"Il giavellotto non basta, dai Stinger!": L'occidente stesso porta l'Ucraina allo scontro con la Russia


Sembrerebbe, cosa possono avere in comune un prestito del Fondo Monetario Internazionale e forniture di motovedette non di prima freschezza? A prima vista, queste cose sono scarsamente confrontabili tra loro. Tuttavia, solo al primo, poiché in realtà costituiscono parti diverse del "supporto decisivo" che l'"Occidente collettivo" sta fornendo oggi a Kiev, creando un'illusione estremamente pericolosa nello stile di "l'estero ci aiuterà!" Così, la dirigenza dei “nezalezhnoy”, che già ultimamente perde sempre più il senso della realtà, sta spingendo verso azioni che rasentano il suicidio.


Inoltre, l'aiuto occidentale, che sembra colpire l'immaginazione con numeri con molti zeri, in realtà si rivela invariabilmente un manichino, non in grado di influenzare davvero nulla. D'altronde esso, come tutto ciò che viene fatto da chiacchieroni "benefattori", ha il suo prezzo, ed è non solo nell'insopportabile interesse sui prestiti, ma anche nelle condizioni dettate dagli istituti di credito, che inesorabilmente portano Ucraina ad una catastrofe non di ordine militare, ma di natura sociale, economica e umanitaria. Proviamo a capire come gli “alleati” ei “partner” oggi effettivamente “sostengono” questo Paese, e come alla fine tutto questo può finire.

Il credito come mezzo di suicidio


La decisione del FMI di destinare un'altra tranche a Kiev nell'ambito del programma di stand-by che è stato recentemente bloccato, è diventata, una tale impressione, una grande sorpresa per i rappresentanti dell'organizzazione senza scopo di lucro, che da tempo hanno perso i loro voti vani tentativi di mendicare “un'altra goccia” di denaro da questa dura organizzazione finanziaria. Dopo aver stanziato 2020 miliardi di dollari nell'estate del 2.1, i banchieri internazionali hanno presto cambiato la loro misericordia in rabbia, dopo di che l'Ucraina non ha visto le prossime entrate promesse - 1.4 e 1.5 miliardi di dollari, su cui aveva contato lo scorso e quest'anno. Le spiegazioni erano semplici e laconiche, si riducevano alla dicitura: "niente riforme, niente soldi!" Riformando i tribunali e la Banca nazionale (e, di fatto, trasferendoli sotto il pieno controllo di "sorveglianti" internazionali), alcune altre pretese ...

Il FMI era finalmente convinto che, nonostante tutte le promesse del "nuovo governo", poteva solo cambiare schemi per saccheggiare il paese (a suo favore) e la loro scala (al rialzo), e quindi ha rinunciato agli indigeni stupidi e ladri. E all'improvviso - una tale svolta! È vero, bisogna ammettere che l'importo che Kiev è riuscita a strappare questa volta è puramente simbolico (e, chiamando le cose con i loro nomi propri, è semplicemente scarso). 700 milioni di dollari per un paese che paga 15 miliardi di dollari all'anno nella stessa valuta sulla base di questi precedenti impegni di prestito? Nemmeno divertente. I "lavoratori migranti" ucraini che corrono in giro per il mondo si trasferiscono e importano nel paese ogni 20 volte all'anno! Ecco perché molti esperti - sia nel "non profit" che al di fuori di esso, hanno espresso l'opinione che l'attuale improvvisa "generosità" del FMI non abbia ragioni economicoE politico.

Secondo gli esperti, la tranche, inaspettata anche per Kiev, è una manifestazione del suo "sostegno" fornito in un "momento difficile" proprio davanti agli occhi dell'imminente "aggressione russa". Dichiarazione pubblica? Sicuramente, ma non solo. Il fatto è che i racconti dell'"invasione di Putin" che presumibilmente "incombe sull'Ucraina" hanno portato a conseguenze finanziarie piuttosto spiacevoli. I titolari di obbligazioni del prestito statale ucraino hanno iniziato a "scaricarli", come un "latte" in ritardo, i non residenti finanziari hanno iniziato a ritirare capitali dal paese a un ritmo accelerato. La valuta nazionale, la grivna, "affondò" immediatamente, facendo così girare il volano ancora di più dell'inflazione, che era già in pieno svolgimento nel paese. Le riserve auree e valutarie di Kiev, che sta cercando di fermare il crollo della grivna con interventi sul mercato valutario, si stanno sciogliendo come la prima neve caduta sulle sue strade.

