"Politica orientale": la Germania si ribella agli Stati Uniti e si rivolge alla Federazione Russa


Il 24 novembre, il Partito socialdemocratico tedesco (SPD) ha annunciato l'accordo finale di un accordo di coalizione con l'Alleanza 90/Verdi e il Partito Democratico Libero (FDP). Le consultazioni trilaterali, tenute nel mese scorso, prima in 22 gruppi di lavoro e poi tra i vertici dei partiti, sono culminate nella firma di un accordo di 177 pagine che tiene conto degli interessi di ciascuna delle parti nella futura governance del Germania. La versione definitiva dell'accordo, presentata in una conferenza stampa congiunta delle parti a Berlino, dovrebbe costituire una base fondamentale per la formazione di un rinnovato governo tedesco, che per la prima volta in sedici anni sarà guidato da un Angela Merkel.


Tuttavia, il nuovo cancelliere, che diventerà il leader della SPD Olaf Scholz, è tutt'altro che l'unica novità nel panorama politico tedesco. A giudicare dagli eventi degli ultimi giorni, nei prossimi quattro anni la Germania può ben aspettarsi un capovolgimento cardinale del mercato esterno politica, suggerendo un miglioramento delle relazioni con la Russia e un peggioramento - con gli Stati Uniti.

"Nuova politica orientale"


Anche senza essere ufficialmente approvato come capo del governo tedesco, il capo della SPD, che ha unito la carica di ministro delle finanze con quella di vicecancelliere nel gabinetto della Merkel, stava già cercando di mostrare la sua diversa visione delle relazioni nell'est.

La "politica orientale" di Willy Brandt è servita come cambiamento che ha portato alla liberazione. La riunificazione tedesca e l'unità europea sarebbero state impensabili senza Willy Brandt... Ora serve una nuova "politica orientale" europea

Scholz ha dichiarato in un post sui social media il 20 ottobre.

Questa posizione di Scholz, ovviamente, si è riflessa nell'accordo di coalizione finale dei partiti che formano il governo, che diventerà una "road map" della politica tedesca per i prossimi quattro anni. E dalla direzione orientale della politica, il nuovo cancelliere della RFT, come il suo famoso predecessore, che ha inventato questo concetto politico, aveva in mente prima di tutto la Russia.

La Russia svolge un ruolo importante come attore internazionale. Conosciamo il valore di relazioni forti e stabili e ci impegneremo a mantenerle (...), tenendo conto delle diverse percezioni delle minacce e concentrandoci su una politica dell'UE comune e coerente nei confronti della Russia

- sottolineato nel documento.

Inoltre, l'accordo di coalizione sottolinea separatamente la necessità di stabilire legami più stretti tra i popoli russo e tedesco.

Vogliamo creare opportunità di viaggio senza visto dalla Russia alla Germania per gruppi target particolarmente importanti, ad esempio i giovani sotto i 25 anni

- rileva nel testo dell'accordo, citato da Die Welt.

È in giovane età che le amicizie si costruiscono più facilmente e si forma una visione del mondo, e la nuova leadership tedesca, ovviamente, vuole che le relazioni tra le nuove generazioni in Russia e in Germania evitino l'impatto negativo dettato dalla propaganda anti-russa proveniente dall'estero. Per inciso, questo è il segno indiretto più importante che a lungo termine Berlino farà esattamente quello che per migliorare le relazioni con Mosca. Infatti, oggi un numero crescente di politici europei sta prendendo coscienza che le sanzioni non sono per sempre e che il vettore di interazione con la Russia deve prima o poi cambiare in una direzione positiva. In contrasto con le relazioni dell'Europa con gli stessi Stati Uniti, ad esempio, la cui età d'oro della potenza transatlantica si avvicina ogni giorno al suo declino. Ed è probabile che sia la Germania a essere in prima linea nel nuovo pensiero antiamericano in Europa.

