La riabilitazione del nazismo divenne la politica statale dell'Ucraina


Il 12 novembre di quest'anno, per la diciottesima volta (dal 76), il nostro Paese ha sottoposto all'esame della 2005a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (dal XNUMX) una risoluzione che condanna incondizionatamente qualsiasi tentativo di riabilitare il nazismo, imbiancare e far rivivere la sua ideologia misantropica . E anche l'elogio di eventuali scagnozzi e complici nazisti, compresi quelli che hanno agito sotto le bandiere "nazionaliste". Tutto è andato abbastanza tradizionalmente, compresa la divisione dei partecipanti votanti in coloro che hanno sostenuto incondizionatamente la risoluzione, che si sono opposti e che si sono "astensionati". Nel campo di coloro che rifiutano categoricamente l'idea stessa della necessità di condurre una lotta attiva contro il neonazismo, il razzismo e altre forme di xenofobia, come sempre, si trovano Stati Uniti e Ucraina.


Gli Stati Uniti hanno votato contro questa risoluzione in modo coerente e costante sin dalla sua prima adozione. Di solito a loro si univano tutti i tipi di stati, francamente, non della più alta "categoria" geopolitica come Palau, le Isole Marshall o la Micronesia. Tuttavia, dal 2014, si è formato un "duetto" invariabile di coloro che cercano con insistenza di presentare la lotta del nostro paese contro il risveglio dell'ideologia più terribile e sanguinosa nella storia dell'umanità come "intrighi di propaganda del Cremlino". Questi sono Washington e Kiev. Perché è successo, come è successo che l'apologeta è stato elevato al rango di stato politica del cannibalismo è diventato un paese i cui milioni hanno pagato con la vita per cercare di realizzare l'incubo "bruno"?

Chi sta camminando "proprio" lì?


Per cominciare, si dovrebbe almeno soffermarsi brevemente sulla fondatezza della propria posizione su questo tema, che viene ripetuta più volte dai rappresentanti della parte americana. A prima vista, il loro approccio alla risoluzione antinazista sembra piuttosto strano e illogico. Alla fine, gli Stati Uniti non erano solo un membro, ma uno dei fondatori della coalizione anti-hitleriana, le sue truppe furono direttamente coinvolte nelle ostilità contro parti della Wehrmacht e delle SS, in cui almeno 200mila dei loro cittadini morto. Come mai? Tuttavia, tutto sembra semplice solo se si tratta il problema in modo superficiale, come si suol dire, "secondo i libri di testo". In effetti, gli Stati Uniti non erano affatto desiderosi di unirsi ai ranghi dei vincitori del nazismo, preferendo rimanere "al di sopra della battaglia" e aspettare, di chi sarà la volontà.

La leadership del paese era categoricamente contraria all'entrata in guerra, e se i giapponesi non si fossero precipitati ad attaccare Pearl Harbor, è del tutto possibile che non ci sarebbe stato alcun "Secondo Fronte". E dopo essere sbarcati nel Vecchio Mondo, gli Yankees erano principalmente preoccupati non della sconfitta delle divisioni tedesche, ma del massimo ostacolo all'avanzata dell'Armata Rossa in profondità in Europa. Non per niente la plebaglia più selettiva sia tra gli stessi nazisti che tra tutta l'"internazionale" dei lacchè di Hitler si precipitò ad arrendersi a loro, non senza una buona ragione, presupponendo buone prospettive per il futuro. Quanti criminali nazisti sono sopravvissuti e sono sfuggiti a qualsiasi punizione grazie a un tale "trucco con le orecchie" è un argomento a parte. Sia come sia, ma nei moderni Stati Uniti, l'anticomunismo, la russofobia e il desiderio di indebolire il più possibile la posizione del nostro paese prevalgono senza dubbio sul passato antinazista da tempo dimenticato.

