Richieste USA: resa del Donbass, abbandono del Nord Stream 2, restituzione del transito ucraino


La tensione degli ultimi giorni e delle ultime settimane, così attentamente fomentata da Washington, è notevolmente aumentata, passando dal piano delle accuse reciproche e degli "ultimi avvertimenti" all'area delle azioni ostili concrete. Infatti, l'avvio di una nuova campagna di sanzioni contro il gasdotto Nord Stream 2 è una dichiarazione di guerra diretta al nostro Paese da parte degli Stati Uniti e la rottura definitiva di tutti gli accordi pubblici e privati ​​sia con esso che con gli alleati europei degli americani . Con la Germania, prima di tutto.


A dire il vero, non è possibile trovare alcuna logica intelligibile in queste azioni. A quanto pare, non dovresti cercarlo lì. C'è la sensazione che la situazione sia completamente fuori controllo e si stia sviluppando - rapidamente ed estremamente pericolosa sotto l'influenza di una folle forza del male che lotta per il caos e la distruzione per amore della distruzione e del caos stesso. Tuttavia, proviamo a capire cosa sta succedendo in questo momento e cosa potrebbe comportare l'attuale escalation.

Apoteosi dell'assurdo


In effetti, il primo discorso sulla necessità di rafforzare nettamente e, al più presto, la pressione delle sanzioni sul nostro Paese è stato avviato dall'irrequieto Bob Menendez, che guida la commissione per gli affari internazionali del Senato degli Stati Uniti. I media americani hanno riferito che lui e i suoi compagni, a quanto pare, hanno presentato all'esame dei colleghi legislatori un corrispondente emendamento al bilancio della difesa degli Stati Uniti per il 2022 e la portata delle "misure di influenza" proposte è piuttosto impressionante. Ciò include restrizioni settoriali, colpi piuttosto dolorosi al settore bancario nazionale, nonché al settore energetico e misure di proscrizione per quanto riguarda il debito nazionale russo. Non senza, come al solito, l'assoluta assurdità - come le richieste "di vietare l'ingresso negli Stati Uniti a tutti i funzionari militari e dell'intelligence russa" che "stanno pianificando e portando avanti un'invasione militare dell'Ucraina". Bene, questo è un entourage inalienabile di qualsiasi iniziativa del genere - a maggior ragione, eseguita da Menendez e altri tipi come lui.

Notiamo punti importanti: in primo luogo, queste misure avrebbero dovuto entrare in vigore "in caso di inizio dell'aggressione militare di Mosca contro Kiev", e in secondo luogo, la loro stessa considerazione, per quanto ne sappiamo, era prevista per "dopo le vacanze. " Cioè per un periodo successivo al 25 novembre, quando negli Stati Uniti si celebra il Ringraziamento. Sembrerebbe che fino a quel momento fosse semplicemente necessario “non soccombere alle provocazioni” per non dare una ragione per sostenere le iniziative bellicose di uno dei principali russofobi che lavorano a Capitol Hill. E improvvisamente "qualcosa è andato storto". Senza aspettare il momento in cui i signori, che avevano assaggiato abbastanza del tacchino festivo, i legislatori avrebbero dato all'imminente attacco di sanzioni alla Russia almeno una parvenza di legittimità, il Dipartimento di Stato si è messo al lavoro. E con che zelo!

Il suo capo, Anthony Blinken, ha rilasciato una dichiarazione piuttosto inaspettata il 22 novembre: gli Stati Uniti stanno ora imponendo sanzioni contro le due navi coinvolte nella costruzione del Nord Stream 2 e la società Transadria Ltd., che a quanto pare appartiene a loro. Il signor Blinken ha menzionato il nome di una sola nave - "Marlin", e come colpa della compagnia che è caduta sotto le restrizioni della compagnia ha nominato solo "legami con la Russia". Davanti a noi non c'è solo pura sciocchezza, ma una sorta di apoteosi dell'assurdo. In primo luogo, la costruzione del gasdotto è già stata completata ed è completamente pronta per la messa in servizio (almeno, secondo le dichiarazioni della società di gestione). Non è necessario alcun lavoro aggiuntivo: a terra o in mare, l'unica questione è la certificazione di questo progetto infrastrutturale. Cosa c'entra questo con le navi e la compagnia che le possiede, il che non è affatto un fatto che abbia davvero a che fare con il nostro paese?!

