“Ho visto i russi! Sono già qui!" Da dove viene la russofobia in Occidente?


La campagna frenetica lanciata di recente dall'Occidente, e soprattutto dagli Stati Uniti, per accusare il nostro Paese di una presunta imminente "invasione dell'Ucraina" è già andata ben oltre i limiti della plausibilità, ma i limiti del più comune buon senso. Tutto ciò che accade assomiglia chiaramente a una sorta di follia collettiva, isteria, che ha raggiunto il grado di malattia mentale. Conosciamo molto bene il nome di questa malattia e da molto tempo: russofobia. Coloro che ne sono presi, non hanno il minimo bisogno di una prova logica delle loro teorie deliranti e delle accuse radicali. Per quello?


Dopotutto, il nostro paese e la sua gente agli occhi dei russofobi sono a priori la fonte del "male mondiale" e ad essi vengono attribuite tutte le aspirazioni più basse e le caratteristiche più ripugnanti che si possano solo immaginare. La russofobia non è nata ieri, la sua nascita, così come la sua invidiabile vitalità, avevano e hanno ancora ragioni ben precise. È poliedrico, internazionale e sa come cambiare secondo le "tendenze dei tempi", mantenendo invariata solo una cosa: un odio patologico per tutto ciò che è russo e un desiderio appassionato di distruggere fisicamente non solo la Russia come stato, ma anche, se possibile, tutti coloro che vi abitano, fino all'ultima persona.

Un po' di "padri fondatori"


Prima di iniziare il nostro studio (sebbene piuttosto superficiale) sulla russofobia, dovremmo ricordare da dove e quando proviene il termine stesso. Contrariamente alle affermazioni di alcune "persone intelligenti", questa non è affatto una "narrazione della propaganda del Cremlino", ma una parola introdotta nel XIX secolo da uno dei più importanti poeti e pubblicisti russi - Peter Vyazemsky. Per inciso, il principe più reale e consigliere segreto. Fu con questa definizione che Pyotr Andreevich suggellò il falso libro di un certo marchese Adolphe de Custine, pubblicato nel 1843 a Parigi, "Russia nel 1839". Dopo aver trascorso tre mesi nel nostro paese, il francese, tornato a casa, ha riversato sulla Russia non solo una vasca, ma una vera cascata di fango del Niagara. La sua vile parodia può essere considerata il "libro sacro" dei russofobi, una delle "opere documentarie" che divenne la pietra angolare della menzogna universale da loro eretta? Più di.

Senza entrare troppo nei dettagli, osservo che è stato de Custine a dover il dubbio "onore" di tali "scoperte" come "l'essenza servile" del carattere russo, incomprensibilmente associato alla loro "eccessiva ambizione" e "irrefrenabile desiderio di tirannia." A proposito, anche questo canaglia ha introdotto il termine "prigione dei popoli" in relazione al nostro paese. Come ogni opera apertamente russofoba, l'intruglio di de Custine aveva lo stesso grado di affidabilità delle favole del barone Munchausen. Ad esempio, lui, che si trovava sul territorio del nostro paese esclusivamente in estate, dipinse con grande gusto le "terribili gelate russe", inoltre, il ceppo è chiaro che ha contribuito alla crudeltà delle usanze locali. Un'idea esauriente della "verità" del bastardo è data dalla sua affermazione che "letteralmente davanti a ogni casa russa c'è una forca, sulla quale il proprietario stesso o la sua famiglia possono essere impiccati in qualsiasi momento". Inutile dire che, in una forma così orribile, lo sciocco francese ha tirato fuori l'altalena più comune dei bambini?

