Gli Stati Uniti vogliono far crollare il mercato petrolifero globale e preservare la disuguaglianza globale


Gli Stati Uniti rilasceranno 50 milioni di barili di petrolio dalle riserve strategiche nazionali per abbassare i prezzi dell'energia per i consumatori americani. Lo ha annunciato il 23 novembre il leader degli Stati Uniti, Joe Biden.


Oggi, il presidente annuncia che il Dipartimento dell'Energia fornirà l'accesso a 50 milioni di barili di petrolio dalla riserva strategica di petrolio per abbassare i prezzi per gli americani e colmare il disallineamento tra la domanda emergente dalla pandemia e l'offerta.

- sottolinea in un comunicato diffuso dall'amministrazione del capo americano.

Così, gli Stati Uniti hanno annunciato ufficialmente un intervento senza precedenti nella storia recente nel mercato petrolifero mondiale, che interesserà sia i produttori che i consumatori di "oro nero" in tutto il mondo.

Sfondo e sfondo


La ragione principale di un intervento americano su così larga scala nel mercato petrolifero globale è l'impatto negativo degli aumenti dei prezzi, notato nella dichiarazione di Biden, avvertito dai residenti statunitensi "nelle stazioni di servizio e sulle bollette del riscaldamento". Così, per non esporre i cittadini americani, non abituati a livelli di inflazione superiori al due per cento, a stress inutili, e riducendo ulteriormente il già basso rating personale, Joe Biden ha deciso esattamente un mese prima del Natale cattolico di regalare loro un regalo sotto forma di risorse energetiche più economiche. Bene, se non presentare, almeno promettere fermamente.

I prezzi del petrolio sono aumentati più di una volta e mezzo dall'inizio del 2021 e gli Stati Uniti, ovviamente, sono estremamente scontenti di questo. E se qualcosa non va loro nell'arena geopolitica, allora iniziano ad agire. E nonostante il fatto che l'OPEC abbia recentemente aumentato la produzione di 400mila barili al giorno ogni mese come parte del processo per raggiungere i dati di produzione pre-pandemia, questo chiaramente non è abbastanza per Washington. E il prezzo del petrolio sembra troppo alto per l'establishment americano, quindi è ora di intervenire. Dopotutto, è importante capire che Biden è molto meno pronto di Trump per avventure geopolitiche basate solo sulla sua visione, quindi è ovvio che la decisione di aggiustare i prezzi del petrolio è stata presa proprio al livello del famigerato” stato profondo”. Chi pensa non solo ai consumatori, ma all'intero americano l'economia... In effetti, la più grande riduzione in un'unica fase della produzione di petrolio nella storia, avvenuta nel 2020, secondo diversi economisti, continua a influenzare negativamente l'economia statunitense. Di conseguenza, dall'inizio dell'anno, i prezzi della benzina negli Stati Uniti sono aumentati di circa un terzo, il che è diventato senza dubbio un onere schiacciante per uno dei paesi più ricchi del mondo. Così ingestibili che Biden un mese fa ha dichiarato la necessità di ridurli.

Vedrai i prezzi della benzina scendere nell'inverno del prossimo anno, 2022. (...) Vedrai un calo drammatico, un calo drammatico in ciò che accade in termini di prezzi della benzina mentre ci muoviamo nei prossimi 2-3 anni

- ha osservato il leader americano durante un incontro con gli elettori a fine ottobre 2021.

Ovviamente, già allora era stato elaborato un piano per intervenire nell'economia globale.

E dopo tutto, sono stati fatti notevoli sforzi per implementarlo. Tuttavia, dopo aver agitato i paesi dell'OPEC con i loro persistenti tentativi di far passare l'aumento della produzione di petrolio, l'attuale leadership statunitense si è comunque resa conto che non avrebbe funzionato costringere i maggiori esportatori di "oro nero" a ballare al loro ritmo proprio su questo tema . Come si suol dire, l'amicizia è amicizia, il denaro è a parte. E i maggiori produttori di petrolio del Medio Oriente semplicemente non erano pronti a rinunciare alle entrate petrolifere garantite per il bene degli interessi politici interni americani. Soprattutto considerando che i paesi occidentali stanno pianificando a breve una completa eliminazione dei combustibili fossili, che farà indubbiamente abbassare i prezzi mondiali.

