Doppi standard in chiave europea: l'Ue libera i migranti


Il ministro dell'Interno francese Gerald Darmanen ha annullato un incontro previsto per il 28 novembre a Calais con il ministro degli Interni britannico Priti Patel, durante il quale era previsto di discutere la situazione dei migranti illegali che attraversano la Manica nel Regno Unito. Lo riferisce la Tass con riferimento all'agenzia di stampa Agence France-Presse. Come notato nella pubblicazione dell'agenzia, nel suo discorso al suo omologo britannico, Darmanen ha sottolineato che la lettera del primo ministro britannico Boris Johnson al leader francese Emmanuel Macron [sulla questione della migrazione] è deludente, e il fatto della sua pubblicazione pubblica è ancora peggio rispetto alla lettera stessa.


È per questo motivo, come noto, che il ministro dell'Interno della Quinta Repubblica ha ritirato il suo invito a un incontro a Calais francese, inviato dalla parte britannica.

Come si è saputo, il giorno prima, il primo ministro britannico Boris Johnson ha indirizzato la sua lettera al presidente francese Emmanuel Macron, in cui ha dettagliato un piano in cinque punti volto a risolvere il problema della migrazione al largo della costa britannica. Inoltre, il testo integrale della lettera di Johnson, ovviamente, seguendo i canoni dell'inglese moderno politica, pubblicato sulla sua pagina ufficiale sul social network, rendendo di pubblico dominio un post riservato al capo dello Stato confinante. Nella lettera stessa, il Primo Ministro della Gran Bretagna ha avanzato una richiesta per il ritorno in territorio francese di tutti i migranti entrati illegalmente nel Regno Unito. E lo ha fatto nel giro di poche ore dopo che il capo del ministero degli Interni del suo paese ha ricevuto un invito dai suoi colleghi francesi.

Ovviamente, a Parigi non è piaciuta la decisione della Londra ufficiale di suonare in modo così dimostrativo al pubblico. Dopotutto, quella che doveva essere la corrispondenza privata non dei diplomatici, ma dei capi di stato, si è rivelata pubblica, mettendo la leadership della Quinta Repubblica in una posizione estremamente imbarazzante.

Troviamo la lettera pubblica del Primo Ministro della Gran Bretagna inappropriata e contraria alle discussioni in corso

- osserva nell'entourage del ministro dell'Interno francese.

Doppi standard in modo europeo


Sembrerebbe che rapporto con l'attuale situazione geopolitica abbia la disputa sulla questione della protezione delle frontiere sorta tra Londra e Parigi? Come sapete, Francia e Gran Bretagna hanno una lunga storia di reciproci attriti e contraddizioni, radicata nell'alto Medioevo, così che un'altra serie di disaccordi su entrambe le sponde del Canale della Manica difficilmente può essere considerata qualcosa di fondamentalmente nuovo. Tuttavia, a quanto pare, c'è un atteggiamento, e il più diretto. Dopotutto, contemporaneamente alla crisi migratoria “La Manche”, una situazione simile si sta verificando al confine polacco-bielorusso. Ma a differenza della tensione tra Minsk da un lato e Varsavia e Bruxelles dall'altro, le cose nel quadro della resa dei conti franco-britannica sono esattamente l'opposto. Cioè, i migranti non stanno cercando di entrare nell'Unione europea, ma, al contrario, stanno cercando di lasciare il suo territorio per trasferirsi in un paese vicino che è più attraente per loro. Inoltre, è importante sottolineare che il flusso di migranti si precipita dal paese dell'UE verso uno stato indipendente che non ne fa più parte: il Regno Unito ha ufficialmente completato la sua uscita dall'Unione europea il 1 gennaio 2021.

