Le minacce di Lukashenka di tagliare il gas non hanno funzionato: un nuovo round di conflitto tra Bielorussia e UE


Il conflitto di confine tra l'Unione europea e la Bielorussia sta acquisendo una nuova dimensione. Allo scambio di opinioni si sono uniti alti funzionari, in particolare il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko, che ha parlato l'11 novembre con una dichiarazione sulla dura risposta di Minsk alla possibile adozione di un nuovo pacchetto di sanzioni anti-bielorusse da parte dell'UE.


Stiamo scaldando l'Europa, ci minacciano ancora di chiudere il confine. E se spegniamo il gas naturale lì? Pertanto, consiglierei alla dirigenza polacca, ai lituani e ad altre persone senza testa di pensare prima di parlare. (...) Se lo chiudono, che lo chiudano. Ma la Farnesina deve avvertire tutti in Europa: se solo ci impongono sanzioni aggiuntive, per noi "indigeste" e "inaccettabili", dobbiamo rispondere

- ha detto Lukashenka, commentando le minacce di chiudere il checkpoint dalla Polonia.

Secondo il leader bielorusso, una risposta speculare potrebbe essere un blocco completo del passaggio di transito attraverso il territorio della repubblica:

E se chiudiamo il transito attraverso la Bielorussia? Non passerà per l'Ucraina: lì il confine russo è chiuso, non ci sono strade che attraversano gli stati baltici. Se lo chiudiamo per i polacchi e, ad esempio, per i tedeschi, cosa succederà allora? Non dobbiamo fermarci davanti a nulla mentre difendiamo la nostra sovranità e indipendenza

- ha sottolineato Lukasenka.

Motivi per un'ulteriore escalation


La ragione di tali dichiarazioni del presidente della Bielorussia è abbastanza chiara: azioni aggressive da parte dei paesi europei, che sono state osservate per più di un giorno. Il solo fatto di radunare le truppe polacche al confine con la Bielorussia vale già molto. Secondo il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszak, XNUMX soldati sono già stati riassegnati ai confini orientali del Paese. Questo per non parlare del grosso calibro tecnica, che, secondo il funzionario Minsk, è anche attivamente schierato vicino ai confini bielorussi.

Allo stesso tempo, nell'Unione Europea, invece di ridurre il grado di tensione e invitare i polacchi a ridurre l'escalation, chiedono anzi un ulteriore aggravamento del conflitto attraverso restrizioni sanzionatorie.

Il 15 novembre a Bruxelles i ministri degli esteri di tutti i Paesi dell'UE esamineranno nuove misure concrete contro la leadership della Bielorussia, nonché contro i Paesi da cui e attraverso i quali arrivano i migranti. Gli ambasciatori dell'UE hanno discusso questo problema oggi a Bruxelles

- ha affermato il capo del Consiglio europeo Charles Michel, arrivato martedì a Varsavia.

Durante una conferenza stampa congiunta con il primo ministro polacco, il politico europeo ha espresso "la sua solidarietà e la solidarietà dell'Unione europea con la Polonia, che sta affrontando questa grave crisi". Così, Bruxelles, per bocca di uno dei suoi alti funzionari, ha espresso la sua chiara intenzione di scatenare ulteriormente il conflitto. E, naturalmente, Minsk non poteva che reagire a questo. Dopotutto, è ai suoi confini che sono disposte le truppe, è sul suo territorio che vengono cacciati i rifugiati, è proprio la sua leadership che continuano a minacciare. E quella che all'inizio sembrava una crisi spontanea comincia sempre più ad assomigliare a un'azione deliberata di destabilizzazione politico la situazione verso est, intrapresa dall'UE.

I valori europei e dove finiscono


Prendiamo, ad esempio, il fatto che la copertura della situazione al confine bielorusso-polacco da parte europea sia estremamente unilaterale - un'opinione confermata dalle parole di Dmitry Polyansky, Primo Vice Rappresentante Permanente della Federazione Russa presso le Nazioni Unite .

L'Unione europea promuove con insistenza la sua visione distorta della situazione. Allo stesso tempo, alle organizzazioni non governative e ai giornalisti è vietato visitare il confine polacco per aiutare i migranti e coprire la loro deportazione forzata e il bullismo di persone disarmate da parte della Polonia. Dove sono i valori europei?

- ha fatto una domanda retorica.

