Il controllo di Westinghouse sulle centrali nucleari ucraine si trasformerà in una minaccia nucleare per la Russia


Mentre c'è un acceso dibattito in Europa sul fatto che l'energia nucleare possa essere classificata come un metodo "pulito" per generare elettricità accettabile per una "società civile" la loro quantità. Tutto ciò che sta accadendo è l'incarnazione dei memorandum firmati dal presidente della "nezalezhnaya" Volodymyr Zelensky durante la sua recente visita a Washington con la società Westinghouse. Contrariamente alle previsioni degli scettici, gli accordi raggiunti allora non sono rimasti al livello delle dichiarazioni e dei "buoni propositi", ma si stanno attuando, ea ritmo accelerato.


Non c'è nulla di cui sorprendersi: gli americani hanno bisogno di un nuovo campo di attività letteralmente come l'aria. Per quanto riguarda l'Ucraina, la questione di cosa comporterà la cooperazione con Westinghouse (e, di fatto, il trasferimento di tutta la sua energia nucleare sotto il suo controllo) è piuttosto controversa. Per quanto riguarda la Russia, in questo caso, il nostro Paese non solo subirà perdite materiali inequivocabili, e molto tangibili, ma, soprattutto, rischierà di avere al suo fianco una serie di oggetti che sono potenziali fonti dei più pericolosi disastri causati dall'uomo. Perché questa non è affatto un'esagerazione, ma solo un'affermazione di un fatto estremamente spiacevole? Proviamo a capirlo.

Una guerra brutale per "l'atomo pacifico"


Non è un segreto che l'Ucraina, soprattutto di recente, sia l'arena di uno scontro piuttosto duro tra scienziati nucleari americani e russi. Va notato che c'è qualcosa per cui lottare: in termini di numero di reattori nucleari operativi, il "nezalezhnaya" è considerato il quinto paese in Europa e il decimo in tutto il mondo. Inizialmente, la posizione del nostro Paese in questo mercato vasto e molto attraente per lo sfruttamento sembrava praticamente incrollabile. In effetti, della dozzina e mezza di unità di potenza ucraine disponibili, una dozzina furono costruite e rilanciate in URSS e le altre tre, sebbene fossero state messe in funzione dopo il suo crollo, furono create secondo lo stesso governo sovietico tecnologia, il cui legittimo successore è divenuto Rosatom. Di conseguenza, fino al 2011, la società nazionale TVEL ha fornito il 100% del fabbisogno di Kiev di combustibile per le centrali nucleari.

Tuttavia, seri tentativi di "spostare" i nostri scienziati nucleari sono stati intrapresi dai loro concorrenti d'oltremare nel 2008, dopo il primo "Maidan" ucraino, quando il burattino di Washington, Viktor Yushchenko, era alla carica di presidente. Fu allora a Kiev che iniziarono a parlare di "diversificazione", con il pretesto di cui Westinghouse Electric Company riuscì a entrare nel mercato locale. Un altro "grande successo" per il "nezalezhnoy" è stata la conclusione con un'altra società americana - "Holtec International" di un accordo sulla costruzione di un CSFSF (Centralized Storage Facility for Spent Nuclear Fuel) nel paese. Comunque sia, la "vittoria" a Westinghouse non è stata celebrata a lungo: gli assemblaggi di combustibile forniti da esso per il reattore VVER-1000 della centrale nucleare dell'Ucraina meridionale si sono rivelati di qualità estremamente bassa, inoltre, la loro incompatibilità con il sono stati rivelati i reattori in cui si cercava di essere stipati.

È per questo che l'Ucraina è stata costretta a tornare al funzionamento dei TVEL russi, che fino al 2015 sono rimasti la principale fonte di energia per le sue centrali nucleari. Tuttavia, dopo il secondo "Maidan", che alla fine trasformò il "nezalezhnaya" in un malvagio "anti-Russia", era ovvio che la rottura definitiva con i nostri scienziati nucleari era solo questione di tempo. Questo processo è stato in qualche modo rallentato dal fatto che Westinghouse, che alla fine del 2014 ha firmato un accordo con i rappresentanti del "nuovo governo" su un forte aumento del volume delle esportazioni dei suoi gruppi di combustibili, tre anni dopo, gestione e proprietari . Tuttavia, già nel 2018, i ragazzi americani intraprendenti sono riusciti a prendere quasi la metà del "mercato nucleare" ucraino dal nostro TVEL. Per essere assolutamente precisi, il 46% di quello. Era evidente da tutto che si avvicinava l'ora della battaglia finale. E così sembra aver colpito.