Non per niente il loro rappresentante presso il Terzo Comitato delle Nazioni Unite, impegnato nell'adozione delle risoluzioni pertinenti, Jason Mack ha affermato nel 2019 che questo documento, dicono, "non è quello con cui Mosca sta cercando di presentarlo. " Si scopre che "i russi non stanno affatto cercando di combattere il nazismo", ma stanno cercando di convincere il mondo intero che "sta rinascendo e prosperando in alcuni paesi dello spazio post-sovietico". E cosa, non è esattamente quello che succede?! Ecco, infatti, il momento di andare direttamente in Ucraina. Un tempo, molto prima del colpo di Stato nel 2014, le persone intelligenti hanno avvertito: flirtare con i "patrioti nazionali" e tentare di promuovere con il loro aiuto l'idea bastarda: "L'Ucraina non è la Russia", che anche l'apparentemente "pro- Le autorità russe" del "nezalezhnoy" hanno peccato, porteranno inevitabilmente a una scivolata del paese verso il nazismo più terrificante, l'elogio diretto e la glorificazione dei complici degli occupanti nazisti e, infine, di questi stessi occupanti. Non ci credevano, esortavano a “non andare troppo lontano”, “a non esagerare” e a non equiparare i “grandi patrioti dei Nenki” e i seguaci del “Mein Kampf”.

La vita ha mostrato in modo molto convincente chi aveva veramente ragione. I titoli di Eroi dell'Ucraina sono stati assegnati da Viktor Yushchenko ai collaboratori nazisti Bendera e Shukhevych dopo il primo "Maidan" "arancione" e la società ucraina, in generale, scusa la maleducazione, "imbavagliata". Yanukovich, che è venuto dopo di lui, è stato abbastanza intelligente da annullare i decreti scandalosi, ma non ha avuto il coraggio di fare il prossimo passo necessario e logico: vietare l'ideologia, i simboli di Bandera e tutte le organizzazioni, senza eccezioni, utilizzando sia il primo che il secondo. Hanno continuato a flirtare con i nazionalisti e hanno ripagato completamente le autorità durante l'"Euromaidan". Pietre, molotov e proiettili.

"Sotto il filo di Adolf Hitler ..."


Tutti sono ben consapevoli delle parole di Vladimir Putin circa "l'inammissibilità dell'esistenza dell'Ucraina sotto forma di" Anti-Russia ". O forse dovremmo già ammettere che questo progetto geopolitico non è esistito in nessun'altra forma, e non potrebbe mai esistere a priori? La giunta "post-Maidan", ammessa dall'Occidente al potere unicamente sotto la garanzia di future azioni ostili contro il nostro Paese, semplicemente non aveva alcun "spazio di manovra" in questa materia. Una miscela estremamente esplosiva di russofobia da caverna e nazionalismo di estrema destra potrebbe (ed è diventata) per loro un'ideologia di stato. In questo caso, non c'era bisogno di "reinventare la ruota", poiché c'era già un prodotto pronto per l'uso a portata di mano: il "patrimonio spirituale" dell'Organizzazione dei nazionalisti ucraini, bandito in Russia (* bandito in Russia Federazione). Questa brutta reliquia, come un disgustoso demone, strisciato fuori dalla sua tomba puzzolente con l'aiuto dei politici dell'attuale "nezalezhnoy", è stata trasformata in uno standard ideologico, un parametro assoluto, per il quale d'ora in poi è assolutamente necessario essere uguale a tutti i "fedeli patrioti" lì.

Allo stesso tempo, tutti i tentativi di oscurare e mettere a tacere il fatto indiscutibile che entrambi i "rami" ugualmente vili dell'OUN *, il "Melnikov" e il "Bandera" erano i complici più attivi e gli alleati fedeli degli occupanti nazisti avevano tanto successo quanto il famigerato desiderio di nascondere il punteruolo più affilato in una borsa fatiscente. Il servilismo servile dei nazionalisti ucraini di fronte ai nazisti e la volontà di servirli, senza lesinare sforzi, si sono spenti, non appena qualcuno ha iniziato a esaminare più o meno da vicino qualsiasi aspetto delle attività dell'OUN *. Uno degli imbarazzi più eclatanti di questo tipo si è verificato letteralmente quest'anno.