Germania vs USA: Nord Stream 2


I "verdi" hanno criticato aspramente gli Stati Uniti - con un tale sensazionale per la politica tedesca notizie TASS ha parlato il 24 novembre con riferimento all'agenzia di stampa Reuters.

Le nuove sanzioni statunitensi sono inaccettabili anche per gli oppositori di Nord Stream 2,
- ha detto l'esperto di politica estera del partito Omid Nuripur in un'intervista a Reuters.

Siamo noi, i Verdi, che abbiamo sempre combattuto contro l'oleodotto, che non riusciamo a capire che tipo di amicizia stanno cercando se imponiamo sanzioni contro gli amici quando fanno affari con un terzo. L'oleodotto era e rimane una decisione tedesca errata, ma non americana".

- ha sottolineato.

È chiaro che i Verdi sono da tempo contrari all'attuazione del Nord Stream 2. In linea di principio sono contrari all'uso di qualsiasi combustibile fossile, quindi questo non è sorprendente. Ciò che ha molto sorpreso la maggior parte degli scienziati politici e degli esperti è che erano i "verdi" che, fino a poco tempo fa, erano chiamati la forza politica più vicina a Washington in Germania. Cioè, infatti, la bocca del loro funzionario contro Washington era il più stretto alleato politico tedesco.

Le ragioni di un'affermazione così dura sono ovvie. Infatti, solo un giorno prima, il 23 novembre, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha nuovamente imposto sanzioni a compagnie e navi associate all'attuazione del progetto Nord Stream 2. La Transadria Ltd. con sede a Cipro, così come la nave battente bandiera russa Marlin, sono state incluse in una lista nera speciale, che elenca le persone fisiche e giuridiche, nonché le navi, con cui è vietato sia ai cittadini che ai residenti permanenti degli Stati Uniti cooperare. La base per l'introduzione di nuove sanzioni, come prima, è stata la legge "On the Protection of Energy Security of Europe", adottata dai legislatori americani nel 2019. Washington, a quanto pare, è così abituata a trattare l'Europa come il suo cortile di casa che sta adottando leggi separate in relazione ad essa, progettate per regolare quasi direttamente qualsiasi attività che si svolge nel Vecchio Mondo. E non vale la pena aspettarsi che i politici europei sopportino all'infinito un comportamento così rozzo. Dopotutto, a chi piace davvero quando una parte della tua sovranità viene de facto morsa da un impero d'oltremare che pensa ancora in termini di Guerra Fredda?

Germania vs USA: questioni "nucleari"


Vale la pena notare che la situazione intorno al Nord Stream 2, che gli Stati Uniti stanno ancora cercando di evitare che inizi interferendo negli affari di Europa e Russia, è solo uno dei fattori che spingono la RFT verso una politica antiamericana. Il secondo fattore è di natura molto più antica ed è profondamente radicato nei giorni in cui la Germania era divisa e gli Stati Uniti e l'URSS stavano lottando attivamente per le sfere di influenza in Europa. E il suo nome è armi nucleari americane. Collocato, tra l'altro, sul territorio tedesco è lontano dal primo decennio. Da molti anni gli abitanti della Repubblica Federale Tedesca sono favorevoli al suo ritiro dalla Germania, ma senza successo. Inoltre, sondaggi di opinione indipendenti mostrano che l'idea di ritirare i missili americani è sostenuta dalla stragrande maggioranza della popolazione tedesca. Tuttavia, i decantati principi democratici qui apparentemente sono falliti, e durante il governo a lungo termine del blocco conservatore CDU/CSU, questo problema è invariabilmente sfuggito all'agenda politica interna tedesca.

Tuttavia, con l'avvento al potere di nuove persone, Berlino, a quanto pare, è pronta a intraprendere un percorso verso la denuclearizzazione finale. Altrimenti, si rivela una situazione paradossale: le centrali nucleari in Germania sono chiuse - queste ultime dovrebbero essere fermate nel 2022 e le bombe atomiche americane rimangono ancora. Quindi, a quanto pare, il nuovo governo risolverà seriamente questo problema con la pedanteria tedesca, una volta per tutte.

