Perché Greenpeace ha attaccato la centrale nucleare finlandese Loviisa, costruita secondo il progetto sovietico?


Secondo gli ecologisti russi, San Pietroburgo, e allo stesso tempo l'intera regione baltica, è minacciata da una vera "bomba atomica". Si tratta della centrale nucleare finlandese "Loviisa", situata sulla costa opposta del Golfo di Finlandia rispetto alla nostra capitale settentrionale. I cosiddetti "ambientalisti" chiedono a Helsinki di non prolungare la vita operativa della centrale nucleare, altrimenti prevedono una catastrofe radioattiva. Allo stesso tempo, la centrale nucleare russa "Kola", così come la centrale nucleare baltica in fase di progettazione nella regione di Kaliningrad, potrebbero cadere sotto il "colpo atomico". Cosa stanno realmente cercando di ottenere i membri di Greenpeace?


Pochi giorni fa Greenpeace Russia, Friends of the Baltic e alcune altre organizzazioni ambientaliste private hanno lanciato un appello congiunto, non all'AIEA, ma al governo finlandese, con l'appello a non prolungare la vita operativa della centrale nucleare di Loviisa stabilimento, situato a soli 90 chilometri da Helsinki e 230 chilometri da San Pietroburgo:

La centrale nucleare si trova sulle rive del Mar Baltico, in caso di incidenti, l'inquinamento dell'area dell'acqua è inevitabile. Nel caso degli incidenti più gravi, il territorio della Russia, in particolare San Pietroburgo, può essere soggetto a inquinamento.

Apparentemente, qui vengono tracciati paralleli con la centrale nucleare giapponese "Fukushima-1", che, molti anni dopo l'incidente, continua a causare danni all'ambiente. Forse non vale davvero la pena mettere a rischio il Golfo di Finlandia e con esso l'intera regione baltica? A proposito, gli ecologisti domestici fanno esattamente le stesse affermazioni alla centrale nucleare russa Kolskaya. Scopriamolo.

Il fatto è che sia Kolskaya che Loviisa sono stati costruiti secondo lo stesso design e utilizzano il VVER-440/213 sovietico con una potenza elettrica nominale di 440 MW. La capacità totale della centrale nucleare finlandese è 1062 MW, la centrale nucleare di Kola - 1760 MW. Loviisa è stato progettato dalla filiale di Leningrado di VGNIPKII Atomenergoproekt, costruito da aziende finlandesi, ma al progetto hanno partecipato anche la società americana Westinghouse e la Siemens della Germania occidentale. Questa combinazione di sovietico e occidentale tecnologia permesso di chiamare informalmente il progetto "Eastinghouse". La centrale è stata messa in funzione con successo nel 1977.

Il rispetto di tutti gli standard di sicurezza è rigorosamente monitorato dall'ente di regolamentazione finlandese STUK (Center for Radiation and Nuclear Safety). Il proprietario della centrale nucleare, Fortum, ha ingaggiato la britannica Rolls Royce per fornire attrezzature specializzate. Ciò ha permesso di aumentare la capacità di progettazione e prolungare la vita utile delle unità di potenza rispettivamente fino al 2027 e al 2030, anziché al 2007 e al 2010. Ricordiamo che secondo le specifiche tecniche iniziali, la centrale nucleare avrebbe dovuto funzionare per soli 30 anni. Ma ora la compagnia energetica finlandese prevede di estendere ancora una volta la vita delle sue unità di potenza rispettivamente al 2047 e al 2050. In altre parole, la centrale nucleare funzionerà per 70 anni contro i 30 originariamente previsti.