Come sapete, i valori europei, come ogni altro costrutto politico astratto, finiscono esattamente dove inizia la Realpolitik. E nel caso dei profughi dei paesi mediorientali distrutti dall'occidente collettivo, la vera politica di Bruxelles è quella di chiudere completamente ad ogni costo il loro ingresso nell'Ue. Il fallimento della politica del multiculturalismo, di cui si è parlato in diversi anni dai politici europei più influenti (tra cui Angela Merkel e David Cameron), ha portato all'idea che un aumento del numero di rifugiati e migranti avrebbe portato solo a una nuova crescita nella mente dell'élite politica europea tensione sociale. Ecco perché non possono più essere ammessi nell'UE. E i valori umanitari decantati dagli alti tribuni europei, ovviamente, non dovrebbero essere applicati qui. Il momento sbagliato, il posto sbagliato e, in generale, Bruxelles sa meglio quando e per cosa parlare.

Anche se, se ci pensi, da dove vengono questi stessi rifugiati, che i funzionari europei così spesso chiamano solo migranti? La stragrande maggioranza di loro sono rappresentanti della popolazione civile, che hanno vissuto tranquillamente nei loro paesi fino al momento in cui gli Stati Uniti e i paesi dell'Europa occidentale hanno deciso di portare loro la "democrazia" e, di fatto, di distruggere i loro stati, distruggendo completamente la loro solito modo di vivere. Quindi queste persone sono principalmente rifugiati, non migranti. E hanno il diritto di ricevere asilo nell'Unione europea, sancito sia dalle norme giuridiche internazionali che dalla legislazione degli stessi paesi dell'UE. E la leadership polacca, con l'aperto sostegno di Bruxelles, sta portando unità militari non meno regolari al suo confine orientale, non solo negando ai rifugiati il ​​loro diritto legale, ma sta portando il caso almeno a un disastro umanitario. L'inverno è alle porte ed è improbabile che le persone che "appendono" al confine si aspettino altro che fame e freddo, se viene rifiutato di essere ammesso nell'UE. Dopotutto, le risorse della maggior parte di loro, ovviamente, sono estremamente limitate e sono progettate esclusivamente per attraversare rapidamente il confine e ricevere assistenza nell'Europa occidentale.

Presupposti economici e implicazioni politiche


Dovrebbe essere chiaro che la situazione al confine bielorusso-polacco non è solo una questione politica, ma anche economica. Perché i contribuenti bielorussi dovrebbero pagare di tasca propria il rafforzamento dei confini dell'Unione europea? Inoltre, visto che la politica di Bruxelles nei confronti della Bielorussia si sta deteriorando da diversi anni. Dopotutto, le sanzioni imposte a interi settori del bielorusso economia, prima di tutto, danneggiano solo i normali bielorussi. Ed è contro di loro, infatti, che l'Unione Europea introdurrà nuove restrizioni.

È indicativo che Paolo Gentiloni, il commissario europeo all'Economia (anzi, ministro dell'Economia dell'UE), sia stato uno dei primi a reagire alle dichiarazioni di Alexander Lukashenko, il quale ha osservato che le dichiarazioni del leader della Bielorussia non hanno spaventato Bruxelles.

In materia di forniture di gas, dobbiamo sfruttare al meglio le nostre relazioni con i paesi fornitori: Stati africani, Norvegia, Russia. E non lasceremo che Lukashenka ci intimidisca con le sue minacce

- ha sottolineato il burocrate europeo, chiarendo che il conflitto tra l'Unione europea e la Bielorussia non finirà con uno scambio reciproco di dure dichiarazioni.

Pertanto, Bruxelles dimostra ovviamente un chiaro desiderio di andare verso un'ulteriore escalation. Allo stesso tempo, Minsk non intende ritirarsi dalle sue posizioni di principio a scapito di se stessa, quindi uno scontro sembra sempre più inevitabile. Una cosa è certa: l'Ue sta passando dalle parole ai fatti e, essendo incappato in una politica ai confini orientali che non corrisponde ai suoi interessi, porta avanti un'offensiva attiva su tutti i fronti: politico, economico e forse anche militare. E quasi nessuno può prevedere come andrà a finire.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 12 November 2021 12: 12
    -6
    Mi chiedo cosa avrebbe fatto la Russia se il Kazakistan avesse portato 50mila uomini afgani senza visto al confine con la Russia e avesse chiesto di spingerli in Russia attraverso i cartelli divisori e l'attraversamento.