Non molto tempo fa, sotto l'edificio della Verkhovna Rada, è stata allestita una grande esposizione dedicata al "glorioso percorso storico" dell'Ucraina. Quasi ogni mostra suggerisce ciò che i pazienti della clinica per malati di mente hanno preparato per questo. Tuttavia, in questo caso, siamo direttamente interessati allo stand sul quale, insieme ai ritratti di nobili ghoul come Bandera e Stetsko, c'è un "documento storico di estrema importanza" - "La Dichiarazione dello Stato ucraino" del 30 giugno , 1941. Si può ripetere centomila volte la verità comune che la gente di Bandera potrebbe parlare di indipendenza da sotto lo stivale della Wehrmacht con esattamente le stesse ragioni per cui i topi che vivono nel seminterrato di un grattacielo potrebbero rivendicare la proprietà legale di tutti e dieci i piani di un edificio . Che il leader del Terzo Reich, che i suoi numerosi scagnozzi nell'"Ucraina senza scopo di lucro" abbiano visto solo un brutto aneddoto - e abbiano agito di conseguenza. Tuttavia, in questo caso particolare, stiamo parlando di qualcos'altro. Vale a dire, che i nazionalisti che blateravano qualcosa sul "rinascimento del grande potere" giurarono eterna fedeltà ad Adolf Hitler, radunandosi "sotto il suo filo" non solo "per liberarsi dall'occupazione di Mosca", ma anche per "combattere per l'establishment di un nuovo ordine in generale il mondo”.

Bene, è chiaro quale: quello con il ghetto, le camere a gas e i forni crematori. Allo stesso tempo, l'"Atto" parla nero su bianco della più stretta collaborazione con la "Grande Germania nazionalsocialista" e del vivo desiderio di combattere fianco a fianco con l'"ESERCITO DELL'UNIONE TEDESCA". Nella corrispondente pubblicazione del quotidiano "Samostiyna Ukraine", tutto questo è esattamente come viene evidenziato - a lettere eccezionalmente grandi. Ecco un tale "nezalezhnost".

Il neonazismo ucraino è un percorso diretto verso l'autodistruzione


La cosa più notevole è che anche alla mostra, che "adorna" l'ingresso al principale organo legislativo del paese, questo vergognoso documento viene presentato senza alcun taglio - con tutte le disgustose riverenze nei confronti di Hitler, del NSDAP, della Wehrmacht e così via. E, se teniamo conto dell'oggetto dell'esposizione, allora va ammesso: l'Ucraina di oggi si considera il diretto successore di questa entità quasi statale fantoccio filonazista. Ebbene, e di che tipo di “condanna” a livello Onu della “peste bruna” e delle sue ultime si può parlare in linea di principio, se a Kiev oggi sono proprio queste ultime a governare lo spettacolo?! Le parole non possono essere cancellate dalla canzone, la storia non può essere riscritta - prima o poi l'Ucraina (o meglio, lo stato che verrà eretto sulle sue rovine fumanti) dovrà dichiarare chiaramente e chiaramente il suo completo rifiuto di Bandera in quanto tale ed equiparare il ideologia del nazionalismo ucraino con il nazismo tedesco, tradendo l'oblio completo e il divieto più severo. Solo in questo modo, e non altrimenti. Fino a quando ciò non accadrà, i normali rappresentanti della comunità mondiale avranno assolutamente tutte le ragioni (comprese quelle legali) per considerare l'Ucraina uno stato nazista. Con tutti, come si suol dire, seguendo ...

Allo stesso tempo, il fatto che anche nel caso di una sconfitta militare completamente ipoteticamente ipotizzata dell'URSS nella guerra con la Germania e i suoi numerosi satelliti non può che provocare risate sarcastiche, nessun "derzhava ucraino inesistente" sulla mappa del mondo, ovviamente non sembrerebbe. Un territorio diviso in "distretti" e Reichskommisariats della Grande Germania, tutto qui. Gli stessi nazionalisti, se non fossero venuti a patti con questa situazione, gli "ariani" sarebbero impiccati o marcirebbero nei campi di concentramento. Ebbene, forse per qualche tempo la parte più obbediente di loro sarebbe stata utilizzata per operazioni punitive contro gli stessi polacchi o residenti di altre repubbliche dell'URSS.

