Alla base del comportamento ecologico violento dell'Occidente


Il 13 novembre, il giorno dopo, si è effettivamente conclusa la 26a Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26), nota anche come Glasgow Climate Forum. Con un giorno di ritardo, perché i paesi partecipanti alla conferenza non sono riusciti a trovare un accordo definitivo per molto tempo. I tredici giorni del programma ufficiale evidentemente non sono stati sufficienti per i delegati e il documento finale è stato firmato in fretta e furia, per gli standard dei seri incontri internazionali, quasi in ginocchio. Tuttavia, l'aumento dei tempi non ha portato a un risultato migliore. E il risultato è stata la firma di un accordo che ha provocato un turbinio di critiche dall'esterno e "delusioni" dall'interno di ogni genere di politico cerchi.


Così, il presidente del forum sul clima, membro del gabinetto dei ministri britannico Alok Sharma, ha descritto i risultati della COP26 come segue.

Chiedo scusa a tutti i delegati per come è andato questo processo e mi rammarico profondamente (per le modifiche dell'ultimo minuto al testo della dichiarazione finale). Comprendo la grande delusione, tuttavia, come hai notato, era fondamentale proteggere questo pacchetto di documenti (dalla minaccia di mancata approvazione)

- ha detto Sharma prima di approvare le ultime modifiche al documento.

Anche il segretario generale delle Nazioni Unite, sotto i cui auspici si è svolto il forum, Antonio Guterres, ha affermato che le decisioni prese durante la Cop26 “non erano sufficienti”. In precedenza, aveva già espresso il suo disappunto uscendo dal vertice del GXNUMX da Roma con "speranze non realizzate", sottolineando tuttavia che "non sono morti del tutto". Alla fine del forum, ha anche detto che era ora di passare alla "modalità di emergenza". Questo tipo di retorica sembra parlare da sé.

Tuttavia, l'attivista ambientale Greta Thunberg ha descritto i risultati della conferenza in modo ancora più succinto. E per questo non aveva nemmeno bisogno di espressioni articolate. "Blah blah blah" - fine della citazione. Anzi, semplice e di buon gusto. I cinque milioni di follower di Greta su Twitter saranno sicuramente soddisfatti. Come numerosi media mondiali che diffondono la “dichiarazione” dell'eco-attivista in un batter d'occhio. Tuttavia, resta il fatto: i risultati del forum sul clima, secondo l'occidente, sono stati insoddisfacenti. L'unica domanda è: il resto del mondo condivide questo punto di vista? E se no, qual è la ragione di questa discrepanza, in effetti, e ha portato al fallimento di un forum sul clima così ampiamente pubblicizzato.

"Scontro tra mondi" come ragione del fallimento del forum sul clima


Le principali iniziative per il clima adottate a seguito dell'ultima conferenza sono state tre dichiarazioni: su foreste e uso del suolo, sulla riduzione delle emissioni di metano e sull'introduzione di innovativi "green" tecnologia... La versione definitiva del contratto collettivo, la cui adozione ha ritardato l'effettiva chiusura del forum, è stata oggetto di accese controversie e l'emergere di una serie di contraddizioni. La bozza iniziale dell'accordo sviluppato implicava un abbandono completo ed estremamente accelerato dell'uso del carbone. Tuttavia, la dicitura "eliminazione graduale" è stata infine modificata in "eliminazione graduale". L'adeguamento, secondo i resoconti dei media, è stato esercitato principalmente da India, Cina, nonché da un certo numero di altri stati che dipendono dall'uso del carbone.

E la ragione qui non è affatto che l'ecologia di questi paesi non sia affatto interessata. Il fatto è che, come ha osservato il capo del Ministero dell'Ecologia indiano, Bupender Yadawa, i paesi in via di sviluppo semplicemente non sono in grado di promettere di abbandonare i combustibili fossili quando le questioni chiave nella loro agenda sono lo sviluppo di una strategia di sviluppo e la lotta alla povertà. L'abbandono del carbone, per il quale esistono ormai sia infrastrutture che una consolidata filiera, a favore di altre fonti di energia potrebbe sfociare in un vero e proprio crollo economico per i Paesi in via di sviluppo.

