Risultati vuoti del vertice dei leader di Cina e Stati Uniti: per chi funziona il tempo?


Non è esagerato affermare che i colloqui tra Joe Biden e Xi Jinping avvenuti il ​​giorno prima, seppur nell'ormai tradizionale format virtuale, sono stati forse l'evento più atteso e importante di questo momento difficile. Troppo è “legato” su scala globale al rapporto tra le due superpotenze – sia politicamente che economicamente, e, ovviamente, sotto il profilo strategico-militare. Il destino del mondo dipende davvero dalle decisioni di due persone che quel giorno si trovavano ai lati opposti della linea di videoconferenza.


L'incontro (se così posso dire sulla conversazione "a distanza") si è svolto "in un'atmosfera calda e amichevole", fortunatamente non offuscata da pronunciate iniziative conflittuali da entrambe le parti. Non c'è dubbio che oggi borse e mercati di tutto il mondo reagiranno ad esso con dinamiche inequivocabilmente positive. E, tuttavia, questo vertice, ovviamente, non è diventato una "svolta" o addirittura un "passo avanti". Difficilmente si può dire che in conseguenza di ciò, almeno uno dei gravi problemi che incupiscono le relazioni tra Pechino e Washington sia stato risolto. Il confronto continuerà ed è destinato a crescere. Come mai? Proviamo a capirlo insieme.

Nessun miracolo è accaduto


Proprio in questo luogo, infatti, sorge la domanda: "E cosa, avrebbe dovuto essere?!" E che cos'è, questo è il più "miracolo", che segnerebbe una svolta radicale nel poliedrico, che va avanti da molti anni, che ha una grande varietà di componenti - da ideologico a economico, il conflitto tra Stati Uniti e Cina, dovrebbe essere espresso? Il capo della Casa Bianca e il presidente Xi, dopo aver subito respinto tutte le contraddizioni fondamentali che esistono non solo tra gli stati che guidano, ma i sistemi di divisione che entrambi personificano, si riempirebbero improvvisamente di amore reciproco e completa fiducia? Concorderesti subito sull'abolizione di tutti i dazi restrittivi, delle tariffe protettive e delle barriere doganali che sei riuscito ad accumulare tra loro almeno in un tempo relativamente recente? Risolverebbero amichevolmente la questione con Taiwan, pur riconoscendo sbagliati i reciproci passi per costruire la propria presenza militare, almeno nelle acque del Mar Cinese Meridionale?

Tutto questo, ovviamente, è assoluta assurdità e sogni che sono completamente irrealizzabili nella pratica. Il confronto tra gli Stati Uniti e il Celeste Impero non è un elenco di rivendicazioni reciproche, costituito da un numero finito di punti chiari e univoci, "rimossi" che uno dopo l'altro possono esaurire completamente l'oggetto stesso della contesa. Piuttosto, abbiamo davanti a noi un meccanismo molto complesso, come un orologio, dove alcune "ruote" si aggrappano saldamente ad altre, altre e così via. Ma allo stesso tempo ci sono anche "molle" nascoste, invisibili al semplice sguardo, che la mettono in azione. Dov'è qui politicaDov'è l'ideologia, dov'è l'economia e dove sono in generale alcuni motivi nascosti che non possono essere facilmente spiegati, è estremamente problematico capirlo.

Joe Biden, però, alla buona vecchia maniera americana, ha cercato di ridurre tutto all'elementarismo: dicono, tra i nostri Paesi dovrebbe esserci eccezionalmente "sana concorrenza diretta", trasformandosi in nessun caso in conflitti di natura più grave, soprattutto la militare. Suona alla grande, così come la "riluttanza chiaramente espressa ad approfondire il confronto" del presidente degli Stati Uniti, vista dai giornalisti della televisione centrale della RPC. Lì, tra l'altro, nel comportamento di Biden durante il vertice hanno visto anche "l'assenza di volontà di rafforzare le alleanze anticinesi". Questo suona già, almeno, strano, sullo sfondo della recente creazione di AUKUS, un blocco militare che è chiaramente diretto esclusivamente contro il Celeste Impero. Biden è stato molto vago sul fatto che la politica di "una Cina" di Washington "rimane invariata" nonostante tutto, aggiungendo a questo "serie preoccupazioni per i" preparativi militari cinesi "che girano per l'isola e persino" mettendo in guardia "Pechino contro i "tentativi unilaterali" di cambiare il suo stato di stato.

