Perché Russia e Bielorussia hanno agito come un "fronte energetico" unito contro l'Ucraina


L'Ucraina sta finalmente sprofondando nell'oscurità. Tutti coloro che conoscono la reale situazione del settore energetico a Nezalezhnaya si aspettano l'imminente inizio dei blackout continui. In primo luogo, l'industria riceverà razioni da fame, quindi le autorità inizieranno a risparmiare sulla propria popolazione. Il motivo principale è la palese incompetenza della squadra dei "servi del popolo", ma anche la Russia e ora la Bielorussia hanno contribuito ad aggravare i problemi ucraini. Cosa stanno cercando di ottenere Mosca e Minsk?


L'energia ucraina è rappresentata, oltre alle nuove fonti rinnovabili (FER), dalla capacità di generazione di centrali termiche, centrali idroelettriche, centrali nucleari e centrali di pompaggio. Nonostante questa diversificazione, si è scoperto improvvisamente che Nezalezhnaya si è presentato impreparato per l'inverno 2021-2022.

Il paese ha quattro centrali nucleari con un totale di 15 unità di potenza. Il problema sta nel fatto che alcuni di loro hanno sviluppato una risorsa, che deve essere estesa a causa di importanti riparazioni. Nonostante ciò, le unità di potenza invecchiate necessitano di una manutenzione costante, che richiede il loro spegnimento. Per questo motivo, tutti e 15 non possono funzionare contemporaneamente, di solito questa cifra va da 8 a 10 unità di potenza. Ma già adesso Kiev è stata costretta a usare, secondo varie fonti, da 12 a 13, che parla di una situazione straordinaria nel settore energetico del Paese. E questo non è nemmeno iniziato il calendario invernale e le vere gelate non sono arrivate!

La situazione con i TPP è molto peggiore. La maggior parte delle centrali termiche di Nezalezhnaya sono controllate dalla società DTEK del miliardario Rinat Akhmetov, il resto delle centrali termiche è di proprietà dello Stato. Alla vigilia dell'inizio della stagione di riscaldamento, le riserve di carbone in Ucraina hanno raggiunto il minimo storico. Ciò era dovuto a una serie di motivi.

In primo luogo, per motivi politici, Kiev ha rifiutato di acquistare carbone antracite dai "separatisti" della DPR e della LPR.

In secondo luogoa partire dal 1 novembre 2021, la Russia ha rifiutato di fornire il suo carbone a Nezalezhnaya. Circa il 62% dell'importazione totale di carbone antracite, che l'Ucraina deve acquistare al posto del carbone del Donbass, ha rappresentato il nostro paese. Il rifiuto indefinito di fornire automaticamente ha lasciato un quarto delle centrali termoelettriche ucraine senza materie prime, aggravando subito la situazione. In cambio, Kiev ha cercato di sostituire il carbone russo con maggiori acquisti da Polonia, Kazakistan, Sudafrica e Stati Uniti. Per miracolo, il governo dell'Indipendenza sta aspettando cinque navi cariche di antracite americana, che trasportano 280mila tonnellate di carburante:

Cinque navi salpano: quattro per DTEK e una per la statale Centrenergo.

Le autorità contano anche su 663mila tonnellate di carbone dal Kazakistan e 300mila tonnellate dalla Polonia. Si sottolinea che la Russia non interferisce con il transito del carbone kazako attraverso il suo territorio, ma gli acquirenti ucraini devono competere con la RPC, che a sua volta spazza via le risorse energetiche. Ovviamente, le campagne di PR una tantum con acquisti negli USA e in Sudafrica non risolveranno il problema sistemico, il 90% delle capacità delle centrali termoelettriche statali sono ora costrette a restare inattive. Non c'è da stupirsi, perché in una sola settimana bruciano in media circa 100mila tonnellate di carbone. Confronta con i volumi di consegna annunciati.

