Dove sta andando la Russia


La Russia si trova di nuovo di fronte alla questione di mille anni fa.


Guardando al futuro, è necessario dire che questo articolo non riguarda il passato, come potrebbe sembrare a prima vista, ma la cosa stessa del nostro presente, è semplicemente impossibile capire cosa sta succedendo in cui, senza capire come si è sviluppata storicamente la situazione e perché abbiamo esattamente ciò che è cosa è successo adesso. E inoltre, secondo il noto principio dello sviluppo della storia "a spirale", è possibile fare una previsione abbastanza realistica dello sviluppo nel prossimo futuro dagli eventi del passato, e persino cercare di evitare errori commessi dai nostri predecessori. È per questo che qui di seguito viene presentata tutta questa escursione storica, anche se in una versione estremamente, come mi sembra, primitivizzata e abbreviata.

Di recente la Russia, e probabilmente l'intero mondo ortodosso in generale, ha celebrato solennemente il 1030 ° anniversario del battesimo della Rus '. È chiaro che con uno sguardo a mille anni fa dell'evento stesso, sorgono varie controversie sia in una data specifica che nel corso del processo stesso - questo non è assolutamente sorprendente. Per la natura dei miei interessi principali, mi occupo principalmente della storia della seconda guerra mondiale, e ogni volta, approfondendo in dettaglio qualsiasi argomento, non smetto mai di stupirmi di quanto sia scarsa e frequente la nostra comprensione degli eventi avvenuti poco più di mezzo secolo fa. molti documenti originali, materiale fotografico e cinematografico e persino testimoni viventi, quindi cosa possiamo dire di un periodo di mille anni o più ... Ma nonostante i disaccordi esistenti e periodicamente espressi su date e letture, il fatto stesso di questo evento non solleva dubbi , così come non c'è dubbio che il significato del battesimo della Rus 'per l'intera storia successiva della Russia e di altri popoli ortodossi, nelle parole di Vladimir Vladimirovich Putin, "sia difficile da sopravvalutare". Cioè, in linea di massima, la cosa principale è che il cristianesimo e l'ortodossia nelle terre russe erano ancora accettati, questo non causa alcun dubbio, e se più o meno un giorno, un anno o anche un paio di decenni, allora negli ultimi mille anni questo, con il mio punto di vista personale, non gioca più un ruolo speciale, l'unica domanda è stabilire una data precisa in cui questo evento deve essere celebrato, tutto qui ...

Ma anche se segui la data ufficialmente accettata della festa, il 28 luglio 988, infatti, non era la Rus, in quanto tale, e nemmeno il principato di Kiev del principe Vladimir Svyatoslavich, ma solo il principe stesso che fu battezzato. Inoltre, il processo di transizione dei popoli che allora abitavano nell'Europa orientale dal paganesimo al cristianesimo fu piuttosto lungo, doloroso e non sempre volontario. Ma la cosa principale è capire cosa rappresentasse effettivamente allora il cristianesimo in generale e il cristianesimo ortodosso in particolare per l'Europa, la Russia di Kiev e le popolazioni circostanti. È già abbastanza difficile dire cosa fosse per le persone in quei tempi lontani dal loro punto di vista, ma se operi con i concetti del nostro tempo, questa non è altro che un'ideologia. E poi è stata questa ideologia a diventare la base, l'idea principale, sulla base della quale è stato possibile unire le tribù pagane sparse degli allora slavi orientali.

Gli eccessi e l'opposizione alla "cristianizzazione" che hanno avuto luogo possono molto probabilmente essere attribuiti alla riluttanza generale delle persone a cambiare radicalmente qualcosa nella loro vita, piuttosto che a una negazione consapevole dei postulati del cristianesimo a favore del paganesimo. Inoltre, in non piccola misura, i sacerdoti del culto, che erano ed erano tra i pagani - sciamani e simili - probabilmente giocarono un ruolo nello scontro, ma i rappresentanti della chiesa cristiana, apparentemente, avevano le migliori capacità di persuasione in quel momento e, se così si può dire , il database degli argomenti. Ma su queste persone e sui loro seguaci ancora separatamente e un po 'oltre ... C'è una leggenda piuttosto interessante su come e perché il principe Vladimir di Kiev, soprannominato Krasno Solnyshko, scelse il cristianesimo e il suo ramo ortodosso per se stesso e il suo popolo, ma lascia che guardino loro stessi, interessati ai dettagli. Sebbene apparentemente fosse la direzione ortodossa della principale religione europea dell'epoca ad attirare l'attenzione degli slavi orientali e il "villaggio" degli slavi orientali è davvero il migliore, così ora l'ortodossia, che in realtà arrivò in Russia da Bisanzio mille anni fa, è associata alla Russia e ai paesi circostanti, la maggior parte dei quali recentemente facevano ancora parte dell'URSS, e non con il luogo del suo aspetto attuale.

