La mossa tedesca: Gazprom dovrebbe andare avanti con Nord Stream 2?


Più vicino è l'inverno del calendario, più calde divampano le passioni attorno al gasdotto russo Nord Stream 2. La nota testata economica tedesca Handelsblatt è uscita con un'interessante pubblicazione, invitando essenzialmente Gazprom a iniziare a fornire gas all'Europa quasi con la forza, cavandosela con una “multa simbolica”. Che cos'è questo, un clamore su un argomento popolare, un segnale al Cremlino dalla comunità imprenditoriale tedesca o una pericolosa provocazione volta a superare in astuzia e superare "l'orso russo"?


Ad essere onesti, è piuttosto insolito sentire chiamate aperte per "imbrogliare" leggermente il sistema europeo e le sue regole da una rispettata pubblicazione economica tedesca. Vediamo cosa potrebbe esserci dietro.

Pompa, salva e risparmia


All'inizio di settembre 2021 è stata completata la costruzione del gasdotto sottomarino Nord Stream 2. Secondo la capacità di progetto, 55 miliardi di metri cubi di gas dovrebbero essere pompati attraverso di essa dalla Russia alla Germania lungo il fondo del Mar Baltico all'anno. Per iniziare il suo lavoro, è necessario seguire una procedura di certificazione di 4 mesi. Tuttavia, l'agenzia di rete federale tedesca BNA ha recentemente sospeso questa procedura. Secondo la legge tedesca, l'operatore del gasdotto Nord Stream 2 AG, registrato in Svizzera, dovrà creare la sua filiale in Germania, alla quale dovrebbero essere trasferiti i "principali asset e risorse umane" del progetto, situati nella stessa Germania. Questo non è un affare veloce. Tenendo conto del fatto che le vacanze di Natale e Capodanno sono ormai alle porte, la procedura di unbundling (separazione delle funzioni di transito e vendita delle risorse energetiche) potrebbe subire dei ritardi. In precedenza, noi dettoche nella peggiore delle ipotesi, la certificazione del Nord Stream 2 potrebbe trasformarsi in una vera e propria costruzione legale a lungo termine.

Ma questo non si addice alla parte tedesca. Il calendario invernale sta per arrivare, e con esso il freddo. I prezzi del gas in Europa hanno già superato di gran lunga la soglia dei 1 dollari per 2 metri cubi. In caso di gelo, vedi, il cartellino del prezzo aumenterà fino a XNUMX mila dollari. Per europeo economia e, in particolare, per quello tedesco, questo significa problemi enormi. La sua competitività rispetto a quelle cinesi e americane diminuirà rapidamente, i prezzi di vendita dei prodotti industriali sono già aumentati. Tuttavia, non funzionerà nemmeno lo spostamento all'infinito dei costi sulle spalle dei consumatori. Una crisi economica a tutti gli effetti può seguire la crisi energetica e del carburante. Cosa fare?

Ed ecco che esce la rispettata edizione tedesca Handelsblatt con una proposta di “barare un po'”, atipica per il raffinato business europeo. Per chiamare le cose col loro nome, gli ambienti economici tedeschi stanno proponendo a Gazprom di iniziare a pompare forzatamente gas verso l'UE attraverso un gasdotto non certificato, pagando a Bruxelles una multa di 1 milione di euro per questo. Allo stesso tempo, gli analisti tedeschi "si stendono dolcemente", descrivendo i vantaggi del monopolista russo, che sarà in grado di guadagnare più soldi sulle forniture di gas all'Europa:

Questo importo sembra ragionevole. Gli investimenti per la costruzione del Nord Stream 2 ammontano ad almeno 10 miliardi di euro ... Grazie a questo, Gazprom risparmierà sui pagamenti per il transito del gas attraverso l'Ucraina.


Trovato Ivanov-folli


È sorprendente sentire tali proposte da partner tedeschi, che, a quanto pare, credono che i russi "siano completamente crollati dalla quercia". Elenchiamo i motivi per cui vale la pena mandare tutti nella foresta con tali idee.

In primo luogoTocca persino quanto sia facile in Germania trattare i soldi del budget russo con cui opera Gazprom: una “penalità” un milione di euro lì, un milione di euro qui. Pensa, hanno già investito 10 miliardi, la tesoreria non scarserà, vero?

In secondo luogo, le promesse di profitti inauditi che la Russia guadagnerà se inizierà a pompare forzatamente gas in Europa tramite il Nord Stream 2 fanno sorridere. Il fatto è che i prezzi anormalmente alti del "carburante blu" nell'UE sono proprio dovuti alla limitazione artificiale delle forniture da parte di Gazprom, che non li aumenta oltre i limiti stabiliti dagli accordi. Non appena il Nord Stream 2 entrerà in funzione, i cartellini dei prezzi per mille metri cubi diminuiranno immediatamente.

In terzo luogoPer qualche ragione, i giornalisti di Handelsblatt dimenticano di menzionare ulteriori conseguenze inevitabili. Il compito chiave di Gazprom non è scaldare l'Europa qui e ora, ma nel quadro della procedura stabilita dalla legislazione europea per ottenere la certificazione di Nord Stream 2 e il suo ritiro dal Terzo Pacchetto Energia dell'UE in modo che possa operare al 100% del suo capacità. Se un'azienda russa inizia a pompare forzatamente gas in Europa attraverso un gasdotto non certificato, sarà sicuramente citata in giudizio da due società energetiche ucraine e una polacca, che sono già state coinvolte nel processo di certificazione. E vinceranno senza dubbio. Dopodiché, il futuro normale per l'oleodotto può essere dimenticato.

In nessun caso Gazprom deve violare le procedure stabilite, al contrario, il processo di certificazione deve svolgersi in modo impeccabile secondo le norme legali europee. Se i tedeschi ne hanno bisogno, lasciate che facciano pressione sul loro regolatore di rete affinché si sbrighino.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. svoroponov Офлайн svoroponov
    svoroponov (Vyacheslav) 28 November 2021 14: 58
    0
    In generale, non c'è bisogno di affrettarsi. Lascia che tutto proceda come al solito. Un altro semestre di prezzi spot elevati e Gazprom copre tutte le perdite dell'anno passato, paga interamente i costi del Second Stream (da parte sua), inoltre, consente alle società europee che collaborano con esso di ripagare le banche sul prestito per Gazprom per la costruzione del tubo in modo tempestivo vendendo parte del gas con contratti spot a lungo termine e realizzando ulteriori profitti.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 29 November 2021 09: 50
    0
    Secondo la legge tedesca, l'operatore del gasdotto Nord Stream 2 AG, registrato in Svizzera, dovrà creare la sua filiale in Germania, alla quale dovrebbero essere trasferiti i "principali asset e risorse umane" del progetto, situati nella stessa Germania.

    E come, secondo il diritto tedesco, l'aeronautica statunitense dovrebbe registrarsi presso la base aerea di Ramstein, che non ha "una propria controllata, alla quale dovrebbero essere trasferiti i "principali asset e risorse umane" del progetto, localizzati geograficamente nella stessa Germania ?
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 29 November 2021 11: 38
      0
      Credo, sulla base di accordi interstatali con il Paese occupato.