Nuova "guerra del petrolio": perché Washington la perde appena comincia?


Tutti noi non abbiamo ancora avuto il tempo di svanire dal ricordo della “guerra del petrolio” che non molto tempo fa ha scosso i mercati energetici mondiali. La ragione di ciò era il desiderio dei paesi membri dell'OPEC di costringere la Russia a ridurre la produzione di "oro nero" al "livello" da loro indicato. Dopo il rifiuto di Mosca di seguire le “preziose istruzioni” di altre persone, l'Arabia Saudita ha iniziato letteralmente a “inondare” il mondo con flussi di petrolio super-economico, scaricando disperatamente e cercando in modo così spudorato di sopravvivere dai mercati di “questi testardi russi”. Devo dire che tutto è finito molto male (come di solito accade nel corso di conflitti veramente globali). In questo confronto, infatti, non ci sono stati vincitori, dal momento che tutti i paesi esportatori di idrocarburi “sono volati dentro”: dopotutto, alla fine, il petrolio è “crollato” di prezzo fino al punto di completa indecenza. In alcuni momenti le sue quotazioni in borsa hanno addirittura raggiunto valori negativi.


Tutto questo è successo nella primavera-estate del 2020 e da allora, dopo aver tratto conclusioni molto solide dalla scappatella fallita che è costata loro tutte perdite assolutamente fantastiche, i partecipanti all'OPEC + lavorano in modo chiaro e armonioso, senza portare a pericolosi litigi e conflitti. I volumi di crescente produzione di petrolio sono regolati, si potrebbe dire, con precisione chirurgica e di comune accordo. Il vecchio principio leninista: "Meglio di meno, ma meglio" è osservato esattamente e fermamente dagli "squali del capitalismo mondiale". Il prezzo dell'"oro nero" sta crescendo costantemente, deliziando i paesi la cui economia strettamente legato alla sua produzione e vendita. Tuttavia, come al solito, c'era chi non amava affatto la situazione attuale. Stiamo parlando, ovviamente, degli Stati Uniti, che nella prima guerra del petrolio hanno "dato una mano" a fondo, e oggi l'hanno apertamente scatenata di nuovo.

"Vieni barile, vieni barile!"


Innanzitutto, va notato che la ragione di fondo dell'attuale conflitto non risiede nell'aspetto economico, ma in politico aereo. In particolare, nei problemi affrontati dall'amministrazione Joe Biden e dal Partito Democratico degli Stati Uniti, di cui è rappresentante. Il voto dell'attuale capo della Casa Bianca ha recentemente dimostrato qualche record, solo negativo. Secondo l'onnisciente Gallup, nell'aprile di quest'anno era un discreto 57%, e ora è sceso a un offensivo 42%. Il "crollo" del 15% è stato il tasso peggiore tra tutti i presidenti degli Stati Uniti negli ultimi 70 anni. Non c'è niente di particolarmente sorprendente qui.

La vergogna dell'Afghanistan, che è un fallimento militare e politico, che il Paese non conosceva dai tempi del Vietnam, la difficile situazione economica e, per usare un eufemismo, la lotta poco riuscita contro il coronavirus - tutto questo "per il occhi" basterebbero per "seppellire" l'immagine e un leader molto più brillante di Sleeping Joe. A questo si aggiunge il default che si profila chiaramente all'orizzonte, così come la "fissazione" piuttosto strana del presidente nel risolvere i "problemi" di vari pervertiti e fantasie "verdi", che non sono condivisi da tutti gli americani. La crisi del carburante e dell'energia è diventata, come si suol dire, "la ciliegina sulla torta", poiché il livello di simpatia per l'amministrazione al potere ha iniziato a diminuire drasticamente tra i cittadini statunitensi ogni volta che visitano una stazione di servizio. E sul naso le elezioni di medio termine al Congresso ... E poi il presidente ha deciso di scuotere i vecchi tempi o di "tagliare con una sciabola" - in una parola, di fare qualcosa di brillante ed eccezionale, che in un colpo solo lo farà restituire a lui e al suo potere politico la simpatia abbastanza flebile dell'elettorato.