Era difficile discutere con i valori proposti dai comandamenti di Cristo, e fino ad oggi quasi nessuno può negare seriamente la loro universalità e correttezza. E a quanto pare è per questo che questi valori hanno messo radici e per secoli interi sono diventati una base incrollabile per il comportamento e la moralità, per determinare cosa è bene e cosa è male, cosa è bene e cosa è male. Naturalmente nessuno dice che tutti e sempre nella sua vita da quel momento siano stati incondizionatamente guidati dai principi cristiani, ma la valutazione delle azioni compiute dalle persone è avvenuta proprio su queste basi. E, ancora, approssimativamente le stesse regole e gli stessi postulati sono a volte solo in un'interpretazione o presentazione leggermente diversa, ma vengono ripetuti in tutte le principali religioni del mondo, il che sottolinea e dimostra solo la loro inviolabilità e universalità. Inoltre, con l'avvento di una nuova ideologia, apparvero i suoi, sempre in linguaggio moderno, nuovi portatori professionali: i ministri della chiesa. E se la fede può essere chiamata la convinzione generale di una persona nell'esistenza di un certo potere superiore, sui concetti di bene e male, o sull'inevitabilità della punizione per un male commesso, ad esempio, allora la religione (in questo caso, il cristianesimo) non è altro che una forma accessibile di presentare queste informazioni, e la chiesa, a sua volta, è una sorta di organizzazione impegnata, per così dire, a trasmettere i postulati della sua religione alle grandi masse della popolazione. Inoltre, quest'ultimo è già stato creato e controllato totalmente e completamente dalle persone, con tutte le conseguenze che ne derivano.

La Chiesa ha una propria gerarchia, sistema educativo, redditi e sistema di distribuzione, nonché proprietà materiale nelle più svariate forme, cioè, in questo modo, questa istituzione conduce inevitabilmente attività sia finanziarie che commerciali, anche se a prima vista sembra un taglio con il suo messaggio originale e principale ... Ma i sacerdoti sono anche persone e hanno bisogno di mangiare e bere qualcosa, vivere da qualche parte, vestirsi con qualcosa, oggetti religiosi, cioè chiese, devono essere costruiti, annegati, dipinti e ecc. ecc., insomma com'è ... Basandosi sulla sua posizione di portatrice della principale ideologia, in Russia, come in tanti altri paesi dell'epoca, la chiesa per un lungo periodo, anzi per secoli interi, in anche la realtà era un soggetto influente e partecipante politico l'attività dello stato e gli alti funzionari della chiesa possedevano così poteri di potere e influenza molto significativi.

Il noto slogan dei soldati russi "Per la fede, lo zar e la patria" (come variante anche "Per Dio, lo zar e la patria") apparve ovviamente, anche se molto più tardi del battesimo della Rus, un paio di secoli dopo, ma fu lui che, mi sembra, meglio personificato è in realtà la direzione principale e il significato principale dell'ideologia russa e l'esistenza dello stato stesso della Russia fino al 1917. Inoltre, non è senza interesse che nell'impero russo multinazionale e multi-confessionale questo slogan fosse essenzialmente adatto a tutti i cittadini, poiché presentava concetti comuni a tutti, non veniva menzionata alcuna religione specifica e fede e Dio erano concetti universali. Non entrerò nei dettagli quando, come e perché, questo argomento, penso, è già ben noto e le opinioni di persone diverse su di esso sono abbastanza diverse, ma, comunque sia, era dall'ottobre 1917 (novembre in un nuovo stile) nel nostro il paese ha cambiato di nuovo la sua ideologia. Per sostituire "Fede, zar e patria" è venuto, questa volta non dal sud, ma dall'ovest, un nuovo pensiero comunista: il marxismo, proclamando per la nuova vita i valori principalmente "uguaglianza universale" nei diritti e nella distribuzione della ricchezza materiale, che poi la società capitalista già altamente stratificata ha fatto appello a masse abbastanza ampie della popolazione, principalmente negli stati industrializzati. Su questa base, e proprio in questi Stati, infatti, è apparsa e si è costruita l'ideologia comunista, oltre che pianificato il suo sviluppo. Nel 1917, nei luoghi della sua origine, l'idea marxista non era ancora stata applicata in pratica nel senso della formazione di sistemi statali, esisteva solo in teoria, ma si decise di mettere il primo esperimento in Russia. Spero che un simile confronto non sia un grande peccato, ma come il cristianesimo, il marxismo è arrivato in Russia in una lettura "russificata" un po 'specifica, in seguito chiamata "leninismo" o "marxismo-leninismo".

Anche se va notato che dai canoni originali di Karl Marx, il "leninismo" differiva, per usare un eufemismo, molto più del cristianesimo ortodosso da altri rami occidentali della stessa religione. A mio parere personale, solo la base concettuale, la cosiddetta "teoria di classe", è rimasta nel "leninismo", quasi tutto il resto è stato capovolto e in pratica è stato fatto quasi esattamente il contrario ... E ancora, non tutti erano d'accordo con la nuova ideologia ... Alcuni, cioè quasi la maggioranza della popolazione del paese, dovevano essere insegnati con la forza ai nuovi postulati e valori. I ministri della chiesa naturalmente appartenevano anche agli oppositori attivi del nuovo regime ideologico, e non solo al cristiano, poiché la religione cessò improvvisamente di essere uno dei legami più importanti nell'esistenza del sistema e del potere statale, e quindi la chiesa rimase praticamente senza influenza e reddito, a cui nel corso dei secoli di esistenza sono riuscito ad abituarmi. Per non piegare il cuore, va notato che la chiesa stessa, o meglio i suoi specifici servitori, che, come già accennato in precedenza, sono anche persone, con le loro debolezze, in larga misura, hanno avuto una mano nel processo del crollo dell'ideologia esistente di "Fede, Zar e Patria" e punti di forza.