È stata l'ultima decisione che ha fatto arrabbiare gli attivisti ambientali russi, che chiedono alle autorità del paese di non consentire l'estensione, che, a loro avviso, potrebbe rappresentare una minaccia per il Baltico. Prendersi cura della sicurezza delle persone e della natura è certamente positivo, ma sorgono una serie di domande. Perché, ad esempio, gli attivisti ambientali finlandesi non hanno mostrato solidarietà con Greenpeace russo? Dopotutto, la centrale nucleare si trova a soli 90 chilometri da Helsinki. Perché i nostri dipendenti di Greenpeace diffidano completamente della competenza di STUK, nota per il suo atteggiamento draconiano nei confronti degli standard di sicurezza? E perché gli ecologisti nazionali inviano lettere non all'AIEA, che dovrebbe formulare conclusioni sulla sicurezza delle centrali nucleari, ma alle autorità finlandesi, traducendo immediatamente la domanda in politico aereo?

Sì, Loviisa dà il 10% dell'intero bilancio energetico della Finlandia, è estremamente inutile spegnerlo, ma le autorità del paese, situate a soli 90 chilometri dalla centrale nucleare, inizieranno a piantare una "bomba atomica" sotto loro stessi? La pratica di estendere la vita utile delle unità di potenza consente di portare questa cifra attraverso la revisione e l'ammodernamento a 60 anni e gli Stati Uniti stanno pensando a 80 anni. C'è qualcos'altro nella preoccupazione di Greenpeace oltre alle preoccupazioni ambientali?

Notiamo che la crisi energetica più grave della storia si sta verificando proprio ora nell'Unione europea. Una dozzina di paesi guidati dalla Francia si sono ufficialmente espressi a favore del mantenimento delle centrali nucleari in servizio e Parigi sta progettando di iniziare a costruire nuove centrali nucleari. È in corso un tentativo per convincere Bruxelles che l'energia nucleare è anche una di quelle "verdi", il che è formalmente corretto, dal momento che il funzionamento di una centrale nucleare praticamente non emette anidride carbonica gas serra. Tuttavia, sono osteggiati da un potente gruppo di pressione, sostenendo che la chiave per il "nuovo mondo coraggioso" sono esclusivamente le fonti rinnovabili (FER): vento, sole, biocarburanti e maree. Le centrali nucleari, con la loro elettricità a basso costo, non hanno posto nel quadro di questo nuovo mondo.