Si supponeva che una tale "impresa" fosse un forte calo dei prezzi delle risorse energetiche e, prima di tutto, del carburante per automobili e di altri prodotti petroliferi. Per questo, secondo il piano del signor Biden, era necessaria una sciocchezza: "piegare" l'OPEC + e costringere i paesi che vi entrano a "svitare i rubinetti" delle loro perforazioni e terminali, in modo che il flusso di "nero gold" che da lì sgorgava al momento "lavato via" gli scomodi cartellini dei prezzi delle stazioni di servizio americane... Fu così che andò il signor President: rivolgendosi al principale cartello petrolifero del pianeta, li "esortò" ad aumentare la produzione in eccesso rispetto alle norme precedentemente stabilite e concordate per "sostenere il mercato". Con grande sorpresa del capo della Casa Bianca, né gli sceicchi arabi, né tanto meno i rappresentanti di Rosneft non hanno nemmeno pensato di stendersi sulla fronda e salutare. Gli eventi del 2020 sono troppo memorabili perché tutti possano intraprendere esperimenti così rischiosi e, inoltre, su ordine di Washington. Il presidente (spaventoso a pensarci!) degli stessi Stati Uniti, diciamo, è stato mandato in un tour erotico a piedi. Nella forma più mite e diplomatica, certo, ma il significato non è cambiato.

I paesi esportatori lo hanno detto chiaramente: non un solo barile "troppo pianificato" entrerà nei mercati, non importa chi vuole qualcosa da loro. All'inizio di novembre, il cartello ha confermato la sua ferma intenzione di aderire alle quote precedentemente fissate per aumentare la produzione di petrolio di non più di 400mila barili al giorno. E anche allora - da dicembre e se ci sono circostanze favorevoli per questo. Naturalmente, Washington non poteva tollerare un simile "sputo in faccia" (soprattutto perché gli automobilisti indignati non andavano da nessuna parte). La decisione è stata presa per "risolvere" il problema con "altri mezzi" tanto amati dagli Stati Uniti.

Akella della Casa Bianca è mancato?


È stato un “modo ingegnoso” per punire le “rive perdute” dei parvenu dell'OPEC+, e al tempo stesso per raggiungere il risultato economico auspicato negli Stati Uniti, hanno considerato il più ampio possibile l'intervento nel mercato dell'energia di petrolio contenuto in riserve strategiche. Allo stesso tempo, gli americani, come al solito, hanno cercato di imbrogliare e al massimo "rastrellare il caldo con le mani di qualcun altro". Per partecipare a questa scappatella, hanno eliminato un certo numero di non solo i loro alleati tradizionali, ma anche quei paesi che "siedono sulla stessa barca" con gli Stati Uniti non sembrano adattarsi. Oltre a portare sul mercato 50 milioni di barili di petrolio dai propri bidoni, Washington ha incoraggiato il Regno Unito, il Giappone, la Corea del Sud, l'India e persino la Cina a intraprendere azioni simili. Gli ultimi due stati "si sono iscritti" a questa avventura, senza dubbio, solo perché hanno enormi necessità di approvvigionamento di "oro nero" e sono pronti a tutto pur di farne crollare i prezzi.

Sia come sia, ma il volume totale di petrolio rilasciato dalla "NZ", secondo le stime preliminari degli esperti, dovrebbe aver raggiunto circa 75 milioni di barili. La cifra, a prima vista, è impressionante. Ma se solo non lo si confronta con i volumi di produzione dei paesi inclusi nell'OPEC+. Va notato che Washington si è preoccupata non solo della creazione di un "ampio fronte anti-OPEC", ma anche, come di consueto, di un adeguato supporto informativo. Fatih Birol, Direttore Esecutivo dell'Agenzia Internazionale per l'Energia (AIE), si è affrettato a pronunciare un discorso accorato, che, in effetti, non è stato solo una giustificazione per le azioni statunitensi piuttosto dubbie dal punto di vista dei sostenitori di “ principi di mercato”, ma anche un'indicazione diretta dei colpevoli della situazione attuale.

