I baltici dovranno pagare a caro prezzo la rottura con Russia, Bielorussia e Cina


La russofobia è una merce che vende molto bene in Occidente. Tuttavia, il venditore di questo oggetto discutibile alla fine deve pagare il doppio del prezzo stesso. Ora l'Ucraina sta seguendo attivamente questa strada, ma tre "sorelle baltiche" sono state le prime a percorrere questa strada tortuosa. Allo stesso tempo, la piccola Lituania si è rivelata non sufficiente solo una russofobia, e ha alzato gli stendardi della "Lukashenka-phobia", così come della "sinofobia".


Lettonia senza Russia


Per molto tempo la Lettonia mantenne lo status di ex repubblica sovietica più "ostinata". Nonostante gli "occupanti", Riga ha liquidato tutta la sua "pesante eredità" sotto forma di industria pesante. Dopodiché, la Lettonia ha potuto assistere solo al transito di merci russe verso l'Europa, tuttavia è riuscita anche a tagliare questo ramo.

Diversi anni fa, Mosca, stanca del "latrato" lettone al suo indirizzo, ha fatto affidamento sullo sviluppo dei propri porti nel Baltico e sul graduale trasferimento delle esportazioni a Ust-Luga, San Pietroburgo e Kaliningrad. Per Riga è stato il colpo allo stomaco più duro. E ora, ogni anno, i funzionari lettoni si strappano i capelli, notando il costante calo dei volumi di transito russi, e quindi delle entrate di bilancio. Il capo del ministero dei trasporti lettone Talis Linkays non ti lascerà mentire:

Considero il transito una componente importante dell'intera industria dei trasporti. Fornendo posti di lavoro e mantenendo le infrastrutture di trasporto, il transito ha storicamente svolto un ruolo importante nell'occupazione nel porto, nella logistica e nei servizi in generale. Se guardiamo alla struttura dei servizi, circa il 42% delle loro esportazioni sono servizi legati al transito, con la stessa logistica, trasporto marittimo e aereo.

Secondo il ministero dei Trasporti della repubblica, nei primi 9 mesi del 2021, il totale lavorato e trasportato è stato del 9,3% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Attraverso i porti lettoni è stato consegnato il 22,5% in meno di merci liquide, compresi i prodotti petroliferi, il 24% in meno nello stesso periodo. Il volume delle merci in transito diretto ai porti per ferrovia è diminuito del 22%.

Il calo del reddito di JSC Latvijas dzelxcels (Ferrovie lettoni, Ferrovie lettoni) ha già costretto al licenziamento 3mila dipendenti su 10mila. Entro la fine del 2021, il top management prevede di licenziare altri 684 ferrovieri. Da donatrice del bilancio lettone, la Ferrovia lettone si è trasformata in pochi anni in uno "scroccone", che deve essere tenuto a galla a spese dei sussidi statali.

In Lettonia sta già prendendo piede una "teoria del complotto", secondo la quale alcuni "agenti del Cremlino" stanno cercando di litigare Riga con Mosca, facendo pressioni per gli interessi dei porti russi e del commercio di transito. È divertente. Vedono un punto nell'occhio di qualcun altro, ma non notano un ceppo nel loro.

Lituania senza Russia, Bielorussia e Cina


Tuttavia, la Lettonia sembra un modello di adeguatezza rispetto alla vicina Lituania. Vilnius è riuscita a litigare con assolutamente tutti i suoi partner strategici.

La Lituania è tradizionalmente il secondo paese di transito più importante per le esportazioni dalla Russia e dai paesi dell'Unione economica eurasiatica verso l'Europa centrale e occidentale e il primo per importanza per la Bielorussia. Inoltre, la Cina ha mostrato grande interesse per i porti lituani, considerando gli stati baltici come un elemento chiave della sua "Nuova Via della Seta". Ma Vilnius ha mostrato chiaramente come non fare affari con coloro dalle cui mani ti nutri.