In secondo luogo - dov'è almeno qualcosa, anche se alla lontana, che somiglia ai motivi dell'introduzione di queste stesse sanzioni? Nonostante le urla isteriche che risuonano oggi da ogni ferro americano, europeo e, ovviamente, ucraino, non si osserva niente come un'"invasione" anche nell'ottica più potente e con l'aiuto degli onnipresenti satelliti spia! Altrimenti, le prove sarebbero già state replicate dai media di tutto il mondo. E invece no... Se prendiamo per casus belli le parole dello stesso Blinken, da lui pronunciate giusto un paio di giorni fa, il 20 novembre, allora sorgono veri dubbi sull'adeguatezza di questo sovrano marito. Il segretario di Stato ha poi affermato che "le preoccupazioni più serie a Washington" sono causate dalla retorica sulla questione ucraina, che "si sente dai rappresentanti della Russia e si osserva sui social network".

Dipartimento di Stato americano? Ciao a te! Da Goebbels...


Vorrei chiedere: "Dici sul serio?" Da quando non è stato nemmeno il tuo "evidenziato" preferito, ma il gossip e il diluvio di qualcuno sui social, dietro il quale nessuno sa chi c'è dietro, è diventato la base per l'imposizione di sanzioni? È questo il nuovo culmine della democrazia americana? Inoltre, in questo caso è impossibile non citare il discorso del rappresentante ufficiale del Dipartimento di Stato americano, Ned Price, pronunciato lo stesso giorno in cui si è saputo dell'introduzione delle restrizioni. Quando un giornalista gli ha posto durante una conferenza stampa una domanda diretta sul fatto che la Russia stia ancora preparando un attacco all'Ucraina o meno, il portavoce del Dipartimento di Stato, senza affatto arrossire, ha risposto approssimativamente a quanto segue: “Sappiamo, ovviamente, del vero intenzioni di Mosca non possono. Ma partiamo dagli schemi a noi ben noti, secondo i quali opera…”

Questo, mi scusi, che cos'è?! Maternese? Bullismo deliberato? Una profanazione completa della diplomazia e di tutte le relazioni internazionali, in quanto tale? Semplicemente non ci sono parole di censura per descrivere qui. Non per niente rappresentanti di quell'organizzazione interna, che non aveva mai preso parte a simili scaramucce, sono entrati in modo un po' inaspettato nello "scambio di cortesie" tra Washington e Mosca, divenuto negli ultimi tempi estremamente aggravato, perché non corrispondono esattamente al profilo delle sue attività. Stiamo parlando del servizio di intelligence straniero russo, i cui rappresentanti non solo hanno accusato abbastanza ufficialmente il dipartimento diplomatico degli Stati Uniti di diffondere informazioni false e deliberatamente di fomentare una psicosi di guerra, ma l'hanno anche etichettato con il titolo di "ingannevole portavoce della propaganda". Per completare il quadro, l'SVR ha tracciato chiaramente un parallelo tra le attuali azioni del Dipartimento di Stato e i "principi di lavoro" del famigerato Joseph Goebbels.