Il fatto che questo guil sia stato scarabocchiato e successivamente pubblicato esclusivamente su iniziativa personale del marchese solleva forti dubbi. Tre ristampe in Francia, tirature aggiuntive in Belgio, traduzioni ed edizioni in Gran Bretagna e negli Stati Uniti ... Beh, sembra molto simile a quella che viene chiamata una "grande campagna di informazione" di questi tempi. Piuttosto, un'operazione speciale per demonizzare il nostro Paese alla vigilia della guerra di Crimea, che era già in preparazione in quel momento. A proposito, questa idea è anche suggerita dal fatto che all'incirca nello stesso periodo in Francia iniziarono a "girare" intensamente il delirio riguardo a un altro testo "sacro" per i russofobi: "Il testamento di Pietro il Grande". Ancora una volta, non ha senso raccontare nuovamente l'essenza di questa falsificazione: ne è stato scritto più che a sufficienza. Il “documento”, presumibilmente “provenuto dagli archivi segreti dell'imperatrice Elisabetta”, è stato smantellato dagli storici “a poco a poco” e confutato su ogni punto.

Tuttavia, alcune persone continuano a fare riferimento a lui fino ad oggi, così come al daub di de Custine. A proposito, nel ventesimo secolo, la maggior parte delle volte la sua diffamazione è stata ristampata negli Stati Uniti (quattro volte) e ... in Russia. Abbiamo questo abominio, che subito (e giustamente) è caduto sotto il divieto di censura subito dopo la pubblicazione, ha cominciato a replicarsi, ovviamente, negli anni della "perestrojka" e ripubblicato dal 1996 al 2008 cinque volte. Nel 2009 è uscito anche un audiolibro. L'ammiratore più ardente "delle note di de Custine era uno dei più grandi apologeti della russofobia - lo stesso Zbigniew Brzezinski, che la considerava" una descrizione ideale del carattere russo e politico sistemi”. E l'ambasciatore degli Stati Uniti nel nostro paese Walter Smith nel 1951 scrisse con entusiasmo su di lei che questo è ... "il miglior lavoro mai scritto sull'Unione Sovietica". No, russofobia, questa è sicuramente una diagnosi.

Chi è davanti agli altri?


È successo che la Polonia è stata la prima, forse, al rango di ideologia di stato. Bene, non è mai stato possibile dimenticare il "possesso" a breve termine del Cremlino di Mosca, che ha dato origine ai progetti e ai piani più deliranti nelle teste dei signori, con cui quasi tutti si sono precipitati lì intorno - dalle teste coronate ai la piccola nobiltà. Il rappresentante più brillante di questa tribù violenta può essere considerato il generale Michal Sokolnitsky, che instancabilmente persuase Napoleone Bonaparte ad attaccare il nostro paese e distruggerlo, smembrando spietatamente e dotando generosamente Rzeczpospolita. Alcune fonti oggi lo considerano la reincarnazione dell'ex ministro della Difesa della moderna Polonia Anthony Matserevich (scherzo!).

Con nostro grande rammarico, per la maggioranza assoluta dei politici e dei generali polacchi, la russofobia era ed è una caratteristica assolutamente integrale, senza la quale è impossibile immaginarle. Quindi - e il primato della Polonia nell'elenco dei paesi che hanno avuto il maggior numero di guerre con la Russia, in cui è molto più avanti della stessa Germania. Con questo paese, a proposito, c'è un vero paradosso: è difficile chiamare russofobi patologici tedeschi in quanto tali. Tuttavia, è stato tra i rappresentanti di questo popolo che, ahimè, sono usciti i rappresentanti più brillanti degli odiatori e dei nemici mortali della nostra Patria. Allo stesso tempo, stiamo parlando qui non solo del "Fuhrer" indemoniato del Terzo Reich e del suo numeroso entourage, che fece il tentativo più, forse, su larga scala di tradurre in pratica le teorie russofobe e costò milioni di vite umane in rovina . I russofobi patologici furono anche i fondatori di un'ideologia completamente diversa, nata anche in terra tedesca: Karl Marx e Friedrich Engels.

