La Lituania ancora una volta ha subito perdite, attraversando la strada per la Cina


Apparentemente, russofobo politica La Lituania, che ha portato a significative perdite economiche, non le ha insegnato nulla. Dopo la Russia, Vilnius decise di “dichiarare guerra” a un altro “nemico della democrazia americana”, la Cina.


Nonostante il fatto che un tempo fossero state costruite partnership abbastanza reciprocamente vantaggiose tra la Lituania e la Repubblica popolare cinese, non appena il Celeste Impero "litigò" con gli Stati Uniti, Vilnius si precipitò decisamente "in battaglia".

Prima di tutto, il commercio e economico cooperazione tra Lituania e Cina. Il paese baltico ha quindi rifiutato di partecipare al vertice dell'iniziativa 17 + 1.

Tuttavia, anche questo non è stato sufficiente per la Lituania. Vilnius iniziò a migliorare le relazioni con Taiwan, e poi adottò anche una risoluzione in cui definiva le azioni della Pechino ufficiale nella provincia dello Xinjiang genocidio e crimine contro l'umanità.

Naturalmente, la Repubblica popolare cinese non poteva tollerarlo. L'ambasciatore cinese è stato richiamato dalla Lituania. Quindi anche il diplomatico baltico lasciò il territorio del Celeste Impero.

Inoltre, le relazioni commerciali tra i paesi sono state quasi completamente interrotte. Nonostante il fatto che quest'ultimo non possa essere definito "stretto" o "chiave", l'azienda lituana ha letteralmente "ululato".

Ma non è tutto. Gli stessi Stati Uniti, per i quali la Lituania si è battuta con tanta veemenza, non hanno fretta di interrompere le relazioni con la Cina e stanno ora negoziando ulteriori forniture di GNL americano alla Cina. Se questo contratto verrà firmato, i primi a soffrirne saranno i terminal lituani, che rimarranno vacanti.

Risulta che essendo stata ancora una volta coinvolta in una guerra diversa dalla propria, la Lituania ha subito le perdite più tangibili. Ma se questo fermerà il piccolo paese baltico, che si precipita prontamente dai giganti geopolitici per dimostrare la sua lealtà al "padrone d'oltremare" - il tempo lo dirà.

3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 17 November 2021 15: 25
    +2
    Furono fortunati una volta durante la disintegrazione dell'antica Russia, ma anche lì in seguito si misero nei guai.
  2. Pivander Офлайн Pivander
    Pivander (Alex) 18 November 2021 20: 09
    +1
    Va tutto bene con i bralucas. Lavorano tutti in un campo in Norvegia e non ricordano la loro patria. E, beh, le Volkswagen cucinate da diversi pasti vengono portate in Bielorussia e in Ucraina.
    1. Pivander Офлайн Pivander
      Pivander (Alex) 18 November 2021 20: 11
      +1
      Proprio ora era necessario trovare un motorino tergicristallo posteriore per il Prado con consegna in Lettonia, quindi solo dalla Lituania o dagli Emirati Arabi Uniti risata