Non è un segreto per nessuno che i sacerdoti della chiesa ovunque e in ogni momento abbiano vissuto bene nel complesso, alcuni anche molto bene, nemmeno ai massimi livelli, con tutto questo, il loro lavoro sotto tutti gli aspetti era chiaramente "non polveroso", secondo almeno rispetto alla stragrande maggioranza dei loro parrocchiani. L'immagine di un prete nelle fiabe e nelle leggende russe, secondo un'apparentemente strana coincidenza di circostanze, è estremamente raramente inequivocabilmente positiva. Anche coloro che, in accordo con l'ideologia esistente, erano "i sovrani unti di Dio", cioè lo zar, la famiglia reale e le élite al potere, non erano sempre un degno modello di comportamento e un modello per i loro sudditi. Entro la fine del XIX - inizio del XX secolo, il livello di conoscenza e di istruzione della popolazione aveva già raggiunto il punto che alcuni dogmi religiosi piuttosto primitivi furono messi in discussione, se non da tutti, almeno dagli strati più avanzati della società, che, a loro volta, condividevano i loro pensieri su questo occasione e con il resto. Affermare che qualcosa è così com'è, semplicemente perché Dio lo vuole, è stato tanto più difficile è diventato, e alla chiesa mancavano argomenti più ragionevoli e plausibili che fossero comprensibili anche alle masse.

Tutte queste tendenze non si riferivano affatto esclusivamente allo stato della Chiesa russa e ortodossa. Non presumo di parlare, ad esempio, dell'Islam o del Buddismo di quel tempo, ma una tale distruzione del sistema di valori cristiano stabilito si è certamente verificata praticamente in tutta Europa e nei territori sotto la diretta influenza europea (colonie, ecc.). Inoltre, i paesi capitalisti sviluppati, che a quel tempo erano già passati a un sistema di governo democratico, come la Francia o la Gran Bretagna, ad esempio, hanno perso questo canale ideologico ancora prima e anche più velocemente, poiché oltre al profitto e all'aumento delle dimensioni della proprietà e del capitale, alcuni altri obiettivi elevati sono già in realtà erano assenti. Le élite europee non avevano nulla da offrire alle masse come ideologia e quindi una ragionevole giustificazione per la loro stessa esistenza e posizione come queste stesse élite. La religione, la chiesa e le dinastie monarchiche "unte da Dio" stavano rapidamente perdendo le loro posizioni, il capitale prese il loro posto al potere.

In un sistema capitalista sufficientemente sviluppato e in una società stratificata di classi, nuove correnti ideologiche comuniste e simili offrivano qualcosa di nuovo alle persone che avevano perso la loro ideologia e i loro valori di vita in cambio e spesso anche nonostante la religione. Movimenti chiamati "sinistra" sostenevano l'uguaglianza universale, l'internazionalismo, la "destra" si basava principalmente sulla coscienza nazionale delle persone e miravano a elevare i diritti di alcuni popoli rispetto ad altri, ma entrambi promisero ai loro seguaci un ordine mondiale più giusto rispetto a quello esistente. Qualcosa nel mondo intero, qualcuno almeno uno stato specifico. E per le élite, il problema principale di questo era che praticamente tutte le nuove ideologie negavano solo il sistema appena formato in cui queste élite molto vecchie e le grandi imprese di recente formazione stavano già iniziando a fondersi strettamente nell'area della condivisione del potere. Se siamo guidati dalla terminologia del marxismo, allora in Europa si stava effettivamente preparando una "situazione rivoluzionaria". All'inizio del ventesimo secolo, le persone nel Vecchio Continente avevano perso un'ideologia tanto necessaria, e anche il sistema di valori stabilito basato su questa ideologia è stato rapidamente perso per secoli, e questo ha davvero minacciato un'esplosione sociale. Le élite al potere non potevano indicare alle masse una nuova direzione di sviluppo, un nuovo corso, non offrivano nuovi valori per sostituire quelli cristiani gradualmente perduti, e questo minacciava le masse di sfuggire al controllo di queste stesse élite.