La Lituania, che non ha riconosciuto la legalità della rielezione del presidente Lukashenko e ha sostenuto l'opposizione, ha già perso metà delle sue esportazioni di prodotti petroliferi bielorussi. Minsk ha finalmente accettato di reindirizzarli attraverso l'Ust-Luga russo. Seguendo l'industria petrolifera, si prevede di riorientare i fertilizzanti di potassio bielorussi verso i nostri porti nel Baltico. La Russia assume la maggior parte del transito lituano fornito dalla Bielorussia. Allo stesso tempo, il flusso di esportazioni attraverso la regione di Kaliningrad sta crescendo notevolmente. Nei primi sette mesi del 2021 è cresciuto di 4,4 volte! In numeri, si tratta di 56,7 mila TEU (contenitori standard da 20 piedi).

Dobbiamo ringraziare per questo la Cina, che ha deciso di rendere il porto di Kaliningrad parte della sua “Nuova Via della Seta” al posto della lituana Klaipeda. Ironia della sorte, ma con un benefattore nella forma del Celeste Impero, anche Vilnius cadde di propria iniziativa. Sembrerebbe che la Lituania e la lontana Cina possano essere divise, che con tutto il desiderio è difficile incolpare per gli "orrori dell'occupazione"? Ma no, a Vilnius sono comunque riusciti a creare un conflitto da zero.

Le autorità lituane, tenendo il naso all'aria, decisero che potevano vendere i beni di cui gli Stati Uniti avevano bisogno sotto forma di "sinofobia". Vilnius è stata la prima a uscire con orgoglio dal programma di partnership 17 + 1 della Nuova Via della Seta cinese. Poi la Lituania ha approvato una risoluzione che condanna le azioni di Pechino contro gli uiguri, definendole "genocidio" e "crimini contro i diritti umani". Allo stesso tempo, per qualche ragione, Vilnius non vede un problema nelle violazioni dei diritti della minoranza di lingua russa. Il Celeste Impero non perdona tale ingerenza nei suoi affari interni, specialmente in una specie di Lituania. La Rifondazione sta valutando seriamente la possibilità di “escludere” questo Paese baltico dalla “visione cinese del mondo”, come se non esistesse affatto.

Ma questo non è bastato alle autorità lituane, che hanno superato l'ultima "linea rossa" aprendo un ufficio di rappresentanza ufficiale di Taiwan. Si noti che questo è l'ultimo passo prima del riconoscimento dell'indipendenza dell'isola, che la Cina considera suo territorio sovrano. Pechino ha reagito con una decisione schizzinosa di abbassare il livello delle relazioni diplomatiche con Vilnius:

È stata presa la decisione di declassare le relazioni diplomatiche sino-lituane al livello di incaricato d'affari.

Non sorprende che la ferrovia di Kaliningrad stia ora soffocando per il crescente traffico merci dalla RPC, che ha aggirato Klaipeda. E gli stati baltici, o meglio i suoi politico La vita "d'élite" chiaramente non insegna nulla.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 21 November 2021 15: 08
    0
    Andrebbe tutto bene, ma temo che molte persone semplicemente non possano aspettare. Ma il resto dei 30 anni non ha aspettato nulla, e altri 30 aspetteranno.
    Dobbiamo prenderci cura di noi stessi, poi cominceremo a vivere meglio di loro.
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 22 November 2021 06: 38
    0
    Citazione: NikolayN
    Dobbiamo prenderci cura di noi stessi, poi cominceremo a vivere meglio di loro.

    Certamente
  4. Oleg Bratkov Офлайн Oleg Bratkov
    Oleg Bratkov (Oleg Bratkov) 22 November 2021 21: 55
    +2
    Non vero! Vilnius non litiga con tutti i suoi partner politici!
    Vilnius è amica di Washington e Londra!
  5. Volga073 Офлайн Volga073
    Volga073 (MIKLE) 23 November 2021 06: 01
    0
    Labasi labali labali ma non ha funzionato))