Anche le opere raccolte più complete di questi "classici", in realtà "canonizzate" dal regime sovietico, sono state pubblicate nel nostro paese con un'abbondanza di tagli e omissioni. Se fosse stato diversamente, i "giovani comunisti" e semplicemente gli studenti, costretti a studiare le loro opere, sarebbero probabilmente rimasti inorriditi - dopotutto, i "combattenti contro il capitale mondiale" barbuti consideravano la Russia non solo un "impero del male" e il principale ostacolo alla “rivoluzione mondiale” che sognava. ... Vedeva l'intero popolo russo come un mortale "nemico della democrazia e della libertà", con il suo "conservatorismo geneticamente inerente" e "barbarie". Engels era particolarmente furioso, chiedendo di "cancellare tutto questo popolo reazionario dalla faccia della terra" nel corso della futura "guerra rivoluzionaria sterminatrice del mondo", usando la tattica del "terrore più brutale". Onestamente, se una persona che parla correntemente il tedesco, ma ignorante di alcuni dettagli storici, si è offerta di leggere diversi testi dei "classici del marxismo", probabilmente avrebbe deciso che gli sono sfuggiti gli scritti del dottor Goebbels o le direttive di Himmler.

La storia ha giocato uno scherzo spregevole con Karl e Friedrich: furono i "barbari slavi" che furono gli unici a poter tradurre in pratica le loro idee, creando il primo stato di operai e contadini, libero dall'oppressione capitalista. È interessante notare che con quale intensità filavano nelle loro bare, quando in URSS prendevano il nome da città e paesi, fabbriche e fabbriche, strade e piazze? Significativamente, nell'ex eterno nemico della Russia, la Gran Bretagna ha preferito alla russofobia non a parole, ma con i fatti e, inoltre, per lo più segretamente, vile e surrettiziamente. Lo "stile" anglosassone della russofobia fiorì in una latitudine completamente diversa: negli Stati Uniti d'America.

Odio sotto le stelle e strisce


Il simbolo più eclatante della russofobia alla maniera americana è, ovviamente, il primo segretario alla Difesa americano James Forrestal. Quello che sarebbe saltato dal 16 ° piano dal reparto ospedaliero dell'ospedale psichiatrico gridando "I russi stanno arrivando!" In effetti, non era tutto così, o meglio, non proprio così. Il ministro si è davvero buttato dalla finestra dell'ospedale, ma non era affatto un manicomio, bensì il National Naval Medical Center degli Stati Uniti. D'altra parte, i problemi con cui arrivò lì provenivano davvero dal campo della psichiatria: lo avrebbero persino trattato con l'elettroshock, che era di moda a quel tempo.

Forrestal ha sicuramente avuto un "colpo di scena" sulla "minaccia russa", e il più brillante, tuttavia, al momento della sua scomparsa, non ha gridato nulla del genere. In ogni caso, non ci sono testimoni che possano confermarlo in natura, ma lo zapoloshny grida: “Ho visto i russi! Sono già qui!" il Segretario alla Guerra potrebbe essere stato accreditato da giornalisti americani che non gli erano molto affezionati. Forrestal era un russofobo non a parole, ma nei fatti: ha preso parte attiva alla creazione della NATO, all'elaborazione di piani per attacchi nucleari contro il nostro paese (come "Totality" e "Dropshot"), e ha anche molestato l'allora Il presidente degli Stati Uniti Harry Truman con la richiesta di moltiplicare i finanziamenti del suo dipartimento in relazione all'imminente "guerra assolutamente inevitabile con i sovietici". Alla fine, ha sovraccaricato la testa al punto che nel marzo 1949 è stato licenziato dal suo incarico "per motivi medici" e due mesi dopo si è suicidato. La propaganda sovietica in seguito lo rese il simbolo di un pazzo anticomunista, ma con tutte le ragioni di ciò. D'altra parte, per certi versi, Forrestal era lontano da alcuni suoi colleghi. In particolare - lo stesso generale George Patton.