A sua volta, Xi Jinping è stato molto più franco e specifico. Secondo lui, la "Grande Cina" è ancora disposta ad aspettare pazientemente il ritorno amichevole dei "fratelli perduti" e la "riunione pacifica" con loro. Tuttavia, se i "separatisti taiwanesi" decideranno di provocare provocazioni o, ancor più, di "andare oltre la linea rossa", Pechino non si allarmerà: si aspetteranno in risposta le "misure più decisive". Quindi, in effetti, abbiamo parlato... Si potrebbe pensare che in Cina non si sappia con certezza come gli americani stiano pompando armi a Taiwan e quali progressi vengano dati alla sua leadership in merito alle "garanzie di protezione in caso di apertura aggressione cinese"? Prima o poi non ti servirà a niente.

Per chi lavora il tempo?


La "questione di Taiwan", tra l'altro, è davvero l'incarnazione ideale della natura multiforme della maggior parte dei conflitti chiave nelle relazioni USA-Cina. Sì, qui, certo, l'ideologia è prima di tutto: la Cina non ha bisogno di un "clone" che neghi la sua struttura socio-politica e gli Stati Uniti non possono permettere che la "democrazia" da loro promossa e nutrita perisca davanti ai loro occhi . L'aspetto strategico è che Pechino non "sorride" affatto che Taiwan ha un certo potenziale militare che può essere rivolto contro di essa in qualsiasi momento. L'esercito taiwanese, nonostante tutti i rifornimenti dai cassonetti del complesso militare-industriale americano, difficilmente riuscirà a opporsi seriamente al PLA, ma riuscirà a “sanguinarlo”. A chi piacerebbe questo? Per gli Stati Uniti il ​​rifiuto dell'appoggio militare all'isola, la sua resa ai cinesi, significherà, infatti, se non un crollo completo, quindi un significativo indebolimento di tutte le alleanze che Washington sta costruendo con tanta difficoltà da decenni nel sud-est asiatico. Dopo il fiasco afghano, questa diventerà la distruzione definitiva dell'immagine dell'"egemonia mondiale" e dell'"alleato più affidabile" del pianeta, che, francamente, sta già esplodendo. Bene, e infine, un aspetto puramente economico, e uno che ha un background molto astuto.

Per parafrasare il classico sovietico, "diciamo: Taiwan, intendiamo i semiconduttori". È successo così che quasi la parte del leone della produzione mondiale di questi minuscoli e assolutamente insostituibili microchip elettronici oggi in tutte le sfere della vita umana è concentrata sull'isola, che funge da "pozzo della discordia" per Pechino e Washington. Taiwan Semiconductor Manufacturing, UMC, ProMOS, Winbond: senza i prodotti di questi produttori taiwanesi, sorgeranno troppe fabbriche sia in Cina che negli Stati Uniti. Pieno controllo su un'isola significa controllo su di essa.

Dopo averlo ceduto al Celeste Impero, gli Stati Uniti rischiano in un futuro molto prossimo nei panni di postulanti umiliati che possono essere "educati" semplicemente tagliando la fornitura di componenti estremamente importanti. Con nostro grande rammarico, è la realizzazione di tale prospettiva, e non toccando la preoccupazione per la "scelta democratica del popolo taiwanese" che può spingere gli Stati Uniti a un disperato tentativo di "continuare la politica (o, se si vuole, la economia) con altri mezzi." Di recente, i principali media occidentali (e quelli americani in primis) hanno assaporato le possibili opzioni per un conflitto armato americano-cinese su Taiwan. Vaughn, la famosa agenzia di stampa Reuters, non molto tempo fa li ha "nawanizzati" fino a sei pezzi. È vero, va notato che nell'ambito di praticamente nessuno di essi, gli eventi non si svolgono a favore di Taiwan e dei suoi "difensori" e "alleati" d'oltremare.