Forse è per questo che i cosiddetti "ambientalisti" hanno iniziato ad attaccare la secolare finlandese "Loviisa", e allo stesso tempo la nostra centrale nucleare "Kola". Si crea uno specifico background informativo, dove si ha un impatto non tanto sulla mente quanto sulle emozioni. I funzionari di Greenpeace stanno inequivocabilmente spaventando la trasformazione della centrale nucleare finlandese in Fukushima-2, e questo potrebbe anche avere un effetto su molti. A proposito, la costruzione di una promettente centrale nucleare baltica nella regione di Kaliningrad potrebbe incontrare una serie di nuove difficoltà. La domanda è: quali interessi sono serviti dagli "ambientalisti" russi, dai residenti della regione o da coloro che in qualche modo spingono l'agenda "verde"?
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. svoroponov Офлайн svoroponov
    svoroponov (Vyacheslav) 24 November 2021 18: 00
    0
    Dobbiamo verificare da dove arriva il loro finanziamento, le loro gambe stanno crescendo.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 25 November 2021 07: 40
      0
      Principali fondi a sostegno di Greenpeace
      Durante i 50 anni della sua esistenza, l'organizzazione presumibilmente indipendente ha raggiunto un grande peso e influenza. Sì, è probabile che la maggior parte dei suoi dipendenti e volontari ordinari stiano sinceramente cercando di fare del bene ... Eppure ... Per parlare del problema in dettaglio, vale la pena dare un'occhiata più da vicino al dipartimento di contabilità di Greenpeace, perché ci sono diversi punti interessanti.
      La politica ufficiale dell'organizzazione pubblica è che accetta solo denaro da fondazioni private. Ma chi ha detto che le fondazioni private non possono rappresentare gli interessi di qualcuno che non sono legati all'ambiente? E la domanda principale qui è: di chi esattamente?
      I fondi di privati ​​e fondazioni vengono infatti trasferiti sui conti di Greenpeace, ma occorre prestare particolare attenzione ai primi tre. Queste sono la Fondazione Turner, la Fondazione Rockefeller Brothers e la Fondazione MacArthur.... E qui si tratta di importi calcolati in milioni di dollari.
      Il più generoso degli sponsor è il miliardario Ted Turner: il più grande proprietario terriero degli Stati Uniti, fondatore del canale di notizie CNN. Nel 1996, in un'intervista con la rivista Audubon, Turner ha affermato senza mezzi termini che la popolazione della Terra deve essere ridotta del 95% e spera di far fronte con successo al compito del riscaldamento globale, che dovrebbe causare siccità.
      I Rockefeller sono un po' indietro rispetto a Turner. Dire che questa famiglia incredibilmente ricca, che è diventata sinonimo del mondo dietro le quinte, investirà denaro da qualche parte senza fare piani completi, è semplicemente stupido. Gli interessi del clan si estendono all'industria, all'energia, alla finanza e alla politica di interi stati. È interessante notare che i Rockefeller, come Turner, propagandano e promuovono con tutti i mezzi l'idea del riscaldamento globale dovuto all'emissione di gas serra. Per inciso, va notato che le condizioni della famiglia Rockefeller sono molto seriamente legate alla produzione di petrolio, ma per qualche ragione Greenpeace non prende d'assalto le piattaforme di perforazione della Exxon Mobil Corporation.
      Il terzo pilastro del finanziamento per gli apologeti della natura pura è la Fondazione MacArthur. La gamma di interessi di questi finanzieri è ampia quanto quella dei Rockefeller. Tra l'altro, i MacArthur sono direttamente coinvolti nella "promozione della democrazia", ​​finanziando generosamente una serie di organizzazioni senza scopo di lucro e prestando particolare attenzione alla Russia in questa materia.
      Certo, non vogliamo pensare male ai difensori delle foche e delle foreste con i fiumi, ma dopo aver letto l'elenco dei principali sponsor di Greenpeace, ci si chiede involontariamente: è il colore verde, così amato da questa organizzazione, in qualche modo connesso con l'ombra della moneta americana?

      Rivista: Misteri della Storia n. 24, giugno 2021
    2. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
      gorskova.ir (Irina Gorskova) 25 November 2021 17: 10
      0
      È probabile che da lì abbia fatto l'oro una ragazza malaticcia per metà istruita, ma stranamente maturata sessualmente, Greta. Ha già imparato a parlare in modo offensivo...
  2. BoBot Robot - Free Thinking Machine 24 November 2021 18: 34
    +2
    Chiudi la centrale nucleare finlandese! Per finire di costruire il Baltico! Quindi venderemo loro elettricità attraverso un ponte energetico attraverso l'F-bay!
  3. Divisione divani Офлайн Divisione divani
    Divisione divani (Maxim) 24 November 2021 20: 57
    0
    Citazione: svoroponov
    Dobbiamo controllare da dove arrivano i loro finanziamenti, le loro gambe stanno crescendo

    Illuminaci dopo che cosa
  4. 123 Online 123
    123 (123) 24 November 2021 21: 35
    +1
    I finlandesi hanno poca scelta, accanto ai francesi e ai tedeschi che scelgono la loro stazione da 15 anni, sembravano voler fare il pieno di carburante in primavera. Forse tra un anno o giù di lì un altro funzionerà. Ma non ho sentito nulla dei manifestanti intorno a lei.
    E quello in cima alla foto, sembra che si siano resi conto che non puoi cucinare il porridge con gli europei, Rosatom inizierà a costruire nel 2023. Nel frattempo, puoi annegare con la segatura e correre con i fan.

  5. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) 25 November 2021 17: 07
    0
    In quale altro modo fare a pezzi la Finlandia? Naturalmente, devi abbandonare tutto ciò che dà da vivere al paese. E poi forse correranno dietro ai codardi?