Polonia contro tutti: perché Varsavia ha bisogno di un'escalation al confine con la Bielorussia?


La situazione al confine bielorusso-polacco si fa sempre più tesa. Il 9 novembre si è saputo che la parte polacca ha iniziato a ridispiegare ulteriori forze al confine orientale, iniziando allo stesso tempo a prendere misure dure contro i rifugiati che cercavano di entrare nell'UE. Secondo il Ministero degli Affari Esteri della Bielorussia, Varsavia sta già inviando un esercito tecnicadotato di armi di grosso calibro.


Sulla linea di confine (Bielorussia e Polonia) ci sono più di duemila persone svantaggiate, comprese donne e bambini. Tutti oggettivamente provengono da paesi svantaggiati, dove sono intervenuti paesi occidentali, e affermano direttamente di non considerare il territorio della Bielorussia come luogo di residenza, di voler richiedere protezione nell'UE. Invece, vengono gasati, sparati sopra le loro teste e trascinati al confine con equipaggiamento militare con armi militari di grosso calibro.

- ha osservato martedì il capo del ministero degli Esteri della Bielorussia Vladimir Makei.

Tuttavia, la Varsavia ufficiale vede la situazione in una luce completamente diversa.

La protezione del confine polacco è il nostro interesse nazionale. Ma oggi è in gioco la stabilità e la sicurezza dell'intera Ue”

- ha dichiarato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki nel suo post sul social network.

Ha anche descritto la situazione al confine come un "attacco ibrido" da parte della leadership della Bielorussia.

Non ci faremo intimidire e difenderemo la pace in Europa con i nostri partner della NATO e dell'UE

- ha aggiunto pomposamente il politico, dimostrando addirittura di essere pronto per un'ulteriore escalation della situazione di crisi.

Benefici politici e voglia di mettersi alla prova


"Che bello?" Chi ne beneficia? L'espressione popolare del giurista romano Cassiano Longino Raville, vissuto nel II secolo aC, è ancora attuale. E per capire chi è la causa principale della crisi attuale, basta guardare al suo principale beneficiario. L'escalation della tensione al confine con la Bielorussia è vantaggiosa soprattutto per la parte polacca, che cerca di creare da zero una situazione di emergenza, senza rischiare particolarmente nulla. Dopotutto, i rifugiati non nascondono davvero che il loro obiettivo è ottenere asilo nella Germania economicamente sviluppata, e non in una Polonia in ritardo. E il territorio polacco interessa loro solo come punto di transito (però, come molti cittadini della stessa Polonia, che vanno a lavorare in Germania, raggiungendo a malapena l'età lavorativa).

Come spesso accade, i presupposti per avventure di politica estera vanno ricercati nei problemi interni. Si ha l'impressione che, nel tentativo di mettere da parte i problemi di una società polacca frammentata e polarizzata, la Varsavia ufficiale abbia deciso fermamente di combattere tutti in una volta. Cioè, o pretendono nuove riparazioni dalla Germania, poi accusano l'Armata Rossa che l'ha liberata dal fascismo durante l'occupazione, continuando a trasmettere sugli "aggressivi" politica Mosca. E questo per non parlare del giuramento con Bruxelles su denaro e norme legali, e del confronto giudiziario con la Repubblica Ceca per la chiusura di una miniera al confine polacco con essa. Quindi il conflitto con la Bielorussia si inserisce bene nella dottrina della politica estera polacca, in cui la "potente" Varsavia, che è circondata da nemici, sta cercando di costruire un nuovo stato forte. Finora, quasi l'unico lato che è sfuggito al dispiacere polacco sono gli Stati Uniti, ma è comprensibile, è troppo presto per mordere la mano del "padrone". Finché le posizioni geopolitiche di Washington rimarranno forti, Varsavia rimarrà il suo fedele e leale alleato, letto, vassallo. Tuttavia, l'esempio del crollo del blocco sociale e del crollo dell'URSS ci insegna che la lealtà politica della leadership polacca è un concetto molto, molto condizionato.

