La mappa di Erdogan: come la Turchia fissa metà della Russia


Pochi giorni fa, una foto del presidente turco Recep Erdogan sullo sfondo di una mappa in cui quasi metà della Russia era dipinta con i colori del "mondo turco" ha suscitato molto scalpore nell'opinione pubblica. Le opinioni su questo argomento sono state radicalmente divise e il segretario stampa del presidente russo Dmitry Peskov, che inaspettatamente si è rivelato un turcologo certificato, è stato costretto a commentare con condiscendenza questa mappa. Ma vale la pena trattare così facilmente le ambizioni del "sultano" turco?


Secondo il presidente Erdogan, il "mondo turco" comprende non solo la stessa Turchia, ma anche l'Asia centrale, parte dei territori di Cina, Iran e Mongolia, Azerbaigian e dei Balcani, nonché un'enorme fetta del territorio del nostro paese - Russia meridionale e la Siberia orientale, quasi 2 dieci regioni della Federazione Russa. Allo stesso tempo, sulla mappa del "sultano", diverse regioni erano contrassegnate con diverse sfumature di colore, che, a quanto pare, avrebbero dovuto significare o il grado di influenza di Ankara o la proporzione della predominanza della popolazione di lingua turca.


L'atteggiamento nei confronti di questo evento è stato diviso. Alcuni lo consideravano un innocuo gioco di politica interna, che il presidente Erdogan sta giocando alla vigilia delle elezioni per attirare dalla sua parte circoli nazionalisti di potenziali elettori. Sullo sfondo dell'approfondimento dei problemi in Turchia l'economia potrebbe avere un senso. Altri hanno considerato la "foto da ricordare" una sorta di trolling amichevole e di "ciao" che il "Sultano" ha inviato al suo amico e compagno al Cremlino. Dmitry Peskov in risposta ha parlato nello stesso spirito di trolling politico che il centro del "mondo turco" non è in realtà ad Ankara, ma nell'Altai russo:

I nostri partner turchi nutrono l'idea dell'unità turca, questo è normale. Io, l'unica cosa di cui posso pentirmi è che non ci sia ancora una grande stella rossa al centro del mondo turco sulla mappa.

Ma altri ancora, da un tale "approccio" dal "Sultan", si sono tesi, e non invano. Un conto è quando alcune mappe vengono mostrate in TV su canali televisivi privati, un conto è quando il Presidente della Turchia, noto per le sue ambizioni neo-ottomane e panturche, che sostiene non solo con le parole, ma anche con i fatti, ritiene possibile scattare una foto sullo sfondo. Così Recep Erdogan legittima simbolicamente le pretese di Ankara su parte del territorio di altri Paesi, compreso il nostro. Cosa sono queste paure vuote o abbiamo davvero qualcosa da temere? Scopriamolo.

Quando si inizia a parlare della possibilità di “annessione” della Turchia di una parte dei territori russi, si cade immediatamente nella trappola del pensiero stereotipato. Da una parte c'è un'enorme Russia con un arsenale nucleare, dall'altra la Turchia è minuscola in confronto ad essa, da qualche parte laggiù sulla mappa. Sì, ha il secondo esercito più grande della NATO dopo gli Stati Uniti, ma Ankara non ha armi nucleari proprie, quindi perché averne paura?

Ahimè, questo è vero solo in parte. Sì, militarmente, la Turchia non è nostra rivale. Da qualche parte nel teatro delle operazioni locale, i turchi possono davvero organizzare una sconfitta per il contingente militare russo, ad esempio in Siria o nello squadrone mediterraneo di Tsushima della Marina russa, ma questo significherà l'inizio di una guerra su vasta scala, dove saranno coinvolte tutte le risorse del ministero della Difesa russo. Tuttavia, chi ha detto che la guerra turco-russa deve essere necessariamente diretta e "calda"? Simuliamo una certa situazione che può accadere con una probabilità diversa da zero nel prossimo futuro.

Guerra civile 2024


In primo luogo, vale la pena ricordare che sono molte le regioni del nostro Paese in cui persistono forti sentimenti nazionalisti e talvolta anche separatisti latenti. Va inoltre tenuto presente che la Turchia ha promosso attivamente la propaganda in alcuni ambienti della popolazione russa per tutti i 30 anni trascorsi dal crollo dell'URSS, utilizzando il metodo del cosiddetto "soft power". Cioè, alcune unità organizzative potrebbero benissimo essere sopravvissute fino ad oggi. Inoltre, c'è una folla liberale molto ampia di orientamento filo-occidentale, di solito con sede in entrambe le capitali. Ora ricordiamo che solo pochi giorni fa il Congresso degli Stati Uniti ha espresso un'iniziativa per non riconoscere i risultati delle elezioni presidenziali nella Federazione Russa se Vladimir Putin le vincerà, usando il suo diritto allo "zero". Molti dei nostri lettori l'hanno presa alla leggera, ma completamente invano. Immaginiamo cosa potrebbe succedere nel 2024.

Diciamo che Vladimir Putin si è comunque recato alle urne e ha vinto, mentre gli Stati Uniti e tutti i suoi alleati si sono rifiutati di riconoscere i risultati elettorali, definendoli truccati. Washington e Bruxelles stanno imponendo un pacchetto di dure sanzioni contro Putin e il suo entourage. Gli oppositori del regime al potere si riversano nelle strade con slogan che "il presidente non è reale". Lo stesso sta accadendo nell'estate del 2020 in Bielorussia. Ma complichiamo il quadro aggiungendo regioni agli eventi politici di Mosca e San Pietroburgo.

