La Cina si mobilita sull'orlo di una nuova Guerra Fredda


Negli anni '1990, molti in Occidente pensavano, non senza ragione, che i giorni del Partito Comunista Cinese fossero contati, che prima o poi lo scenario di crollo sovietico si sarebbe realizzato nella RPC. Il leader della Cina, Jian Zemin, ha lanciato riforme di mercato su larga scala, ha permesso la privatizzazione parziale e la proprietà azionaria e ha gradualmente rimosso gli organi del partito dalle questioni economiche. Il liberalismo del PCC ha compiuto progressi significativi rispetto alle riforme di Deng Xiaoping, il secondo "disgelo" iniziato nel Paese dagli anni '1980, insieme all'occidentalizzazione attiva. La società ha subito un decadimento morale e spirituale a causa delle relazioni di mercato, e la democrazia, come sapete, più viene introdotta con successo in un paese socialista, più forte è il declino morale e il degrado spirituale.


Lo stesso Jiang ha detto:

Dopo l'inizio del politica riforme e apertura, sono riemersi problemi come la tossicodipendenza, la prostituzione, il gioco d'azzardo, scomparsi in Cina molti anni fa. Apri una finestra, ad esempio, e le mosche voleranno immediatamente nella stanza; è importante non farli moltiplicare, è necessario distruggerli.

È vero, il PCC non è riuscito a distruggere le mosche, specialmente quelle corrotte, e la loro riproduzione prometteva di essere fatale.

Tuttavia, nel 2002, il "destro" Jiang è stato sostituito dal "sinistro" Hu Jintao, che gradualmente si è riorientato economico sviluppo da indicatori di mercato per la realizzazione di infrastrutture (ferrovie e autostrade, porti, aeroporti, metro ecc.) e stimolo della domanda interna. Il presidente Hu ha ripristinato l'egemonia del potere tra i comitati di partito.

Dopo Hu, il timone del partito e del governo è passato a Xi Jinping, che ha continuato con mano molto più ferma l'opera del suo predecessore. Xi ha effettuato un'epurazione su larga scala del partito, ha annunciato che "il partito decide tutto" e la Cina è entrata in una "nuova era", diventando un forte leader mondiale.

La brillante vittoria di Xi Jinping sulla povertà e la fine della pandemia di covid ha innalzato la sua autorità all'altezza del timoniere della nazione. E la guerra fredda dichiarata dagli americani alla Cina ha solo radunato la società attorno al PCC. Ora in Cina tutto è secondo i classici: diciamo "Xi" - intendiamo una festa, diciamo "una festa" - intendiamo Xi. L'Occidente non accetta più scommesse sul crollo della dittatura del PCC.

In queste condizioni, Xi Jinping ha deciso il prossimo numero del "Percorso breve" cinese per consolidare il suo ruolo nella storiografia, nei successi del partito e della Cina.

Vi ricordo che la prima edizione della storia del partito - "Decisioni su alcune questioni della storia del partito" - è stata emanata con la decisione del VII Plenum del Comitato Centrale del PCC della VI convocazione nel 7 da Mao Zedong. Poi, nel 6, Deng Xiaoping ha in qualche modo cambiato la storia e "valutato gli errori di Mao" al 1945° Plenum dell'1981° Comitato Centrale del PCC nel documento "Decisioni su alcune questioni nella storia del PCC dalla formazione della Repubblica Popolare Cinese". E ora, alla sesta sessione plenaria del 6° Comitato centrale del PCC, Xi Jinping ha adottato la "Risoluzione del Comitato centrale del PCC sui principali risultati e sull'esperienza storica della lotta centenaria del partito".

