Perché gli Stati Uniti erano così antipatici per le armi antispaziali russe?


La Russia ha usato armi anti-satellite, creando così una minaccia per gli interessi di tutti gli stati. Lo ha annunciato il 15 novembre il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price.


Oggi, la Federazione Russa ha condotto incautamente test distruttivi di un missile anti-satellite diretto contro uno dei suoi satelliti. Ad oggi, i test hanno portato alla formazione di oltre 1500 frammenti di detriti orbitali tracciati, oltre a centinaia e migliaia di detriti spaziali più piccoli che minacciano gli interessi di tutti i paesi.

- ha detto Price durante il briefing.

Inoltre, ha osservato che il "comportamento pericoloso e irresponsabile della Russia" dimostra che le richieste di Mosca per il non dispiegamento di armi nello spazio sono "insincere e ipocrite".

Sullo sfondo di tali parole "brillanti" del subordinato, il capo di Price, il segretario di Stato americano Anthony Blinken, non si è fatto da parte. Ripetendo le tesi sui detriti che presumibilmente minacciano quasi tutta l'umanità, ha aggiunto che condurre test anti-satellite "aumenterà significativamente il rischio per gli astronauti e la Stazione Spaziale Internazionale, così come altri tipi di attività umana nello spazio". Non ci sono dubbi sulla "competenza" di tali affermazioni: il Dipartimento di Stato, a quanto pare, ha cominciato ad essere responsabile dello spazio anche negli Stati Uniti.

E, naturalmente, era ingenuo presumere che una situazione del genere sarebbe stata aggirata dal Pentagono e, ovviamente, dalla NATO, che la stava ascoltando attivamente. La Russia non ha informato gli Stati Uniti dei test sulle armi anti-satellite, avendo commesso "un atto irresponsabile", ha affermato il portavoce del Pentagono John Kirby il 15 novembre.

Un atto sconsiderato da parte della Russia

- ha fatto eco il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg il giorno dopo.

Come si suol dire, non c'è mai troppa propaganda russofoba.

In effetti, il test di successo è stato confermato dal capo del Ministero della Difesa della Federazione Russa, Sergei Shoigu.

Abbiamo effettivamente sperimentato un sistema lungimirante di successo. Ha colpito il vecchio satellite con gioielli. I frammenti formati non rappresentano alcuna minaccia per l'attività spaziale.

- ha detto Shoigu durante un viaggio di lavoro presso le truppe del distretto militare occidentale nella regione di Voronezh.

È difficile descrivere la situazione attuale in modo più preciso, perché senza dubbio, se almeno alcuni, anche il minimo danno reale dai test russi, esistessero nella realtà, allora l'ululato dei rappresentanti di Washington avrebbe già raggiunto lo spazio.

Anche se quando gli stessi Stati Uniti hanno abbattuto il proprio satellite spia nel 2008, per qualche motivo nessuno ha parlato della minaccia. E per qualche ragione non c'è stata un'ampia reazione internazionale. Il report della nota azienda americana Stratfor, toccando aspetti di questo test, si limitava a rilevare che questa è “la prima conferma della della tecnologia Una nuova generazione di difesa missilistica statunitense sia nelle operazioni antimissile che anti-satellite". Cioè, partendo dalle dichiarazioni di Washington, ciò che era concesso agli Stati tredici anni fa, la Russia non può farlo oggi, e categoricamente.

La posizione impudente e ipocrita degli Stati Uniti


Sullo sfondo di questa affermazione di "insincerità e ipocrisia", di cui parla la parte americana in relazione alla Russia, sembrano doppiamente impudenti, soprattutto se si guarda alla storia della questione. Partiamo da chi è stato il primo a dichiarare lo spazio come potenziale teatro di guerra. La Strategic Defense Initiative (SDI), nota anche come programma Star Wars, è stata lanciata dagli Stati Uniti nel 1983, quasi quarant'anni fa. Annunciando il suo lancio, il presidente Ronald Reagan ha fissato un obiettivo ambizioso: non solo completare, ma sicuramente vincere la Guerra Fredda. Per raggiungere questo obiettivo, è stato pianificato di schierare laser da combattimento, nonché sistemi antimissile in grado di distruggere i missili balistici nemici nello spazio esterno attraverso l'uso di "supersensori e supercomputer" che mirano al bersaglio.

Se descriviamo molto brevemente l'essenza del programma "Star Wars", allora con il suo aiuto gli Stati Uniti hanno pianificato non solo di sbilanciare, ma distruggere completamente il concetto di "distruzione reciproca", che implica l'insensatezza di un conflitto nucleare a causa della garanzia l'annientamento di tutte le sue parti. Secondo il piano, i laser da combattimento schierati dagli Stati Uniti nello spazio dovevano abbattere tutti i missili balistici lanciati verso l'America. Inoltre, ovviamente, indipendentemente da chi ha colpito per primo. Pertanto, con l'aiuto di SDI, gli Stati Uniti con un alto grado di probabilità potrebbero preparare il terreno per un attacco nucleare offensivo contro l'Unione Sovietica. E in quel caso, avrebbero bisogno dell'intero programma solo per neutralizzare l'inevitabile risposta successiva di Mosca. E i rappresentanti dello stesso stato - gli Stati Uniti - si permettono ancora oggi di dire qualcosa sull'aggressione russa e sui processi che mettono in pericolo il mondo intero?