Il paradosso è che l'inaspettata salita al potere dei comunisti in Russia ha risolto l'intera situazione. Fu Ulyanov-Lenin ei suoi compagni, avendo preso il potere nel nostro paese, diedero all'Occidente una nuova ideologia salvifica, che rese possibile mantenere sia le élite occidentali che il capitale al loro posto - questa ideologia divenne anticomunismo. Il fatto è che dopo la presa del potere nell'ottobre 1917 da parte dei comunisti bolscevichi, cominciarono le cose in Russia che nell'Europa più o meno prospera allora bastava puntare il dito verso est e chiedersi "Vuoi lo stesso?" Nessuno ovviamente voleva lo stesso: terrore, guerra civile, completo collasso del sociale e economico sistema, caos assoluto sul territorio di un enorme impero disintegrato in parti e la conseguente sanguinosa "dittatura del proletariato", tutto questo è stato un esempio negativo abbastanza efficace. Così efficace che l'anticomunismo come ideologia principale ha effettivamente funzionato in Occidente fino al crollo dell'Unione Sovietica. Inoltre, la base ideologica anticomunista si è rivelata così vincente e universale che è stata portata sotto una varietà di sistemi statali e modelli ideologici - dal fascismo italiano e nazismo tedesco negli anni Trenta e Quaranta, ai sistemi statali più liberal-democratici e socialmente orientati, come esisteva in Scandinavia a metà degli anni Ottanta.

Ma solo nel nostro paese durante l'era sovietica, a quanto pare, pochissimi, se non nessuno, hanno effettivamente capito che l'Occidente non aveva davvero alcuna ideologia propria, e tutti i modelli pseudo-ideologici che esistevano erano costruiti principalmente sul principio di negare la nostra ideologia. Ovviamente, coloro che, nella seconda metà degli anni Ottanta, diedero inizio alla cosiddetta "perestrojka", "democratizzazione" in Unione Sovietica e iniziarono un percorso di "riavvicinamento con l'Occidente", apparentemente non lo capirono, apparentemente credendo che lì ci fosse un modello di esistenza più riuscito. ... E questo, come si è scoperto, è stato un errore, le cui conseguenze ci districhiamo da quasi 30 anni. Ma ho già superato me stesso.

Nella neonata URSS, dopo la fine della Guerra Civile, iniziò l'industrializzazione, ma il regime non se ne attenuò in alcun modo, forse anche viceversa. Tuttavia, l'ideologia ha avuto e ha avuto successo. La fede in Dio è stata sostituita dalla fede in un futuro luminoso, lo zar prima dal partito comunista, e poi direttamente e personalmente dal suo segretario generale, la Patria è rimasta. È tutto. Poi è scoppiata la guerra e tutto il popolo si è radunato attorno alla loro leadership, difendendo principalmente la Patria, ovviamente, e allo stesso tempo, naturalmente, il Partito Comunista al potere, e il suo futuro luminoso promesso, che qualcuno dall'esterno apparentemente è venuto a cercare di portare via. Tutti sanno come è finita la guerra: la nostra ideologia ha vinto, anche se nessuno in Occidente se lo aspettava dall'inizio. Poi abbiamo ripristinato il paese e costruito di nuovo il nostro brillante futuro, cioè la stessa ideologia è esistita abbastanza con successo su questa base per qualche tempo ... fino a quando le nuove élite di potere comunista già formate in un momento pacifico e calmo hanno iniziato ad attaccare lo stesso rastrello, che alla fine ha ucciso il re e distrutto il clero all'inizio del ventesimo secolo. La storia si sviluppa in una spirale. E proprio come una volta la gente non credeva ai preti grassi, pigri, curati, ubriachi e adulteri, che la domenica apparivano moralità al loro gregge nelle chiese, così già negli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso in Unione Sovietica, la gente smetteva di credere ai leader comunisti, nelle piazze e nelle riunioni di partito proclamando la negazione dei "valori materiali occidentali" e la fede nel brillante futuro del comunismo mondiale, e nella vita reale attivamente quegli stessi valori appropriandosi e godendoli. E anche i capi più alti della gerarchia comunista sono diventati lontani dal popolo e inaccessibili a loro, come una volta il re e il suo entourage.

Solo coloro che credono sinceramente in se stessi possono accendere e mantenere una scintilla di fede in milioni di altre persone. Folle di persone non seguono predicatori che a loro volta non credono ai loro sermoni. Ad esempio, il fenomeno di Adolf Hitler era che credeva davvero assolutamente nelle proprie idee, e quindi riuscì a guidare uno dei popoli più capaci e istruiti d'Europa. Ma quando si rese conto che la sua idea era già morta, allora scelse lui stesso la morte. Anche Lenin ei suoi collaboratori inizialmente credevano in quello che stavano facendo, quindi le masse li seguirono. E i predicatori cristiani in Russia mille anni fa erano probabilmente profondamente credenti, quindi, spesso ea costo della propria vita, hanno trasmesso la loro fede alle persone ... crescita e benefici materiali, quindi il sistema è presto crollato. Tutti si sono rivolti a ovest per la salvezza, ma, come si è scoperto, non c'era un'ideologia propria, proprio come non ce n'è ora. Per tutto questo tempo ha continuato con noi. Quando a tutti noi in URSS è stato detto che l'Occidente stava marcendo, apparentemente coloro che hanno parlato da soli non hanno nemmeno sospettato fino a che punto questo fosse vero. Tutti i valori cristiani originali nell '"Occidente illuminato" sono quasi persi o sono passati da tempo a causa del completo degrado, e noi stessi abbiamo preso da loro l'anticomunismo ... Ma ora? ... Cosa c'è dopo? ... Abbiamo un posto dove andare e dove Prendiamo l'ideologia, se dove ci aspettavamo di trovarla ci fosse semplicemente vuoto e putrefazione, ricoperta solo di belle immagini a colori, bugie e slogan ipocriti su libertà, democrazia e diritti umani?