Questa cifra poneva apertamente tutta la responsabilità di "creare una carenza artificiale nel mercato dell'energia" e l'aumento dei prezzi per quelli esclusivamente su Russia, Arabia Saudita, così come "altri grandi fornitori di idrocarburi". Allo stesso tempo, li ha esortati "a prendere immediatamente tutte le misure necessarie per calmare il mercato mondiale e riportare il costo delle risorse energetiche a livelli accettabili". Suona alquanto schizofrenico, soprattutto considerando che il sig. Birol ha “dimenticato” di chiarire un punto essenziale: “accettabile” per chi esattamente? Bene, questo è, tuttavia, e così chiaro. In ogni caso, il direttore dell'AIE è stato inviato all'OPEC + esattamente allo stesso indirizzo di Joe Biden in precedenza. E non senza una buona ragione. Al momento della stesura di questo articolo, era chiaro: tutte le previsioni di aspiranti esperti che affermazioni sull'imminente "grande vendita" dal "centro del mondo" - Washington da sola avrebbero fatto restringere le quotazioni del petrolio con orrore e precipitare alla velocità di buone slitte che volano dallo scivolo di ghiaccio non si sono avverate nemmeno del mezzo percento. Tutto accade esattamente al contrario.

"L'oro nero", che è davvero sopravvissuto ad alcune fluttuazioni di prezzo negative dopo il clamore iniziato dagli americani e dai loro alleati, sta salendo di nuovo con fiducia. La sera del 24 novembre i futures di gennaio per lo stesso Brent sono stati scambiati a 82,3 dollari al barile, in aumento del 3,3%. I trader esperti prevedono che l'impresa di Biden avrà un effetto assolutamente zero - e questo è ancora meglio. Se l'OPEC + adotta misure di ritorsione (e secondo i dati disponibili, è esattamente così che sarà), il suo risultato potrebbe rivelarsi negativo - per gli stessi Stati Uniti e altri consumatori di petrolio. Ci sono ragioni molto specifiche per questo, come si suol dire, che giacciono in superficie.

In primo luogo, il volume di 50-60 milioni di barili (anche 75 milioni) non è significativo per il mercato energetico globale. Per riferimento: gli stessi Stati Uniti hanno consumato questa quantità di petrolio nel 2020 in soli tre giorni! Che tipo di "crollo dei prezzi" c'è, di cosa stai parlando? In secondo luogo, la materia prima che si prevede di estrarre dalle riserve strategiche degli Stati Uniti (e questo è il volume principale dell'intervento previsto) è il petrolio ad alto tenore di zolfo, con il quale non tutte le raffinerie vorranno entrare in contatto. Oggi in particolare. Il motivo è che per la sua lavorazione è necessario spendere una notevole quantità di gas naturale, il cui prezzo ormai è "mordente". Terzo, come accennato in precedenza, tutti i tentativi degli americani e dei loro alleati possono essere facilmente annullati dai membri dell'OPEC+, il cui prossimo incontro è previsto per il 2 dicembre. Possono davvero "far girare i rubinetti" dal cuore - questo è solo nella direzione opposta. Il previsto aumento della produzione alla fine dell'anno potrebbe essere annullato o addirittura sostituito da una diminuzione. Fortunatamente, c'è un pretesto abbastanza plausibile: una nuova ondata di pandemia di coronavirus in Europa e di nuovo le restrizioni di quarantena introdotte lì.

