Azzardo turco. Perché Erdogan si scontra con Rosatom e Gazprom


La crisi energetica scoppiata improvvisamente in Europa ha costretto molti a guardare all'energia nucleare in modo nuovo. Se Germania e Belgio rifiutano categoricamente le centrali nucleari, altri dieci paesi europei, guidati dalla Francia, hanno iniziato a insistere sulla loro conservazione. Parigi, inoltre, sta per iniziare la costruzione di nuove centrali nucleari per ridurre la dipendenza della Quinta Repubblica dalle importazioni di energia. Ankara è giunta esattamente alle stesse conclusioni e ha deciso di portare a tre il numero totale di centrali nucleari nel suo Paese.


Lo ha affermato personalmente il presidente Erdogan, dopo aver visitato la centrale nucleare di Akkuyu, attivamente in costruzione:

Abbiamo in programma di commissionare la prima unità nel 2023. Così, la Turchia diventerà uno dei pochi paesi con l'energia nucleare. Dopo Akkuyu, inizieremo i lavori per la seconda e anche la terza centrale nucleare.

In teoria, Rosatom dovrebbe gioire qui, poiché con una proposta di ulteriore cooperazione, il Sultano è andato di nuovo a Mosca, scavalcando francesi e cinesi. Tuttavia, non tutto è così semplice, poiché l'attuazione di questi progetti cambierà radicalmente il sistema energetico della Turchia, che potrebbe tornare a perseguitare un'altra società statale russa, la Gazprom, che il presidente Erdogan sta essenzialmente spingendo contro Rosatom. Ma parliamo di tutto in ordine.

Il piano astuto del Sultano


Il progetto Akkuyu NPP per la Turchia è stato criticato molte volte, e meritatamente. Rosatom ha sperimentato un modello di business estremamente dubbio, secondo la formula "build-own-operate" (in inglese - BOO, Build-Own-Operate). Ciò significa che la centrale nucleare sarà di proprietà di una società russa attraverso la sua controllata e la stessa società statale sopporterà l'intero onere della sua manutenzione, responsabilità e necessità di vendere elettricità ai consumatori per recuperare i 22 miliardi di dollari investiti. . Allo stesso tempo, la Turchia ha rifiutato di firmare un accordo che garantisse vendite a Rosatom a tariffe fisse.

Ciò contraddice completamente la pratica mondiale consolidata, quando un appaltatore costruisce una centrale nucleare, riceve il pagamento e lo trasferisce a un cliente felice, fornendo ulteriormente servizi per mantenerne l'operatività. Un'alternativa è un accordo tra investitori e governo, che si impegna ad acquistare determinati volumi di energia elettrica a un prezzo fisso, solitamente sopravvalutato, come nel caso del progetto britannico Hinckley Point NPP.

Ma Rosatom è andata per la sua strada. Il massimo che Ankara è riuscita a persuadere è stato l'acquisto obbligatorio del 70% del volume di elettricità dalle prime due unità di potenza al prezzo di 12,35 centesimi di dollaro USA per kilowatt/ora durante i primi 15 anni e del 30% dai successivi due . Dopo che Akkuyu avrà raggiunto il recupero, la Turchia riceverà il 20% del suo reddito netto. Se a questo si aggiungono i rischi geopolitici dei rapporti tra Mosca e Ankara, allora il progetto della centrale nucleare in Turchia diventa una scommessa a tutto tondo.

E così il "sultano" ha proposto al Cremlino di costruire altre due centrali nucleari in Turchia, di cui parleremo più in dettaglio. detto in precedenza. Il secondo può apparire vicino alla città di Sinop, il terzo - a Ingleada vicino alla Bulgaria. È ovvio che Ankara ha già in programma di esportare elettricità nell'Unione europea. Se Rosatom firma un accordo per la costruzione della seconda e della terza centrale nucleare turca alle stesse condizioni di Akkuyu, non resta che girargli un dito sulla tempia.

In primo luogo, l'ente statale "si riversa" in progetti ad altissimo rischio con un partner commerciale inaffidabile, che è la moderna Turchia, non più 22, ma (22 moltiplicato per 3) 66 miliardi di dollari di budget. In caso di aggravamento dei rapporti tra Ankara e Mosca, queste centrali nucleari possono essere semplicemente nazionalizzate. Potrebbero esserci molte ragioni: stiamo conducendo una guerra ibrida con i turchi in Siria, in Libia, in Nagorno-Karabakh e ora in Asia centrale. La società americana Westinghouse aiuterà volentieri Ankara a sostituire il carburante russo con quello americano.

In secondo luogoAvendo speso una quantità così gigantesca di fondi di bilancio in valuta estera, Rosatom attraverserà la strada per Gazprom. Come sapete, il monopolio nazionale ha realizzato il gasdotto Turkish Stream con una capacità aggregata di 31,5 miliardi di metri cubi all'anno. Fornisce metà di questi volumi in transito verso l'Europa, il secondo va ai consumatori turchi. Le quattro unità Akkuyu produrranno quindi un totale di 4800 MW di capacità che, secondo alcune stime, comporterà una diminuzione dei consumi di circa 5 miliardi di metri cubi di gas. Se tre di queste centrali nucleari appariranno in Turchia, questo sarà equivalente al volume di gas che Gazprom può fornire attraverso una delle due linee del Turkish Stream per il fabbisogno interno della Turchia.

Semplicemente fantastico". Costruire a proprie spese tre centrali nucleari per i turchi per perdere il mercato della vendita del gas in Turchia. Allo stesso tempo, Ankara sarà in grado di esportare l'elettricità in eccesso nella vicina Bulgaria e in altri paesi dell'UE, riducendo la sua dipendenza dal gas russo sul mercato europeo. Chi devi essere per accettare volontariamente di partecipare a questo?