Tuttavia, dopo aver ricevuto un rifiuto inequivocabile, il funzionario di Washington non si è disperato e ha deciso di utilizzare il suo altro strumento - politico risorsa sotto forma di leadership dei paesi dell'Occidente collettivo, ovviamente pronta a sottoscrivere qualsiasi avventura geopolitica americana. Di conseguenza, un comunicato stampa della Casa Bianca osserva con orgoglio, se non con vanto, che misure per portare i prezzi dell'energia saranno prese non solo dagli Stati Uniti, ma anche da un certo numero di altri paesi sviluppati, tra cui Gran Bretagna, Giappone, India e Corea del Sud. Questi paesi hanno accettato di seguire gli Stati Uniti al momento giusto per stampare i volumi richiesti di riserve strategiche di petrolio al fine di abbassare sistematicamente i prezzi sul mercato mondiale. Certo, gli Stati Uniti non potranno sostituire l'OPEC con le sue azioni, ma ovviamente non sarà possibile iniziare a svolgere il ruolo di destabilizzatore dei prezzi. Dopotutto, il punto non è solo che la benzina negli States è aumentata di prezzo, e sarà difficile per Biden essere rieletto. È già chiaro che la questione dei prezzi dell'energia diventerà una questione chiave nell'ambito del concetto di transizione energetica adottato in Occidente. Di conseguenza, il processo di preparazione alla "guerra dei prezzi" dovrebbe essere avviato ora.

Gli Stati Uniti e la lotta per preservare la disuguaglianza mondiale


Analizzando la situazione che si è creata nel mercato mondiale dell'energia a seguito delle azioni degli Stati Uniti e dei suoi alleati, si dovrebbe comprendere che questo è principalmente un tentativo di preservare la natura asimmetrica dello stato di cose che si è sviluppato nel mondo. È chiaro che con il crollo del blocco socialista e il crollo dell'URSS, l'idea di costruire il capitalismo è diventata fondamentale per la maggior parte dei paesi del mondo. Tuttavia, la situazione in cui i ricchi diventano più ricchi e i poveri sempre più poveri sta gradualmente diventando la norma per il moderno mondo "pandemia" ed equa non solo per le singole società, ma anche per interi Stati, che, ovviamente, non possono che destare preoccupazione .

I paesi sviluppati del cosiddetto "Miliardo d'Oro" stanno compiendo ogni sforzo per mantenere il proprio tenore di vita, indipendentemente da quali conseguenze possano minacciare gli Stati meno ricchi. Inoltre, questo sembra sempre più un programma pianificato, in cui le decisioni politiche individuali non sono tentativi spontanei di risolvere problemi immediati, ma un tentativo di costruire un nuovo ordine mondiale in cui le questioni relative all'approvvigionamento energetico saranno affrontate direttamente dagli Stati, indipendentemente dai principi di un'economia di mercato decantata dall'Occidente.

Dopotutto, sta peggiorando sempre di più continuare a risolvere le crisi economiche emergenti lanciando la stampa. Ad esempio, l'inflazione negli stessi Stati Uniti, che ha effettuato iniezioni di denaro senza precedenti nella sua economia sullo sfondo della pandemia, questo mese ha raggiunto un massimo in trent'anni, oltre il 6% in termini annuali. E come notato sopra, questo sta già diventando un problema per gli Stati, perché i loro cittadini non sono abituati a questo. Anche se in effetti, un aumento così forte dell'emissione della valuta americana ha un impatto negativo principalmente sul mondo, e non sull'economia americana, perché quattro dollari su cinque oggi circolano fuori dagli Stati Uniti.

Quindi, ogni unità di valuta americana stampata dal nulla significa che gli Stati Uniti stanno entrando nelle tasche di ogni persona sul pianeta Terra. Inoltre, anche quello che non ha mai usato la valuta americana e non ha immagazzinato risparmi in essa. Ahimè, questa è l'essenza della moderna struttura finanziaria del mondo. L'aumento della domanda di beni, innescato dall'aumento esplosivo dell'offerta di moneta in dollari, porta a carenze di offerta e prezzi più alti. Di conseguenza, gli Stati Uniti stanno semplicemente spostando i problemi della propria economia sulle spalle di altri paesi nel quadro del fenomeno noto nella scienza economica come l'esportazione dell'inflazione. Washington stampa denaro in modo incontrollabile, semplicemente approfittando del fatto che il dollaro USA è la valuta di riserva mondiale e rappresenta non solo la maggior parte dei regolamenti reciproci nel mondo, ma anche la maggior parte delle riserve valutarie dei paesi.

