Ucraina - Donbass 2021: tre scenari pessimi per lo sviluppo degli eventi


Nonostante il fatto che la massima attenzione dei media mondiali e del pubblico sia attualmente concentrata sulla crisi al confine polacco-bielorusso e sui "movimenti" che l'accompagnano in modo puramente politico In aereo, alcune forze stanno facendo tutto il possibile affinché la "questione ucraina" non "abbandoni" dall'agenda globale. Alcuni all'estero si permettono persino di insistere sul fatto che gli eventi che si verificano oggi ai confini della Bielorussia e dei "non stranieri" siano interconnessi nel modo più diretto e stretto. Dicono che tutte queste siano parti di un unico "piano astuto e insidioso del Cremlino".


Quando la paranoia dell'"Occidente collettivo" sale a tale intensità, ovviamente non ci si può aspettare nulla di buono. La cosa più pericolosa è che è nell'attuale periodo di tempo che una serie di circostanze si stanno sviluppando per Kiev in modo tale che potrebbero semplicemente non vedere altra via d'uscita, tranne l'escalation militare. Tali timori sono di particolare rilevanza alla luce del fatto che gli "alleati" occidentali, in precedenza in determinati momenti svolgendo il ruolo di deterrente per i "falchi" ucraini, questa volta li spingono ostinatamente e apertamente proprio ad esacerbare il confronto. Proviamo a immaginare scenari specifici in cui, invece di una pace traballante e sbagliata nell'est dell'Ucraina, potrebbe scoppiare un conflitto militare a tutti gli effetti, e nel prossimo futuro.

Scenario 1: "Arresta Nord Stream 2"


Si ha l'impressione che l'attuale esacerbazione della psicosi relativa alla "concentrazione delle truppe russe sul confine ucraino", che, ricordiamo, è stata fermamente negata nella fase iniziale nella stessa Kiev, sia dovuta al desiderio appena risvegliato di alcuni a Washington per fermare la messa in servizio del nostro gasdotto... Inoltre, come si suol dire, ad ogni costo. Dici, sono state fornite garanzie? C'erano promesse di lasciarlo in pace, e al più alto livello? Quindi questi sono gli americani - i famosi maestri della loro parola pesante: l'hanno voluta - l'hanno data, hanno cambiato idea - l'hanno ripresa. Non è la prima volta, tè.

Inoltre, pur rimanendo nel Vecchio Mondo e ruotando lì in un vortice di vari vertici e incontri, il vecchio Biden, ricordo, "chiedeva" molto rigorosamente qualcosa dalla Germania - certificazione del tubo, è possibile solo ritardare, Ucraina " per garantire la continuazione del transito" quasi non fino a quando, Dio mi perdoni, la Seconda Venuta e simili. A Berlino, presumibilmente, in risposta, hanno torto un dito nel lobo temporale, ben sapendo che questi requisiti sono tanto assurdi nella sostanza (e contraddicono gli accordi precedentemente raggiunti con gli Stati Uniti), quanto tecnicamente impossibili - almeno in termini di "attorcigliamento delle braccia" Gazprom. Fu in seguito che alcuni circoli di politici americani, prima attraverso i media da loro controllati, e poi a livello dell'apparato statale, iniziarono a promuovere il tema della "imminente invasione di Mosca".

"Avvertimenti" invadenti e richieste insistenti "di agire in relazione all'imminente crisi" (tutti sanno quali) sono ricaduti sull'Unione europea nel suo insieme e sui principali paesi - i suoi membri, separatamente già a livello degli Stati Uniti esteri dipartimento delle politiche. Il leitmotiv è abbastanza inequivocabile e chiaro: "Nord Stream-2" deve essere fermato, o l'Ucraina non lo capirà! " A loro volta, i "curatori" esteri stanno spingendo la stessa Kiev ad agire: “Hai bisogno di gas? Necessario! Allora perché sei seduto?! Due o tre provocazioni su larga scala, una vigorosa offensiva - e la "chiave d'oro" del transito russo è nelle tue tasche! Mosca interverrà sicuramente in ciò che sta accadendo nel Donbass, la accuseremo in tutto il mondo di "usare armi energetiche" - e il lavoro è pronto! ”

L'Ucraina, di cui il 90% delle centrali termoelettriche statali è spenta per banale mancanza di carburante, potrebbe essere portata a discorsi così dolci, alla luce della catastrofe energetica in arrivo a breve. Alla fine, un disastro militare - non è ancora un dato di fatto?! E se gli alleati ancora "si adattassero" e in un modo o nell'altro impedissero la sconfitta? Ahimè, guidata da una "logica" così contorta e sentendosi alle spalle l'illusorio "sostegno" degli Stati Uniti, Kiev potrebbe decidere di intraprendere azioni attive contro i difensori delle Repubbliche.