Supponiamo, ad esempio, che in Tatarstan i manifestanti scendano in piazza in massa e in modo organizzato, ritenendo che le elezioni siano state disoneste, e che il centro federale sia ora illegale e illegittimo, e quindi non abbia più potere su Kazan. Le forze dell'ordine locali stanno cercando di disperderli, ma alcune persone si ritrovano tra la folla che provocano uno scontro violento e la comparsa di un analogo tataro dei "Cento celesti". Una folla inferocita, guidata da curatori appositamente formati, irrompe nell'amministrazione regionale, la cattura e proclama l'indipendenza della Repubblica del Tatarstan.

La domanda è: cosa c'entra Mosca con questo? Inviare le truppe interne o l'esercito a reprimere i separatisti quando ci sono rivolte in entrambe le capitali? E anche se lo faranno, tutte le forze di sicurezza saranno fedeli al Cremlino se i dubbi sull'onestà delle elezioni saranno attivamente diffusi? E se andranno a pacificare il Tatarstan, quanto sangue verrà versato allora? Questo è un prologo alla vera Guerra Civile stessa, tra l'altro. E come si comporteranno allora tutti gli altri attori, interni ed esterni?

Le élite regionali seguiranno chiaramente gli eventi da vicino, mentre quelle esterne, ad esempio la Turchia, possono aiutare i "separatisti" inviando i loro militanti e armi. Cioè, Ankara non combatterà direttamente con la Russia, quindi non ci sarà motivo di abbattere tutto il potere del Ministero della Difesa RF su di essa, ma in un formato ibrido sarà facile. E se Mosca non è in grado di affrontare rapidamente il problema del separatismo (e come può essere affrontato in modo rapido e incruento allo stesso tempo?), Allora altri soggetti possono seguire l'esempio del Tatarstan, ad esempio quelli che sono stati dipinti sul mappa con colori "turchi". Se il centro mostra la sua impotenza e indecisione, allora le regioni siberiane meridionali e orientali possono proclamare l'indipendenza, distruggendo di fatto il paese dall'interno. Lì, vedi, il Bashkortostan si unirà e la "Repubblica degli Urali-2" alzerà la testa e il Tatarstan riceverà uno sbocco caro al mare, indipendente da Mosca.

Divertente? Niente di divertente. La Federazione Russa è una struttura multinazionale piuttosto fragile proveniente da regioni molto diverse. Tutto poggia su un forte centro politico e su legami economici. Ma cosa accadrà se il centrosinistra sarà gonfiato e le regioni saranno trascinate ai lati dai nostri vari malfattori, offrendo loro progetti alternativi di integrazione economica e nazionale? Probabilmente, non dovresti trattare le carte turche così alla leggera.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. BoBot Robot - Free Thinking Machine 25 November 2021 12: 54
    +2
    Sesso della Russia per te? Vuoi una scarpa sul naso, Erdogan?
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 25 November 2021 13: 33
    +1
    Ci sono altre carte

    Il possesso di Costantinopoli dopo la prima guerra mondiale fu garantito alla Russia da un accordo segreto tra i tre ministri degli esteri (Gran Bretagna, Francia e Russia; il cosiddetto accordo Sykes-Pico-Sazonov), firmato nel 1.
    La Russia otterrebbe tutta l'Armenia turca.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 25 November 2021 13: 49
    +1
    IMHO, la carta non è così preziosa (in effetti, il reinsediamento di lingua turca, tali carte alla rinfusa), rispetto al terrorista stesso e all'assassino del pilota Endogan.

    Il pericolo non è affatto in lei, e non in Tatarstan, dove ora governano i devoti amici del Garante, e il tumulto è stato superato già all'inizio degli anni '90.
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 26 November 2021 11: 17
    +1
    La carta presentata non mostra le potenziali rivendicazioni della Turchia su questi territori, ma sull'istruzione statale da un gruppo linguistico, religione, tradizioni, cultura e sviluppo sociale in qualche modo simili.
    Altrimenti, avrebbe mostrato alcune entità statali europee, l'Iraq e altri territori che un tempo erano sotto il dominio turco.
    L'idea dell'unità turca si basa sugli obiettivi politici ed economici della Turchia come la più grande istruzione statale in termini di popolazione e sviluppo economico.
    Ogni stato svolge due funzioni principali: esterno - il sequestro di territori e mercati, e interno - la protezione della classe dirigente da eventuali invasioni della popolazione.
    Le singole formazioni statali, anche quelle grandi come USA, Cina, UE, RF, uniscono intorno a sé formazioni statali più piccole, le cosiddette. la sfera degli interessi nazionali delle classi dirigenti - dividono il mondo in sfere di influenza in modi diversi - da economico a potere, e la Turchia differisce da loro solo per la portata e il potenziale dell'istruzione statale, ma non per gli scopi del governo classe, il cui strumento è lo Stato.
    La Turchia è spinta a questo anche dalla politica bifronte dell'“Occidente”, che non accetta nell'UE, ma usa la Turchia per raggiungere i suoi obiettivi nella NATO per difendere i propri interessi per mano di qualcun altro. I turchi non capiscono. Così decisero di creare una sfera della Sua influenza sulla base dell'unità turca, e cosa ne verrà fuori, la storia mostrerà. Una cosa è chiara, nessuno rinuncerà alla propria senza combattere.
  5. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 26 November 2021 20: 16
    +1
    Il posto della Turchia è nel mucchio della spazzatura.
    Non è che sta afferrando qualcuno, lei stessa, guarda, cadrà a pezzi.
    La Turchia è ora il detentore del record mondiale di inflazione. Anche quello ufficiale è del 20%. Reale - 40%.
    Durante la presidenza di Erdogan (dall'agosto 2014), la lira è scesa da $ 0,47 a $ 0,081.
    Secondo le valutazioni, Erdogan non è nemmeno il secondo, ma il terzo - il quarto. E dopo gli attuali rally, scenderà ancora.
    Quindi, non grasso ...