Allo stesso tempo, l'intelligence russa non ha mancato di mettere in guardia sulle "conseguenze estremamente pericolose" a cui potrebbe portare l'ostinata adesione di Washington a tale, contraria al buon senso. A dire il vero, quando strutture di tale livello e di tale specificità entrano in picchiata tra due stati, il caso puzza davvero di guai serissimi. Tuttavia, dall'altra parte dell'oceano, era come se avessero “morso il morso” e, a capofitto, si precipitassero in avanti, a bruciapelo, senza accorgersi dell'abisso che si apriva direttamente lungo il percorso. Il problema è che ogni simile iniziativa della parte americana è percepita da Kiev come un ulteriore incoraggiamento ad azioni ancora più attive e pericolose volte a provocare un conflitto militare. Non a caso il Foreign Intelligence Service ha paragonato le attuali azioni degli Stati Uniti a quei passi che alla fine hanno portato a scatenare un'avventura aggressiva di Tbilisi nel 2008.

L'esempio più recente - il 21 novembre, il capo della direzione principale dell'intelligence del Ministero della Difesa del "nezalezhnoy" Kirill Budanov (che, tra l'altro, è uno dei principali distributori del falso sull'"imminente invasione russa" nella sua versione ucraina) ha annunciato con grande pathos l'utilizzo (per la prima volta in tutta la storia del conflitto) delle forze armate ucraine nel Donbass dei sistemi missilistici americani Javelin. I dettagli non vengono divulgati e non sono, infatti, il punto. Il punto è che Kiev sputa in modo dimostrativo su tutti gli accordi sull'armistizio, e anche sugli "accordi di Minsk" in quanto tali, dimostrando la sua disponibilità ad agire più lontano, in modo più aggressivo e senza guardare indietro a nessun "documento" lì. È chiaro che solo gli "alleati" transatlantici potrebbero instillare in lui una tale "abilità" suicida. Ma perché?

Allo stesso tempo, uno dei momenti più spaventosi resta l'improvviso abbandono da parte di Washington del corso di utilizzo del Nord Stream 2 come strumento per ricattare Mosca in molte questioni, e in quella ucraina in primis. Molti esperti, sia stranieri che nazionali, hanno convenuto che il Cremlino mostrerà la massima pazienza datagli dall'alto, facendo tutto il possibile per garantire che il tempestivo avvio di questo importantissimo progetto non sia solo interrotto, ma addirittura sospeso. A giudicare dalle azioni della leadership del nostro paese, è esattamente così: la sua retorica nei confronti della sempre più sfacciata Kiev ha recentemente acquisito un carattere sempre più duro, ma niente di più. L'unica eccezione può essere considerata solo il decreto presidenziale sugli aiuti umanitari al Donbass, che si è rivelato uno "schiaffo in faccia" molto doloroso per i "nezalezhnoy". Da parte nostra, la speranza era nell'accordo tra Stati Uniti e Germania, che gli americani avrebbero dovuto rispettare per non perdere quasi gli ultimi alleati in Europa.

Cosa sta succedendo adesso? In realtà, ci sono solo due opzioni. O la dirigenza del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha problemi davvero seri di natura specifica e stanno facendo cose lì, le cui conseguenze non si rendono conto, o ... Gli Stati Uniti hanno deciso di "fare tutto per tutto" e vincere in uno scese in picchiata in tutte le direzioni: costringere la Russia ad arrendersi al Donbass, ad abbandonare il Nord Stream 2, mentre restituiva per intero il transito ucraino e alle condizioni più umilianti dettate da Kiev. E anche per mostrare una volta per tutte ai "partner" europei, che dubitavano della loro egemonia globale, "chi comanda". In questo caso, tuttavia, la cosa principale rimane del tutto incomprensibile: su quali basi Washington immaginava che tutto ciò avrebbe funzionato. Forse gli americani credono di avere qualche "asso nella manica", con cui potranno fare la famigerata "offerta irrinunciabile" alla dirigenza russa? Scopriremo sicuramente come tutto è in realtà, e già nel prossimo futuro.
28 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 23 November 2021 11: 34
    -6
    Richieste USA: resa del Donbass, abbandono del Nord Stream 2, restituzione del transito ucraino