Quindi, il concetto di costruzione di una moderna Rzeczpospolita, ovviamente adottato dal funzionario di Varsavia, presuppone l'escalation finale di eventuali tensioni di politica estera. Dopotutto, dovrebbe essere chiaro che l'attuale governo polacco non ha nulla per distinguersi se non per conflitti internazionali. Economia nel prossimo futuro, i paesi dell'Europa occidentale non raggiungeranno quasi mai il ritardo. Così è la sfera sociale. E da un punto di vista militare, è più o meno la stessa cosa, è improbabile che Varsavia riesca a possedere tipi di armi eccezionali (leggi, armi nucleari) in grado di trasformare la Polonia da oggetto di geopolitica a suo soggetto. Quindi si scopre che, tranne che nella tensione, nelle controversie e nei conflitti, Varsavia semplicemente non ha nulla in cui mettersi alla prova.

Il fattore UE e la questione finanziaria


Allo stesso tempo, è importante capire che nulla di ipocrita in Occidente è estraneo ai politici polacchi. E in un conflitto con Bruxelles in modo che le piume stanno quasi volando nel Parlamento europeo, la Polonia sta contemporaneamente cercando di vendersi all'establishment europeo come avamposto dell'UE in direzione orientale, giocando abilmente la "carta bielorussa". L'obiettivo, ovviamente, è molto chiaro: negoziare il massimo delle preferenze all'interno dell'Unione e distogliere l'attenzione dalla disobbedienza ribelle della Polonia alle norme dell'Europa unita. Varsavia sta cercando con tutte le sue forze di aggravare la situazione, mostrando così a Bruxelles, dicono, guarda: il nemico è alle porte! I migranti stanno assaltando il territorio dell'Unione Europea e solo le valorose guardie di frontiera polacche resistono fino alla morte come ultima linea di difesa, allattando gli europei dai terribili migranti! Cosa significa questo? È vero che sarebbe bello aiutare la Polonia con i soldi. E poi di recente Bruxelles, per qualche motivo, ha preso l'abitudine non solo di dare, ma anche di riprendere, mettendo Varsavia sul bancone. All'inizio era mezzo milione di euro al giorno, ma oggi l'importo è triplicato, fino a un milione e mezzo. Di cui mezzo milione è una multa per la miniera di carbone di Turov non chiusa dai polacchi vicino al confine ceco, e un altro milione è una punizione per il mancato rispetto della decisione di una corte europea di abolire la camera disciplinare della Corte suprema della Polonia.

Tornando alla crisi migratoria, vale la pena notare che la Polonia, così sensibile ai temi della sovranità, fa qui riferimento alla questione della protezione del confine di Stato, parlando del suo diritto legale a difenderlo a sua discrezione. E questo era abbastanza comprensibile, se non per il fatto che proprio la politica di invasioni aggressive dei paesi mediorientali perseguita dall'Occidente collettivo ha portato all'emergere di questi stessi profughi. Oppure la Polonia, come un certo numero di altri paesi europei, non ha sostenuto le avventure militari americane negli ultimi anni, o i suoi militari non hanno partecipato a interventi militari illegali non approvati da alcuna risoluzione dell'ONU? Ma sono stati loro che, di conseguenza, hanno portato al fatto che milioni di persone sono state costrette a cambiare il loro luogo di residenza, essendo sull'orlo della morte. No, devi rispondere delle tue azioni. E le dichiarazioni dei burocrati europei e dei funzionari polacchi secondo cui la crisi migratoria deve essere in qualche modo risolta non sono altro che ipocrisia di altissimo livello. Allo stesso modo del tentativo di ridurre la tensione di confine creata dalle nostre stesse mani al confronto con la parte bielorussa. L'unica domanda è: cosa sta davvero cercando di ottenere Varsavia: un'imitazione di un conflitto o una vera guerra?
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 11 November 2021 09: 46
    -4
    Polonia contro tutti: perché Varsavia ha bisogno di un'escalation al confine con la Bielorussia?

