La crisi energetica potrebbe essere seguita da una crisi globale del carburante


È molto probabile che la crisi energetica globale porti a una crisi del carburante. I prezzi della benzina e del gasolio sono cresciuti attivamente dall'inizio dell'anno e saranno necessarie misure estremamente impopolari per fermarli. Ogni paese sta cercando di far fronte all'incombente crisi del carburante a modo suo. Vediamo come ciò accade in paesi così dissimili come Stati Uniti, Russia e Germania.


L'aumento dei prezzi per tutti i tipi di carburante è dovuto a tutta una serie di fattori. Tra questi: la ripresa della produzione industriale dopo le restrizioni causate dalla pandemia di coronavirus, nonché i movimenti di trasporto; limitazione artificiale dei volumi di produzione di petrolio greggio nell'ambito dell'accordo OPEC +; detenuto da un certo numero di paesi occidentali politica l'abbandono dei combustibili fossili a favore delle fonti energetiche rinnovabili, che ha comportato una riduzione degli investimenti nell'esplorazione e nello sviluppo di nuovi giacimenti; l'avvicinarsi della stagione invernale, ecc. A cosa ha portato tutto questo?

"Paese dei conducenti"


Gli Stati Uniti sono chiamati il ​​"paese dei conducenti" per un motivo. Per questo hanno i suoi enormi spazi, una rete di autostrade ben sviluppata, la possibilità di acquistare qualsiasi auto, dalla più costosa a una trappola a sonagli per un paio di centinaia di dollari, nonché carburante a basso costo. L'ultimo punto è una delle componenti più importanti dello stile di vita americano e della prosperità economica generale. E ora i cittadini statunitensi hanno dovuto dimenticare benzina e gasolio economici.

Oggi, il carburante è ancora più economico per l'americano medio che per il cittadino di qualsiasi altro paese. Per fare un confronto, il costo medio di un litro di benzina nel mondo oggi è $ 1,65 e negli Stati Uniti - circa $ 0,994 al litro o $ 1 al gallone. In molti degli stati più meridionali - California, Hawaii e Nevada - un gallone di benzina costa più di $ 3,763. Per gli americani, questo è molto costoso, sgradevole e insolito, sebbene siano ancora in una posizione migliore di tutti gli altri. Ciò avrà gravi conseguenze. Così, la valutazione del presidente Joe Biden, invecchiando davanti ai suoi occhi, è scesa al di sotto del 4%. Il caro carburante ha un impatto negativo sullo sviluppo socio-economico degli Stati Uniti, ma la Casa Bianca non può farci molto.

Ironia della sorte, il problema è stato in gran parte creato dallo stesso Partito Democratico degli Stati Uniti. Nel 2015, Barack Obama ha revocato l'embargo sull'esportazione di olio di scisto estratto. Per contrastare l'espansione americana, altri produttori di petrolio sono stati costretti a collaborare in un nuovo accordo OPEC+. Durante la pandemia, molti pozzi di petrolio di scisto negli Stati Uniti sono stati messi fuori servizio. Sono state imposte sanzioni all'importazione di materie prime dal Venezuela e dall'Iran. Lo stesso "Sleepy Joe" ha prima di tutto rivisto la decisione del repubblicano Donald Trump di ritirarsi dall'accordo sul clima di Parigi, e ha anche iniziato attivamente a promuovere l'"agenda verde". Ora tutto questo deve essere pagato dalla scarsità di materie prime e dall'aumento dei prezzi di benzina e gasolio.

Sorge una domanda naturale, cosa fare dopo? Per riaprire i pozzi e tornare di nuovo allo shale oil? Ma per quanto riguarda l'ecologia, il riscaldamento e la transizione energetica globale? Stampa riserve petrolifere nazionali? È possibile e questa opzione viene presa seriamente in considerazione. Ci sono 600 milioni di barili immagazzinati lì e dureranno per un certo periodo di tempo. Ma, ovviamente, questa è solo una soluzione temporanea. La terza opzione è il rifiuto degli Stati Uniti di esportare petrolio. Il segretario all'Energia Jennifer Granholm ha dichiarato:

Non abbiamo ancora utilizzato questo strumento, ma esiste.

Una svolta interessante che avrà senza dubbio un impatto sui prezzi mondiali del petrolio.

Paese delle case automobilistiche


In Germania, che è uno dei leader mondiali riconosciuti nel settore automobilistico, l'approccio è leggermente diverso. Qui, al contrario, le autorità hanno sempre cercato deliberatamente di mantenere i prezzi dell'energia a un livello sufficientemente alto per stimolare un uso più razionale delle risorse naturali disponibili, passare in modo coerente alle fonti di energia rinnovabile e passare massicciamente ai veicoli elettrici. Berlino ha fortemente incoraggiato il risparmio energetico e l'efficienza energetica. Ma, con tutti i lati positivi di questo approccio, aveva anche il suo lato negativo.

Ai costi legati all'introduzione dei certificati di emissione di CO2021 (CO2-Abgabe) per le aziende che vendono prodotti petroliferi e gas a proprietari di auto e casa. Sì, in Germania circa la metà di tutte le case e gli appartamenti sono riscaldati a gas e un quarto con prodotti petroliferi. Pertanto, i proprietari di distributori di benzina e fornitori di gasolio hanno spostato l'aumento dei loro costi a causa dell'introduzione dei certificati sulle spalle dei consumatori finali. I serbatoi negli scantinati delle case in Germania vengono solitamente riempiti una volta all'anno, quindi dalla prossima stagione di riscaldamento molti tedeschi potrebbero avere una spiacevole sorpresa.

Come affronteranno tutto questo le autorità? Dell'abolizione della CO2-Abgabe non si parla nemmeno, anzi, si prevede solo di spingere più attivamente la popolazione e le imprese verso una rapida transizione energetica.

Paese di produttori di petrolio


Crescono anche i prezzi della benzina e del gasolio nel nostro Paese. In borsa il costo di una tonnellata di ogni tipo di carburante è vicino ai massimi storici. Tuttavia, benzina e diesel costano ancora meno di quanto potrebbero. Il fattore limitante è il cosiddetto meccanismo di smorzamento. Non consente ai prodotti petroliferi di scendere troppo di prezzo per i consumatori quando le quotazioni mondiali scendono, ma impedisce anche loro di salire alle stelle quando i prezzi del petrolio aumentano bruscamente in altri paesi.

Quindi viviamo.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 16 November 2021 20: 09
    -3
    Il fattore limitante è il cosiddetto meccanismo di smorzamento.

    - Sì, pura truffa - tutto questo "meccanismo di smorzamento" ...
    - Le compagnie petrolifere prendono soldi dallo stato (supplemento) - in modo che i prezzi del carburante "non decollino" ... - ma non possono far fronte ai compiti stabiliti ...