    - Bene, cosa c'è... c'è... non c'è niente da dire su AB...
    - la Germania "manterrà" la SP-2; o meglio, per impedire il lancio dell'SP-2 - per quanto ... - come dicono gli Stati Uniti; nonostante il fatto che la stessa Germania non sia redditizia ... - E poi ancora e ancora - la Germania inizierà a fare pressione sulla Russia con l'obiettivo di - "continuare a fornire gas attraverso un gasdotto attraverso l'Ucraina" ... - E il resto dell'UE - in generale - non emette nemmeno un segnale acustico ...
    1. Bulanov Офлайн Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 23 November 2021 13: 31
      +4
      Per non spaventare la Germania e la sua industria automobilistica, gli Stati devono distruggere o indebolire drasticamente l'industria automobilistica in Giappone e Corea del Sud, altrimenti le auto tedesche con benzina costosa saranno molto più costose delle auto asiatiche, che praticamente non sono di qualità inferiore. E poi l'industria automobilistica in Germania morirà senza gas economico dalla Russia. La Germania è d'accordo?
      1. Milas Офлайн Milas
        Milas (coraggioso tesoro) 25 November 2021 22: 28
        0
        La Nuova Germania è già d'accordo su tutto ciò che offriranno gli Stati Uniti, non c'è dubbio
    2. Milas Офлайн Milas
      Milas (coraggioso tesoro) 25 November 2021 22: 12
      0
      La cosa più disgustosa è che neanche la Russia dirà una parola. L'autore scrive giustamente che

      Gli Stati Uniti costringeranno la Russia ad arrendersi al Donbass, ad abbandonare il Nord Stream 2, mentre restituiscono integralmente il transito ucraino e nelle condizioni più umilianti dettate da Kiev.