L'Occidente, avendo perso l'anticomunismo e il principale spaventapasseri per i suoi popoli nella persona dell'URSS, sta ora frettolosamente per inerzia e con successo variabile cercando di sostituirlo con la russofobia e una minaccia dallo stesso luogo, ma con un nome diverso. Cioè, ancora una volta, non c'è niente di nuovo, solo un tentativo di riparazioni cosmetiche leggere a un oggetto molto vecchio - forse servirà ancora ... Finora, sembra che stia andando avanti in qualche modo, ma assomiglia alla situazione con le idee comuniste nell'Unione Sovietica negli anni ottanta, e anche questo è molto scortese , frettolosamente e con fili bianchi. In alcuni luoghi delle distese dell'ex Unione Sovietica ancora "rotola", ma inizialmente non ci va bene ... se non altro perché in Russia la russofobia non può essere un'ideologia per definizione. E a giudicare dal successo e dal grado di professionalità degli stessi leader e ideologi occidentali moderni, una tale tendenza non durerà a lungo neanche lì. Ora hanno qualcosa come, come si suol dire, il trattamento di un tumore canceroso con una rete di iodio. Sulla base del carattere e delle abitudini nazionali, non siamo attratti dal modo di vivere e dalla costruzione di una società in stile orientale, come in Cina o Singapore, per esempio. Alcuni stanno cercando di costruire una nuova linea ideologica basata sulla vittoria e sulle imprese del nostro popolo durante la Grande Guerra Patriottica - come esempio storico da seguire in un caso particolare, questo è un bene, forse è adatto anche per educare i giovani al corretto spirito patriottico, ma l'ideologia dell'intero stato si basa su passato, anche se con l'onore di vincere la guerra, è impossibile da costruire.

C'è un altro momento estremamente interessante, dal mio punto di vista, - in Occidente per tutto questo tempo nessuno ha proibito o oppresso la religione, al contrario, gli stati del mondo occidentale hanno persino sovvenzionato e sostenuto la chiesa in ogni modo possibile, ma allo stesso tempo tutti i postulati cristiani essenzialmente degradati, la chiesa persa autorità, credere alle persone più lontano è meno. Questo se contiamo i cristiani nelle versioni più diverse di questa religione, sebbene il loro posto in Europa, ad esempio, sia preso con successo da immigrati musulmani appena arrivati ​​e in rapida moltiplicazione, quindi il numero di moschee attive nel Vecchio Mondo probabilmente supererà presto il numero di cattedrali cristiane, chiese, chiese, ecc. D'altra parte, nel corso degli anni di esistenza dell'URSS, ancora paradossalmente, e diversamente da questo stesso Occidente, con l'attuale divieto settantennale dell'attività religiosa a livello statale, il nostro popolo ha in qualche modo preservato i valori cristiani originari e generalmente universali. Cose come il concetto di una famiglia tradizionale, un senso di verità e giustizia, così come le tradizioni ortodosse, esistono in Russia letteralmente a livello subconscio. Possiamo provare a costruire di nuovo un'ideologia su questo? Probabilmente puoi. L'unica domanda è, ancora una volta, nel fattore umano: chi ne sarà il portatore? Di nuovo in chiesa? E dov'è, in questo caso, la garanzia che non torneremo ai risultati di un secolo fa? In precedenza, c'erano sacerdoti di campo nell'esercito zarista russo, negli altri eserciti erano rimasti quasi ovunque, nelle forze armate sovietiche erano stati sostituiti da istruttori politici - commissari comunisti.

Dopo il crollo dell'URSS, furono aboliti come se non fossero necessari. Ora nel nostro esercito stanno per reintrodurre il posto di lavoratore politico, ma la domanda è: quale ideologia porterà ai soldati? Come spiegare a un giovane qual è il sistema sociale nel nostro paese e qual è il sistema statale? Come il capitalismo, ma in questo caso c'è in qualche modo troppo orientamento sociale e ovviamente programmi statali non redditizi. Abbiamo lasciato l'idea comunista, ma il socialismo con una tale concentrazione di capitale nelle mani di un circolo ristretto di oligarchia e una così selvaggia differenza nei redditi dei diversi strati della popolazione in qualche modo non somiglia, e questa situazione, come sembra, non cambierà in nessun prevedibile futuro.

Di recente, vediamo spesso come l'intero sistema economico mondiale stia letteralmente tremando a causa di crisi apparentemente locali in luoghi separati, e questo, a sua volta, influisce spesso sulla situazione politica. E succede il contrario. E questo è tutto perché l'economia mondiale è diventata troppo intrecciata, globalizzata. E il globalismo stesso non è in alcun modo un'ideologia, ma semplicemente un modo di arricchimento finanziario di un gruppo estremamente ristretto di persone, una sorta di internazionale macro-capitalista. Quindi forse per proteggere te stesso e il tuo paese devi solo introdurre l'ideologia dell '"anti-globalizzazione"? Inoltre, questo non significa una sorta di autoisolamento volontario, al contrario, è abbastanza ragionevole interagire con tutti i paesi su base bilaterale e reciprocamente vantaggiosa, semplicemente senza creare e partecipare a istituzioni finanziarie sovranazionali, e non essere guidati da alcune regole da loro stabilite.

