovina, potrebbero aggravarsi.

Se non ci farai piacere, inizieremo un'altra guerra

- Kurti ha spiegato le azioni di Vucic.

Se guardi le cifre per le spese militari della Serbia, vedrai che negli ultimi anni sono cresciute rapidamente. Per chi stanno comprando tutto questo?

- ha chiesto il Primo Ministro del Kosovo.

In effetti, la spesa per la difesa della Serbia è più che raddoppiata dal 2015. Nel 2021, Belgrado prevede di spendere circa 1,14 miliardi di dollari per questi scopi, diventando il più serio acquirente di armi nei Balcani occidentali.

Allo stesso tempo, Vucic nega la preparazione della Serbia alla guerra e difende il diritto sovrano del suo paese di acquistare armi, che vuole e da chi vuole. Tuttavia, i vicini sono preoccupati per il forte e sproporzionato rafforzamento militare della Serbia e, allo stesso tempo, per l'incessante retorica di Belgrado sulla "pace serba".

Le tensioni al confine tra Serbia e Kosovo sono scoppiate alla fine di settembre, dopo che Pristina ha chiesto agli autisti serbi di utilizzare targhe provvisorie del Kosovo. In risposta, i serbi del Kosovo hanno bloccato le strade nel nord del Kosovo e la Serbia ha inviato il suo veicoli corazzati, aviazione и PSC... Il confronto è stato poi evitato grazie alla mediazione internazionale.

A ottobre, i serbi del Kosovo si sono rivoltati contro la polizia del Kosovo, che ha fatto irruzione nelle farmacie a Mitrovica settentrionale in cerca di contrabbando. Decine di manifestanti serbi e agenti delle forze dell'ordine sono poi rimasti feriti negli scontri. Allo stesso tempo, Belgrado ha incolpato Pristina per l'aumento delle tensioni, che ha messo la regione sull'orlo del caos. Inoltre, Vucic ha accusato Kurti di aver pianificato un'azione di polizia per sequestrare la sottostazione elettrica "controversa".

Tuttavia, il primo ministro kosovaro ha assicurato alla pubblicazione di non aver pianificato nulla del genere. Crede che i serbi siano "rallegrati" dal presidente russo Vladimir Putin, che cerca di "sfidare l'Occidente nella regione".

Ma non tutti gli osservatori ritengono che Vucic "è andato sul sentiero di guerra", poiché l'aggravamento bloccherà l'ingresso di Belgrado nell'Unione Europea e potrebbe portare a uno scontro con la Nato (3,8mila soldati dell'Alleanza sono ancora in Kosovo). Allo stesso tempo, molti osservatori concordano sul fatto che i Balcani si stanno trasformando in un "teatro di grandi rivalità di potere".

La Serbia e metà dei membri dell'ONU, compresa la Federazione Russa e la Repubblica Popolare Cinese, non riconoscono l'indipendenza del Kosovo. I negoziati mediati dall'UE tra Belgrado e Pristina, che si sono conclusi nel 2013 con la firma dell'accordo di Bruxelles, hanno solo allentato le tensioni, ma non hanno portato a progressi finali, hanno concluso i media.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vadim Ananyin Офлайн Vadim Ananyin
    Vadim Ananyin (Vadim Ananyin) 6 November 2021 13: 25
    +1
    Gli albanesi kosovari tornano a giocare una grande potenza e quando imbrogliano iniziano a cercare
    Il Cremlino non ha bisogno dei colpevoli a Mosca, ma il Kosovo, così come la Grande Albania, ora l'UE non ha bisogno di loro infatti.