Questa figura, considerata in Occidente (e da alcuni anche nel nostro Paese) "un vero eroe della lotta al nazismo", infatti, non era solo un ardente ammiratore del Terzo Reich e un antisemita irriducibile. Era un russofobo del più alto livello, per così dire, di prova. Non solo, nei suoi diari e nella corrispondenza personale, Patton sosteneva che "avrebbe preso facilmente sia Praga che Berlino, se solo gli fosse stato permesso". Riteneva in tutta serietà il Paese che aveva sconfitto le orde della Wehrmacht "debole" e si impegnava a sconfiggerlo con "un sinistro", "prendendo" anche Mosca. Si può parlare a lungo del suo atteggiamento nei confronti del nostro Paese e della nostra gente, ma mi limiterò a un paio di citazioni: Patton considerava tutti i russi senza eccezione "barbari, alcolisti cronici e figli di puttana", pur sostenendo che "devi capire i russi a livello di calcolo della quantità di ferro e piombo necessaria per il loro sterminio". La persona più gentile, non è così?

Significativamente, tutti i "russofobi eccezionali" degli anni '40 - '50 del secolo scorso sono finiti male. Forrestal, come detto sopra, impazzì e saltò fuori dalla finestra, Patton morì a causa di un incidente d'auto avvenuto in circostanze estremamente "nuvolose" (c'è il forte sospetto che il generale "lost shore" sia stato liquidato dalla sua stessa gente ). Il senatore Joseph McCarthy, che nel 1950 agitò gli Stati Uniti con l'affermazione che tutte le sue strutture statali erano "traboccanti di comunisti e agenti russi" e che organizzò una "caccia alle streghe" senza precedenti in questo paese che spezzò molte vite e vite, si è semplicemente bevuto ed è morto per la banale cirrosi epatica, non raggiungendo nemmeno i 50 anni. Tuttavia, i semi velenosi generosamente sparsi da questi "padri fondatori della scuola americana di russofobia" hanno dato germogli non solo abbondanti, ma molto violenti.

Sono stati gli Stati Uniti a "regalare" al mondo russofobi e russofobi assolutamente eccezionali come, prima del tramonto, Zbigniew Brzezinski e George Soros, Madeleine Albright e Hillary Clinton, Michael McFaul e l'indimenticabile John McCain. Gli attuali rappresentanti della Casa Bianca, del Dipartimento di Stato, del Pentagono e altri come loro sono solo seguaci e imitatori. Va ricordato che in Occidente si sono verificati focolai particolarmente violenti di russofobia fin dai primi tempi in quei momenti in cui la Russia ha acquisito forza e potere speciali, muovendosi con fiducia verso la grandezza e nuove vittorie. La rabbia e la calunnia dei nemici è sempre stata la migliore valutazione della rotta scelta dal nostro Paese.
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 29 November 2021 08: 18
    +3
    Dopo aver trascorso tre mesi nel nostro paese, il francese, tornato a casa, ha riversato sulla Russia non solo una vasca, ma una vera cascata di fango del Niagara. La sua vile parodia può essere considerata il "libro sacro" dei russofobi, una delle "opere documentarie" che divenne la pietra angolare della menzogna universale da loro eretta?

    Karamzin ... non ha nascosto le sue opinioni e pensieri, sebbene non corrispondessero all'intero governo di quel tempo ... E quanto sono ridicoli dopo ciò quelli di noi che affermano che la verità completa non può essere detta in Russia, e che fa male ai nostri occhi!
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado 29 November 2021 08: 32
      +3
      ... che scoppi particolarmente violenti di russofobia fin dai primi tempi si sono verificati in Occidente in quei momenti in cui la Russia ha acquisito una forza e un potere speciali, muovendosi con fiducia verso la grandezza e nuove vittorie.

