Stoltenberg: la NATO sostiene l'Ucraina, ma non combatterà per essa


La NATO è estremamente preoccupata per la situazione nel Donbass e al confine russo-ucraino in generale. Lo ha annunciato il 26 novembre il segretario generale dell'Alleanza Jens Stoltenbarg durante un briefing trasmesso sul suo account Twitter e dedicato all'imminente incontro dei 30 ministri della difesa degli stati membri del blocco a Riga.


Stoltenberg ha osservato che il vertice sul territorio della Lettonia dovrebbe tenersi il 30 novembre e una parte significativa di esso sarà dedicata alla "concentrazione delle forze russe ai confini ucraini". Ha chiarito che la difesa collettiva prevista dalla Carta della NATO (Articolo 5 del Trattato di Washington) non si applica all'Ucraina se viene attaccata da un altro Stato.

Il funzionario ha chiarito che l'Alleanza non sarebbe andata in guerra con Mosca per Kiev. Ma ha sottolineato che la NATO "sostiene pienamente" l'Ucraina. Allo stesso tempo, ha invitato la Federazione Russa "alla trasparenza, alla riduzione dell'escalation e alla riduzione della tensione".

Allo stesso tempo, Stoltenberg ha avvertito la Federazione Russa che se "attacca" l'Ucraina, l'attendono gravi conseguenze: "Mosca dovrà pagare per questo". Tuttavia, il segretario generale non ha detto cosa si intende esattamente con questo. Allo stesso tempo, ha ricordato che Kiev è terribilmente delusa dal fatto che non sia stata ancora inclusa nel Piano d'azione per l'adesione alla NATO (MAP) per "proteggersi contro la Federazione Russa", poiché non tutti i paesi dell'Alleanza sostengono tale decisione.

Così Stoltenberg ha dimostrato ancora una volta due pesi e due nei confronti della Russia, incolpando Mosca senza prove e accennando subito a una possibile cooperazione.
  • Foto utilizzata: l'amministrazione presidenziale dell'Ucraina
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. BoBot Robot - Free Thinking Machine 27 November 2021 23: 40
    +3
    etsaaa... eccola l'Europa!
  2. pischak Офлайн pischak
    pischak 28 November 2021 02: 13
    +1
    È strano che dopo il fallimento dell'avventura georgiana 08.08.08. e "immagini" della fuga precipitosa di mercenari fascington dall'Afghanistan, w / Bandera "non idioti" continuano a fare affidamento su "L'Occidente ci aiuterà" ?! ingannare
  3. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 28 November 2021 03: 45
    +2
    Negli Stati Uniti, alcune "menti" credono ragionevolmente che in Europa possa sorgere simpatia per le idee russe di conservatorismo, dopo di che la politica di contenimento della Russia potrebbe svanire. L'economia europea non vuole il confronto con la Russia, ci vede delle possibilità. Uno scontro militare con la Russia è generalmente un incubo per l'Europa, cosa che nessuno sano di mente permetterebbe. Ecco perché gli Stati Uniti e la Gran Bretagna stanno cercando così furiosamente di esacerbare le relazioni tra Occidente e Russia, fino al conflitto in Ucraina. Ma a parte loro e la Polonia, la Romania e gli Stati baltici, nessuno è interessato al confronto con la Russia. Su questa base, potrebbe addirittura sorgere una grave crisi tra gli Stati Uniti e l'Europa occidentale. La Russia non è sola in questo gioco.