C'è un senso in questo. Sì, e con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump saremo quindi chiaramente sulla buona strada - dopotutto, vuole anche allontanarsi dal globalismo, una volta generato dagli stessi Stati Uniti, per tornare a un modello fiorente di economia nazionale. Ma qui incapperemo sicuramente nel confronto delle nostre stesse élite al potere - l'oligarchia, il cui capitale è per lo più guadagnato e immagazzinato all'estero, spesso solo in questi fondi sovranazionali. Questo petrolio, gas, legno, metalli e altre cose vengono estratti e prodotti qui, e il denaro per loro è pagato principalmente da stranieri. Inoltre, il capitalismo globale moderno non è industriale, è finanziario: il denaro fa più soldi, non l'industria, come lo era all'epoca della nascita delle idee del marxismo. E questo è il problema principale: il denaro proveniente dai mezzi di assistenza intermediari nell'attività economica - il turnover commerciale, è diventato sia l'obiettivo che, allo stesso tempo, uno strumento di auto-valorizzazione. Avendo slegato l'unica valuta allora veramente internazionale - il dollaro - dall'equivalente in oro all'inizio degli anni ottanta, gli Stati Uniti hanno gettato una bomba a orologeria sotto l'intera economia mondiale.

Ciò è stato fatto per avere l'opportunità di aumentare effettivamente la propria solvibilità semplicemente utilizzando una macchina da stampa per dollari. Allora una mossa del genere sembrava ad alcuni un'idea geniale, letteralmente magica e la chiave per una prosperità illimitata. Ma alla fine ha anche svalutato il dollaro stesso, rendendone virtuale il valore, basandosi solo su speculazioni azionarie, e così, a loro volta, le unità monetarie di altri stati scambiate con valuta americana sono state effettivamente svalutate. Su questi dollari gonfiati e su questa ricchezza virtuale, è sorto un intero gruppo di persone fisiche e giuridiche, che si sono impossessate di ricchezze mondiali, proprietà e, di conseguenza, potere. Questo è quello che ora viene chiamato il governo mondiale, infatti, l'internazionale capitalista, la maggior parte del quale ei principali organi di governo sono ora fisicamente situati negli Stati Uniti. Ma lui è solo lì, con il sistema statale d'America non ha nulla in comune né ufficialmente né legislativamente, tranne che può fortemente influenzare e influenzare le sue decisioni, così come la politica dei governi in generale della maggior parte dei paesi del pianeta Terra, sfortunatamente, il nostro non escluso. Infatti, contro questo inaspettatamente per tutti ultimamente, nientemeno che lo stesso nuovo presidente degli Stati Uniti ha iniziato una guerra. È davvero difficile per un outsider capire cosa lo spinge davvero. Un certo interesse personale per una persona come Donald Trump, credo, può essere escluso.

Molto probabilmente è semplicemente una fede nell'idea del capitalismo industriale puro e "onesto" in cui è cresciuto. Forse crede davvero infinitamente nella correttezza della sua idea, come Hitler, Lenin o i predicatori del cristianesimo mille anni fa (mi scuso in anticipo per tale confronto). In ogni caso, oggi è lui che distruggerà ancora una volta non meno, ma un intero certo sistema mondiale. Personalmente, penso che capisca semplicemente che se questo sistema non è rotto ora, prima o poi collasserà da solo e sarà un disastro molto più grande. Inoltre, il colpo principale di questa tragedia in questo caso sarà preso dal suo paese, gli Stati Uniti. E questo è esattamente ciò che vuole evitare. Allo stesso tempo, al gonfio polpo finanziario mondiale non interessa se gli Stati Uniti esisteranno o meno nella forma in cui esistono ora, e questo "governo ombra" non si preoccupa assolutamente della Russia e dei russi, della Cina e dei cinesi, o, per esempio, del Botswana con la sua popolazione allo stesso modo. Per il loro denaro virtuale, hanno già acquisito una ricchezza materiale sotto forma di proprietà in tutto il mondo: questa ricchezza, in contrasto con la carta moneta, azioni, futures, obbligazioni di debito, e il diavolo sa cos'altro della stessa serie, è già reale, è davvero tangibile e non andrà da nessuna parte, ed è su questo che apparentemente si basa il loro calcolo della sopravvivenza nell'inevitabile apocalisse finanziaria mondiale.

Ma tornando alla domanda iniziale: cosa ne facciamo di tutto questo? ... Dove andare? Oggi abbiamo di nuovo Vladimir a capo di uno stato parzialmente disintegrato, e ancora una volta si tratta di scegliere un'ideologia. Sì, in modo tale che, se possibile, e tutti i popoli intorno a noi si riuniscano. Ci sono tre opzioni: primo, puoi far rivivere i principi cristiani esistenti e costruire su di essi una nuova società; in secondo luogo, puoi provare a creare qualcosa di tuo e radicalmente nuovo; terzo, possiamo prendere e accettare qualcosa di ragionevole e adatto a noi, da ciò che qualcuno ha già inventato da qualche parte.