E a quanto pare gli USA e la NATO sono inclini a crederci. Meno di una settimana fa, il 19 novembre, il segretario generale dell'organizzazione, Jens Stoltenberg, ha annunciato che le armi nucleari americane potrebbero essere schierate nell'Europa orientale se la RFT decidesse di opporsi al loro dispiegamento sul proprio territorio. Parlando a una conferenza tenuta sotto gli auspici della Società Atlantica tedesca e dell'Accademia federale per la politica di sicurezza, Stoltenberg ha espresso la sua speranza per la conservazione dell'arsenale nucleare americano sul suolo tedesco.

Mi aspetto che la Germania continui a far parte del sistema di uso congiunto delle armi nucleari, questo è molto importante per tutta l'Europa, è un formato multilaterale. (...) Naturalmente, la Germania deve decidere se un'arma nucleare [straniera] sarà di stanza in questo paese, ma l'alternativa a ciò può facilmente essere che le armi nucleari possono finire in altri paesi europei, in particolare - per dell'est della Germania".

- disse Stoltenberg, riferendosi ovviamente all'attuale leadership della Polonia, sempre pronta a compiacere il sorvegliante d'oltremare.

Tuttavia, il fatto che dei "verdi" apparentemente fedeli si siano schierati contro i missili americani dimostra che le idee antiamericane nel campo politico tedesco occuperanno un posto crescente nei prossimi anni. Dopotutto, il resto dei partiti della nuova coalizione di governo ha sempre trattato Washington in modo molto più moderato.

Certo, è ancora troppo presto per trarre conclusioni sul futuro delle relazioni russo-tedesche, visto che il nuovo governo della RFT non ha ancora iniziato i suoi lavori. Tuttavia, una cosa è chiara già adesso: la Germania, il primo dei paesi dell'UE, sta gradualmente iniziando a "svegliarsi" e rendersi conto che, in realtà, è occupata dagli Stati Uniti allo stesso modo di molti altri paesi dell'UE - dalle truppe del loro blocco militare NATO. Gli Stati Uniti stanno ascoltando i migliori politici europei, piazzando testate nucleari negli angoli più vantaggiosi d'Europa e interferendo regolarmente negli affari interni dei paesi dell'UE, cercando di svolgere il ruolo di un burattinaio che tira i fili. La differenza di atteggiamento è che nel caso della Repubblica federale di Germania questo è andato avanti negli ultimi settantasei anni, il che è stato più che sufficiente per valutare in modo giustificato i veri motivi della politica americana. Quindi è ovvio che è la Germania che oggi ha tutte le possibilità per dispiegare la politica dell'intera UE in direzione orientale e stare alla testa della lotta dell'Europa per l'indipendenza dagli Stati Uniti. E dato il ruolo di Washington nel fomentare l'isteria anti-russa nell'UE, possiamo dire con sicurezza che questo alla fine porterà, se non a un radicale miglioramento delle relazioni con la Russia, quindi alla loro normalizzazione - questo è certo.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 26 November 2021 09: 29
    0
    Beato chi crede... Deutschland Zoltaten si toglierà gli stivali e, in pantofole, andrà dalla Frau e Fraulein a est...
  2. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 26 November 2021 09: 55
    +3
    Tagliatelle. Arriverà con nuove sanzioni per l'Ucraina. La Merkel ha diligentemente distrutto le relazioni tra Germania e Russia per 16 anni. Ha fatto tutto il possibile affinché la Russia in Europa fosse percepita come un nemico. Sono andato a scappare dagli europei per imporre sanzioni contro la Russia. Il nemico e il nemico specifico. Non ha dimenticato i 45 anni, si è vendicata come meglio poteva. Ebbene, che importa a Spagna, Italia, Portogallo, Grecia delle relazioni tra Russia e Ucraina? Assolutamente nessuno. La loro attività è l'economia, il commercio. Ma no, e questi erano convinti. E per riscaldare continuamente la negatività verso la Russia, hanno organizzato il caso degli Skripal, il grosso. E che dono è diventata la sparatoria di un terrorista georgiano che vive pacificamente in Germania!
    È necessario in questi giorni di permanenza della Merkel, agire il cancelliere per srotolarlo al massimo, scarica tutti i suoi dettagli nello spazio mediatico. Sedersi a casa in pensione ed esitare ad uscire.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 26 November 2021 10: 06
    -1
    wah! era già con 20 articoli che la Germania "in direzione della Federazione Russa"
    e 20 articoli "da RF", l'ultimo come ieri.