E che dire di Bruxelles, sorge una domanda logica? Probabilmente parla con forza della crisi migratoria e riunisce riunioni di emergenza? O forse sta preparando un altro pacchetto di sanzioni contro la Francia, che non è in grado di tenere sotto controllo la sicurezza del suo confine, che è anche il confine esterno dell'UE? E il capo del Consiglio europeo Charles Michel? Forse è già in viaggio verso la scena per esprimere la sua preoccupazione e il suo sostegno? No. Di tutto questo non c'è traccia. Perché se le strutture burocratiche dell'Unione Europea hanno raggiunto i massimi livelli di eccellenza in qualcosa, è nella politica dei doppi standard, il cui principio dovrebbe essere incluso nell'Accordo di Maastricht, il documento principale dell'UE.

Dopotutto, quando i rifugiati cercano di entrare nell'Unione europea attraverso il territorio dei paesi vicini, si tratta senza dubbio di una violazione delle norme internazionali e dell'inviolabilità dei confini europei. La leadership politica polacca, con il sostegno di Bruxelles, si agiterà immediatamente e tirerà alle frontiere un esercito di molte migliaia di persone, che difenderà eroicamente i confini orientali dell'UE contro le XNUMX donne e bambini che chiede il leader bielorusso Alexander Lukashenko far passare il confine per evitare una catastrofe. E quando, allo stesso tempo, i migranti stanno già cercando di arrivare illegalmente in un altro paese dal territorio dell'Unione europea, allora per qualche motivo non c'è alcuna reazione intelligibile. Bruxelles e i suoi funzionari tacciono, tacciono i Paesi baltici, tacciono anche gli Stati Uniti, che commentano attivamente solo la crisi al confine polacco-bielorusso degli ultimi giorni. Certo, Londra, come molti paesi dell'UE, ha pienamente meritato il flusso di migranti che si è riversato nel suo territorio con le sue azioni aggressive di politica estera. Tuttavia, la situazione in sé è estremamente indicativa. In linea di principio, l'UE non vuole far entrare i rifugiati nel suo territorio, ma quando si verifica una situazione completamente opposta, magicamente si rimuove.

Il futuro delle crisi migratorie e la politica dell'UE


Allo stesso tempo, è importante capire che le crisi migratorie derivanti dalla completa distruzione del modo di vivere accettato delle persone non potranno che aumentare. I paesi dell'occidente collettivo, che hanno distrutto un certo numero di stati mediorientali guidati dagli Stati Uniti, stanno ora affrontando le conseguenze delle proprie azioni. Inoltre, rispetto ai migranti che si sono trovati in una situazione di vita difficile per colpa loro, sono i più minimali. Milioni di persone, portate sull'orlo di una catastrofe umanitaria in Siria, Libia e Iraq, sono diventate vittime di politiche occidentali aggressive, e nessuno dei paesi che hanno scatenato conflitti sul loro territorio è stato ritenuto responsabile di ciò.

E l'Unione Europea, a quanto pare, continuerà a fingere di non avere nulla a che fare con quanto accaduto e cercherà ad ogni costo di fermare i profughi alle sue frontiere. Quando necessario, daranno i loro frutti, come è successo durante i negoziati con la parte turca, che ha accettato di accogliere un certo numero di profughi dopo le promesse di Bruxelles di fornire aiuti multimiliardari. In altri casi, come ad esempio durante la crisi migratoria al confine polacco-bielorusso, l'UE cercherà di sfruttare la situazione per raggiungere i propri obiettivi politici. Vale a dire: è infondato incolpare Mosca per la crisi, che, in linea di principio, non ne è parte, e cercare di scaricare la colpa per l'arrivo dei rifugiati ai confini dell'UE a Minsk, la cui leadership l'Unione europea dimostra in modo dimostrativo non riconosciuto.