Devo dire che il Pentagono aderisce a una visione simile delle cose, anche se sta ancora cercando di rallegrarsi "in pubblico". Lo stesso Philip Davidson, che dirige il comando indo-pacifico dell'esercito americano, ammette francamente: se i cinesi cercano di "prendere Taiwan con la forza", il Pentagono non dovrebbe nemmeno contrarsi - comunque non ne verrà fuori nulla di buono. È vero, Davidson dipinge questa come una prospettiva per i "prossimi cinque anni", ma analisti più obiettivi affermano che oggi un tentativo di confronto militare con la Cina potrebbe avere conseguenze molto disastrose per gli americani. I compagni cinesi, a loro volta, costruiscono in modo dimostrativo modelli di portaerei della Marina degli Stati Uniti nel deserto, dimostrando così che non hanno il minimo timore reverenziale di fronte a loro, considerandoli esclusivamente come obiettivi molto grandi e, quindi, convenienti .

Tuttavia, è probabile che Pechino faccia ogni sforzo per garantire che Taiwan vi si rechi senza sparare un solo colpo. Chi sano di mente esporrebbe beni di valore al pericolo di danni e distruzione? Ma per quanto riguarda le ragioni fondamentali per cui Cina e Stati Uniti rimarranno acerrimi avversari, sicuramente non andranno da nessuna parte. Nel suo discorso durante il vertice con il capo della Casa Bianca, Xi Jinping ha formulato molto chiaramente tre principi, in base ai quali i paesi potrebbero costruire almeno una parvenza di relazioni normali. Il primo di questi il ​​leader del Celeste Impero vede non solo il "rispetto reciproco" delle parti, ma anche il fatto che dovrebbero trattarsi "come uguali". "Rispettate le differenze reciproche" e il diritto di ciascuno stato di svilupparsi come meglio crede. È possibile qualcosa di simile con gli Stati Uniti, e assolutamente indipendentemente da quale partito avrà la maggioranza al Congresso e quale sarà il nome e l'appartenenza di partito del presidente locale? Mai nella mia vita... A proposito, dopo aver ascoltato le meravigliose parole del presidente Xi, il signor Biden ha immediatamente avviato una ghironda sul Tibet, Hong Kong e Xinjiang. Cioè, è entrato negli affari puramente interni del Celeste Impero. Questo è tutto "rispetto reciproco".

Resta solo da notare che per la Russia questo stato di cose, parlando francamente, è forse il più ottimale e accettabile. Una vera riconciliazione tra Washington e Pechino (e, a maggior ragione, la loro stretta collaborazione) non può portare nulla di buono al nostro Paese a priori. C'erano, sai, dei precedenti nella storia. No, non abbiamo nemmeno bisogno di un conflitto militare nel Pacifico, soprattutto con l'uso di armi nucleari. Tuttavia, va ricordato che la normalizzazione delle relazioni USA-Cina significherà non solo una sfilza di GNL e petroliere che raggiungerà dagli Stati Uniti le coste del Medio Regno, ma anche che Washington avrà quanto più possibile “mani libere” per il confronto proprio con il nostro Paese. No, sia meglio "competere" in modo che non ci siano più forze e risorse per tutto il resto.
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 17 November 2021 10: 42
    0
    Tra un paio d'anni, la stessa Taiwan si unirà alla Cina. Sotto Trump, questo sarebbe potuto succedere dopo.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 17 November 2021 17: 32
      0
      Cina (Xi), sangue dal naso, Taiwan deve essere presa prima dell'estate (il limite è a metà estate).
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 17 November 2021 10: 47
    +1
    I media sono preoccupati.
    L'incontro è passato senza tensioni, e se Taiwan e Cina si fossero risolte pacificamente?

    Com'è, allora, il Sangue atteso?