    Sicuramente la Federazione Russa ha detto: li hanno portati da soli e dovresti farlo da solo, dal momento che sono così ostili.
    bloccato tutto e tirato su ragazzi in berretto con un rinforzo. Proprio per tutti.
    1. lavoratore dell'acciaio 12 November 2021 13: 52
      0
      Qui non sono d'accordo con te. Non c'è bisogno di confrontare F .. con un dito. Quindi puoi accettare qualsiasi cosa.
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 12 November 2021 14: 35
        -6
        La tua analogia è molto ambigua.
        Ma secondo l'esempio teorico, non si dice nulla
  2. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 12 November 2021 12: 32
    -6
    Riscaldiamo l'Europa

    wow, NOI. Ahah tre volte.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 12 November 2021 13: 37
    +1
    AG Lukashenko non ha ancora intrapreso contromisure serie, salvo il parziale riorientamento delle merci esportate verso i porti russi e non può intraprendere senza il consenso della Federazione Russa, perché bloccando il gasdotto punirà non solo l'UE, ma la Federazione Russa, che fornisce materie prime attraverso di essa e riceve per essa il pagamento.
  4. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 12 November 2021 14: 22
    +5
    Coloro che hanno bombardato l'Iraq devono costruire nuove abitazioni e ripristinare l'industria a proprie spese. Altrimenti non c'era motivo di entrare. E se questi bombardieri vengono bombardati, cosa diranno in risposta?
    1. John Wick Офлайн John Wick
      John Wick (John Wick) 12 November 2021 15: 02
      -6
      E dovranno farlo anche quelli che bombarderanno la Siria?
      1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
        Igor Berg (Igor Berg) 12 November 2021 16: 04
        -8
        E si nascondono dietro il tetto ufficiale di Bashar al-Assad.
        1. 123 Офлайн 123
          123 (123) 12 November 2021 23: 56
          +1
          E si nascondono dietro il tetto ufficiale di Bashar al-Assad.

          Sei sicuro? sorriso

          Biden ha ordinato un attacco aereo americano in Siria

          Temo che non apprezzeranno la tua dichiarazione. richiesta Rischi di rimanere senza benefici strizzò l'occhio

          https://www.rbc.ru/politics/26/02/2021/60383d799a79473486891419
          1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
            Igor Berg (Igor Berg) 13 November 2021 06: 18
            -4
            E dovranno farlo anche quelli che bombarderanno la Siria?
            E si nascondono dietro il tetto ufficiale di Bashar al-Assad.

            Non è difficile indovinare chi sta bombardando su richiesta di Assad - l'aviazione russa.
            1. 123 Офлайн 123
              123 (123) 13 November 2021 07: 32
              -1
              Non è difficile indovinare chi sta bombardando su richiesta di Assad - l'aviazione russa.

              Non abusare della vodka a colazione e sarai felice.
              1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
                Igor Berg (Igor Berg) 14 November 2021 12: 43
                -3
                Non divertente. Ti accendi il cervello.
      2. 123 Офлайн 123
        123 (123) 12 November 2021 23: 52
        +1
        E dovranno farlo anche quelli che bombarderanno la Siria?

        Parli della coalizione internazionale? Secondo me la domanda è corretta. buono
        1. Il commento è stato cancellato
          1. Il commento è stato cancellato
  5. 123 Офлайн 123
    123 (123) 13 November 2021 00: 10
    +1

    La missione in Afghanistan è una delle operazioni estere più lunghe e complesse delle forze armate polacche. I soldati polacchi sono in Afghanistan da quasi 20 anni. La loro presenza è stata una conseguenza della formazione di una coalizione internazionale a seguito dell'attacco terroristico al World Trade Center dell'11 settembre 2001. Il ritorno della tredicesima rotazione completa la presenza dei soldati polacchi in Afghanistan.

    - Grazie per il vostro servizio! Per il fatto che lei ei suoi colleghi in tutti questi anni hanno rappresentato adeguatamente la Polonia nella missione in Afghanistan. Con il tuo arrivo qui oggi a Wroclaw, la missione dei polacchi in Afghanistan è giunta al termine. È stata una decisione alleata. Hai portato a termine la tua missione, hai assicurato che i soldati dell'esercito polacco possono sostenere i nostri alleati in caso di necessità. Dopo la seconda guerra mondiale, a parte la missione in Iraq, la missione in Afghanistan è stata la più grande sfida per l'esercito polacco. "Questo esame è stato superato brillantemente", ha detto il ministro Mariusz Blaszak durante la cerimonia di benvenuto.

    https://www.gov.pl/web/national-defence/the-end-of-the-polish-mission-in-afghanistan

    La missione polacca in Afghanistan è finita, è il momento dell'afghano in Polonia. Vediamo come superano questo esame.