      Se de Custine si disiscriveva nel 1839, allora la Russia era davanti alla perduta guerra di Crimea (1853-56), all'abolizione della servitù della gleba (1861), allo zemstvo e alle riforme militari, al crollo russo-giapponese (1877-78). Tutti questi eventi non sono in alcun modo simili a "forza e potere speciali ... grandezza e nuove vittorie".
  2. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 29 November 2021 08: 34
    +3
    Bismarck è accreditato con le parole:

    Nel corso dei secoli ci siamo convinti che i russi non possono essere sconfitti; ma possono essere facilmente instillati con false idee, e poi si sconfiggeranno da soli.
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado 29 November 2021 09: 14
      +3
      A proposito: la visita di de Custine cadde sul regno di Nicola I (1825-1855), che alcuni dei suoi sudditi chiamarono Nikolai Palkin alle loro spalle. Probabilmente, i vili "nemici del popolo" calunniarono (per usare la terminologia di un'epoca successiva, sovietica).
    2. Volkonsky Online Volkonsky
      Volkonsky (Vladimir) 29 November 2021 15: 09
      0
      È impossibile sconfiggere gli slavi, lo vediamo da centinaia di anni. È uno stato indistruttibile della nazione russa, forte nel suo clima, nei suoi spazi e nelle sue limitate esigenze. Anche l'esito più favorevole di una guerra aperta non porterà mai alla disintegrazione della forza principale della Russia, che si basa su milioni di russi veri e propri ...

      Il cancelliere del Reich, il principe von Bismarck, all'ambasciatore a Vienna, il principe Heinrich VII Reuss. Confidenzialmente. N. 349 Riservato (segreto). Berlino 03.05.1888/XNUMX/XNUMX

      I russi hanno la coscienza più militarista di tutti i grandi gruppi etnici. Quanto sopra non deve essere confuso con l'aggressività, sia acquisita che, possibilmente, innata, insita sia negli individui che in molte nazioni grandi e piccole. Allo stesso tempo, i russi sono una delle nazioni più pacifiche, che naturalmente va d'accordo con il militarismo, senza causare contraddizioni, ma solo enfatizzando l'onnipresente ambivalenza e dualità che permea loro e il loro atteggiamento nei confronti del mondo. Sono sorprendentemente laboriosi e sorprendentemente pigri, sono avari e dispendiosi, sono estremamente modesti fino alla capacità di sopravvivere in condizioni estreme e allo stesso tempo adorano il comfort, sono coraggiosi verso l'eroismo e spesso estremamente indecisi, che è facile confondere con la codardia, sono individualisti e collettivisti, sono crudeli e misericordiosi, sono deboli e irraggiungibilmente potenti, sono conservatori e rivoluzionari, sono inventivi e stereotipati, sono geniali fino all'idiozia e, infine, sono sia europei che asiatici allo stesso tempo. E non è necessario dire che le proprietà descritte sono in un modo o nell'altro inerenti a qualsiasi popolo e gruppo etnico, e che i russi non sono né migliori né peggiori di altri. In realtà, non stiamo affatto parlando di chi è migliore e chi è peggio. Sono solo diversi. Vivono in un mondo parallelo in relazione a tutti, e nessuno potrebbe capirli in ogni momento e in ogni momento, perché sono completamente imprevedibili!