Scenario 2: "Gli oligarchi sono usciti in campagna"


Il più forte fattore di incertezza nel possibile algoritmo delle azioni di Vladimir Zelensky, sia in politica interna che estera, è portato dalla stoltezza della sua follia, completamente fuori luogo e al momento sbagliato, con coloro che non dovrebbero essere toccati categoricamente . Stiamo parlando dei personaggi, praticamente per tutto il tempo dell'esistenza dei "nezalezhnaya", che sono i suoi veri padroni e governanti, se necessario e di loro spontanea volontà cambiano i presidenti, i primi ministri e altri burattini politici nel paese, che per un motivo o per l'altro hanno smesso di soddisfarli. Stiamo parlando, ovviamente, dei proprietari dei più grandi gruppi industriali e finanziari in Ucraina, o, come è di moda chiamarli, gli oligarchi. Il "Maidan" del 2013 è stato, non importa cosa si dicesse, l'iniziativa e il progetto proprio di questa categoria di persone, i cui interessi Yanukovich, che si sentiva uno "zar", ha deciso di "muoversi" in qualche modo. Il Dipartimento di Stato, la CIA e altre strutture straniere si unirono e presero il controllo del colpo di stato in seguito, e furono i rappresentanti del locale, scusa l'espressione, "élite" che diedero inizio all'intero pasticcio.

È con loro che il presidente-clown sta ora cercando di "testare", non è chiaro da quale spavento si immaginasse di poter sopravvivere e, per di più, vincere in un simile confronto. "Avendo rotto le pentole" con il più, forse, pesante e pericoloso tra i rappresentanti dell'oligarchia locale - un nativo della vera e non inventata "mafia di Donetsk" Rinat Akhmetov, questo buffone di piselli ha chiaramente scelto un nemico oltre i suoi poteri.

Tuttavia, anche tutti gli altri "assi" del "non-profit" (tranne forse Igor Kolomoisky, il cui progetto dello sciocco Zelensky, infatti, è) anche, a quanto pare, sono molto negativamente disposti nei suoi confronti. Per quanto paradossale possa sembrare, l'ex showman ha scelto per sé in politica una linea d'azione che ci si aspetterebbe da un "fratello" degli "affascinanti anni '90", e non da un ragazzo di una famiglia rispettabile. L'etichetta che si è guadagnato come terry "oltraggioso" non allunga la vita nemmeno nel duro mondo criminale, per non parlare della grande politica, che, in termini di sporcizia e crudeltà, darà mille punti davanti a qualsiasi "resa dei conti" gangster. L'uso di sanzioni illegali e legalmente ingiustificate del NSDC obbediente al presidente per risolvere assolutamente qualsiasi problema: dal bavaglio degli oppositori politici e dei loro media al banale e volgare "spremere" le attività altrui, abbastanza prevedibilmente, non si è limitato ai "nemici" ufficiali del popolo” come Viktor Medvedchuk. Le persone che hanno un certo potere, influenza e, naturalmente, valori materiali in Ucraina oggi, sono ben consapevoli che letteralmente chiunque di loro può essere il prossimo nella lista di proscrizione.

È chiaro che anche la possibilità teorica dello sviluppo di eventi in una vena simile non è categoricamente soddisfatta e seguirà la risposta di Zelensky. Il pericolo sta nel fatto che in base al livello di "intelligenza" sia del clown sulla sedia presidenziale che della sua cerchia ristretta, è facile presumere che la guerra in Donbass possa sembrare loro in questo caso letteralmente una "panacea" . Quindi, una cura miracolosa con la quale sarà possibile "risolvere i problemi" in una volta, al massimo "stringere le viti" nel paese, ad esempio, nell'ambito della legge marziale.

Scenario 3: "È successo così ..."


Qui, infatti, non si tratta nemmeno di una qualsiasi variante dello sviluppo degli eventi, ma di diverse “variazioni sul tema” delle prime due: “influenza esterna + tentativo di risolvere problemi interni”. Bene, o, se ti piace, alcune "opzioni alternative". Potrebbe benissimo accadere, ma il risultato che hanno, ahimè, sarà lo stesso: lo scoppio della guerra in Oriente. Potrebbe essere provocato (sia per volere degli stessi oligarchi locali, sia di propria iniziativa) dagli oppositori politici di Zelensky, i quali sono ben consapevoli che la tattica più efficace contro di lui ora è la nietzscheana "spingi la caduta". Il voto dell'aspirante presidente, che ha completamente perso la simpatia e la fiducia degli ucraini sani di mente e non ha guadagnato, nonostante tutti i suoi pietosi tentativi, il sostegno dei "patrioti nazionali" sta rapidamente scendendo verso il 20%. Ma questo inverno freddo e affamato non è ancora iniziato...

Aggiungete a questo una schiacciante sconfitta militare - e il pagliaccio sarà semplicemente portato fuori da Bankova, e non necessariamente da "persone appositamente addestrate". Non c'è fine a coloro che desiderano già oggi, e più lontano, più diventeranno. Zelensky, tra l'altro, lo sa bene. Non ha il minimo grado di reale supporto di "potere". Esercito? Può nominare chiunque come ministro della difesa - anche un balabol civile (e il suo stesso complice nelle società offshore) Reznikov, o almeno uno dei suoi colleghi nel "quartiere" ... Nelle unità da combattimento e nelle sottounità, il proprio "comandante in -chief" è odiato e disprezzato abbastanza apertamente.