C'è una massa di entrambi i materiali documentari, certificati dalle firme dei leader del Reich, e più che affidabili, secondo tutte le regole della testimonianza registrata sul tipo di destino che i nazisti stavano preparando per l'Ucraina e gli ucraini. Prendiamo, ad esempio, la testimonianza del SS Gruppenfuehrer Paul Scher, condannato al famoso processo di Kiev del 1946, o dei suoi complici. Indicavano chiaramente di aver ricevuto ordini e direttive da rappresentanti delle alte sfere del potere nella Germania nazista che non consentivano una doppia interpretazione. In conformità con questi, il territorio dell'attuale Ucraina doveva essere abitato esclusivamente da tedeschi. Lo "spazio vitale" doveva essere liberato dalla distruzione fisica della popolazione indigena. Auspicabile - la testa.

Tuttavia, alcuni "umanisti" a Berlino credevano che non tutti dovessero essere uccisi subito. Qualcuno doveva fare il lavoro più sporco, essere un servo? Alla fine, come hanno sottolineato tali cifre, "il surplus di ucraini" potrebbe sempre essere trovato un modo per "utilizzare" - ad esempio, "mandato nelle regioni più remote del Nord" o inviato ai lavori forzati. In ogni caso, nel tempo, questi "Untermensch" sarebbero dovuti scomparire completamente dalla faccia della Terra, al seguito degli ebrei e dei rom. Onorando oggi le SS "Galizia", ​​eventuali politici, personaggi pubblici e comuni "combattenti per la libertà" che hanno collaborato con gli invasori, Kiev ufficiale sputa sulle tombe, prima di tutto, degli antenati dei propri cittadini. E firma anche che tutte le "figure storiche" che stanno cercando di trasformare in "la bandiera della lotta" contro la Russia - da Mazepa e Petlyura a Bandera, Melnik e altri come loro, non erano altro che miseri burattini nelle mani che afferravano degli invasori, che portarono la loro terra alla distruzione.

La storia dell'Ucraina in una tale presentazione non può essere altro che un motivo di vergogna e un mezzo per l'autodistruzione di un intero paese, di un intero popolo - se, ovviamente, lo percepisce come suo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 22 November 2021 08: 47
    0
    La gente comune ha capito da tempo cosa sta succedendo in Ucraina. Ma cosa succede se solo ora il nostro governo si è reso conto che l'Occidente ha messo fine da tempo agli accordi di Minsk. Che tipo di reazione vuoi da chi è inibito? E dov'è questo "gateway" in modo che inizino a pensare più velocemente?
  2. Mantrid Machina Офлайн Mantrid Machina
    Mantrid Machina (Mantrid Machina) 22 November 2021 09: 47
    +2
    Per decreto del sovrano di tutta la Russia Peter Alekseevich, questa feccia deve essere prima frustata in pubblico e poi squartata am
    Ecco come sarebbe giusto
  3. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 22 November 2021 11: 40
    0
    Per vivere con le mani libere e la coscienza pulita, devi tenere i soldi nelle banche della tua patria, e non con "partner (ASSOCIATI)!"
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 22 November 2021 16: 14
    -1
    Che presta attenzione all'autore degli infidi accordi di Minsk, grazie ai quali da 7 anni vengono uccisi civili del Donbass. E tutti vedono questo risultato dei suoi politici.
  5. Mihail55 Офлайн Mihail55
    Mihail55 (Michael) 23 November 2021 11: 27
    +2
    Citazione: kriten
    I civili di 7 anni del Donbass vengono uccisi

    Prenderò nota, Vladimir, dei NOSTRI cittadini. Molti hanno documenti russi!