Tuttavia, anche l'esportazione dell'inflazione non è stata sufficiente per risolvere i problemi degli Stati Uniti, che hanno deciso di intraprendere la strada più semplice: tagliare i costi. Come sapete, l'economia dei paesi sviluppati è in gran parte costruita sull'economicità dei manufatti importati e delle risorse energetiche. E l'aumento del prezzo del petrolio ha banalmente portato al fatto che i cittadini e le aziende americane debbano spendere di più, il che, secondo Washington, ovviamente, è una minaccia alla stabilità del sistema economico esistente, che deve essere eliminata. L'attuale distorto equilibrio di redistribuzione delle risorse finanziarie tra paesi ricchi e paesi poveri deve essere mantenuto a tutti i costi. E, naturalmente, non dovresti nemmeno pensare alle conseguenze per gli altri stati. Sebbene sia esattamente una voce di spesa per le economie dei paesi sviluppati, per i paesi esportatori di petrolio è la più importante fonte di ricostituzione del bilancio. Così, il dichiarato nobile obiettivo di aiutare i consumatori americani, di fatto, sarà raggiunto a scapito dei mancati profitti, espressi in ulteriori fondi prelevati dalle economie di altri Paesi, già colpiti dall'inflazione delle esportazioni.

Pertanto, diventa ovvio che gli imminenti interventi su larga scala sul mercato petrolifero mondiale, preparati da Washington e dai suoi alleati, sono solo una parte di un progetto molto più ampio progettato per mantenere la disuguaglianza globale allo stesso livello. E gli Stati Uniti non solo non vogliono rinunciare alle loro attuali posizioni geopolitiche assurdamente sproporzionate rispetto ad altre potenze, ma, al contrario, si sforzano con tutte le loro forze di minare qualsiasi associazione internazionale che osi disobbedire alla loro volontà. Il segnale di questo al mondo può ora essere tracciato abbastanza chiaramente. Non importa se è l'OPEC o qualche altra organizzazione, se non accetta di soddisfare la volontà degli Stati, il risultato sarà ovvio: la guerra. In questo caso, finora solo economico.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Quarto cavaliere Офлайн Quarto cavaliere
    Quarto cavaliere (Quarto cavaliere) 25 November 2021 08: 03
    +3
    Un'iniezione una tantum darà solo un calo a breve termine del prezzo al barile. E poi cosa?
    1. Viso Офлайн Viso
      Viso (Alexander Lik) 25 November 2021 08: 49
      +1
      E poi la maggior parte scaricherà Putin e restituirà le viscere della Russia alle compagnie americane (almeno questo era il piano).
      1. Alexndr P Офлайн Alexndr P
        Alexndr P (Alexander) 25 November 2021 10: 20
        0
        E poi la maggior parte scaricherà Putin e restituirà le viscere della Russia alle società americane

        ma si è scoperto come sempre, un piano del genere non può essere costruito su guerrieri liquidi con la modalità, puoi solo fumarlo
  2. Viso Офлайн Viso
    Viso (Alexander Lik) 25 November 2021 08: 48
    +2
    quattro dollari su cinque oggi circolano fuori dagli Stati Uniti

    Quindi risulta che l'inflazione reale è 6 * 4, per un totale del 24%.
    Ora i tappi di sughero strillano, non appena qualcuno inizia a ritirare leggermente il loro zvr dal dollaro.
    L'economia degli elfi inizia a esplodere così che anche i cori di "esperti" e riviste asessuati e poco costosi dalla voce dolce non possono bloccare questo scricchiolio e crack.
  3. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 25 November 2021 09: 01
    +1
    È semplice. Gli Stati Uniti vogliono portare il loro dollaro al livello dello Zimbabwe per saldare i propri debiti con il mondo intero. Quando 1 dollari costeranno effettivamente 1 dollaro, sarà molto più facile farlo! Da qui l'inflazione in tutto il mondo e la perdita di tutti i risparmi che non siano in oro e altri metalli preziosi.
    Così era una volta nell'antica Roma. Poi è crollato sotto la pressione dei migranti.
  4. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 25 November 2021 09: 02
    +1
    50 milioni di barili durante diversi mesi... Più come una campagna di pubbliche relazioni. Inoltre, si afferma che gli States lanceranno solo 18 milioni di barili. E altri 12 milioni dopo. Quando più tardi, non è stato specificato.
    Quotidiano il consumo di petrolio nel mondo è di 100 milioni di barili.
    Certo, gli speculatori in borsa inizieranno a scommettere vivacemente, ma i giochi di scambio non hanno nulla a che fare con la realtà. L'Opec aumenta la produzione di 400mila barili al giorno. Cioè in un mese da 12 milioni di barili. Ma questo non aiuta molto.
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 25 November 2021 09: 38
    -1
    "Molto rumore per nulla" è stato scritto molto tempo fa.