    Non so come sia ora, ma durante il passato "aggravamento" le persone di lingua russa hanno scritto lì su una situazione calma.
    I cinesi/taiwanesi si visitano tranquillamente, si sposano, si scambiano informazioni sulla polizia, ecc.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 17 November 2021 13: 35
    +1
    Diversi sistemi sociali predeterminano la competizione che si trasforma in confronto
    La base per il successo del PRC è il partito politico e la dittatura del proletariato del Partito Comunista Cinese - la spina dorsale, la rottura della quale l'imperialismo soggiogherà il mondo intero. Pertanto, gli Stati Uniti hanno ragionevolmente identificato la RPC come il nemico numero 1 e hanno indirizzato il colpo principale a screditare il CPC della RPC.
    La politica degli Stati Uniti mira a frenare lo sviluppo della RPC, i cui elementi sono l'opposizione all'unificazione della Cina, le controversie sulle isole Xisha e Nansha, i blocchi militari Auku e Quad, la fornitura di armi e le visite a Taiwan di influenti S Dirigenti politici shasiani, gli attacchi dei “difensori dei diritti umani” e dei media allo XUAR Tibet e Hong Kong, provocando un conflitto con l'India, tentano di incuneare le relazioni tra la RPC e la Federazione Russa, l'UE, l'ASEAN, l'APCTP, l'RCEP, la SCO, le accuse di rivendicazioni territoriali, l'aumento delle forze armate, la minaccia alle comunicazioni di trasporto mondiali, la manipolazione della valuta, lo spionaggio industriale e scientifico, la concorrenza sleale, la schiavitù politica ed economica di altre istituzioni statali, ecc., eccetera.
    La VI Sessione Plenaria del XIX Comitato Centrale del PCC ha infatti individuato 10 punti all'ordine del giorno del prossimo Congresso del Partito Comunista, il principale dei quali è stato la fermezza del percorso verso la costruzione del socialismo sotto la guida del Partito Comunista e il ricordo della interessi del mondo intero.
    Una vera riconciliazione tra Washington e Pechino è impossibile a causa dei diversi sistemi sociali, scopi e obiettivi delle classi dirigenti, il che non esclude in alcun modo una cooperazione reciprocamente vantaggiosa, che è nell'interesse di entrambe le parti e del mondo intero, compresa la Federazione Russa, il il cui problema è l'incertezza della posizione di classe di Vladimir Putin, che alla fine svaluta tutti i suoi enormi meriti nel presente e condanna la Federazione Russa al ruolo di periferia neocoloniale dell'imperialismo in futuro.
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 17 November 2021 17: 28
    +3
    Una vera riconciliazione tra Washington e Pechino (e, a maggior ragione, la loro stretta collaborazione) non può portare nulla di buono al nostro Paese a priori.

    Non ci sarà una vera riconciliazione tra Stati Uniti e Cina (oltre che con la Russia) nel prossimo futuro. Gli Stati Uniti non capiscono di essere in un vicolo cieco (la fine del modello economico) e pensano che spremendo le risorse di qualcuno, si uscirà dalla situazione. Anche se questo darà solo una tregua temporanea.
    Pertanto, con la Cina, stanno ora condividendo il grasso della catena di transazioni del processo di produzione e vendita di beni per gli Stati Uniti. A giudicare dalla retorica post-vertice, non erano d'accordo.
    Gli Stati Uniti e ci stiamo preparando a rapinare ancora una volta. Si tratta di un voto alla Duma di Stato per alzare la soglia di liquidità del NWF e l'aumento del tasso di rifinanziamento della Banca centrale annunciato da Nabiullina. Secondo alcune indiscrezioni, avrebbe di nuovo abbassato il tasso di cambio del rublo (come nel 2014), ma a lei (nel nostro paese) erano stati promessi guai. E sta cercando altre opzioni per rendere omaggio dalla Federazione Russa alla Fed.
    Agli Stati Uniti non frega niente di Taiwan, Ucraina. È solo che stanno cercando urgentemente di ottenere più risorse da qualche parte per colmare il buco finanziario.
    1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
      Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 18 November 2021 00: 26
      -3
      Si può sentire che Khazin legge molto. Speriamo non prima di cena.

      Citazione: boriz
      Gli Stati Uniti non si rendono conto di essere bloccati (fine del modello economico)

      E quale modello sta sostituendo?

      Citazione: boriz
      È solo che stanno cercando urgentemente di ottenere più risorse da qualche parte per colmare il buco finanziario.