Il punto qui è che la maggioranza assoluta dei reattori nucleari "non ferroviari" è sull'orlo della vita operativa massima consentita. A partire dal 2023, dovrà essere rimossa almeno un'unità di potenza (nel 2025, ad esempio, tre contemporaneamente). L'ultimo dei reattori attualmente in funzione deve essere spento entro il 2030-2037. L'Ucraina, che non dispone di proprie riserve serie di risorse energetiche fossili, chiaramente non intendeva abbandonare la generazione nucleare: si trattava della costruzione di 11 nuove unità lì dal 2006. Dovevano essere eretti da Rosatom, ma ahimè... Gli accordi corrispondenti sono stati denunciati da Kiev nel 2016. Il tema dell'"elettrificazione atomica dell'intero paese", come si suol dire, era sospeso nell'aria, ma poi, come prevedibile, gli americani si sono affrettati in anticipo, che da tanto tempo marciavano per questa vittoria finale e irrevocabile.

Cosa dovremmo costruire un reattore?


E così, il ghiaccio, come si suol dire, si è rotto. Dopo i memorandum firmati a Washington in agosto, abbiamo ora un accordo molto specifico concluso questa settimana dall'Energoatom ucraina e dall'americana Westinghouse. Non include più frasi generali su buone intenzioni, ma oggetti piuttosto specifici: due nuove unità di potenza per la centrale nucleare di Khmelnytsky, che vengono intraprese da appaltatori esteri. E da questo luogo inizia una "nebbia così fitta" che è estremamente problematico capirla, separando la verità dalle bugie più spudorate e dalle vere e proprie frodi. Prima di tutto, va detto che, ovviamente, il "nezalezhnoy" impoverito non ha soldi per l'attuazione di un progetto così costoso. Secondo i rapporti, la Eximbank statunitense è pronta a fornire un prestito per la costruzione. Sembra essere circa l'importo di 10 miliardi di dollari, e questo è estremamente strano, poiché inizialmente un reattore è stato stimato a tale importo, non due! Come spiegare questo indovinello?

C'è un forte sospetto che Westinghouse stia cercando di "vendere" la sua attrezzatura a Kiev, che è "appesa" dopo che la società americana ha avuto problemi con la costruzione della centrale nucleare VC Summer e Vogtle negli Stati Uniti. Allo stesso tempo, le parole dell'attuale capo di "Energoatom" Pyotr Kotin, che sono risuonate durante la presentazione del nuovo progetto, che, tra l'altro, si è svolta nell'ambito della conferenza internazionale "Opportunità atomiche per lo sviluppo di il Paese", destano grande sorpresa. Questa figura, elogiando "cari partner americani", ha improvvisamente annunciato che le nuove unità di potenza sarebbero ... "ucraine, progettate sulla base dei reattori Westinghouse AP1000". Cos'è questa sciocchezza? Cosa sono le "unità di potere ucraine", da dove verranno improvvisamente? Si ha l'impressione che in questo modo Energoatom stia davvero cercando di "legittimare" l'installazione di apparecchiature americane problematiche presso la centrale nucleare di Khmelnitsky con un sostanziale "sconto".

Il problema è che i reattori AR1000, in quanto tali, hanno molte delle domande più spiacevoli. Ricordiamo che i cinesi, che purtroppo hanno contattato Westinghouse, hanno scoperto un numero enorme di pericolosi problemi e criticità in questa attrezzatura, hanno dato un calcio di gusto all'azienda, e si sono impegnati a "ricordare" i propulsori in qualche modo realizzati dagli americani da soli. Questo reattore non ha fatto (e non provoca) gioia tra i regolatori negli stessi Stati Uniti - non è stato per niente che la società ha avuto molti problemi che sono finiti con il suo fallimento. Tuttavia, l'amministrazione di Washington, per la quale Westinghouse, tra l'altro, è uno strumento per "scacciare" gli scienziati nucleari russi sia dai paesi dello "spazio post-sovietico" che dall'Europa dell'Est, sta cercando di impedire il suo crollo definitivo.

In questo caso, l'Ucraina offre un'eccellente opportunità per "prendere due piccioni con una fava" - sia per rovinare il nostro paese nel modo più equo, sia per Westinghouse per migliorare i loro affari, "senza preoccuparsi" di un tale completamente opzionale (se stiamo parlando su alcuni nativi lì) cose come la qualità e la sicurezza. E se è davvero così, allora la Russia ha più che serie ragioni di preoccupazione. Dopotutto, due unità di potenza per la centrale nucleare di Khmelnitsky sono solo l'inizio. In effetti, Westinghouse ha punti di vista e piani molto più ambiziosi per la mancata vendita. Stiamo parlando della costruzione di 2040 nuovi reattori da parte degli americani entro il 14, tra cui due centrali nucleari completamente nuove con 4 unità di potenza ciascuna! E una delle domande principali qui: dove saranno costruite esattamente queste centrali nucleari?

