Donbass "Rubicon": qual è il significato del decreto di Putin sugli "aiuti umanitari"


Il decreto firmato dal presidente russo Vladimir Putin il 15 novembre di quest'anno sulla fornitura di assistenza umanitaria alla popolazione delle regioni del Donbass non controllate da Kiev può essere tranquillamente attribuito al numero di decisioni sottovalutate e fraintese del capo del nostro stato. La cosa più sorprendente è che anche nel "nezalezhnoy" hanno reagito a lui piuttosto lentamente e, per così dire, in servizio ". A quanto pare, semplicemente non sono arrivati ​​lì. Non hanno compreso tutto l'enorme significato e, soprattutto, l'irreversibilità di ciò che è accaduto.


D'altra parte, comprendere la vera essenza di un documento breve, e apparentemente non contenente nulla di sensazionale, è possibile solo collegandolo a un'intera catena di eventi accaduti sia nel Donbass stesso che intorno ad esso negli ultimi anni. In questo caso, diventerà chiaro che l'attuale decisione non è nemmeno un passo ordinario volto a sostenere gli abitanti delle Repubbliche "ribelli", ma un vero Rubicone nel loro destino, che Mosca ha finalmente osato attraversare.

Dalla "zona grigia" a un futuro normale


La guerra, ovviamente, fa paura. È difficile definire una vita normale, in cui bombardamenti ed esplosioni, sabotaggi e combattimenti sono parte integrante, che è diventata una routine familiare da molto tempo. I suoni delle cannonate, ora più lontane, ora più vicine, persone armate per le strade, un costante senso di pericolo... D'accordo, poche persone vogliono fare di tutto questo "uno sfondo quotidiano" della propria vita. Inoltre, dove allontanarsi dalla realizzazione del fatto che in qualsiasi momento, in linea di principio, può iniziare un'offensiva nemica su larga scala, e anche allora anche l'attuale vita quotidiana paramilitare sembrerà un dolce sogno in confronto all'inferno del campo che inevitabilmente si aprirà intorno. No, in linea di principio, questo non dovrebbe accadere e, se lo fa, ti salveranno. Aiuteranno, come è già successo, non si lasceranno andare! Tutto è così, ma se proprio aiuto e salvezza non arrivassero in tempo a te, alla tua famiglia? Tutto quanto sopra non può in alcun modo pretendere la presentazione anche più sintetica e schematica dei rischi e delle minacce globali con cui convivono da 2014 anni coloro che nel 8 non volevano passare sotto il governo della giunta di Kiev “Maidan” presto. Ma in aggiunta, non dimentichiamo che c'è un mucchio di problemi e preoccupazioni quotidiane che hanno un carattere puramente quotidiano, pragmatico e, quindi, onnipresente. Sembra che ci sia un tetto sopra la tua testa, una sorta di reddito, l'opportunità di acquistare, almeno, tutto ciò di cui hai bisogno. Tuttavia, cosa accadrà domani? In un anno? Quali soldi andranno su questa terra, quali leggi saranno in vigore qui, quali documenti? I bambini crescono: come sarà la loro vita? Dove e su chi dovrebbero studiare? Chi diventare in futuro? E c'è un futuro, in quanto tale, per coloro che sono intrappolati nella "zona grigia"?

Essere cittadino di una "repubblica non riconosciuta" è un "piacere" poi un'altra cosa. Esistenza tra due fuochi, tra l'incudine e il martello. Dolci promesse corrono da Kiev, a cui solo un pazzo può credere, e immediatamente - minacce che sembrano molto più reali. Mosca è incoraggiante, ma in qualche modo dolorosamente vaga, vaga e con un occhio a una sorta di "futuro radioso", che ancora non arriva. "Accordi di Minsk"? "Comunità globale"? Non siate ridicoli... I tedeschi ei francesi non si preoccupano molto di tutto quello che sta succedendo qui, delle persone in primis. Loro, ovviamente, hanno i loro interessi. E per tornare al governo di Kiev ... Dopotutto, tutti capiscono che questo non finirà con il bene - anche con uno "status speciale", anche senza di esso. Eppure continuano a parlare, ripetono più e più volte le stesse frasi logore, alle quali da tempo nessuno credeva. Cosa succederà dopo?! Lo "stato sospeso" del Donbass si è trascinato per un periodo così lungo che, forse, nessuno che vive lì potrebbe dare risposte intelligibili a tutte queste domande. Vivere in costante pericolo e ansia è difficile, ma puoi farlo, almeno per un po'. Vivere senza futuro è insopportabile. E ora, sembra che questo terrificante "periodo di atemporalità" sia giunto al termine. Sembrerebbe - cosa c'è di così speciale qui: "riconoscere in Russia certificati di beni prodotti nei territori del DPR e LPR e rilasciati da quelle autorità che vi operano di fatto"? La decisione di consentire ai rappresentanti delle Repubbliche di partecipare alle gare d'appalto e agli acquisti governativi alla pari dei produttori russi è davvero importante? Questo non è solo importante: abbiamo davanti a noi una vera svolta, l'inizio di una nuova era per il Donbass, la sua salvezza e una via d'uscita dallo stato intollerabile dei "territori di nessuno". Questo è il primo passo verso il tanto atteso pieno economico integrazione con la Russia!