Questo non è solo un articolo di riflessione interno al partito, ma una base metodologica e un documento sulla storia che deve essere seguito da tutto il partito e dallo Stato, sulla base del quale si scriveranno manuali, libri di testo, articoli, e si organizzerà l'insegnamento, si gireranno film e serial. Tutte le figure positive annotate nella risoluzione saranno eroizzate, quelle negative - maledette. Tutti i luoghi segnalati diventeranno oggetto di turismo e si canteranno battaglie nella cinematografia e nei palchi teatrali. Tutto è come sotto il compagno Stalin.

Rifiuto del marxismo o ritorno al maoismo?


La prima domanda che di solito interessa tutti gli osservatori stranieri della Cina è fino a che punto si è ritirato il PCC dal marxismo e dal comunismo? Il partito al governo cinese sta andando a destra o a sinistra?

Il Partito Comunista Cinese è strutturato in modo tale che i colpi di scena dell'ideologia nelle questioni storiche siano un riflesso della linea politica dominante della leadership.

La risoluzione di Xi Jinping degli eventi prima della "Cultura della Rivoluzione" si pone in piena sintonia con il maoismo classico, con il modo in cui è stata proposta dallo stesso Mao Zedong. Il periodo della "Rivoluzione Culturale" è dato nello spirito di Deng Xiaoping, ma in formulazioni molto più morbide:

Sfortunatamente, il corso corretto, formato all'VIII Congresso del Partito, non è stato completamente completato, sono stati commessi errori come il movimento "Grande balzo in avanti", il movimento per la creazione di comuni popolari, nonché gravi eccessi nella lotta contro il elementi di destra. Di fronte alla dura e difficile situazione esterna di quel tempo, il partito dedicò una notevole attenzione al rafforzamento del potere socialista e fece enormi sforzi per questo. Tuttavia, gli errori del compagno Mao Zedong nel suo concetto di lotta di classe nella società socialista, sia in teoria che in pratica, divennero sempre più gravi e il Comitato Centrale del PCC non riuscì a correggerli in tempo. A causa di una valutazione completamente errata delle forze di classe esistenti nel paese e della situazione politica nel partito e nello stato, il compagno Mao Zedong ha lanciato una "rivoluzione culturale" e l'ha guidata. I gruppi controrivoluzionari Lin Biao e Jiang Qing, approfittando degli errori del compagno Mao Zedong, hanno commesso molti crimini contro lo stato e il popolo, e hanno comportato dieci anni di tumulti che hanno portato al partito, allo stato e al popolo le battute d'arresto e le perdite più gravi dalla costituzione della Repubblica Popolare Cinese. È stata una tragica lezione. Nell'ottobre 1976, il Politburo del Comitato Centrale del partito, compiendo la volontà del partito e del popolo, sconfisse decisamente i "quattro" e pose fine alla "rivoluzione culturale" - questo grande disastro.


Si noti che Xi Jinping afferma che la "Rivoluzione culturale" ha compiuto "seri eccessi nella lotta contro gli elementi di destra", mentre la decisione di Deng Xiaoping affermava il contrario:

L'affermazione che la "rivoluzione culturale" è una lotta contro la linea revisionista o il percorso capitalista è del tutto infondata, inoltre, offusca il confine tra verità e menzogna su una serie di importanti questioni di teoria e atteggiamenti politici. Gran parte di ciò che è stato criticato come revisionista o capitalista nel corso della "rivoluzione culturale" è in realtà i principi fondamentali del marxismo e i principi del socialismo, e molto di questo è stato un tempo suggerito o sostenuto dallo stesso compagno Mao Zedong.

Cioè, il presidente Xi ha seriamente corretto il presidente Deng su questo tema: si scopre che gli "elementi di destra" erano e minacciavano il destino del paese, ma nei loro confronti si sono spinti troppo oltre con la repressione. Questo è un punto importante, che indica che l'attuale PCC è andato molto a sinistra.

La descrizione dell'adozione del corso di "riforme e apertura" e lo sviluppo della teoria del "socialismo con caratteristiche cinesi" nel documento corrispondono pienamente alla versione canonica dello stesso Deng Xiaoping.