Ed è qui che risiede l'ostacolo chiave tra l'Occidente collettivo sviluppato e il resto del mondo. Ed è proprio questo il motivo principale del fallimento del forum di Glasgow. Gli attivisti ambientali da qualche parte nella ben nutrita Europa occidentale stanno lottando con passione per l'ambiente e il futuro del mondo, abbandonando la plastica e cercando di utilizzare fonti di energia rinnovabile, senza rendersi conto che tutte queste azioni, in termini di valutazione del reale impatto ambientale, sono solo la punta dell'iceberg. Dopotutto, con tutto questo, tutto economico il sistema dei loro stati sviluppati si basa sull'acquisto di beni industriali a basso costo dalla Cina e risorse energetiche dalla Russia. E se i prezzi per questi stessi articoli di importazione dovessero aumentare bruscamente a causa dell'introduzione di nuovi standard ambientali, chi ne soffrirà alla fine? Esatto, consumatori europei. E anche questi stessi attivisti ambientali, che sono così orgogliosi delle loro manifestazioni e della loro posizione ambientale attiva, verranno alla ribalta. Se non nel senso della comprensione, sicuramente nel senso del portafoglio. Per evitare che ciò accada, l'UE ha deciso di sviluppare una tassa sul carbonio progettata per garantire il benessere della sua popolazione e consentirle di continuare a "giocare nell'ambiente", mentre altri paesi la pagheranno a Bruxelles attraverso le mani degli importatori di prodotti . Anche se, senza questo meccanismo, il sentimento climatico nell'Unione Europea ovviamente crollerà rapidamente, incapace di resistere a qualsiasi prova da parte della realtà dell'economia di mercato tanto decantata in Occidente.

E non c'è bisogno di guardare lontano per un esempio di come i consumatori europei si siano trovati faccia a faccia con condizioni di mercato difficili. Prendiamo, ad esempio, la crisi energetica nell'UE, che si sta svolgendo davanti ai nostri occhi questo autunno e che ha tutte le possibilità di divampare con rinnovato vigore in inverno. C'è stato almeno un momento nel suo corso in cui si è verificata una vera e propria carenza di gas sul mercato energetico europeo, e la domanda non riguardava la percentuale di pienezza degli impianti di stoccaggio, ma il congelamento delle case? No. Forse ci sono state gravi interruzioni dell'approvvigionamento e la valvola dalla parte russa, che fornisce la maggior parte del gas all'UE, è stata ben chiusa? Anche no. Allora qual è il problema? Perché l'Unione europea sta quasi dichiarando lo stato di emergenza di tutta l'Unione, mentre i burocrati europei si incontrano con i ministri dell'energia dei paesi dell'UE quasi più spesso che con il proprio personale? È tutta una questione di prezzi. L'hanno appena preso e sono saliti più volte. Come non sorprende, per un'economia di mercato con un aumento della domanda, questo è abbastanza normale. Ma per l'Unione Europea - no. All'improvviso è diventato chiaro che nessuno nell'UE ha il minimo desiderio di pagare per le risorse energetiche quanto costano effettivamente in un dato momento. E improvvisamente si sono dimenticati dell'ecologia, e improvvisamente hanno iniziato a cercare forniture di carbone dalla Russia. Sebbene questo sia solo l'inizio, non c'è ancora stata una vera transizione energetica nell'Unione Europea.

È più o meno lo stesso, solo moltiplicato a volte, l'Occidente collettivo, ovviamente, non si preoccuperebbe di organizzare in qualche paese in via di sviluppo. Come altrimenti percepire il persistente desiderio di imporre il rifiuto del carbone agli stati, il tenore di vita in cui semplicemente fisicamente non consente l'uso di altre fonti di energia? Dopotutto, questo ovviamente non porterà a nient'altro che a una catastrofe energetica. Sarebbe ingenuo presumere che i leader occidentali non lo capiscano.

Il futuro dell'agenda per il clima


"Delusione" e "scuse", così come le accuse contro i paesi in via di sviluppo, diventeranno elementi chiave del discorso ambientale occidentale almeno per il prossimo anno, fino alla prossima conferenza Onu sul clima. Tuttavia, è già chiaro che l'agenda sul clima che pedala attivamente ha tutte le possibilità di diventare una nuova illustrazione della classica fiaba "Il vestito nuovo del re" scritta, tra l'altro, dal nordeuropeo Hans Christian Andersen. Ma invece di un monarca "nudo" descritto in esso, gli abitanti dei paesi dell'Occidente collettivo hanno tutte le possibilità di ottenere un'intera schiera di "naturisti politici" all'uscita, le cui dichiarazioni rumorose in pratica non saranno supportate da nient'altro rispetto alle opinioni servili degli stessi burocrati solo di rango inferiore... Di conseguenza, i sistemi politici dei paesi occidentali, come previsto, diventeranno autonomi e i loro ranghi più alti inizieranno gradualmente a perdere il contatto con la realtà. Queste, ahimè, sono le conseguenze del populismo, che, invece di risolvere i problemi accumulati, si concentra sugli interessi della massima soddisfazione dei desideri degli elettori, indipendentemente dal grado della loro realizzazione.