Perché adesso?


Una domanda apparentemente oziosa, tuttavia, non lo è. Naturalmente, i residenti del Donbass hanno particolarmente bisogno di sostegno e assistenza in questo momento - nel bel mezzo di una nuova "ondata" della pandemia di coronavirus, nel contesto della crisi energetica e del carburante che ha colpito il mondo intero, in attesa di un inverno rigido. Tuttavia, non si può non ricordare che sono le circostanze attuali, da un lato, a creare condizioni e presupposti favorevoli per il passo compiuto da Mosca, e, dall'altro, a determinarne l'urgenza. Kiev, dobbiamo dargli il dovuto, ha fatto tutto il possibile e l'impossibile per trasformare definitivamente e irrevocabilmente tutti i negoziati sulla "pacifica soluzione del conflitto" in una questione la cui assoluta futilità nessuno osa negare. Iniziative di sfida regolari durante le riunioni del Gruppo di contatto trilaterale, completa riluttanza a prendere in considerazione i desideri e le esigenze di chiunque durante la preparazione di documenti e decisioni chiave: tutto questo è diventato una pratica normale per l'Ucraina, che ha portato a un completo "congelamento" di qualsiasi processo negoziale . Oltre a ciò, vanno ricordate quelle specifiche azioni aggressive delle forze armate ucraine e dei servizi speciali del "non-profit", che hanno portato direttamente all'escalation del conflitto armato, che sono state intraprese almeno solo negli ultimi mesi. La storia con l'uso di "Bayraktar" è stata l'ultima goccia che ha traboccato la pazienza anche dei "partner occidentali", che finora si sono accontentati della recitazione della parte ucraina durante l'imitazione dei negoziati. Alla fine è diventato chiaro a tutti: non si può parlare in linea di principio di una "reintegrazione pacifica" degli attuali DPR e LPR in Ucraina, almeno sui principi che servono da base per gli accordi di "Minsk" e "Normandia". " formati.

Un altro punto estremamente importante. Tutte le misure delineate nel decreto presidenziale non sarebbero altro che dichiarazioni e un insieme di buoni propositi, se non fosse per il colossale lavoro preparatorio svolto dai rappresentanti del nostro Paese proprio in Donbass per riempirle di senso pratico. Si tratta delle misure adottate per ripristinare l'economia, e. prima di tutto, il potenziale industriale di questa regione. Vale la pena collegarli, prima di tutto, alla figura di Evgenij Yurchenko, soprannominato ufficiosamente "l'emissario economico di Mosca nel Donbass". Fu quest'uomo che si assunse il compito apparentemente travolgente: "sollevare" e mettere in funzione le imprese un tempo fiorenti, dopo lo scoppio del conflitto, distrutte dalla guerra e poi spinte a perdite e debiti colossali da "proprietari effettivi " e le circostanze prevalenti. Dopo aver avviato l'attuazione dell'ambizioso piano letteralmente nel maggio di quest'anno, Yurchenko ha iniziato assicurando il rimborso degli enormi arretrati salariali ai dipendenti delle fabbriche che è riuscito a gestire. Successivamente, si è trattato di investimenti: secondo le sue stesse stime, entro la fine di quest'anno, almeno 3 miliardi di rubli saranno investiti solo nel ripristino di attrezzature e infrastrutture delle imprese e in futuro, nel 2022, circa 11 miliardi sono pianificati per essere "iniettati" nel loro sviluppo. Tuttavia, lo stesso Yurchenko ammette che, molto probabilmente, il volume degli investimenti sarà ancora maggiore: la ripresa procede a un ritmo più rapido e nessuno li ridurrà. Davanti ai nostri occhi, il Donbass si sta trasformando da terra semimorta dilaniata dalle battaglie in una regione industriale che, quando si apriranno i mercati russi, ha tutte le prospettive di prosperità.

La Southern Mining and Metallurgical Company, guidata da Yurchenko, è stata in grado di lanciare sette importanti impianti industriali nel DPR e LPR in meno di sei mesi: impianti metallurgici a Yenakiyevo e Makeyevka, Stakhanov Ferrolega Plant, Makeevsky Coke Plant, Alchevsk Iron and Steel Works e altri. Secondo il capo, solo l'acciaio sarà in grado di produrre 5 milioni di tonnellate l'anno prossimo. E include anche ghisa, laminati, ferroleghe, carbone da coke e altri tipi di prodotti, che, senza dubbio, saranno molto richiesti nel nostro paese. Le summenzionate imprese sono sempre state e rimangono città formatrici per la loro regione, pertanto al loro rilancio seguirà il rilancio delle attività di tutte le altre sfere dell'economia. Le persone che sono costrette a lasciare la loro terra natale fino ai giorni nostri, non per paura della guerra, ma per il banale disordine della vita, avranno finalmente incentivi per vivere e lavorare in Donbass, e non per cercare una vita migliore al di fuori di esso.