      Bene, forse l'SP-2 sarà negoziato per la promessa di fornire all'Ucraina gas gratuito. La politica disfattista, un tempo rispettata da me come presidente, sta portando il paese a conseguenze catastrofiche.
      E abbiamo già consegnato la nostra gente in Donbas. Qualcosa di silenzio e silenzio su 37 russi tenuti prigionieri dall'ukrov. L'hanno messo in mostra, espresso rammarico e dimenticato. Ma come sempre. NON ho nemmeno avuto il coraggio di includere l'Ucraina nell'elenco dei paesi ostili e di smettere di rifornirla di risorse. Quindi, impercettibilmente, l'intero paese si arrenderà .... La sensazione che il paese sia governato dalla nostra grande impresa, la cui patria è dove sono i soldi. Dove sono i soldi? Beh, conosci te stesso
  2. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 23 November 2021 11: 34
    +2
    Stai cercando dei pazzi dalla parte sbagliata del globo!!!
  3. Ovviamente, nonno Biden ha un'esacerbazione di psicosi blues!
  4. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 23 November 2021 16: 42
    +3
    non dimenticare che la Russia è ancora una fonte significativa di petrolio, gas e molti altri minerali. Per gli Stati Uniti questo non è fondamentale, ma per l'Europa lo è. Quante centrali nucleari in Europa funzionano con combustibile nucleare russo? In Ucraina? Nessuno, tranne gli Stati Uniti e l'Inghilterra, può portare le cose a gravi disaccordi con la Russia. L'unica domanda è fino a che punto l'Europa stessa può difendere i propri interessi.
    1. selvaggio1976 Офлайн selvaggio1976
      selvaggio1976 24 November 2021 10: 40
      +2
      Non dimenticare che circa il 50% dell'uranio arricchito nelle centrali nucleari negli Stati Uniti proviene dalla Russia. Possono chiudere metà delle loro centrali nucleari?
      1. Milas Офлайн Milas
        Milas (coraggioso tesoro) 25 November 2021 22: 16
        -1
        E gli Stati Uniti non dovranno fermare nulla. Il nostro, anche in stato di guerra (Dio non voglia), fornirà tutto ciò di cui loro e tutti gli altri membri della NATO hanno bisogno, e adempiranno ai trattati, e in eccesso rispetto ai trattati, e su richiesta, e in occasioni speciali ... hai dei dubbi? E invano, tutto va a quello
  5. Eroi di Shipka Офлайн Eroi di Shipka
    Eroi di Shipka (Sergey) 23 November 2021 21: 54
    +2
    Che sciocchezze ho appena letto?! Apparentemente solo la morte completa giustificherà questo zashkvarnya d'oltremare.
  6. Georgievic Офлайн Georgievic
    Georgievic (Georgievico) 23 November 2021 22: 45
    +2
    Sembra che abbiano concordato con gli alieni di assisterli e siano su questo levriero arrabbiato
  7. Vladimir501 Офлайн Vladimir501
    Vladimir501 (Vladimir) 24 November 2021 15: 33
    +1
    Dalle orecchie di un asino morto con un'appendice a forma di ciambella.
  8. Panikovski Офлайн Panikovski
    Panikovski (Mikhail Samuelevich Panikovsky) 24 November 2021 16: 03
    0
    Nonno Biden ha raccontato a Blinkin il suo sogno di aver fatto un sogno nel bagno, e Blinkin, lui è Blinkin, per rendersi conto che suo nonno sognava un attacco di emorroidi!
  9. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 24 November 2021 17: 11
    0
    Gli americani vogliono essere salvati, altrimenti dovranno salvarsi, come durante la seconda guerra mondiale, che li salvò. Ecco perché gli Stati Uniti sono impegnati nell'intimidazione e nel parrotismo. Ma non entreranno in guerra. Ci sono tanti paesi che non hanno più bisogno degli Stati Uniti, perché tengono questi paesi per la gola e di tanto in tanto stringono la gola. L'attuale imperialismo guidato dagli Stati Uniti è una vera e propria schiavitù a immagine dell'antica Roma. Quello che stanno facendo nel paese in relazione agli afroamericani è come gridare che non sono proprietari di schiavi, che sono democratici che assomigliano ai romani, cioè stanno mettendo le cose in ordine, l'ordine americano. Non ci sarà la Roma di quei tempi, e non ci saranno gli USA di oggi.
  10. tempesta-2019 Офлайн tempesta-2019
    tempesta-2019 (tempesta-2019) 24 November 2021 22: 41
    +2
    Questo, mi scusi, che cos'è?! Maternese?

    È piuttosto una politica estera indistinta della Russia, che, non avendo una strategia d'azione ben definita nei confronti dell'Europa, dell'Asia, degli Stati Uniti e persino dei suoi vicini più prossimi, è costretta a contrarsi costantemente e a respingere gli attacchi degli Stati Uniti e i suoi compagni come da un branco di cani da cortile.
    L'incapacità dell'attuale governo di costruire partnership a lungo termine con i vicini più prossimi e i principali partner economici in Europa come Germania, Francia e Italia ha portato al fatto che sono finiti tutti nel "campo anti-russo".
    Le azioni goffe e scoordinate del Ministero degli Affari Esteri e di Gazprom non hanno permesso di "trascinare" più di un paese europeo dalla parte della Russia, nonostante la loro quasi completa dipendenza dal nostro petrolio e gas ....
    Tutta l'attenzione delle élite del Cremlino è sempre rivolta ad alcuni problemi secondari come la Cecenia o la Siria, mentre l'intero ministero degli Esteri ha un franco "appello" per il fatto che si tratta semplicemente di "riguardare .... se" l'Ucraina.
    Come è stato necessario riuscire a ottenere un nemico ardente dalla vicina repubblica, dove quasi il 100% parla russo e quasi la metà della popolazione è russa?