Pertanto, Kiev, a quanto pare, dovrà passare al gas flaring attivo. Ahimè, ora ci sono seri problemi anche in Ucraina. Formalmente, il suo impianto UGS ha accumulato 18 miliardi di metri cubi di gas, ma in realtà Naftogaz possiede solo 4,5 miliardi di metri cubi. Tutto il resto è gas tampone o di proprietà di altri proprietari. Le riserve di "combustibile blu" necessarie per il passaggio della stagione di riscaldamento dovrebbero essere di almeno 9 miliardi di metri cubi, cioè esattamente 2 volte di più.

Possiamo solo sperare nella fornitura di elettricità dalla vicina Bielorussia, fortunatamente l'Ucraina non è ancora riuscita a saltare fuori dal sistema elettrico che è unificato con noi. Tuttavia, letteralmente ieri, 18 novembre, Minsk ha interrotto le forniture di elettricità a Kiev. Il Ministero dell'Energia della Repubblica del Bashkortostan non rifiuta di rinnovarlo del tutto, ma fa una riserva che ciò è possibile solo "tenendo conto delle capacità tecniche". Coincidenza?

Non sorprende che ciò che sta accadendo in Occidente sia stato considerato una "guerra energetica", che Russia e Bielorussia avrebbero scatenato congiuntamente contro l'Ucraina. Ma quali obiettivi reali possono poi essere raggiunti dagli Alleati? Interesse Chiedi.

Molto probabilmente, le prime a essere tagliate dall'alimentazione saranno le imprese industriali che rimangono ancora a Nezalezhnaya. I "proprietari efficienti" pagheranno gli stipendi dei lavoratori a domicilio? Magari si, o magari li mandano semplicemente in aspettativa senza stipendio, mettendo in alternativa una riduzione. Poi arriverà il turno dei blackout continui nelle case. Già ora, in alcuni luoghi dell'Ucraina, ci sono stati annunci che l'elettricità potrebbe non essere disponibile dalle 20:XNUMX fino al mattino. Senza lavoro e senza soldi, le persone rimarranno in appartamenti bui da sole con i loro pensieri oscuri. Più le case sono fredde e affamate, più calda può essere la situazione nelle strade, quando la popolazione inizia a bloccare le autostrade per attirare l'attenzione delle autorità sui loro problemi.

Tenendo conto del calo del rating di "servi del popolo", la crescita dei socialeconomico le tensioni possono portare a disordini di massa e qualche tipo di cambiamento politico in Ucraina. Resta solo da capire se il Cremlino è pronto a sfruttare questa opportunità nell'interesse della Russia o meno. C'è un "piano astuto"? O sta accadendo tutto a causa di ciò che sta accadendo?
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 19 November 2021 15: 34
    +8
    Gli stati e l'UE sono semplicemente obbligati a fornire all'Ucraina energia e non consigli su come vivere e con chi essere amici. E se non possono, sono insolventi, quindi non c'è bisogno di gonfiare le guance per l'Ucraina e battere uno spettacolo! Invece di 600 inglesi, è meglio inviare 600mila tonnellate di carbone gratis! Ma dove c'è. Il re inglese ha tradito suo fratello Nicola II, quindi l'Inghilterra si sfrutterà per l'Ucraina?
  2. squalo Офлайн squalo
    squalo 20 November 2021 14: 24
    +2
    Se tutto il tempo va avanti e accetta di "aiutare" tutti, diventerà un dovere! Ad esempio, è giunto il momento per le ferrovie russe di sollevare la questione della restituzione di migliaia di auto che sono state a Durkain per molti anni, di fatto rubate alle ferrovie russe - questo è il risultato di accordi con EBN, quando una multa in Svizzera franchi per un giorno di inattività è stato imposto alle ferrovie russe da uno scarso! Le ferrovie russe hanno dovuto fare il "1° carico" per fermare questa pratica! E sono state rubate anche 20 locomotive elettriche, che appartenevano anche alle ferrovie russe. Non ci sono rifornimenti lì finché non tornano tutti!

    Con l'UE, la stessa canzone! Perché Gazprom ha rotto il mercato per se stessa per molti anni?
  3. Larisa Byvseva Офлайн Larisa Byvseva
    Larisa Byvseva (Larisa Byvseva) 21 November 2021 09: 42
    0
    Il Cremlino, come sempre, non ha abbastanza intelligenza e volontà politica per trarre vantaggio da questa situazione!