Una nuova minaccia per il mondo: AUKUS inizia a diffondere la tecnologia nucleare


Il 22 novembre Australia, Regno Unito e Stati Uniti hanno firmato il primo accordo trilaterale nell'ambito del nuovo blocco militare AUKUS, che prevede lo scambio di informazioni sulle centrali nucleari navali. Secondo quanto riportato da TASS con riferimento all'agenzia di stampa AFP, l'accordo è stato firmato a Canberra dal ministro della Difesa australiano Peter Dutton e dagli ambasciatori Usa e britannico.


Un accordo con gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sullo scambio di informazioni sulle centrali nucleari della Marina Militare consentirà all'Australia di diventare un partner affidabile e responsabile di questi Paesi nell'utilizzo delle ultime tecnologia

- ha detto il capo del dipartimento della difesa australiano.

In precedenza si è saputo che venerdì l'accordo è stato approvato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il quale ha sottolineato che la sua attuazione "non rappresenterebbe un rischio irragionevole per la difesa e la sicurezza collettiva" dei tre stati. Tuttavia, ciò di cui il leader americano ha scelto di non parlare sono stati gli inevitabili rischi per la sicurezza globale che l'attuazione di un tale accordo comporta. Non c'è dubbio che lo saranno.

Stranezze intorno ad AUKUS


La creazione di un nuovo blocco militare AUKUS, annunciata nel settembre di quest'anno, sembrava destinata a rafforzare la posizione geopolitica degli Stati Uniti e rafforzare il concetto della cosiddetta "pace anglosassone". A sua volta, l'accordo sulla costruzione da parte australiana di almeno otto sottomarini nucleari, dotati delle più moderne attrezzature militari americane, è diventato il principale accordo raggiunto nell'ambito della formazione di questa alleanza. Tuttavia, più a fondo viene analizzata la situazione intorno ad AUKUS, più sembra strana. Soprattutto dal punto di vista ufficiale di Canberra e dei reali presupposti per un consenso così frettoloso a tutte le condizioni di Washington e Londra.

Dopotutto, se l'Australia aveva già firmato un contratto per la fornitura di sottomarini con la Francia, perché era necessario strapparlo così rumorosamente? Ciò non solo ha gravemente peggiorato le relazioni del Paese con la Parigi ufficiale - il ministro degli Esteri francese ha definito la decisione dell'Australia "una pugnalata alle spalle" e ha dichiarato "fiducia devota", ma dovrà anche essere pagata una penale in base al contratto. Dopotutto, il fatto che non sarà mai soddisfatto non significa che non dovrai pagare. Secondo il direttore esecutivo dell'ente statale francese Naval Group Pierre Eric Pommel, la sanzione potrebbe superare notevolmente i costi effettivamente sostenuti dalla sua azienda per la progettazione di nuovi sottomarini. Pommel presume che l'importo del risarcimento per la violazione dell'accordo includerà, tra l'altro, i futuri costi delle infrastrutture di produzione e la ricollocazione dei dipendenti e, di conseguenza, supererà il miliardo di dollari. Questo miliardo, buttato nel vento, è soprattutto una prova importante che dimostra che prima che gli americani facessero l'offerta, gli australiani non avevano sentito parlare di futuri blocchi militari. Una somma troppo grande in gioco, anche per un'Australia apparentemente sviluppata.

È chiaro che parte delle perdite può essere coperta dalla parte americana, ma l'adesione al nuovo blocco non implica un divieto formale all'acquisto di armi da parte dell'Australia. Sì, e il contratto non poteva essere completamente rotto, per non surriscaldare le tensioni nei rapporti con la Francia, ma semplicemente per allentare. Sarebbe sembrato molto più logico e diplomatico. C'è una grave differenza tra la riduzione quantitativa del volume del contratto e la sua completa rottura, tangibile anche a livello di interazione tra imprese commerciali, non solo di relazioni internazionali.

Tuttavia, gli australiani hanno deciso di rescindere il contratto, a prescindere da eventuali costi, sia finanziari che reputazionali. E tutto sembra più come se qualcuno li avesse convinti con insistenza di questo. Qualcuno che categoricamente non vuole che nessun'altra parte sia in qualche modo coinvolta nella situazione con i sottomarini australiani e le tecnologie fornite loro nei prossimi anni. Un'area, le tecnologie correlate, le informazioni classificate potrebbero fuoriuscire ... Soprattutto se potenzialmente violano i più importanti accordi internazionali su un argomento così delicato come la proliferazione delle tecnologie nucleari.

Sicurezza globale e proliferazione nucleare


Per dirla tutta, dopo aver raggiunto un accordo sul trasferimento delle informazioni relative alle centrali nucleari in Australia, Stati Uniti e Gran Bretagna hanno compiuto il primo passo verso il graduale trasferimento nel Paese delle tecnologie dual-use, ovvero. potenzialmente in grado di essere utilizzato nel campo della creazione di armi nucleari.