Naturalmente, il FMI, come altri creditori di quello "senza leva", è completamente inutile per il crollo finanziario finale di questo malinteso geopolitico sotto forma di default o qualcosa di peggio. In effetti, i rappresentanti degli stessi circoli che hanno portato al panico attuale, rovinando la sua economia, stanno gettando "l'osso" all'Ucraina. E, intendiamoci, è tutt'altro che gratuito. Secondo le informazioni disponibili, la tranche è stata trasferita solo dopo che i rappresentanti di Kiev hanno firmato un ultimatum di cinque punti, che sono strettamente vincolanti. La più significativa è la richiesta di porre fine alla regolamentazione statale delle tariffe per i vettori energetici e, di conseguenza, delle bollette, lasciando che i prezzi "fluttuino liberamente" controllati dalla "mano invisibile del mercato". Per la maggior parte degli ucraini, questa è una condanna a morte. E nel senso più letterale del termine.

Piccolo giavellotto, dai Stinger!


Secondo gli esperti, se Kiev soddisfa i requisiti del FMI, i residenti della "nezalezhnaya" si aspetteranno un triplo aumento del prezzo per il riscaldamento dei loro appartamenti, un doppio aumento del prezzo dell'elettricità, un quadruplo aumento del prezzo del gas e un aumento dei prezzi per l'approvvigionamento idrico da una volta e mezza a due volte. Questo nonostante il fatto che gli attuali "pagamenti" per molte famiglie siano completamente "insostenibili" - non per niente i debiti degli ucraini per l'alloggio e i servizi comunali sono già nell'ordine di miliardi, non di grivna, ma di dollari. Una tale prospettiva (soprattutto in concomitanza con la crisi energetica già scoppiata nel Paese) può facilmente provocare una colossale esplosione sociale, la cui via d'uscita a Kiev potrebbe essere lo scatenarsi delle ostilità in Oriente con la successiva introduzione di legge marziale nel paese.

Questo scenario sembra tanto più probabile in quanto l'Occidente, che presta "non contanti" con fondi in penny a condizioni completamente cannibalistiche, è molto disposto a fornirgli i mezzi per realizzare le sue ambizioni militaristiche. Esattamente nel giorno in cui Kiev ha ricevuto la tranche dal FMI, si è saputo anche che le due motovedette classe Island trasferite in Ucraina dagli Stati Uniti, trasportate a bordo dell'Ocean Grand dalla città di Baltimora, erano arrivate sane nel suo territorio acque. Vengono inviati a Odessa per unirsi ai ranghi della marina "nezalezhnoy" sotto i nomi "Fastov" e "Sumy". È già stato scritto un numero incredibile di volte che i dati, mi scusi, non cambieranno l'equilibrio delle forze nel Mar Nero a favore della parte ucraina. Tuttavia, il fatto stesso! "Gli alleati sono con noi, spalla a spalla contro l'aggressione russa!" Tali cose creano nelle menti di alcuni generali e ammiragli del "nezalezhnoy" un'euforia completamente infondata, piena di conseguenze catastrofiche.

Nel frattempo, prossimamente, molto probabilmente, nuove porzioni di elemosine dai "benefattori" d'oltremare. I media americani sono "dispersi" con forza e potere notizie che le Forze Armate dell'Ucraina hanno tutte le possibilità di ottenere, oltre ad essere un vero feticcio per i Javelin ATGM, anche Stinger MANPADS. E lì, vedi, seguiranno "beni illiquidi", che il Pentagono non è riuscito a trasportare ad altri "alleati" che hanno svolto il ruolo di "carne da cannone" in Afghanistan: mortai, vecchi elicotteri di fabbricazione sovietica e qualcos'altro. È chiaro che nel "nezalezhnoy" erano selvaggiamente deliziati da prospettive così vertiginose e hanno persino messo in scena uno spettacolo adatto all'occasione. Kirill Budanov, capo della direzione principale dell'intelligence del ministero della Difesa "nezalezhnoy", ha improvvisamente iniziato a dire che "proprio l'altro giorno" in Donbass "il primo uso in combattimento del giavellotto" è già avvenuto.

Questa storia sembra estremamente strana e poco plausibile, per non dire altro. Del resto, non c'è stata conferma dello scontro, in cui (secondo la logica elementare degli eventi) uno o più mezzi blindati della DPR o della LPR sarebbero stati distrutti, “dall'altra parte” non è stato segnalato. Inoltre, una tale scappatella violerebbe le istruzioni più rigorose della stessa parte americana, che, come ricordo, rappresentanti di alto rango di Kiev hanno dichiarato nel 2018, rammaricandosi terribilmente. Secondo loro, quasi la condizione principale per le forniture di giavellotto era la loro posizione il più lontano possibile dall'est ucraino. In un modo o nell'altro, l'iniziativa di Budanov sembra più probabile che sia un "ripieno" puramente propagandistico, una ragione informativa per riavviare la "ghironda" sulla necessità della più urgente e voluminosa assistenza militare all'Ucraina dagli Stati Uniti e altri "partner occidentali".