      Posso capire come la svalutazione del rublo possa tappare buchi nel bilancio russo, ma non è assolutamente chiaro come la caduta del rublo possa tappare i buchi finanziari negli Stati Uniti. Inoltre, che tipo di buchi finanziari sono tali se l'economia piuttosto modesta della Federazione Russa riesce a chiuderli svalutando il rublo?
      PS Yo-mine, abbiamo già discusso di Khazin con te. Sei un suo fan. E come è Khazin, ha sviluppato un modello economico moderno alternativo?
    2. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
      TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 18 November 2021 05: 05
      -1
      Tutto è corretto. Questo nabiulin è uno dei nemici attivi della Russia, che danneggia davvero il nostro paese. D'altra parte, essere in un posto così responsabile di questa persona è un compromesso tra due forze nello stato russo, di fatto il cosiddetto. liberali (anche se non lo sono) e, chiamiamoli, patrioti, che sono anche sostanzialmente lontani dal patriottismo in quanto tale. Tutto questo continuerà finché ci sarà una citazione di Jacques Sekavar: "... nell'incertezza della posizione di classe di Vladimir Putin" e (incertezza) non si risolverà. Tuttavia, c'è un punto interessante qui. Finché questa situazione persiste, una guerra con l'Occidente è per definizione impossibile. Non c'è ragione. Fu allora che Putin V.V. si schiererà dalla parte dei patrioti e la Russia deciderà di investire denaro nella sua economia e quindi diventare (non escluso) un concorrente dell'Occidente, oltre a creare una sorta di ideologia che affascinerà molti (come era sotto l'URSS), quindi l'Occidente tornerà in guerra di fronte all'Europa unita, all'Oriente oa qualcos'altro. Anche se, molto probabilmente, troveranno un altro traditore. La storia ama ripetersi. Ma questo non accade e probabilmente non accadrà.
      Pertanto, questa Shakhipzadovna farà regolarmente il suo lavoro, criticando periodicamente e giustamente uh ... patrioti, ma tutto sarà lo stesso e lo stesso.
      1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
        Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 18 November 2021 14: 33
        -2
        Citazione: DV tam 25
        "... nell'incertezza della posizione di classe di V.V. Putin" e (incertezza) non si risolverà. Tuttavia, c'è un punto interessante qui.

        A giudicare da sua figlia, Vladimir Vladimirovich è stato a lungo determinato.
        https://www.newsru.com/russia/24jul2019/vorontzova.html
        Una ragazza di talento, si è laureata all'istituto nel 2011 e nel 2019 è già membro del consiglio di amministrazione di Nomeko, i cui investimenti sono stimati in un miliardo di dollari.
        Non meno talentuoso è il genero del nostro presidente, un cittadino dei Paesi Bassi, Jorrit Jost Faassen. Nel 2006 ha ottenuto un lavoro presso Gazprom e un anno dopo ha assunto la carica di Direttore dello sviluppo aziendale.
        Stiamo tutti provando per il bene dei nostri figli, ed è molto dubbio che il PIL si svegli domani e dica alla figlia, tutto il capitalismo è cancellato, ti trasferisci al posto di ricercatore senior con uno stipendio di 30 rubli , e non come ora $ 000, tutti vanno, iniziano una nuova vita.
        1. quarto Офлайн quarto
          quarto (Il quarto) 18 November 2021 20: 05
          0


          Remover, il tuo link dice di presunto la figlia maggiore del presidente russo Vladimir Putin.

          1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
            Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 18 November 2021 22: 49
            -2
            Oh, i putinofili sono così rari su questo sito. Pensavo fossero completamente scomparsi, è ora di inserirli nel Libro Rosso.
            Comprensibilmente, il presidente può essere, la paranoia è il costo della sua precedente professione, per così dire, trasformazione professionale. Ma tu non sei dei servizi speciali, cosa pensi?

            1. quarto Офлайн quarto
              quarto (Il quarto) 18 November 2021 23: 12
              -1
              Invece di risentirti con Remover, cerca di non mentire.
              1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
                Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 19 November 2021 11: 43
                -1
                Cosa ti fa pensare che mi sia offeso?

                Citazione: quarto
                Remlover, cerca di non mentire.

                Le persone perbene di solito sostengono tale affermazione con collegamenti a fonti. Non puoi dimostrare la tua affermazione, vero? Se non puoi, allora tu, come dirlo censura, lascia che siano chiacchiere.
                1. quarto Офлайн quarto
                  quarto (Il quarto) 19 November 2021 16: 22
                  0
                  Citazione: Oleg Rambover
                  Le persone perbene di solito sostengono tale affermazione con collegamenti a fonti.