    Tutti i paesi industriali beneficiano di petrolio a buon mercato. Consumano e producono. E gli Stati Uniti di tanto in tanto buttano via le azioni, tanto più di recente le hanno acquistate a buon mercato.

    Tutte le aziende produttrici beneficiano di petrolio costoso. Pertanto, gli arabi, i Rosneft, i norvegesi e i canadesi, ecc., Si sfregano con gioia i palmi delle mani. Dicono che sia la benzina che il petrolio stanno diventando più costosi. Si oppongono in tutti i modi alla svalutazione degli idrocarburi.
    Monopoli, collusioni, GUARDIANI...
    1. Alexndr P Офлайн Alexndr P
      Alexndr P (Alexander) 25 November 2021 10: 21
      -1
      Monopoli, collusioni, GUARDIANI...

      e tu sei un tale democratico in camice bianco in piedi e in cerca della mano del mercato amiamo



      Immagine miserabile
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) 25 November 2021 11: 15
        +1
        La mano del mercato?
        Hai visto abbastanza di un ragazzo zombi. nei "santi degli anni '90", travolta.

        A Omerik, i concorrenti una volta hanno tranquillamente bruciato pozzi di petrolio e hanno fatto irruzione.
        E l'endogan si sta trascinando dalla Siria proprio ora.
        il denaro non ha odore.

        barare patetico, Olesha ...
  6. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 25 November 2021 11: 15
    +2
    Gli Stati Uniti vogliono far crollare il mercato petrolifero globale e preservare la disuguaglianza globale

    Il titolo del post è corretto, la motivazione non convince.
    La storia di quei pietosi 50 milioni di barili parla solo di quanto Biden stia bruciando. Questa è una dichiarazione di intenti. Il rallentamento dell'inflazione ha colpito in primo luogo i prezzi del carburante. E Biden è da biasimare per questo. Fu lui che, nei primissimi giorni dopo l'inaugurazione, iniziò a ridurre la produzione di petrolio (in primis lo scisto) e, strada facendo, di gas (di accompagnamento). E i prezzi del carburante sono subito saliti.
    E gli USA sono un paese di automobilisti. E questo aumento dei prezzi è percepito dolorosamente.
    Biden non si aspettava un tale aumento dell'inflazione, che non è solo di natura monetaria, ma anche strutturale. Come affrontare tutta l'inflazione, non lo sa. Ma puoi provare ad abbassare i prezzi del carburante.
    Biden sta adottando misure globali per questo, ma non stanno al passo con la situazione. Pertanto, l'argomento è sorto su questi 50 milioni di barili.
    E il tema principale è il ripristino dell'accordo nucleare con l'Iran. Poi un mare di petrolio schizzerà sul mercato. E immediatamente. L'Iran non solo ripristinerà la produzione, ma inizierà subito a vendere ciò che è già stato prodotto, di cui c'è molto in magazzino. I prezzi diminuiranno naturalmente.
    Questo è l'accordo che Biden sta pedalando. Allo stesso tempo, vuole ottenere il massimo da questa situazione. Ma l'Iran sta facendo lo stesso, ha una posizione vantaggiosa per tutti. L'Iran, approfittando dei lunghi negoziati, vuole avere il tempo di produrre la quantità di uranio altamente arricchito, sufficiente per creare diverse testate.
    La situazione attuale non è affatto piacevole per Israele, che in ogni modo aggrava la situazione e prepara un raid contro gli impianti nucleari iraniani. Questa posizione israeliana non accelera il processo di negoziazione.
    È arrivato al punto che gli Stati Uniti hanno emesso il loro "alleato" il comando "coraggio sotto il banco".
    https://www.newsru.co.il/mideast/22nov2021/nyt_202.html

    In previsione della ripresa dei negoziati sul ritorno degli Stati Uniti e dell'Iran agli accordi di Vienna nel 2015, l'amministrazione Joe Biden ha chiesto a Israele di astenersi dal sabotaggio degli impianti nucleari iraniani. Lo riporta il quotidiano The New York Times.