Cos'altro si può fare


Possiamo provare a ridurre i rischi geopolitici dichiarati a quelli più ragionevoli. Naturalmente, in nessun caso si dovrebbe accettare la costruzione di una seconda e terza centrale nucleare in Turchia alle stesse condizioni di Akkuyu. Oggi la situazione sul mercato dell'energia è tale che le posizioni negoziali di Rosatom sono decisamente migliori. Non c'è affatto bisogno di affrettarsi a mettersi d'accordo, dal momento che non c'è ancora stata una coda di coloro che desiderano intraprendere questi progetti. E se costruiscono, allora o semplicemente come appaltatore, o come investitore con un contratto a lungo termine per la vendita di energia elettrica a prezzo fisso, che prevederà direttamente e inequivocabilmente una clausola di protezione contro l'eventuale nazionalizzazione della centrale nucleare .

Per quanto riguarda il mercato del gas turco. Sì, Gazprom rischia di perderlo nel medio termine. La domanda è cosa fare con i volumi in calo? Forse vale la pena reindirizzarli dalla Turchia all'Europa, ma non attraverso il Turkish Stream, ma attraverso il corridoio meridionale di trasporto del gas. Ricordiamo che in base ai termini del Terzo Pacchetto Energia UE, il proprietario del gasdotto è obbligato a fornire il 50% della sua capacità ad un altro fornitore, che in questo caso potrebbe essere Gazprom. E sarebbe meglio sbrigarsi, perché sullo sfondo della crisi energetica nell'UE, Bruxelles e Ankara guardano sempre più al gas turkmeno, che può attraversare il Corridoio Sud attraverso il gasdotto Transcaspico, il legale ostacoli per la cui costruzione non sono più rimasti.

Se colleghiamo la costruzione di due nuove centrali nucleari in Turchia e la possibile perdita del suo mercato del gas con l'accesso di Gazprom al corridoio meridionale per il trasporto del gas attraverso le norme del Terzo pacchetto energetico dell'UE, i rischi geopolitici per la Russia diminuiranno significativamente.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 11 November 2021 19: 14
    -1
    - In generale, è difficile capire qualcosa in questa confusione - e vale la pena provare - un così continuo incomprensibile ...
    - Personalmente, sarei per ... - per tutta questa "costruzione" di centrali nucleari e tutto il resto in Turchia - ma solo durante il regno di Caterina II - tk. tuttavia, la Turchia sarebbe sconfitta (scomparirebbe come stato in generale - che è ciò per cui si batteva Caterina II) - e tutti questi "nuovi edifici" andrebbero ancora in Russia ... per portare "progetti simili" a vita ...
  2. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
    Kim Rum Eun (Kim rum yn) 12 November 2021 07: 28
    0
    stiamo conducendo una guerra ibrida con i turchi in Siria, Libia e Nagorno-Karabakh...

    1) È necessario definire più precisamente chi è questo "noi"? L'autore stesso in collaborazione con la sua verbosità?
    2) Se stiamo parlando della Federazione Russa, la posizione ufficiale della Russia è che le forze armate RF sono in Siria su invito ufficiale del governo legittimo della RAS, e in Libia e Karabakh ufficialmente "insisteranno".
    3) Successivamente, è necessario definire il termine "guerra ibrida". Se guardi molto da vicino, questo portale è letteralmente "nelle prime trincee" di questa stessa guerra.

    Taki si...

    - In generale, è difficile capire qualcosa in questa confusione - e vale la pena provare - un così solido incomprensibile ...
  3. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 12 November 2021 08: 04
    -1
    Citazione: Kim Rum Eun
    1) È necessario definire più precisamente chi è questo "noi"? L'autore stesso in collaborazione con la sua verbosità?
    2) Se stiamo parlando della Federazione Russa, la posizione ufficiale della Russia è che le forze armate RF sono in Siria su invito ufficiale del governo legittimo della RAS, e in Libia e Karabakh ufficialmente "insisteranno".

    Il tuo commento è un esempio di verbosità classica. Bravo! buono

    Taki si...
    - In generale, è difficile capire qualcosa in questa confusione - e vale la pena provare - un così continuo incomprensibile ...

    Bene, leggi qualcosa di più semplice sorriso
    1. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
      Kim Rum Eun (Kim rum yn) 12 November 2021 09: 04
      +2
      Taki si...
      - In generale, è difficile capire qualcosa in questa confusione - e vale la pena provare - un così continuo incomprensibile ...

      Ho scritto di abracadabra gorenina91 (Irina), e l'ho appena ripetuto, come una citazione.

      Bene, leggi qualcosa di più semplice ...

      Lo faccio da molto tempo. Sto leggendo.
      Non più semplice, ma più intelligente.
      Non devo preoccuparmi di tutti i tipi di spazzatura del genere.
  4. Sergeyjluf Офлайн Sergeyjluf
    Sergeyjluf (Sergey) 12 November 2021 08: 41
    0
    Conclusioni dubbie! La generazione di centrali nucleari non è progettata per il "carico di punta". Non è in grado di aumentare e diminuire bruscamente il potere. Pertanto, per i carichi di punta, è necessaria la generazione di centrali termiche alimentate a gas, quando è possibile spegnere o accendere facilmente più generatori per garantire un forte aumento dei consumi o una forte diminuzione del consumo di energia elettrica. Pertanto, gli interessi di Rosatom e Gazprom non si sovrapporranno.