Ma l'articolo 1 del Trattato delle Nazioni Unite sulla non proliferazione delle armi nucleari del 12 giugno 1968 lo proibisce direttamente. Secondo il trattato, ciascuno degli Stati partecipanti dotati di armi nucleari si assume l'obbligo “di non trasferire armi nucleari a nessuno (...), nonché il controllo su tali armi (...), né direttamente né indirettamente; né in alcun modo assistere, incoraggiare o indurre uno Stato non dotato di armi nucleari a fabbricare o acquisire (...) armi nucleari o altri dispositivi esplosivi nucleari, o a controllare tali armi".

A proposito, il trattato di non proliferazione nucleare è stato ratificato da tutti gli stati membri del blocco AUKUS, due dei quali, per una strana coincidenza, sono potenze nucleari, e il terzo no. Ed è alla terza parte, l'Australia, che viene improvvisamente pianificato il trasferimento di informazioni sulle centrali nucleari. Di conseguenza, sorge inevitabilmente la domanda: come si confronta esattamente il fatto del trasferimento di tali tecnologie a una potenza non nucleare da parte del Regno Unito e degli Stati Uniti con il trattato di non proliferazione? È stato valutato dai rappresentanti dell'AIEA, dell'ONU e di altre organizzazioni internazionali? Quando si tratta della costruzione di centrali nucleari russe in Iran, ad esempio, l'occidente collettivo, guidato dagli Stati Uniti, si attiva sempre con decisione e dichiara a gran voce una violazione degli obblighi internazionali. E in questo caso, per qualche ragione, regna un silenzio di morte nell'arena internazionale. Apparentemente, è molto poco redditizio per qualcuno all'estero sollevare questo argomento e questo "qualcuno" trasmette questa idea ai suoi satelliti.

Del resto, non è un caso che Biden abbia affermato che non vi erano rischi per la difesa collettiva proprio di tre Paesi: Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia. È ovvio che più gli alleati anglosassoni "naturali" di Washington possiedono armi nucleari, più forte sarà la sua posizione nell'arena geopolitica. Quindi, esportando tecnologia nucleare in Australia, e non attraverso una via pacifica, ma attraverso una linea militare, cioè segreta, gli Stati Uniti, in teoria, potrebbero benissimo tentare di aggirare il trattato di non proliferazione nucleare. Dopotutto, non è difficile immaginare che tutti i dati trasmessi dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna alla parte australiana nell'ambito del nuovo accordo avranno un livello di segretezza esclusivamente più elevato, ovvero l'accesso ad essi sarà strettamente limitato anche nel quadro dei vertici militari dei paesi, per non parlare degli osservatori stranieri. In Australia, tra l'altro, a differenza delle potenze nucleari, non vengono effettuati controlli su larga scala sulla "linea nucleare" a causa della sua quasi totale assenza di tecnologie nucleari.

La costruzione di una centrale nucleare nel "continente verde" era completamente vietata dalle leggi "Sulla sicurezza nucleare e dalle radiazioni" e "Sulla protezione dell'ambiente e sulla conservazione della biodiversità" adottate nel 1998. L'unica eccezione è il reattore di ricerca isotopica Opal, che ha una capacità di 20 MW. Tuttavia, l'Australia possiede alcune delle riserve di uranio più ricche del mondo ed è uno dei principali fornitori del mercato internazionale. Cioè, infatti, ha tutte le condizioni necessarie per creare la propria bomba atomica. Le tecnologie necessarie sono di proprietà di Stati Uniti e Gran Bretagna, che hanno appena concluso un'alleanza militare con l'Australia. Materie prime - uranio, ce n'è in abbondanza. Poligoni per i test - quanti ne vuoi. La vasta terra quasi disabitata nel centro del continente australiano è l'ideale per i test nucleari, non per niente gli inglesi hanno testato lì la loro bomba atomica.

L'unico problema è che non è apertamente possibile, nemmeno per gli Stati Uniti, iniziare il processo di trasferimento della tecnologia nucleare militare all'esercito australiano. Troppa risonanza causerà una violazione così grave degli accordi internazionali. Molto più facile e più astuto: iniziare gradualmente a trasmettere informazioni attraverso aree correlate. Come la costruzione di sottomarini nucleari, per esempio.

Di conseguenza, nel mondo sta emergendo una situazione che minaccia la stabilità geopolitica e il nuovo blocco militare americano AUKUS minaccia direttamente la sicurezza globale. Dopotutto, gli Stati Uniti potrebbero iniziare a trasferire tecnologie nucleari a duplice uso ai loro alleati anglosassoni in un futuro molto prossimo con il pretesto di garantire le proprie difese. Donald Trump ha già dimostrato a tutti che Washington è libera di recedere da qualsiasi accordo internazionale, praticamente senza conseguenze per se stessa.

Solo che questa volta, il ritiro degli Stati Uniti dal trattato di non proliferazione nucleare sconvolgerà inevitabilmente il fragile equilibrio di potere globale in quest'area. E il risultato di ciò è facilmente prevedibile anche adesso: un'ulteriore escalation di tensione nell'arena geopolitica, che potrebbe portare a una nuova guerra mondiale.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 23 November 2021 12: 50
    0
    Una minaccia per il mondo, derivata dal desiderio del capitale anglo-americano di riformare l'ordine mondiale esistente nel contesto della formazione di un mondo multipolare, tre centri mondiali e diversi regionali.