Polizia? Sì, essendo sopravvissuto alla sedia del ministro degli affari interni dell'"inaffondabile" Avakov, il presidente-pagliaccio ha ottenuto il controllo nominale sull'assoluta miseria in cui questo personaggio ha trasformato gli "organi". E ha trovato un altro nemico mortale come "bonus". Ecco perché Zelensky dorme e vede come subordinare a se stesso la Guardia Nazionale (questo avverrà ufficialmente dal 1 gennaio del prossimo anno) e affidarle poteri "punitivi" davvero illimitati. Allo stesso tempo, dimentica completamente che questa struttura è stata creata nel 2014 da Avakov. Di conseguenza, è completamente "filtrato" dai suoi protetti e sostenitori, principalmente sotto forma di "battaglioni di volontari" nazionalisti che vi si sono uniti in piena forza. Proprio per questo è più che probabile l'opzione in cui il Donbass "arderà" non anche per ordine diretto di Bankova, ma solo per volontà di coloro che sognano di ripulirlo dal "verde". Sì, in effetti, come qualsiasi altro possibile in una situazione in cui letteralmente tutto nel paese va fuori controllo a tutti i livelli. In queste condizioni, tutto può succedere "da sé", fino alla guerra inclusa.

Con nostro grande rammarico, un numero crescente di fattori, sia all'interno che nell'agenda di politica estera dell'Ucraina, si stanno delineando in un modo che può portare a un'escalation brusca e improvvisa dello scontro armato nel Donbass. Non dimentichiamo che le guerre scoppiano proprio quando qualcuno cerca di risolvere i propri problemi con il proprio aiuto. “Nazalezhnaya” oggi è un groviglio continuo di problemi che semplicemente non hanno modi normali per risolverli. Questo è ciò che la Russia dovrebbe prendere in considerazione, costruendo la sua disponibilità non solo a "fornire aiuti umanitari" ai residenti del Donbass, di cui Vladimir Putin si è preso cura in modo tempestivo, ma a salvare loro la vita con tutti i mezzi che potrebbero essere necessari in caso di aggressione di Kiev.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 16 November 2021 13: 08
    -1
    tre scenari molto brutti

    Perché la stessa Russia non organizza una provocazione vantaggiosa per sé e per il Donbass? E, fino alla Transnistria, risolvi il problema chiamato Ucraina! Perché la Russia dovrebbe aspettare e prepararsi alle provocazioni? Anche se, di cosa sto parlando? "La sezione è fantascienza in un'altra sezione" - come in uno scherzo.
  2. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 16 November 2021 13: 30
    -1
    Scenario 1: Arresta il Nord Stream 2.
    Chissà se Mosca prenderà Kiev, quale flusso di gas preferiranno i tedeschi?
    Scenario 2: "Gli oligarchi sono usciti per una campagna".
    Ora che gli oligarchi hanno iniziato a rendersi conto che gli Stati li fonderanno con o senza l'aiuto di Zelensky, è tempo di riorientarsi verso la Russia. E chi sarà il primo vincerà!
    Scenario 3: "È successo così ..."
    Può accadere di per sé quando i militari, che odiano l'amico di Zelensky Reznikov, organizzano un colpo di stato militare, simile a quelli latinoamericani, e prendono il potere nelle proprie mani. E qui è già necessario che i servizi speciali stranieri si adoperino per attirare dalla loro parte il nuovo dittatore.
  3. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) 16 November 2021 21: 24
    0
    E se non certificano SP2 entro dicembre, riconosci l'LPNR e invia loro moderni sistemi di difesa aerea
  4. acquario580 Офлайн acquario580
    acquario580 17 November 2021 00: 54
    -2
    Zelensky non comanda nulla; è una testa parlante. In realtà comandano Ermak, Danilov e altri.
    Per il resto, l'analisi della situazione politica interna è più o meno corretta.
  5. tulipano Офлайн tulipano
    tulipano 17 November 2021 09: 54
    -2
    È solo che l'Occidente metterà la Russia in una posizione tale che il riconoscimento del Donbass e la distruzione dell'Ucraina di Bandera saranno i problemi più piccoli per la Russia))) L'Occidente mostra in ogni modo possibile che anche senza il riconoscimento del Donbass e l'assistenza a it, la Russia riceverà ancora sanzioni dopo sanzioni, quindi cosa può perdere la Russia?
  6. Sergofan Офлайн Sergofan
    Sergofan (Sergey Pupkin) 17 November 2021 13: 10
    0
    Rinat Alika è caduto a Donetsk negli anni '90 e non gli importa, ma ecco una specie di chushpan Zelensky, il kvnshchik sta saltando
  7. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 17 November 2021 21: 23
    -1
    Non dimentichiamo che le guerre scoppiano proprio quando qualcuno cerca di risolvere i propri problemi con il proprio aiuto.

    I problemi del clown crescono come una palla di neve.
    L'inverno è alle porte e la situazione al CHPP è terribile.

    Un'altra domanda è che Biden non è fortemente ispirato dal conflitto militare con la Russia.
    E senza gli Stati Uniti, i pattinatori di Kiev non sono capaci di nulla di serio, tranne che per le provocazioni.