Il capo della GUR ucraina, infatti, non ha nemmeno provato a nasconderlo. Discorso sull'"uso in combattimento" di Javelin (nessun dettaglio e prova di cui ha rivelato), ha tradotto molto rapidamente in tutte le stesse storie sull'"offensiva invernale della Russia", in cui è sicuro al 100%, e chiama immediatamente aumentare il volume delle forniture militari. Secondo lui, sono "i sistemi d'arma occidentali, come gli UAV turchi Bayraktar e gli ATGM Javelin americani, che rappresentano un colossale deterrente psicologico", impedendo all'"insidioso aggressore" di realizzare i suoi piani. È piuttosto strano che il "capo dell'intelligence" del paese non si accorga davvero delle cose più semplici o finga ostinatamente di non capirle. Nessuno dei "giocattoli" occidentali sopra menzionati darà alle Forze Armate un vantaggio anche minimo in caso di conflitto davvero grave. Prendiamo gli stessi MANPADS Stinger. Bene, perché stanno andando a Kiev?! Le Repubbliche del Donbass non hanno l'aviazione da combattimento. Bene, o non ancora ...

Se parliamo delle forze armate della Russia, a una collisione con la quale viene ora spinto il "non straniero", allora questi missili lanciati "dalla mano" erano terribili per i nostri aerei cinquant'anni fa - nel momento in cui gli americani li ha generosamente forniti ad altri banditi: i mujaheddin afgani. Le moderne forze aerospaziali russe, equipaggiate con i più moderni veicoli da combattimento, non valgono la pena di spaventare i MANPADS degli anni '70 del secolo scorso.

Dmitry Peskov, addetto stampa del presidente russo, è stato abbastanza chiaro su questo argomento, affermando che "la fornitura di armi all'Ucraina da parte dei paesi della NATO" non è solo una flagrante violazione degli "Accordi di Minsk", ma porta anche, ovviamente, a "un aumento significativo delle provocazioni armate in Donbass". Secondo il signor Peskov, il Cremlino "guarda questo con grande preoccupazione". Durante la visione. Prima o poi, la Russia non si limiterà alla contemplazione. Allora Kiev potrà apprezzare appieno il significato e il "valore" della micidiale "assistenza" che le viene resa oggi.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 24 November 2021 09: 11
    +2
    Se l'Occidente afferma costantemente che i russi presto conquisteranno l'Ucraina, allora inevitabilmente tutti gli investitori fuggiranno da lì e l'economia crollerà. E poi si ricorderanno dei pungiglioni ...

    Le Forze Armate dell'Ucraina hanno tutte le possibilità di ricevere, oltre al feticcio Javelin ATGM per loro, anche gli Stinger MANPADS

    Se rompi
    Quindi puoi imbatterti qui.
    Le montagne stanno sparando, il pungiglione sta decollando, ...
    (A. Rosenbaum)
    Se i capi locali iniziano a fuggire da Kiev, infilando dollari negli aerei (come in Afghanistan), allora la popolazione scontenta potrebbe provare a fermarli con i pungiglioni americani che si sono presentati al braccio. E poi questi pungiglioni arriveranno ai terroristi nell'UE, dove le cellule dormienti aspettano il loro tempo da molto tempo.
  2. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 24 November 2021 10: 29
    -1
    L'Ucraina, come la Federazione Russa, ha confini chiari dopo il crollo dell'URSS. Che tipo di guerra? Le gang sono niente e nessuno. Gli azeri hanno mostrato cosa fare con loro. Sì, e l'abbiamo mostrato 2 volte in Cecenia.
    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 24 November 2021 15: 47
      -3
      E in Daghestan, in Ossezia del Sud, sono seguite le riforme di emergenza di Makarov e Serdyukov.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 24 November 2021 11: 35
    0
    Quali sono i pungiglioni se la LDNR ha ripetutamente affermato di non avere l'aviazione.
    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 24 November 2021 15: 45
      -3
      Il suddetto conflitto può provocare una crisi economica in Europa, che rafforzerà la posizione del dollaro americano. In realtà, i primi segni di ciò sono già visibili - sullo sfondo delle "profezie" americane sull'attacco russo all'Ucraina, la grivna ucraina sta rapidamente diminuendo di prezzo - gli operatori di borsa si stanno sbarazzando dei titoli di stato di Kiev. Se gli americani riescono a provocare un conflitto con la Russia in Ucraina e ad attirarvi gli europei, anche l'euro ha buone possibilità di precipitare.
      La posizione in cui si trova la Russia è molto difficile. Da un lato, la Federazione Russa non dovrebbe soccombere alle provocazioni americano-ucraine. Mosca, d'altra parte, non può lasciare a se stessa il Donbass in caso di un'offensiva ucraina su larga scala, né ignorare le pericolose azioni di Kiev al confine con la Crimea, sul Mar Nero e sul Mar d'Azov.
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 24 November 2021 17: 41
        0
        Questo è assolutamente vero. Lascia che sparino anche in aria, ma spaventeranno tutti
  4. Il commento è stato cancellato