      Anche l'esito più favorevole della guerra non porterà mai alla disintegrazione della Russia, che è sostenuta da milioni di credenti russi della confessione greca. Questi ultimi, anche se successivamente separati da trattati internazionali, si riuniranno tra loro con la stessa rapidità con cui le goccioline di mercurio separate si ritrovano in questo modo.
      È uno stato indistruttibile della nazione russa, forte nel suo clima, nei suoi spazi e nella sua senza pretese, oltre che attraverso la consapevolezza della necessità di proteggere costantemente i suoi confini. Questo Stato, anche dopo la completa sconfitta, rimarrà la nostra prole, un avversario in lotta per la vendetta ... Ciò creerebbe una situazione di costante tensione per il futuro, che saremo costretti ad assumere se la Russia deciderà di attaccarci ... Ma Non sono pronto ad assumermi questa responsabilità e ad avviare da soli la creazione di una tale situazione.
      Abbiamo un esempio già fallito della "distruzione" di una nazione da parte di tre forti avversari, una Polonia molto più debole. Questa distruzione è fallita per 100 anni. La vitalità della nazione russa non sarà inferiore; A mio parere, avremo più successo se li trattiamo semplicemente come una minaccia continua e continua contro la quale possiamo creare e mantenere barriere protettive. Ma non potremo mai eliminare l'esistenza stessa di questo pericolo ...
      Nell'attacco alla Russia di oggi, rafforzeremo solo il suo desiderio di unità; l'attesa del fatto che la Russia ci attaccherà può portare al fatto che aspetteremo prima del suo collasso interno prima di attaccarci e, inoltre, possiamo aspettare questo, meno siamo sotto le minacce, impedirgli di scivolare in un vicolo cieco.

      Otto von Bismarck
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 29 November 2021 09: 07
    +3
    Forse è per questo che gettano fango su Ivan il Terribile perché ha perseguito una politica filo-russa e si è sposato esclusivamente con ragazze russe?
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado 29 November 2021 09: 31
      +3
      Già. Esatto risata
      Il grande imperatore Pietro I (raffigurato su banconote russe da 500 rubli), prima sposò una "ragazza russa", e poi la cacciò a calci nel monastero.
      Dopo di ciò, si sposò legalmente e fece della regina imperatrice una ragazza di origine etnica e sociale completamente fangosa, che tirò fuori da sotto il suo feldmaresciallo Shein o Aleksashka Menshikov; la sua posizione si chiamava "portomoya" (lavandaia) e si chiamava Marta Skavronskaya, scusa, Caterina I.

