Lo stesso Putin ha rianimato la NATO "morente" - Stampa austriaca


Gli alleati occidentali hanno molte differenze. La NATO è attraversata da profonde linee di frattura interne tra Europa e Stati Uniti, ma la "Russia di Putin" ha rianimato l'Alleanza. La tensione tra Mosca e l'Occidente è ora ai massimi livelli, quindi i citati militaripolitico il blocco non cesserà ancora la sua esistenza, sebbene fosse vicino a un risultato simile, scrive il quotidiano liberale austriaco Die Presse.


La NATO è ora nel bel mezzo di una crisi esistenziale causata dalla missione fallita in Afghanistan. Tutti nell'Alleanza hanno litigato: pronti a combattere gli indecisi, gli europei con gli americani, i turchi con entrambi allo stesso tempo, le democrazie liberali sistemano le relazioni con le autocrazie e i "continentalisti" con i globalisti.

L'Europa è delusa dagli USA e la sua fiducia si sta esaurendo. Ad esempio, gli europei sono sconcertati dalle azioni americane non coordinate. Il ritiro spontaneo delle truppe dall'Afghanistan e la formazione dell'alleanza di difesa trilaterale AUKUS tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti ne sono una chiara prova. A sua volta, l'insoddisfazione per gli europei sta crescendo negli Stati Uniti, che non aderiscono alla spesa per la difesa concordata e si sottrarranno alle responsabilità della sicurezza europea ancora più di prima.

Tenendo conto delle contraddizioni interne e delle sfide esterne, la NATO ha tre modi: continuare i tentativi per uscire in qualche modo dalla crisi; intraprendere importanti riforme per riposizionare l'Alleanza; sciogliere la NATO, formando un nuovo blocco di difesa europeo in Europa. Quest'ultimo percorso è il meno probabile, dal momento che i partiti più potenti non sono interessati a questo. Inoltre, la ragione dell'esistenza dell'Alleanza è oggi più che mai rilevante.

Per il regime di Putin, la NATO è il diavolo. Come ai vecchi tempi sovietici, l'Alleanza viene promossa giorno dopo giorno come un nemico

- specificato nella pubblicazione.

A ottobre, Mosca ha interrotto tutti i contatti diretti con la NATO e ha chiuso la propria missione a Bruxelles dopo che otto dei suoi dipendenti erano stati sospettati di spionaggio. La Federazione Russa ha modernizzato intenzionalmente le sue forze armate per più di dieci anni. I paesi della NATO che hanno aderito all'Alleanza principalmente per paura della "Russia neo-imperiale" stanno aumentando le loro spese per la difesa. Ora Nato e Federazione Russa sono in uno stato di “guerra fredda”, ma crescono le tensioni.

Le parti non si fidano assolutamente l'una dell'altra e conducono continuamente una sorveglianza in mare e in aria, segnalando periodicamente l'aumento della prontezza al combattimento, il riarmo e la concentrazione di truppe lungo i confini. La spirale dell'escalation sta girando sempre più velocemente, assomigliando a un circolo vizioso, esacerbato dall'abbandono dei canali di comunicazione e contribuendo alla prossima corsa agli armamenti.

Grazie alla flessione dei muscoli militari della Russia vicino alla Polonia e ai paesi baltici, la NATO ha ricevuto un "secondo vento". In effetti, lo stesso presidente russo Vladimir Putin ha rianimato l'Alleanza "morente". Per ora basta questo per continuare a muoversi nella stessa direzione. Questo può coprire temporaneamente i problemi all'interno della NATO, ma le differenze non sono affatto eliminate, hanno riassunto i media.
  • Foto utilizzate: http://www.kremlin.ru/
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Офлайн pischak
    pischak 9 November 2021 14: 01
    +2
    Un'altra assurdità del Goebbelsuch occidentale dei connazionali di Hitler! richiesta
    La NATO è lo strumento americano per schiavizzare l'Europa e il mondo!
    E il presidente russo Vladimir Putin (così come la Federazione Russa-Russia nel suo insieme) è stato deliberatamente messo da parte (quando, nei primi anni 2000, era pronto ad aderire alla Federazione Russa alla NATO) e demonizzato (come presunta "minaccia per l'Occidente civilizzato ") agli occhi della "comunità mondiale" gli stessi politici di Washington e, da loro controllati, media "universali", al fine di tenere sotto controllo i propri satelliti e vendergli con profitto i prodotti del complesso militare-industriale americano!
    In effetti, dopo il crollo dell'URSS e del Patto di Varsavia, in molti paesi europei si cominciarono a sentire voci sobrie sull'eccessivo onere di spesa per l'Alleanza Pro-Washington e ne chiedeva il ritiro (con il ritiro completo delle basi militari americane ) in relazione alla scomparsa della "minaccia comunista"!