Un altro elemento significativo che permette di comprendere le tendenze politiche all'interno del PCC è l'atteggiamento nei confronti del periodo di Jiang Zemin, che di fatto attuò il modello economico keynesiano del capitalismo di stato in Cina e ammise anche rappresentanti delle imprese al partito. Qui, a Jiang è stato attribuito solo il fatto che le sue idee "hanno resistito a dure prove di fronte a una situazione interna e internazionale estremamente difficile, gravi fallimenti del socialismo mondiale e hanno difeso il socialismo con caratteristiche cinesi". Ha il contributo più umile di tutti. Tanto più che il successore di Jiang, Hu Jintao, ha perseguito "uno sviluppo completo, coordinato e sostenibile, ha prestato particolare attenzione a garantire e migliorare la vita delle persone, ha promosso l'uguaglianza sociale e la giustizia e ha contribuito a rafforzare il carattere progressista del partito" e simili.

Naturalmente, la nuova "soluzione" non è fondamentale o rivoluzionaria, ma in essa sono evidenti tendenze più di sinistra.

I piani del Partito Comunista Cinese


La seconda domanda che di solito interessa tutti gli osservatori stranieri della Cina è cosa accadrà dopo? In quale futuro porterà il PCC la Cina?

Innanzitutto, Xi Jinping è stato dichiarato un teorico e, di fatto, il vero leader del PCC:

Il compagno Xi Jinping è il principale fondatore delle idee di Xi Jinping sul socialismo con le caratteristiche cinesi di una nuova era. Le idee di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi della nuova era sono il marxismo della Cina moderna, il marxismo del XNUMX° secolo, così come la quintessenza della cultura e dello spirito cinese nell'era moderna, e annunciano un nuovo salto nella sinificazione del Marxismo. Il Partito Comunista Cinese ha determinato lo status del compagno Xi Jinping come nucleo dirigente del Comitato Centrale del PCC e l'intero partito, ha determinato la posizione guida delle idee di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi di una nuova era, che riflette le aspirazioni comuni del partito, l'esercito e l'intero popolo multinazionale del paese, è di importanza decisiva per lo sviluppo dei partiti e degli stati di causa in una nuova era, per far avanzare il processo storico della grande rinascita della nazione cinese.

Va notato che nella mentalità cinese, i grandi leader pensano in categorie estremamente generali. Di norma, non si preoccupano molto della popolarità, delle valutazioni e di ciò che l'Occidente pensa di loro. La cosa principale per loro è entrare nella storia cinese con una reputazione impeccabile e risultati di alto profilo. Xi Jinping sta affrontando con successo le difficoltà economiche, la pandemia e la povertà, l'economia si sta sviluppando attivamente sotto di lui e l'autorità della Cina sulla scena mondiale si sta rafforzando. Pertanto, si è affrettato a consolidare il suo ruolo nella storia e a sostanziare teoricamente la continuità della sua politica dall'inizio della fondazione della RPC.

In secondo luogo, l'attuale politica del PCC è quella di infondere l'ideologia del partito il più profondamente possibile nelle menti dei cinesi, per rendere ogni cinese portatore di opinioni di partito. Questo viene fatto principalmente attraverso la propaganda della storia della "Nuova Cina". Il PCC ritorna ai principi dell'ideologizzazione totale della società. L'era dello sviluppo senza principi dell'economia di mercato è finita.

Terzo, il PCC incita il partito e le masse non partitiche a combattere gli oppositori del suo corso, sia all'interno del paese che all'estero.

