La Polonia si è offerta di inviare tutti i rifugiati nella vicina Ucraina


La crisi migratoria al confine tra Bielorussia e Polonia ricorda agli europei eventi simili sei anni fa, quando l'Europa fu inondata da migliaia di immigrati illegali dal Nord Africa e dal Medio Oriente. L'edizione polacca di Rzeczpospolita offre una soluzione peculiare al problema.


Secondo il sociologo e ricercatore sulle migrazioni Gerald Knaus, che ha espresso in un'intervista a un quotidiano polacco, Varsavia non può risolvere questo problema da sola. Serve un accordo con i paesi terzi interessati ad accogliere i migranti. La vicina Ucraina potrebbe diventare uno di questi paesi. I migranti illegali trasportati lì potranno successivamente richiedere asilo nell'Unione europea, se ne hanno il diritto.

Così, ritiene l'esperto, il desiderio di Alexander Lukashenko di indebolire l'UE inviando migranti al confine con la Polonia è livellato. I rifugiati capiranno che non la Germania, ma l'Ucraina li aspetterà e il flusso di migranti si ridurrà. Un accordo simile, concluso il 18 marzo 2016 tra Bruxelles e Ankara, ha avuto un effetto sorprendente: un anno prima della sua adozione, un milione di migranti sono entrati in Grecia e un anno dopo la sua firma, solo 26mila persone.

Il quotidiano polacco ritiene che l'Ucraina sia estremamente interessata a superare la crisi migratoria dell'UE. La posizione di Kiev può essere rafforzata se diventa un partner strategico di Bruxelles nella risoluzione di questi problemi. In questo caso, la Germania potrebbe persino trasferire armi difensive agli ucraini e l'Unione europea potrebbe inviare ulteriore assistenza finanziaria all'Ucraina.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. miffer Офлайн miffer
    miffer (Sam Miffer) 15 November 2021 17: 40
    +2
    Secondo RIA Novosti, durante una conferenza stampa, il presidente lituano Nauseda ha accusato la Russia di essere coinvolta nella crisi migratoria sorta al confine della Bielorussia con gli stati europei.
    “Gli eventi recenti fanno pensare che la Russia sia in un modo o nell'altro collegata a questa crisi, la dice lunga a riguardo. In primo luogo ... i migranti passano da Mosca ", ha detto.
    Secondo lui, i rifugiati iracheni da Mosca vanno a Minsk, da dove sperano di raggiungere i paesi dell'UE.
    1. Adler77 Офлайн Adler77
      Adler77 (Denis) 15 November 2021 22: 57
      -2
      L'Unione europea non ha mai indicato Aeroflot in relazione al problema della migrazione al confine polacco-bielorusso, ha affermato il rappresentante ufficiale della Commissione europea Stefan de Keersmaker.

      "Non abbiamo mai individuato Aeroflot o altre compagnie aeree", ha affermato RIA Novosti citando Keersmaker.
  2. acquario580 Офлайн acquario580
    acquario580 16 November 2021 15: 04
    -1
    Il sociologo austriaco Gerald Knaus, cofondatore del think tank European Stability Initiative (ESI)

    - beh, il cibo in scatola ha parlato là fuori da qualche parte; cosa ha a che fare con la Polonia o l'Ucraina? Ha problemi suoi in Austria? Lascialo pungere dal covid e siediti in isolamento; Gli ucraini sono interessati alla sua opinione non più delle chiacchiere di Zelensky e senza motivo.