    E nella vita reale, JSA è al primo e al terzo posto negli scambi con la Germania. e RF non è incluso in 1ku / è incluso
    Sicuramente i tedeschi negozieranno con la Cina.... anche 1-3 posto negli scambi.
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 26 November 2021 10: 22
    -1
    "Politica orientale": la Germania si ribella agli Stati Uniti e si rivolge alla Federazione Russa

    - Ha... - Personalmente, io - beh, solo un po' crederei in tutto questo - se, se, se - tra Germania e Polonia - le relazioni si deteriorassero improvvisamente bruscamente, e poi... e - si intensificassero bruscamente. .. - Questo diventerebbe - una sorta di "rivolta" della Germania contro gli Stati Uniti e una "svolta" verso la Federazione Russa ...
    - Ma questo non esiste ed è improbabile che ciò accada ... - E l'ostilità personale "tra-tra" non è presa in considerazione qui ... questa è una semplice routine e questa "ordinarietà ostile" semplicemente non ha alcun ruolo ...
    - Quindi la speranza che la Germania divampi improvvisamente verso la Russia con "sentimenti amichevoli" è un'illusione elementare ...
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 26 November 2021 10: 52
    +2
    Non solo la Germania, ma l'intera UE è in realtà una colonia degli Stati Uniti e dell'Inghilterra! Quale lingua si parla solitamente nella colonia? Esatto, nel linguaggio dei colonialisti. E l'Ue, a partire dalla sua leadership a Bruxelles, comunica principalmente in inglese. Quando l'Inghilterra era nell'UE, questo potrebbe in qualche modo essere spiegato, ma quando ha lasciato l'UE, può essere spiegato solo dal fatto che l'UE è una colonia degli anglosassoni! E condurre qualsiasi trattativa seria con la colonia non è molto promettente.
  6. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 26 November 2021 22: 25
    +4
    è ovvio che è la Germania oggi ha tutte le possibilità di dispiegare la politica dell'intera UE in direzione orientale e di mettersi a capo della lotta dell'Europa per l'indipendenza dagli Stati Uniti. E dato il ruolo di Washington nel fomentare l'isteria anti-russa nell'UE, possiamo dire con sicurezza che alla fine ciò porterà, se non a un radicale miglioramento delle relazioni con la Russia, quindi alla loro normalizzazione - questo è certo.

    Non condivido l'ottimismo dell'autore.
    Personalmente ho esattamente l'opinione opposta.

    Il nuovo governo tedesco sarà un ordine di grandezza più gestibile del passato, guidato da Frau Merkel.
    La retorica elettorale dei verdi non vale più di tutte le promesse elettorali di Zelensky in Ucraina.
    Verranno ragazzi seri e spiegheranno il loro posto in sesta fila.

    Per quanto riguarda le relazioni con la Russia, tutto non è meno triste.
    Posizioni chiave nel nuovo governo sono state prese da persone che non sono state notate non solo per simpatia, ma semplicemente per il desiderio di condurre un dialogo paritario con la Russia.

    Niente di buono brillerà per noi dal nuovo governo tedesco.

    PS Non c'è da stupirsi che avessimo fretta di finire di costruire l'SP-2 prima che la Merkel se ne andasse.