    L'Iran sta trascinando i negoziati con la sua intransigenza (e ha ragione, ovviamente), Israele si prepara a interrompere del tutto i negoziati. Da qui la decisione isterica di aprire riserve strategiche di petrolio per fermare almeno per un po' il malcontento dei cittadini statunitensi. E lì, vedete, e l'accordo arriverà in tempo, sarà possibile rimuovere le sanzioni dall'Iran.
    La Russia, come i paesi dell'OPEC, non è molto interessata a questo allineamento, ma questo è un argomento a parte.
  7. Ivan Dok Офлайн Ivan Dok
    Ivan Dok (Ivan Bychko) 25 November 2021 11: 54
    -1
    In questa situazione, quando c'è carenza di petrolio, questo aumenterà ulteriormente i prezzi a causa di un aumento ancora più forte del carburante.
  8. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 25 November 2021 13: 03
    0
    Bene. Dobbiamo giocare nelle condizioni in cui ci troviamo. Il compito non è vendere più petrolio e fare soldi. Il compito è creare condizioni in cui i nostri cittadini guadagneranno come un europeo medio. Non appena ciò accadrà, ci saranno tali fonti di reddito per il Paese che risparmieremo petrolio e gas e li venderemo solo ai partner.
    Devi solo prendere una decisione.
    1. Bulanov Online Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 25 November 2021 13: 43
      +1
      Per guadagnare come un europeo medio, devi trasferire la produzione dall'UE alla Federazione Russa. Nella Federazione Russa, le risorse energetiche e la manodopera sono molto più economiche.
      1. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
        Kim Rum Eun (Kim Rum Yn) 26 November 2021 09: 10
        0
        ... e mani che lavorano.

        Non sei in grado di capire tutto, che le mani che lavorano in Russia sono finite da tempo. La Russia porta milioni di lavoratori ospiti dall'Asia centrale. Queste "mani" sono relativamente economiche, ma la qualità del loro lavoro è terribile.

        Sembra che alcuni ospiti del passato stiano scrivendo qui... alcuni sono volati qui direttamente dalle Università di Marxismo-Leninismo alla Casa degli Ufficiali del presidio... e altri 20 anni fa hanno letto un pezzo di giornale che è stato strappato nel toilette, hanno imparato quello che hanno letto qui per anni.
        1. Bulanov Online Bulanov
          Bulanov (Vladimir) 26 November 2021 09: 14
          0
          Il ghiaccio si è rotto! Sobyanin ha già iniziato a parlare della riduzione dei lavoratori ospiti nei cantieri di Mosca. Questo è l'inizio. Poco dopo ci sarà una campagna. E la Russia ne ha abbastanza della sua gente. Stipendi decenti non bastano. Questo era più o meno lo stesso in tutta la Russia all'inizio del XX secolo e ora l'automazione è più alta.
  9. Kim Rum Eun Офлайн Kim Rum Eun
    Kim Rum Eun (Kim Rum Yn) 25 November 2021 23: 52
    0
    Gli Stati Uniti rilasceranno 50 milioni di barili di petrolio dalle riserve strategiche nazionali al fine di abbassare i prezzi dell'energia per i consumatori americani.
    Così, la Gli States hanno annunciato ufficialmente un intervento senza precedenti nella storia recente sul mercato petrolifero mondiale, che interesserà sia i produttori che i consumatori di "oro nero" in tutto il mondo.

    Circa 3 anni fa ho comprato 30 kg di zucchero a 27 rubli e li ho messi in dispensa. Ora 1 kg di zucchero costa 50 rubli e ho deciso di iniziare a spendere la mia vecchia scorta. Facendo questo passo senza precedenti nella storia moderna, sarò in grado di far crollare il mercato dello zucchero non solo nella regione di Mosca, ma anche su scala federale, il che influenzerà i produttori e i consumatori di zucchero in tutta la Russia e persino nel mondo. risata