      E se mi ricordavo già di "Katka", allora la seconda era una specie di principessa tedesca (l'origine sociale non ha deluso, a differenza della nazionalità) e ha governato la Russia dal 1762 al 1796. È noto che a seguito delle sue azioni, la Russia si è letteralmente trasformata e si è notevolmente ampliata geograficamente, per non parlare della liquidazione del Khanato di Crimea, dello Zaporozhye Sich e della spartizione della Polonia. Era una grande sovrana, anche se una "nemchura non russa".
  4. Nikolay V-Maltsevsky Офлайн Nikolay V-Maltsevsky
    Nikolay V-Maltsevsky (Nikolay V-Maltsevsky) 29 November 2021 09: 26
    +3
    L'Occidente e gli Stati Uniti si infuriano perché sono tutti gay al 100%, dello stesso sesso e la RUSSIA è un paese ortodosso e non supporta i loro "valori" ... In Russia, in RUSSIA, tali gay e koblich possono dare una mano , e hanno transgender che si baciano appassionatamente. Perché il COVID-19 si è diffuso in tutto il mondo? Ha dovuto distruggere quei paesi in cui è consentito il matrimonio tra persone dello stesso sesso. E la rabbia che rode le persone dello stesso sesso per questo. che la RUSSIA ha innumerevoli risorse naturali, ma loro non hanno nulla. È solo un peccato per la RUSSIA che tutte queste ricchezze non vadano sempre ai bisogni delle persone, a cui appartengono di diritto. Ma penso che tutto questo sia questione di tempo e la RUSSIA sarà il paese più ricco e prospero del mondo. E questi russofobi blu, lasciateli scomparire del tutto dal campo visivo della RUSSIA...
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado 29 November 2021 14: 49
      +3
      Suor Alyonushka ti ha detto: "Non bere acqua da una pozzanghera, diventerai un bambino!"
      Hai disobbedito, Kaneshna, e il risultato si è manifestato immediatamente in tutta la sua tragedia e profondità. sì
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 29 November 2021 11: 39
    +2
    Il punto non è chi ha dato di più ai russofobi, ma le ragioni della russofobia in quasi tutta la storia dell'esistenza dello stato russo.
    Sembra che entità statali europee territorialmente piccole e disunite non abbiano mai potuto resistere da sole all'enorme educazione statale dell'est e quindi l'hanno sempre percepita in due modi: da un lato, come una potenziale minaccia, e dall'altro, come un oggetto di espansione.
    Con il passaggio al capitalismo a questo si sono aggiunti gli interessi economici, e se le formazioni statali occidentali risolvevano il problema principalmente attraverso l'espansione marittima e la colonizzazione in altri continenti, allora la stessa Gran Bretagna centrale, e soprattutto non borghese, ha chiuso l'accesso al Atlantico attraverso il Mare del Nord, la Manica, Gibilterra e poi il Canale di Suez. Pertanto, per la stessa non rinascita, l'istruzione statale più sviluppata, è rimasta aperta solo la direzione orientale: l'Impero russo, l'URSS, la Federazione Russa.
    Oggi il non-borgo è la spina dorsale dell'UE. L'economia del settore non agricolo è interessata allo sviluppo dei rapporti con la Federazione Russa e alle sue risorse, ma è completamente controllata da Stati Uniti e Gran Bretagna attraverso l'occupazione effettiva, il controllo delle comunicazioni mondiali, il Cancelliere-Atto giuridicamente fondamentale e molti accordi internazionali.
    Ogni espansione è generata dagli interessi politici ed economici delle classi dirigenti ed è accompagnata da una corsa agli armamenti, dalla formazione di alleanze e dall'indottrinamento, esponendo il tema dell'espansione in una luce esclusivamente negativa.
    Tutto ciò ha formato un atteggiamento persistentemente sospettoso nei confronti dell'enorme educazione statale tra le classi dirigenti e la popolazione europea, che si è diffusa in tutti i territori sotto il loro controllo in tutto il mondo.
  6. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 29 November 2021 14: 00
    0
    Bene, c'è, russofobia.
    È necessario trarre conclusioni. E la conclusione è semplice, è necessario assicurarsi che la nostra gente viva meglio di questi russofobi. Altrimenti, si scopre che seguiamo l'esempio di questi russofobi. Cosa è sufficiente per vivere meglio di loro?
    Freddamente? Quindi almeno fai il pieno di benzina. Per farlo per la popolazione non è più di $ 20.
    Cibo? È persino divertente parlarne. Dare preferenze ai nostri produttori agricoli, basta controllare che arrivino e che questo influisca sul costo nei negozi.
    Cos'altro vogliamo? Valuta? Quindi ne abbiamo un surplus, stiamo adottando leggi per ritirarli dal Paese.
    Non abbiamo abbastanza economisti intelligenti, perché qui è ancora più facile avere un risultato (del 10% del PIL annuo) - lasciarli lavorare, no - automaticamente all'uscita.
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado 29 November 2021 14: 42
      +5
      Anticipando l'arte principale del conte A.K. Tolstoj, spieghiamo che anche l'autore stesso ha scritto il suo nome in modi diversi e i suoni più comuni come questo:
      STORIA DELLO STATO RUSSO DA GOSTOMISL A TIMASHEV
      Gostomysl è il leggendario principe russo, che, secondo la leggenda del VI secolo, fondò Veliky Novgorod e vi governò fino alla "vocazione dei Variaghi". Timashev A.K. - Capo di stato maggiore del corpo dei gendarmi e del terzo dipartimento della stessa cancelleria di Sua Maestà, e dal 1868-1877. - Ministro degli affari interni.
      La parola "vestito" nell'epigrafe significa che "Tutta la nostra terra è grande e abbondante, ma non c'è ordine in essa".
      Tutta la nostra terra è grande e abbondante,
      e non indossa un vestito.
      Nestor, Annals, p. 8.
  7. Il commento è stato cancellato