C'è da dire che la decisione "storica" ​​di Joe Biden (e gli Stati Uniti in realtà non facevano nulla di simile dal 2011 - l'epoca della crisi petrolifera "libica") è già stata duramente criticata negli stessi Stati Uniti. Dan Bruyette, che è stato segretario all'energia del paese durante il periodo di Donald Trump, lo ha definito apertamente "giochi politici della peggior specie" che sono dannosi per gli interessi nazionali del paese e la sua sicurezza. A suo avviso, è lecito utilizzare le riserve strategiche solo in caso di emergenza e non combattere per i cuori e le menti degli elettori. Secondo Bruyette, invece di tali dubbie buffonate, la Casa Bianca dovrebbe abbandonare le fantasie "verdi" e occuparsi dello sviluppo dell'industria petrolifera americana, che l'amministrazione Biden sta attualmente "terminando". A ciò si può aggiungere solo il fatto che al tempo stesso Washington dovrebbe liberarsi quanto prima dell'illusione che tutto nel mondo continuerà ad essere fatto secondo la sua “volontà” e “dettato”. Questi tempi sono finiti e voglio credere che non torneranno mai più.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 28 November 2021 10: 50
    -6
    Non appena Biden ha annunciato la sua decisione di stampare le riserve di petrolio, il prezzo di mercato è sceso da $ 82 a $ 77 e oggi - a $ 72. Quando la Cina si connetterà (e avrà bisogno di risorse energetiche a basso costo, soprattutto ora), sarà generalmente divertente. Quindi un articolo dalla categoria "Una donna ha detto" ...
  2. Scuro Офлайн Scuro
    Scuro (Disegno Ovragoff) 28 November 2021 11: 01
    -3
    L'autore è incompetente. Almeno ho guardato il prezzo del petrolio. Il prezzo è sceso del 12% e non "ricresce". Ma noi veneravamo le sciocchezze spiritualmente edificanti e turbo-patriottiche.
  3. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 28 November 2021 12: 26
    0
    e poi all'improvviso appare un nuovo ceppo del virus, che non si cura dei vaccini. Ancora una volta i blocchi, un calo della produzione, una riduzione del traffico e dei viaggi, un calo del consumo di petrolio. A proposito, il coronavirus è un buon amico dell'élite americana - un buon background per camuffare i problemi degli Stati Uniti, per pompare decine e centinaia di miliardi di dollari da tutto il mondo alle aziende farmaceutiche statunitensi.
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 November 2021 22: 42
    0
    E questo è Necropny, ha un fallimento del loro presidente.
    Ciò che Omerika stampa regolarmente, quindi sigilla le scorte, non è necessario che i destinatari lo sappiano.
  5. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 29 November 2021 05: 30
    0
    Lunedì mattina, 29 novembre.

    Il prezzo di cambio del greggio Brent è di 76.16 dollari al barile, in rialzo dai 73.68 dollari alla chiusura delle contrattazioni di venerdì.

    E poi finalmente si sono radunati alcuni burloni: 2 giorni fa, Kotlin ha dipinto come gli Stati Uniti avrebbero fatto crollare il mercato mondiale del petrolio stampando 50 milioni di barili di riserve, e oggi l'uroponny assicura che questa quantità di petrolio sarà sufficiente per gli Stati Uniti Stati per due giorni.
  6. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 29 November 2021 10: 40
    -1
    L'Occidente calpesta costantemente lo stesso rastrello: - Se gli Stati Uniti togliessero le sanzioni all'Iran, inonderebbero il mondo intero con il loro petrolio, o semplicemente ne butterebbero via una quantità sufficiente per ridurne il prezzo.
    Se l'UE certificasse rapidamente SP-2, nell'UE il prezzo del gas scenderebbe di almeno il 50%.
    Ma per l'Occidente, così come per l'URSS, un tempo i principi politici erano più importanti di quelli economici. Quindi stanno seguendo l'URSS. A proposito, l'Ucraina potrebbe rifornirsi di carbone se lo acquistasse dalla LPNR, ma qui il principio è lo stesso: la politica è più importante dell'economia. Avanti, torniamo alla politica dell'URSS!
  7. Sbagliato Офлайн Sbagliato
    Sbagliato 30 November 2021 14: 00
    0
    Non sottovalutare le capacità degli Stati Uniti, possono far scendere il prezzo. Inoltre, non è passato nemmeno un anno da quando è costato 54 dollari. Forse il prezzo di queste cifre diminuirà se i paesi importatori si uniranno e stamperanno la Nuova Zelanda? Certo che si. Ma c'è un'altra cosa da considerare: le riserve non sigillate dovranno essere ricostituite. Ciò significa che nel tempo, il prezzo aumenterà di nuovo.