Se consideriamo l'opzione n. 1 e prendiamo esclusivamente valori ortodossi come base del nostro sviluppo, allora sorge immediatamente la domanda "a chi dovrebbe essere affidato questo fardello di mantenere l'ideologia?" Su una chiesa che ha già fallito tutto questo? Con tutti i suoi problemi e contraddizioni che non sono scomparsi da nessuna parte? L'opzione numero 2 presuppone la presenza di una propria idea seria, dalla quale è possibile di conseguenza costruire l'ideologia di un intero stato e persino dimostrare la sua attrattiva per i vicini, ma negli ultimi quasi tre decenni nulla di simile è stato in qualche modo trovato nelle distese russe e nel prossimo futuro, come mi sembra, non ci sarà. Un saggio principe russo ha scelto la terza opzione mille anni fa. È stato leggermente adattato, per così dire, alle condizioni locali ed è stato utilizzato con successo per i successivi quasi mille anni. E il fatto che l'idea di qualcun altro vada bene. Perché reinventare la ruota se, con tutte le materie prime a disposizione, puoi semplicemente farla per te e sul tuo territorio? In questo caso, considero l'antiglobalismo l'idea numero 3, un'ideologia già proposta per l'uso da Donald Trump nei suoi nativi Stati Uniti. Inoltre, non è affatto un fatto che ci riuscirà con questo, come Marx nell'Europa occidentale. E con noi, ancora una volta su paralleli storici, potrebbe funzionare. È vero, all'inizio non piacerà a tutti ... ma niente ... Anche il principe Vladimir ha dovuto combattere con qualcuno per la sua fede, e da qualcuno e portare via i beni terreni ...

Ma alla fine ne è valsa la pena: la Russia è diventata enorme, potente e unita. Forse tra mille anni esatti sarà di nuovo così? ... In questo caso, puoi lasciare il luminoso futuro già familiare per tutti, invece dello zar e del Partito Comunista, onorare l'universale primordiale, sono anche cristiani, valori e Patria - non è andato da nessuna parte, ne abbiamo uno per tutti e per tutti. Perché una tale ideologia è cattiva?
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 22 August 2018 14: 52
    +1
    Dove sta andando la Russia? Viene "By the Wave" dal Potomac.
  2. sibiryak999 Офлайн sibiryak999
    sibiryak999 (Andrew) 22 August 2018 17: 08
    0
    L'articolo non parla di nulla. L'assenza di un'ideologia unificante, lo Stato in quanto tale, la sfiducia reciproca e la rabbia nella società sono tutti ben noti.
  3. sibiryak999 Офлайн sibiryak999
    sibiryak999 (Andrew) 23 September 2018 19: 07
    +1
    L'Ortodossia è un progetto commerciale estremamente redditizio, niente di più. Parlare del potere unificante della chiesa è un'idiozia clinica. Le persone sono unite dall'idea dello Stato, non da quella cosiddetta spirituale. L'attuale governo non ha un'idea di stato, quindi tutti i suoi guai.
    1. Yuri Nikonov Офлайн Yuri Nikonov
      Yuri Nikonov (yuri) 2 gennaio 2019 11: 45
      +1
      Con questo, come dici tu, la Russia ha vissuto per 1000 anni "idiozia clinica" ed è stata un paese libero dall'Occidente. ma ora non c'è alcun legame spirituale, solo l'adorazione del denaro tra coloro che hanno distrutto l'URSS.
      1. molotkov60mkpu Офлайн molotkov60mkpu
        molotkov60mkpu (Yury) 25 March 2021 14: 57
        +1
        Ciò che ha funzionato per 1000 anni potrebbe non funzionare ora. I rapporti di produzione sociale sono cambiati. E l'ideologia doveva essere migliorata.
        L'antiglobalismo non è certo un'ideologia. Primo, come unirà i popoli e gli stati, se l'antiglobalismo è essenzialmente contro l'unificazione? In secondo luogo, le contraddizioni del capitalismo: stratificazione polare e irregolare del reddito (sfruttamento) e molte altre. altri ... L'ideologia può essere l'obiettivo di costruire una società di giustizia, consumo ragionevole e sviluppo a tutto tondo dell'uomo e della società. Allo stesso tempo, l'economia non dovrebbe divorare il pianeta Terra, ma utilizzare le risorse, avere una struttura corrispondente alle esigenze di attuazione dei compiti attuali e strategici all'interno dell'ideologia e in nessun caso essere finalizzata al profitto. In linea di principio, questi sono gli stessi compiti della costruzione del socialismo. E i capitalisti dovranno calpestare la gola. Questa domanda viene semplicemente ignorata ora, è comprensibile per quale motivo. Sullo stesso, su cui drappeggiato il mausoleo di Lenin.
  4. alf Офлайн alf
    alf (Basilio) 10 November 2018 14: 42
    +2
    per onorare l'umano universale primordiale, sono anche valori cristiani