    - Si dice troppo forte... - L'autore qui... qui... qui ha scritto un sacco di cose; raccolto tutto in un mucchio ..; ma non si può che essere d'accordo con molto di ciò che è stato scritto...
    = Ma poi sarà possibile - essere d'accordo o in disaccordo... - quando tutto si sarà calmato...
    - E oggi la Polonia (personalmente, non ho alcuna simpatia speciale per la Polonia) - oggi la Polonia sta facendo assolutamente la cosa giusta (e che tipo di "obiettivi persegue la Polonia" e quali "interessi egoistici" soddisfa - questa e "l'essenza non è importante") ... - La cosa principale è che la Polonia mantiene davvero la penetrazione dell'Islam in Europa ... - E dov'è l'Islam oggi, potrebbe esserci facilmente un Islam radicale domani ... - E questo sta già accadendo. .. - e anche in tutti quegli stessi stati musulmani con l'Islam moderato... - E così - si sono svegliati la mattina - e hanno già l'Islam radicale... - E dopo ???
    - Quindi in questa faccenda - io personalmente - dalla parte della Polonia ... - La Polonia almeno non permetterà a folle di "bakhtiar" sui loro tappeti di "inviare i loro bisogni religiosi" per le strade e le piazze di Varsavia ... - Poiché qualcosa di simile sta già accadendo in pieno svolgimento a Mosca ...
    - E personalmente, sono assolutamente sicuro che ... che ... che anche se gli americani ordinassero improvvisamente ai polacchi di inviare folle di neri, arabi, afgani, asiatici dall'Asia centrale e "bakhtiar" dalla Russia in Polonia .. - allora i polacchi semplicemente non lo faranno... - in casi estremi, i polacchi possono fingere di eseguire presumibilmente l'ordine degli Stati Uniti; ma poi lo stesso espelleranno a poco a poco, esauriranno e si libereranno di tutti questi "fratelli" ...
    - Questo è ciò che i polacchi differiscono dai russi ... - In questo si può solo invidiarli ... - E gli stessi americani li invidiano in questa "invidia nera" ... - in questo la Polonia ha superato anche il "tutti -potenti stati americani" .. - in questo gli americani si sono rivelati più deboli dei polacchi ... - E sulla Russia ... - Personalmente, non lo farò ...
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 November 2021 11: 06
    -1
    Ah, la solita provocazione.

    Ricordo che c'era un tale Karatsupa che non ammetteva nemmeno i trasgressori del confine.
    Ma nessuno ha ancora pensato di accusarlo di alimentare la crisi migratoria.

    Nel frattempo, i criminali migranti si stanno già diffondendo in tutta la Bielorussia, hanno scritto nelle notizie.
  3. Marzhetsky Online Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 11 November 2021 12: 52
    0
    Oppure la Polonia, come un certo numero di altri paesi europei, non ha sostenuto le avventure militari americane negli ultimi anni, o i suoi militari non hanno partecipato a interventi militari illegali non approvati da alcuna risoluzione dell'ONU? Ma sono stati loro che, di conseguenza, hanno portato al fatto che milioni di persone sono state costrette a cambiare il loro luogo di residenza, essendo sull'orlo della morte. No, devi rispondere delle tue azioni.

    La Federazione Russa un tempo ha sostenuto le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla Libia, che hanno portato all'introduzione di una no-fly zone e alla successiva distruzione di questo paese.
    https://news.un.org/ru/story/2011/09/1189621
    Se i migranti dal Nord Africa si precipitano da noi, assumeremo la stessa posizione della Polonia? O ammetteremo la nostra parte di colpa e accetteremo i rifugiati?
    1. gorenina91 Офлайн gorenina91
      gorenina91 (Irina) 11 November 2021 16: 18
      -2
      La Federazione Russa un tempo ha sostenuto le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla Libia

      - Sì, era - come... come se - i lupi fossero stati improvvisamente assegnati a fare la guardia al gregge di pecore...
  4. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 14 November 2021 13: 30
    0
    La Germania ha lanciato una cannuccia di salvataggio a Kiev - "Prendi i rifugiati dalla Bielorussia, risolvi il nostro problema e chiedi subito soldi per questo ..."