Quindi l'unica opzione per i politici occidentali ora è accelerare l'avvento di una nuova era nel mondo. Era del colonialismo ecologico. I paesi occidentali, che da anni si sono sbarazzati di industrie non redditizie e dannose, hanno finalmente raggiunto il punto di sviluppo economico al punto in cui sarà possibile non solo trasferire tutto il lavoro "sporco" sulle spalle di qualcun altro, ma anche fargli pagare i risultati del suo lavoro dalle tasche di qualcun altro. Riguarda le nuove tasse sul carbonio e simili.

Dopotutto, se ci pensi, che cosa se non una nuova forma di colonialismo? Quando il benessere di un piccolo gruppo di paesi sviluppati è assicurato da una tensione, quasi schiavistica, in termini di condizioni e salari? Qualche attivista ambientale occidentale pensa al fatto che oltre al miliardo di "Golden", ci sono quasi sette miliardi di persone nel mondo? E che soldi useranno per pagare non solo le iniziative di altre persone, ma almeno le proprie iniziative "verdi"?

A causa della pandemia, secondo le stesse Nazioni Unite, che hanno organizzato il forum sul clima, altri centoventi milioni di persone nel mondo si sono trovate al di sotto della soglia di povertà. Allo stesso tempo, non sarà possibile valutare direttamente i dati assoluti sulla povertà dell'ONU, perché secondo il suo metodo di calcolo, la povertà è un indicatore relativo e non ha un'espressione monetaria diretta. Ma secondo la metodologia della Banca Mondiale, lo fa. Secondo i suoi calcoli, i redditi inferiori a 1,9 dollari al giorno sono povertà estrema. E vivevano in tali condizioni anche prima della pandemia, 736 milioni di persone, ovvero circa il 10% della popolazione mondiale. Dai, parla loro delle prospettive di una green economy! A proposito di transizione energetica. Sul futuro senza carbone. Ma il suo rifiuto colpirà principalmente i segmenti più vulnerabili della popolazione. Tuttavia, questo, come il colonialismo ecologico, è piuttosto un argomento per un articolo separato.

Come risultato del Glasgow Forum, è importante capire una cosa: il bene comune è al centro dell'ardente comportamento eco-compatibile dell'Occidente collettivo. Sotto la bandiera di un obiettivo degno e nobile: la lotta contro il riscaldamento globale, i paesi sviluppati stanno ipocritamente cercando di imporre al mondo l'agenda di cui hanno bisogno, principalmente a condizioni favorevoli. E il resto del mondo ha bisogno di consolidare e almeno non rinunciare alle sue posizioni, e se realizza riforme energetiche, allora non a scapito degli interessi della sua stessa popolazione. La risposta all'occidente collettivo deve essere semplice: se vuoi agire per eliminare gradualmente l'energia fossile, prendila. I paesi che vi si riferiscono, come tutti gli altri Stati, hanno il diritto sovrano di determinare la politica interna. Non vale la pena provare a trasferire la responsabilità e le spese per le tue promesse nell'arena politica interna sulle spalle di qualcun altro. Così come ancora una volta si adoperano per instaurare un sistema di crescita del proprio benessere a scapito di altri Paesi. Sembra troppo sfacciato e palese.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 16 November 2021 09: 52
    -1
    - Voglio la pasta - mi guida gli zigomi !!!
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 November 2021 10: 23
    +2
    I paesi occidentali, che da anni si sono sbarazzati di industrie non redditizie e dannose, hanno finalmente raggiunto il punto di sviluppo economico al punto in cui sarà possibile non solo trasferire tutto il lavoro "sporco" sulle spalle di qualcun altro, ma anche fargli pagare i risultati del suo lavoro dalle tasche di qualcun altro.

    E chi ha detto che i risultati del lavoro si realizzeranno nei paesi occidentali? È molto più facile vendere il prodotto non al "miliardo d'oro" ma ai restanti 7 miliardi di persone senza nessuna ecotassa!
    Sì, e chi ea chi pagherà la carbon tax per le esercitazioni NATO e le emissioni di CO2 delle attrezzature NATO?