    Negli ultimi 30 anni, siamo diventati troppo consapevoli di cosa siano i "valori umani universali" e di come abbiano influenzato la Russia.
    1. ganjour Офлайн ganjour
      ganjour (Vadim Ganzhurov) 14 gennaio 2019 15: 26
      -1
      Oh veramente? Secondo me le persone, come trent'anni fa, continuano a vivere in uno scoop ..
      1. molotkov60mkpu Офлайн molotkov60mkpu
        molotkov60mkpu (Yury) 25 March 2021 15: 00
        0
        Cos'è uno scoop e cosa suggerisci? Com'è non vivere in uno scoop?
  5. ganjour Офлайн ganjour
    ganjour (Vadim Ganzhurov) 14 gennaio 2019 15: 17
    -1
    L'antiglobalismo è un'idea di cattivo governo. Non dovresti essere come Cuba e la Corea del Nord.
  6. ganjour Офлайн ganjour
    ganjour (Vadim Ganzhurov) 14 gennaio 2019 15: 21
    -1
    E perché è necessario essere "liberi dall'Occidente"? Forse dovresti provare a entrare a far parte dell'Occidente? Secondo me, questo risolverà molti problemi ..
    1. molotkov60mkpu Офлайн molotkov60mkpu
      molotkov60mkpu (Yury) 25 March 2021 15: 05
      0
      E se la pensi bene. O sei un provocatore o non puoi calcolare oltre il tuo naso. Parte dell'Occidente ha immerso le facce nella merda da decenni. Quanto puoi masticare sulle verità comuni? Stchshchas- parte dell'ovest, raggiungi e aggiungi.
  7. Vento duro Офлайн Vento duro
    Vento duro (Ingvar) 1 febbraio 2019 02: 23
    0
    L'opzione numero 2 presuppone la presenza di una propria idea seria, dalla quale è possibile di conseguenza costruire l'ideologia di un intero stato e persino dimostrare la sua attrattiva per i vicini, ma negli ultimi quasi tre decenni nulla di simile è stato in qualche modo trovato nelle distese russe e nel prossimo futuro, come mi sembra, non ci sarà.

    L'articolo principale e i commenti sono ricchi di riflessioni ed emozioni. Toccare una persona in questo stato con il tuo ragionamento su un argomento designato significa cercare di mettere il tuo punto di vista nella sua testa dalla sua esperienza soggettivamente limitata. Poco promettente !!! Ma la conclusione citata ?? !!
    Questo è quello che ragazzi. Non so se hai abbastanza pazienza, ma per me stesso ho trovato nella vastità di Internet russo:
    1. I percorsi che i russi (non solo i russi) hanno percorso nel secolo scorso, completando il ciclo di vita con il loro paese:
    https://www.proza.ru/2014/04/09/1769
    2. Una bozza della ricetta per un'ideologia che potrebbe essere sviluppata e implementata nei formati adottati oggi:
    https://www.proza.ru/2011/10/07/117
    3. Ed ecco la risposta a tutti gli harkhotin nell'anima dei russi, in cui gli ucraini hanno particolarmente successo:
    https://www.proza.ru/2017/01/05/114
    Il fatto che questi saggi siano pubblicati sulla pagina del portale sotto il nome di un autore non significa affatto che non esista alcuna sotto-società che condivida le opinioni espresse in essi.
  8. Mysleblud Офлайн Mysleblud
    Mysleblud (Victor) 8 febbraio 2019 09: 19
    0
    Il famoso slogan dei soldati russi "Per la fede, lo zar e la patria"

    Aggrappati al passato: non puoi costruire il futuro
    Le priorità negli slogan stanno cambiando.
    Se durante la dittatura lo slogan era "Per la patria, per Stalin", ora solo "Per la patria"
    Ed è giusto! Tutto sta cambiando e deve cambiare, tranne la Patria.
  9. Ivan Kurdyumov Офлайн Ivan Kurdyumov
    Ivan Kurdyumov (Ivan Kurdyumov) 17 August 2019 14: 18
    0
    Sto correggendo immediatamente l'inesattezza fattuale. Il prezzo fisso dell'oro, stabilito dagli accordi di Bretton Woods, è stato infatti abolito non all'inizio degli anni '80, come scrive l'autore, ma nel 1973 e per una ragione completamente diversa, che è di natura economica puramente oggettiva. E così via, anche tutto il resto è estremamente soggettivo, di fatto inaccurato e inverosimile.
  10. ehanatone Офлайн ehanatone
    ehanatone Aprile 3 2020 23: 17
    +1
    Invece dello zar e del Partito Comunista, per onorare l'universale primordiale, sono anche cristiani, valori e la Patria - non è andata da nessuna parte, ne abbiamo uno per tutti e per tutti. Perché una tale ideologia è cattiva?

    C'era questo e si chiama cosmopolitismo, ei portatori sono cosmopoliti senza radici!
    E la gente comune di oggi di solito ama molto martellare, dal loro punto di vista, i subumani, nella loro polvere locale, ma così non democratica!
    Inutile dire che portare i valori più universali sulle ali di missili e bombe democratiche!