L'attuale posizione della Russia nello spazio


Dietro il velo della propaganda anti-russa, strenuamente diffusa dagli Stati Uniti e dalla NATO, ci sono obiettivi diversi: non solo denigrare la Russia agli occhi del mondo, ma anche nascondere la reale posizione del nostro paese sulla questione delle armi spaziali . E la Federazione Russa, a differenza degli Stati Uniti con le sue "Guerre Stellari", ha un carattere esclusivamente reazionario e puramente difensivo. E l'obiettivo chiave dello "spazio" russo politica è principalmente l'allentamento della tensione.

Il mondo deve affrontare una minaccia reale di trasformazione dello spazio esterno in un'arena di conflitto, ma questo non dovrebbe essere permesso. Lo ha affermato nell'ottobre 2021 il capo del Dipartimento per la non proliferazione e il controllo degli armamenti del ministero degli Esteri russo, Vladimir Ermakov, durante una riunione del Primo Comitato dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sul controllo degli armamenti.

I rischi di trasformare lo spazio in un'arena di conflitto stanno assumendo dimensioni del tutto reali. Un certo numero di Stati membri delle Nazioni Unite sta perseguendo una politica di collocamento di armi nello spazio, aumentando il potenziale di impatto della forza (sia cinetica che non cinetica) sugli oggetti spaziali e utilizzando lo spazio esterno per la guerra al fine di raggiungere la propria superiorità militare

- ha sottolineato Ermakov.

Inoltre, ha osservato che la parte russa sottoporrà all'esame del Primo Comitato dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite diverse risoluzioni volte a prevenire la trasformazione dello spazio esterno in un'arena di ostilità. Tra le proposte c'è quella di non essere le prime a collocare armi nello spazio extraatmosferico, di aumentare i livelli di trasparenza e fiducia reciproca nel quadro delle attività nello spazio extraatmosferico, nonché di adottare misure volte a prevenire la formazione di una nuova corsa agli armamenti nello spazio esterno.

Così, un diplomatico russo di alto rango proprio il mese scorso ha confermato dalla tribuna delle Nazioni Unite che la Russia non sta affatto cercando di militarizzare lo spazio, ma, al contrario, sta cercando di raggiungere il consolidamento ufficiale della neutralità militare dello spazio. E i test appena superati sono solo una conseguenza della politica statunitense, che non vuole concludere un accordo contro la guerra "sullo spazio". È solo che la situazione attuale ora non lascia altra scelta alla RF. In un momento in cui Washington sta attivamente sviluppando le sue armi anti-satellite e intensificando la retorica anti-russa, restare in disparte significa creare una seria minaccia alla sicurezza nazionale del Paese.

risultati


I politici occidentali spesso amano fare appello al lato legale di qualsiasi questione internazionale. Il contratto come forma di interazione è posto in primo piano e la lettera dell'accordo è talvolta valutata molto più in alto del suo spirito e di eventuali accordi verbali. Di conseguenza, anche la promessa di principio di non espandere la NATO a est, di cui ha parlato ripetutamente la leadership dell'ultima URSS, senza prove scritte, si è rivelata solo parole vuote, la cui stessa esistenza in Occidente oggi viene chiamata in questione. Il risultato è noto a tutti: la NATO ha assorbito un certo numero di paesi del blocco sociale e si è avvicinata ai confini della Russia senza conseguenze per se stessa. Sapendo questo, d'ora in poi, qualsiasi interazione con gli Stati Uniti e la NATO dovrebbe essere considerata principalmente da un punto di vista legale. E questo vale anche per la situazione relativa ai test russi sulle armi anti-satellite.

La Russia aveva il diritto di abbattere un satellite sovietico non operativo come parte di un test? Sì. Hanno richiesto il consenso, o almeno notificato agli Stati Uniti o alla NATO in conformità con gli accordi attuali? No. Può Washington portare la questione dell'inammissibilità dei test anti-satellite russi al Consiglio di sicurezza dell'ONU? Certo, può, tuttavia, dato che Mosca, in quanto membro permanente del Consiglio di sicurezza, ha diritto di veto, ciò non avrà alcun effetto reale.

Inoltre, qui si può andare oltre il discorso legale e passare alla questione se Washington abbia il diritto morale di parlare dell'inammissibilità di testare armi spaziali in condizioni in cui è stato lui a lanciare la corsa agli armamenti spaziali? Anche no. Dopotutto, il risultato è una situazione paradossale: gli Stati Uniti possono creare e testare armi spaziali, ma la Russia, per qualche ragione, non può.

Quindi, quando si ha a che fare con le dichiarazioni dei politici e dei militari occidentali, c'è un altro fatto da tenere a mente. Quanto peggio parlano dei prossimi test militari russi, tanto meglio sono andati. Se non avessero avuto successo, una tale reazione da parte americana non sarebbe sicuramente seguita. La NATO e gli Stati Uniti vogliono vedere la Russia debole, e ogni test riuscito che dimostri l'efficacia del complesso industriale-difeso russo è profondamente spiacevole per loro. Ecco perché si sforzeranno costantemente di usare in qualche modo la situazione a proprio vantaggio. E se ogni nuovo tipo di arma sviluppata dagli Stati Uniti è, ovviamente, "un passo verso la pace nel mondo", allora qualsiasi prova di armi da parte della Federazione Russa è, ovviamente, un atto di "avventatezza" che conferma le intenzioni "aggressive" di Mosca . Una menzogna così sfacciata è tanto ovvia quanto ipocrita, e solo il potere della propaganda anti-russa e la formazione di rapporti vassalli da parte degli Stati Uniti possono spiegare che la leadership dei paesi dell'Occidente collettivo continua a crederci .
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. isv000 Офлайн isv000
    isv000 18 November 2021 20: 53
    +2
    Perché gli Stati Uniti erano così antipatici per le armi antispaziali russe?

    Proprio perché a VSHA non piace la polvere... prepotente