    Diversi politici statunitensi competenti, dopo aver investito meno di $ 5 miliardi nell'"acquisto" delle élite al potere in Ucraina, hanno lasciato il nostro ministero degli Esteri e l'intera Russia negli sciocchi, nonostante sia stata la Russia ad aver effettivamente investito nell'Ucraina economia in 20 anni, secondo varie stime, da $ 200 a $ 300 miliardi per sconti e agevolazioni per le risorse energetiche, spesso a scapito dei propri interessi economici.
    Chi non ha regole proprie è sempre costretto a giocare da estranei...
    1. Milas Офлайн Milas
      Milas (coraggioso tesoro) 25 November 2021 22: 19
      +2
      Cosa hai ragione! E quanto è amaro e doloroso per il paese!
      1. gorenina91 Офлайн gorenina91
        gorenina91 (Irina) 26 November 2021 04: 11
        -1
        milas (mila grassetto) Ieri, 22:19
        Cosa hai ragione! E quanto è amaro e doloroso per il paese!

        - Sì - è amaro e doloroso per il paese! - E anche molto molto vergogna - molto vergogna di vedere come umiliano e cosa fanno alla Russia - ogni sorta di brutte cose - "brutte cose politiche, economiche e morali" ... - È un peccato vedere come la Russia balla e si umilia davanti alla Cina, che da tempo dava tutto questo per scontato...
        - La Moldavia del pastore Hutsul sta già facendo quello che vuole con la Russia!!! "- Dai, Russia, benzina... - ma aspetta! - Che altro paghi - quando voglio - allora pago io!!! - E se fai rumore - non pago proprio niente! !!"
        - I miei vantaggi - a tutti i tuoi commenti, signora milas (mila grassetto) ...
  11. pilota Офлайн pilota
    pilota (Pilota) 26 November 2021 14: 14
    0
    Il volto degli Stati Uniti sarà incrinato?
    1. zenion Офлайн zenion
      zenion (zinovy) 2 dicembre 2021 22: 21
      0
      Sembra che tu non lo sappia. Dove sono custoditi i soldi rubati al popolo russo. Ecco, bombarderanno, ma non gli Stati Uniti e non l'Occidente. Bombarderanno i propri, in modo che i nemici abbiano paura.
  12. vladislavgolobov Офлайн vladislavgolobov
    vladislavgolobov (Vladislav Gololobov) 27 November 2021 05: 26
    0
    Capisci che questa è un'opzione vincente al 100% per Budanov? La Russia attaccherà (so che questa è una sciocchezza, ma qualcuno ci crede?) - Budanov, tipo, ha ragione. Non attaccare - ma non importa! Aveva paura della pubblicità mondiale e delle dure conseguenze dei formidabili ragazzi ... Ricordi come nella battuta?

    - Perché batti le mani tutto il tempo?
    - Sto spaventando i coccodrilli!
    - Ma qui non ci sono mai stati coccodrilli???
    - Quindi non è, che io batto sempre le mani...
  13. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 29 November 2021 16: 40
    0
    Potrebbe anche abbandonare Stalingrado e il Kursk Bulge. E anche ammettere che gli americani hanno preso Berlino.
    1. zenion Офлайн zenion
      zenion (zinovy) 2 dicembre 2021 22: 19
      0
      Stalingrado è sparito da tempo, ma fai un semicerchio fuori dall'arco. Gli americani presero Berlino e i russi bombardarono il Giappone con bombe atomiche.
  14. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 2 dicembre 2021 22: 17
    0
    C'è una barzelletta:

    Stalin parla alla gente. Dice che devi iniziare sparando ai traditori, impiccando i ricchi e dipingendo di verde il muro intorno al Cremlino. Gente, perché dipingere il muro di verde? Quindi tutto è corretto, solo il dipinto del muro è incomprensibile.