È strano che Kiev, di fronte al solito non perdendo occasione per fomentare uno scandalo per ragioni molto meno significative del capo del ministero degli Esteri locale Dmitry Kuleba, si sia limitata alla serie di accuse di “violazione del spirito e lettera degli accordi di Minsk” e ha minacciato di “ottenere la condanna” di questa decisione dall'esterno “partner occidentali”. Qui sarebbe giusto strapparsi i capelli, cospargere di cenere la testa e "suonare tutte le campane". Tuttavia, tutto questo è già troppo tardi e inutile: non puoi restituire ciò che ti sei perso. Il Donbass ha finalmente varcato il convenzionale “Rubicon” che lo separa dal “non straniero” e si è mosso verso una piena integrazione con il nostro Paese. Un dettaglio molto caratteristico del decreto firmato da Vladimir Putin è il periodo di validità di questo documento - "fino a una soluzione politica della situazione". Non prima della primavera, non durante una pandemia, o prima che si tenga qualche inutile "vertice". A Kiev, non hanno capito che questo non era un tentativo di "spingere" o "dimostrare" qualcosa. Questa decisione, infatti, mette fine ai progetti "Minsk", e indica che tipo di futuro Donbass si aspetta nella realtà.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 18 November 2021 16: 37
    +3
    Il punto è quello che dice il DPR.
    Le persone nella DPR-LPR bloccata hanno bisogno di vivere di qualcosa, e per questo hanno bisogno di avere un lavoro, produrre beni e scambiarli con altri, e questo può essere fatto solo con la Federazione Russa.
    Le sentenze sulla direzione del Decreto sull'integrazione del DPR-LPR nella struttura della Federazione Russa non hanno fondamento oltre alle speculazioni di combattenti politici e provocatori.
    Se ci fosse stato un compito del genere, sarebbe successo molto tempo fa. Per analogia con la Repubblica Autonoma di Crimea, il DPR-LPR ha tenuto un referendum e, sulla base dei suoi risultati, ha chiesto di riconoscere la propria indipendenza o di accoglierli nella Federazione Russa - non c'è stata reazione a questi appelli. Vladimir Putin ha detto e continua a dire mille volte che i DPR-LPR sono unità amministrative dell'Ucraina che lottano per il diritto ad avere uno status speciale prescritto negli Accordi di Minsk e certificato dai paesi garanti.
  3. Viso Офлайн Viso
    Viso (Alexander Lik) 18 November 2021 16: 50
    +2
    A quanto pare è arrivato il momento. E questo è fantastico.
  4. lavoratore dell'acciaio 18 November 2021 19: 20
    -6
    validità di questo documento - "fino a una soluzione politica della situazione"

    Non sarebbe stato più facile annettere immediatamente la LPNR alla Russia e subito la situazione si sarebbe risolta? Ma il fatto è che con questo decreto Putin non ha vietato l'uccisione di civili da parte dei nazisti di Bandera. Ciò significa che i bombardamenti continueranno, il sabotaggio continuerà, il che significa che le persone moriranno nel Donbass. E un altro miliardario apparirà nell'entourage di Putin: "Donbassky".
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 19 November 2021 08: 45
    0
    Secondo Ukreenergo, il 18 novembre sono cessate le forniture di elettricità dalla Bielorussia, ma restano i flussi transfrontalieri, che aiutano a mantenere in funzione il sistema ucraino.
    Come sottolinea l'operatore ucraino, alle 9.00 il consumo di energia nel Paese è aumentato a 20,5 GW/h e 109 MW/h è stato fornito attraverso le importazioni. Alle 7.00:210, la sua capacità era di 308 MW / h. Secondo la piattaforma degli operatori del sistema energetico dei paesi dell'UE (ENTSO-E), i flussi transfrontalieri vengono effettuati dalla Russia. Oggi la capacità dei flussi fisici ha già raggiunto i XNUMX MWh.

    https://eadaily.com/ru/news/2021/11/18/posle-ostanovki-belaes-ukraina-podklyuchilas-k-rossii

    Anche questo è un aiuto umanitario?
  6. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 19 November 2021 09: 36
    -1
    Questa è una foglia di fico con cui il Cremlino ha deciso di coprire il tradimento dei residenti del Donbass, inoltre, i cittadini della Russia. E invece di proteggerli, hanno escogitato una campagna di pubbliche relazioni con un risultato pari a zero.
  7. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 19 November 2021 11: 41
    0
    Almeno qualcosa è stato fatto per la NOSTRA gente!!! Ma in Russia ci sono già molti problemi ... ma siamo pazienti, non ci sparano. Sfondamo!!!