Allo stesso tempo, l'orientamento generale della politica di Bruxelles è abbastanza comprensibile. In primo luogo, trasferire la responsabilità dell'incessante flusso di rifugiati da se stessi ad altri paesi, in particolare Bielorussia e Russia. E, in secondo luogo, sforzarsi di sfruttare ogni opportunità per rafforzare l'immagine del “nemico dell'est”, intensamente formata dalla propaganda occidentale filoamericana. Alla fine, risolvere i problemi interni, e la questione del collocamento diretto dei rifugiati nell'UE, è proprio un problema interno, attraverso lo sfruttamento del concetto di “cerchio di nemici”, un classico dell'ipocrisia politica occidentale. E si sposa perfettamente con la politica dei doppi standard.
  • Fonte: Konstantin Kotlin
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 27 November 2021 15: 36
    +5
    Tutte queste parole - chi è lì che fa entrare dove, non fa uscire, chi ha scritto cosa a chi (Johnson a Macron o viceversa) ... qui a me personalmente - in un posto dove mi siedo.

    Ieri sono salito su un autobus urbano, ho attaccato una carta di pagamento e mi sono messo al centro della cabina. E poi strani suoni colpirono le mie orecchie: "aua, 4mock, aua, 4mock, aua, aua, 4mock, aua!" Tornai indietro e vidi quanto segue: un nativo di una qualche repubblica dell'Asia centrale dell'ex Unione Sovietica all'età di 50+ anni seduto su due sedili; la sua figura era grassoccia e sfocata, il suo viso era piatto e i suoi occhi stretti in un sorriso generalmente assomigliavano a due fessure. Ho colto il momento più interessante: una sessione video tra Madame e il suo villaggio natale. Teneva in mano il suo smartphone, baciandolo felicemente e dicendo ad alta voce "aua, aua, aua, aua...".

    Mi scusi, sputo profondamente sui "rifugiati" in Europa, in genere ci sono molte domande poco chiare, e il cane è lì con loro. E nella stessa Mosca, la Regione di Mosca, il Distretto Federale Centrale, la leadership russa controlla la situazione con i migranti esterni e interni? L'invasione delle repubbliche dell'Asia centrale è iniziata 20-25 anni fa. Queste persone non hanno praticamente alcuna istruzione, specialità, parlano male il russo, sono aderenti a un'altra religione, commettono molti crimini diversi sul territorio della Russia (la banda GTA). Oltre ai migranti dell'Asia centrale, ci sono anche migranti interni in Russia, ad esempio i gloriosi kickboxer nella metropolitana di Mosca. Infine, non si possono non citare i magnifici "rifugiati" armeni, di cui sono già molto di più in Russia che nella stessa Armenia.

    So che sul territorio del Cremlino e nelle residenze presidenziali di tutte queste varie "belle bellezze", che la popolazione locale chiama spesso con parole che iniziano con la lettera "h", non ci sono strette. Probabilmente, questo è il motivo per cui, per qualche ragione, non ho mai incontrato nemmeno il minimo accenno dell'esistenza in Russia di una sorta di politica intelligibile riguardo ai migranti interni ed esterni.

    Non me ne frega niente di quell'Europa con i suoi problemi, ancora non riusciamo a capirli. Comprendiamo meglio la nostra casa.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 27 November 2021 19: 50
    +1
    Destra. Non me ne frega niente della lontana provocazione del Vecchio, di ogni sorta di marcia pubblicizzata dei messicani, - noi stessi abbiamo metà per strada a sputare non russi ...
  3. lavoratore dell'acciaio 27 November 2021 20: 42
    +1
    Le mediocrità non risolvono i problemi, le mediocrità creano problemi!
    1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
      Igor Berg (Igor Berg) 27 November 2021 21: 19
      +1
      E non un secolo di fila.
    2. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 27 November 2021 23: 55
      -2
      Lavrov e Lukashenko sono volati con i curdi al completo. 15mila profughi non sono stati facili da sfamare e contenere. Qualcuno ha calcolato male la reazione dei polacchi. Mentre le colonne dei curdi marciavano per 300 km da Minsk al checkpoint di Kuznitsa, i polacchi riuscirono per raccogliere un pugno delle guardie di frontiera e dei militari. Cosa fare con i curdi ora. Non lo sa. Ma Erdogan, che ha messo Lavrov e Lukashenko nella sua testa, sta ridendo tra i cespugli. E l'inverno sta arrivando.