OilPrice: le scorie nucleari sono più pericolose del cambiamento climatico?


In una situazione di cambiamento climatico globale e sullo sfondo del vertice di Glasgow, esperti mondiali stanno pensando alle prospettive dell'energia nucleare. Gli scienziati non sanno ancora con certezza se questo tipo di carburante sia "verde" e se valga la pena riporre su di esso speranze in termini di transizione energetica globale.


Secondo la risorsa OilPrice, i critici dell'energia nucleare indicano il suo alto costo, la dipendenza dai sussidi governativi, il rischio di un potenziale incidente e il costo di stoccaggio e mantenimento delle scorie nucleari per centinaia e migliaia di anni.

I sostenitori dell'atomo sottolineano la necessità di sviluppare questa industria per liberare il mondo dalle emissioni di carbonio. Ad esempio, negli ultimi 50 anni, l'energia nucleare ha evitato circa 74 Gt di emissioni di anidride carbonica che altrimenti sarebbero state generate dall'uso di combustibili fossili.

Il dibattito su cosa sia più pericoloso: le scorie nucleari o il cambiamento climatico, è attualmente in corso nell'UE. Dipende dalla decisione dei deputati se l'energia nucleare sarà inclusa nel clima politica di L'Unione Europea e se riceverà miliardi di euro di finanziamenti nei prossimi anni.

Il più ardente sostenitore dell'uso pacifico dell'energia nucleare è la Francia. Parigi sta posizionando l'energia nucleare come un'arma per combattere il cambiamento climatico e una fonte affidabile di combustibile che potrebbe salvare l'Europa da future crisi energetiche. I sostenitori di questa idea sostengono che il danno delle scorie nucleari impallidisce in confronto ai rischi del cambiamento climatico. La creazione di nuove centrali nucleari è necessaria per raggiungere gli obiettivi fissati dall'Accordo di Parigi sul clima.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
    Kim Rum Eun (Kim rum yn) 10 November 2021 21: 17
    +2
    L'inquinamento ambientale è una cosa. Il cambiamento climatico è diverso. Non ho lavorato molto da vicino su questo argomento, ma capisco che questi due fenomeni sono molto poco collegati e, se sono collegati, questa connessione non è dimostrata al 100% da nessuno.
    Credo che i cambiamenti climatici siano ciclici entro 30-50 anni e questi cambiamenti dipendono dall'attività del Sole, su cui tutte queste parole e altri clamori dei difensori del clima non hanno alcun effetto.
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 12 November 2021 13: 24
    +2
    I rifiuti possono essere riciclati e riutilizzati o smaltiti, una questione di costi.
    Gli Sshasoviti hanno sperimentato due volte sugli esseri umani, bombardando le città del Giappone in cui oggi vivono milioni di persone, e la natura fiorisce nella zona di Chernobyl, per non parlare dell'atollo di Mururua, dove il fondo radioattivo oggi è uguale a quello naturale a causa delle correnti marine.
    In caso di una guerra nucleare su vasta scala, nessuno stato infliggerà un attacco nucleare alle aree, e quindi enormi territori rimarranno direttamente intatti e la ricaduta radioattiva sarà distribuita sul pianeta e la sua concentrazione non causerà danni fatali al restante oasi di vita e ondate di freddo con ghiacciai sono state sul pianeta molte volte, la vita si è adattata senza possedere nemmeno la millesima parte delle conoscenze moderne.