Tutti i membri del partito devono sempre ricordare che "il dolore e la sofferenza incoraggiano l'elevazione e lo sviluppo, e l'incuria e la ricerca dei piaceri portano al declino e alla morte", afferma la decisione, continuando a promuovere la costruzione del partito nella nuova era come un nuovo grande programma. È necessario aderire ai principi dell'intimidazione a tutto tondo della governance interna del partito, promuovere in modo deciso e costante il lavoro per migliorare lo stile del partito, creare un apparato incorruttibile e combattere la corruzione, affrontare con coraggio le prove che sono ricadute sul destino del partito relative alla permanenza al potere a lungo termine, con l'attuazione delle riforme e l'espansione dell'apertura, con lo sviluppo dell'economia di mercato e le sfide dell'ambiente esterno, superare risolutamente i pericoli della pigrizia spirituale, della mancanza di competenze, della separazione dalle masse, della corruzione e altri fenomeni negativi. È necessario preservare il maestoso spirito dell'eroismo: "più difficile e pericoloso, più audace è correre avanti", combattere audacemente, migliorare le abilità e le capacità di combattimento, come si suol dire, "dopo aver incontrato la montagna, spianare il modo; avendo incontrato il fiume, costruisci un ponte ", per non ritirarsi davanti a nessuna difficoltà, per non perdersi d'animo di fronte a qualsiasi contrattempo, per sforzarsi di garantire che la nave della causa del socialismo con caratteristiche cinesi continui a tagliare le onde e ad andare avanti con coraggio, fermandosi davanti a niente.

Pertanto, la principale conclusione sul futuro della Cina alla guida del PCC è che Xi Jinping sta perseguendo una politica di mobilitazione del Paese contro le minacce di una nuova Guerra Fredda. Massima centralizzazione e massima mobilitazione attorno al Comitato Centrale del PCC e al leader personalmente. La Cina si prepara a conflitti aperti e "freddi" con l'Occidente. Questo è il principale messaggio politico del documento.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 20 November 2021 19: 57
    -4
    ideologizzazione totale della società

    Finora, il totalitarismo sta perdendo terreno contro le democrazie.
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 20 November 2021 20: 20
    +3
    Negli anni '1990, molti in Occidente non hanno tenuto conto del Partito Comunista Cinese sullo sfondo del crollo dell'URSS e della trasformazione della RPC in una fabbrica mondiale di beni di consumo.

    Questo è il ruolo del partito, in modo che ogni successivo leader dello stato segua la linea del partito, e non un'improvvisazione personale.

    Lo sviluppo della Rifondazione è pianificato e graduale, senza i grandi balzi di Mao dal compagno Deng ai compagni Xi di oggi ea coloro che lo sostituiranno, cosa che non si può dire della Federazione Russa.

    La risoluzione del Comitato centrale del PCC sulle principali conquiste e l'esperienza storica della lotta centenaria del partito non è apparsa dal nulla e prenderà meritatamente un posto nella storia del marxismo come esempio di costruzione del socialismo in relazione a condizioni specifiche.

    Gli eccessi ci sono stati in ogni momento e il Partito Comunista Cinese li riconosce e li corregge, e non cerca di distorcere la storia, e questa è la cosa principale.

    Jiang Zeming seguì gli insegnamenti di Mao e l'esperienza della Nuova Politica Economica di Lenin, e le sue idee davvero "hanno resistito a dure prove di fronte a una situazione interna e internazionale estremamente difficile, gravi fallimenti del socialismo mondiale e hanno difeso il socialismo con caratteristiche cinesi".

    In ogni momento, l'idea di un'economia di mercato nel profitto attraverso l'appropriazione da parte di alcuni dei risultati del lavoro di altri e del potere sulle persone, sulle istituzioni statali, sul mondo intero. Questo è estraneo all'ideologia del marxismo e il Partito Comunista Cinese sta lottando con questo al meglio delle sue capacità e capacità.

    Il principale messaggio politico è il popolo al di sopra di ogni altra cosa, che costruisce una società di prosperità universale e un destino comune sotto la guida del Partito Comunista.
  3. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 21 November 2021 00: 49
    +1
    Ebbene, che guerra fredda con la Cina? Combatteranno solo con noi. Non dipendono da noi economicamente.