    Quindi tutto è chiaro, ma perché il gas attraverso l'Ucraina?
  15. kurilovaleksei1941 Офлайн kurilovaleksei1941
    kurilovaleksei1941 (alexey kurilov) 3 dicembre 2021 16: 49
    0
    Questa è la Russia tutta nemica e aggressore. E la Russia non ha nemici, solo partner. Come Lenya Golubkov con MMM
  16. BABR1950 Офлайн BABR1950
    BABR1950 23 dicembre 2021 12: 32
    0
    La Russia ha più di 1000 anni. Gli Stati Uniti sono più giovani del nostro Teatro Bolshoi. Il mondo esisteva da migliaia di anni prima dell'emergere degli Stati Uniti ed esisterà per migliaia di anni dopo la loro scomparsa. La civiltà cinese ha più di 5000 anni. Gli americani dovrebbero essere più modesti. L'orgoglio è il peggior peccato mortale.
  17. Boris Podolko Офлайн Boris Podolko
    Boris Podolko (Boris Podolko) 28 gennaio 2022 09: 01
    0
    Cosa farei adesso al posto del presidente, soprattutto quello che ha promesso di nazionalizzare la nostra élite? Riconoscerei immediatamente l'LDNR, E INIZIEREI LA PROCEDURA DI RIUNIONE. Ciò provocherebbe inevitabilmente un'ondata di sanzioni, colpendo in primis il nostro ricco Pinocchio, intendo i loro conti e immobili sopra la collina, dove le nostre teste violente forgiano asce, saremo tagliati fuori anche dal dollaro, ma sarà comunque , quindi non perdere nulla. Ma per questo, i nostri oligarchi saranno costretti a collocare e investire tutte le loro ulteriori entrate con noi, creando, volente o nolente, nuove produzioni, fornendoci lavoro e non qualcuno là fuori in Inghilterra o al largo. Riprenderanno a funzionare le officine abbandonate della nostra fabbrica nel nostro piccolo centro distrettuale, che producevano apparecchiature informatiche prima della fottuta perestrojka, e ora stanno con le finestre rotte e il tetto che è crollato in alcuni punti. Inoltre, se non mostriamo davvero i nostri denti, i nostri "partner" saranno finalmente convinti che non li abbiamo, solo vignette di propaganda, e ancora una volta faranno la guerra contro di noi, fiduciosi per l'indecisione delle nostre azioni che non oseremo usare misure estreme.
  18. a67 Офлайн a67
    a67 (Alex) 28 gennaio 2022 17: 03
    0
    Non capisco il tema del transito ucraino
    Non vedo la politica qui, per me tutto dovrebbe basarsi sulle tasse di transito
    i benefattori dell'Ucraina vogliono che venga speso, che lo paghino da soli con ogni mezzo))
    ma mi sembra che gli Yanker trarranno vantaggio da tutta questa storia: l'Europa acquisterà GNL a prezzi esorbitanti per solidarietà, per danno porteremo il gas ai cinesi a buon mercato ...
  19. alex-sherbakov48 Офлайн alex-sherbakov48
    alex-sherbakov48 23 febbraio 2022 17:49
    0
    Dopo la vergognosa fuga dall'Afghanistan, il seggio di Biden vacillò un po', e poi la Russia, per la seconda volta dopo Obama, ha preso a pugni gli Usa sul naso, non cedendo loro sulla questione della parità di sicurezza. L'Ucraina è entrata nell'agenda, in cui gli Stati Uniti hanno gonfiato così tanto denaro dai suoi contribuenti, e la Russia ha preso e non ha seguito l'esempio degli Stati Uniti. La presidenza di Biden ha barcollato ancora di più - dopotutto, le elezioni per gli organi legislativi sono sul naso e le cose stanno andando molto male per Biden - puoi perdere le elezioni e poi la presidenza presidenziale. Quindi si sforza di assicurarsi che i contribuenti non gli chiedano: “Dov'è il nostro denaro, dove l'hai gonfiato, che l'America non ha altro che vergogna.