                  Remover, aspetterò quando troverai un collegamento convincente che Maria Vorontsova è la figlia di Vladimir Vladimirovich.

                  L'hai scritto:

                  Citazione: Oleg Rambover
                  A giudicare da sua figlia, Vladimir Vladimirovich è stato a lungo determinato.
                  https://www.newsru.com/russia/24jul2019/vorontzova.html
  5. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 17 November 2021 23: 48
    -3
    che ha una grande varietà di componenti - da ideologico

    Di che tipo di confronto ideologico possiamo parlare se il PCC dichiarasse la costruzione del socialismo, ma costruisse un capitalismo selvaggio (come l'Occidente passò cento anni fa) con garanzie sociali minime. I compagni cinesi non formano un'ideologia universale e non cercano di esportarla. Il loro successo economico è direttamente correlato alla liberalizzazione dell'economia cinese lungo linee occidentali in stretta collaborazione con lo stesso Occidente. Oltre all'urbanizzazione e all'industrializzazione, quando i contadini abbandonano l'aratro stanno al nastro trasportatore, il PIL vola ai cieli. Ma questa fonte di crescita non è eterna.
    In breve, oggi la Cina è un regime autocratico con un'economia capitalista (ce ne sono molti simili sulla terra). La Cina non ha nulla da offrire al mondo.
  6. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 18 November 2021 00: 12
    -2
    Risultati vuoti del vertice dei leader di Cina e Stati Uniti: per chi funziona il tempo?

    - Cosa puoi dire ... - Tutto è stato chiaro a tutti per molto tempo ...
    - Gli Stati Uniti si esauriscono e diventano sempre più deboli ... - E come l'apoteosi di questo - eleggono i loro presidenti - sempre più inutili ... - E Biden (e prima ancora - Trump) è un vivido esempio di questo ...
    - Quali "vertici" possono essere per gli Stati Uniti oggi ??? - O forse Biden avrebbe dovuto offrire al cinese Xi - in generale - una crociera a piedi congiunta intorno al mondo - con mogli e figli, e così via ...
    - Sì - un vecchio - questo è un vecchio ...
    - Un altro presidente americano avrebbe da tempo convocato una riunione di tutti gli "stati partner" della regione del Pacifico (bacino) - e ovviamente - di Australia, Nuova Zelanda, Malesia e così via; e chiamerebbero anche l'India (e anche il Vietnam e altri) e "rappresentanti di Taiwan" - ovviamente, e così via ... - tutti coloro che non solo "non amano" la Cina; ma capiscono solo che la Cina è la loro "morte rapida"... - E, avendo ottenuto il sostegno di questa "partnership" - semplicemente sbarcherebbero le loro truppe a Taiwan (contingente NATO)... - Sì, è vero. .. - Sì, c'è un rischio - e c'è sempre un rischio in tutto... - E poi anche il Giappone accetterebbe di partecipare...
    - E cosa sarebbe successo??? - Sì, niente ... - Beh, l'Assemblea delle Nazioni Unite si riunirebbe con urgenza ... - Beh, "belano", "discuterebbero" e "prenderebbero una decisione" e così via ... - In breve, sprecherebbero tempo perso... - E la Russia, ovviamente, esprimerebbe "la sua profonda preoccupazione"; sì, potrebbe anche "condannare apertamente" le azioni degli americani ... - Ma tutto rimarrebbe sospeso in aria ... - E la Cina non oserebbe iniziare "qualcosa di militare" - soprattutto perché tutto sarebbe su richiesta urgente gli stessi taiwanesi - una richiesta per "proteggerli dalla Cina"... - E Taiwan, allo stesso tempo - davvero - pubblicamente lo dichiarerebbe al mondo intero... - Taiwan ha buone ragioni per questo. , se la Cina ingoia Taiwan - allora Taiwan dovrà (in parole povere) - sfamare l'intera Cina ... - E cosa - Taiwan "senza Cina" - la vita è brutta, o cosa ???
    - Quindi - gli americani devono prima "sostituire" il loro presidente; e poi prova a risolvere i problemi globali...