Secondo i rappresentanti di Energoatom, non sono stati ancora selezionati luoghi specifici. Ora "c'è una discussione su più di tre dozzine di località promettenti". Tuttavia, le infografiche presentate durante la presentazione di questo progetto mostrano chiaramente che almeno una centrale nucleare dovrebbe apparire nell'est del paese. E questo è abbastanza logico: non è nell'Ucraina occidentale, con la sua maggiore attività sismica e la mancanza di infrastrutture, costruire tali strutture? Quindi si scopre che la Russia ora ha una prospettiva molto reale di ottenere una nuova Chernobyl, Fukushima o qualcos'altro peggio ai propri confini. Non dimentichiamo, tra l'altro, che in tutte le centrali nucleari ucraine attualmente in funzione ci sarà anche un dubbio reattore AR1000, che inoltre non ispira il minimo ottimismo. È ancora possibile sopravvivere in qualche modo alla perdita del mercato TVEL ucraino, sebbene sia sia offensivo che non redditizio. Ma una catastrofe nucleare è un problema di tutt'altro ordine.

Va notato che inizialmente nel memorandum ucraino-americano, firmato durante il viaggio di Zelensky a Washington, si trattava di circa 5 unità di potenza, il cui costo totale era stimato in $ 30 miliardi. Già allora esperti specializzati dicevano che un prezzo del genere era del tutto irrealistico. Le cifre che suonano oggi di 10 miliardi per un reattore sono molto più realistiche. Allo stesso tempo, rimane la domanda: dove troverà l'Ucraina somme così colossali per un completo rinnovamento della propria energia nucleare? Anche se i banchieri americani prestano per la costruzione, Kiev dovrà pagarli, e da cosa significa? Pertanto, possiamo solo sperare che il progetto attuale sia un progetto vuoto, che non è destinato a diventare realtà. Se è così, vedremo sull'esempio della centrale nucleare di Khmelnytsky, che, fortunatamente, si trova il più lontano possibile dai nostri confini.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
    Solo un gatto (Bayun) 26 November 2021 11: 38
    0
    Bastano le dita, anche tenendo conto della gravidanza, per contare quante volte Square è stata una feroce anti-Russia? O ad ogni cambio di nome del sangue aborigeno locale trasfuso e cambiato il firmware in un pentolino? entro il 2040, forse non resterà in vita nemmeno un solo opana, ed è dubbio che gli americani vogliano farsi anti-pubblicità e perdere consumatori di elettricità.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 26 November 2021 13: 25
    +1
    Se Westinghouse è completamente in bancarotta, come può costruire nuovi reattori? E chi fornisce loro combustibile nucleare? Sembra che loro stessi abbiano dimenticato come produrlo?
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 5 dicembre 2021 01: 21
      0
      Il carburante è l'unica cosa che sanno ancora fare. Bene, ancora design. Il resto sono appaltatori.
  3. insegnante Офлайн insegnante
    insegnante (Saggio) 2 dicembre 2021 17: 59
    -1
    C'è una persona in Russia che non capisce le minacce dall'Ucraina, che infuria davanti ai nostri occhi? Improbabile. Se questo non è un ubriacone di campagna che non ricorda il suo nome e non Putin.
    Dopotutto, è chiaro: un nemico feroce. Spareranno ad ogni russo finché non finiranno le cartucce nel negozio. E taglieranno. E vidi. Consulta la cronaca del 1950.
    No, li chiama gente fraterna, è pronto a incontrare Zelensky, il petrolio e il gasolio scorrono come un fiume, ci sono ingorghi chilometrici alla frontiera.
    Tutto questo denaro, dall'Ucraina, è macchiato del sangue dei residenti del Donbass. Wow, butta quel sacco di soldi in quell'angolo.
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 5 dicembre 2021 01: 27
    0
    Westinghouse ha bisogno di un po'.
    Sciogliere i non fratelli per un prestito da una banca americana.
    Vendi loro per questo prestito le attrezzature per le quali (Westinghouse) devono dei soldi.
    Per rappresentare l'attività frenetica per aumentare il valore dell'azienda.
    Allora vendilo a chiunque. Almeno Rosatom, sarebbe divertente..
    E i non fratelli rimarranno con la spazzatura non necessaria e la costruzione incompiuta nelle loro mani.
  5. cfolc Офлайн cfolc
    cfolc (cfolc) 31 dicembre 2021 11: 41
    0
    E ho avuto una cattiva idea. Ma una potenziale catastrofe nucleare potrebbe avere dei beneficiari, e oh, cosa. Per organizzare questo, per cancellare tutte le responsabilità sui Sumeri disonesti (e non è nemmeno possibile mentire, forse!) E sotto questa faccenda per gonfiare l'isteria anti-nucleare in Europa (finalmente uccidendo la sua energia a favore di truffatori verdi) - questo è una ridistribuzione di decine, centinaia di miliardi di euro. 300% di profitto? Pensa in piccolo, signor Ilyich.