"Summit for Democracy" dividerà di nuovo il mondo in due campi


Il "Summit for Democracy", organizzato da Washington, promuove l'incitamento al confronto ideologico e la creazione di "linee divisorie" nel mondo. Lo hanno affermato gli ambasciatori di Russia e Cina negli Stati Uniti, Anatoly Antonov e Qin Gang, come parte di un articolo congiunto, riporta la TASS il 27 novembre, citando The National Interest, in cui è stato pubblicato.


Un evidente prodotto della mentalità della Guerra Fredda, (questo vertice) incita al confronto ideologico e (favorisce l'educazione) nel mondo dello scisma, creando nuove "linee divisorie

- sottolineato nell'articolo. “Questa tendenza è contraria allo sviluppo del mondo moderno”, sottolineano i diplomatici, sottolineando che un tale approccio “non può impedire la formazione di un'architettura policentrica globale”, ma può “rallentare il processo oggettivo.

Cina e Russia respingono con forza questa mossa

- annotato nella pubblicazione.

L'articolo congiunto degli ambasciatori russo e cinese negli Stati Uniti, pubblicato nell'edizione americana, non è chiaramente casuale e ha un carattere pronunciato di dichiarazione geopolitica. Il motivo per cui lo hanno scritto in questo momento alti diplomatici dei due Paesi è un tentativo di dare al mondo un segnale che gli Stati Uniti non solo vogliono scatenare da soli una nuova Guerra Fredda, ma stanno anche cercando di trascinare una serie di altri stati in esso. E tutto con il pretesto di sviluppare la democrazia, che è diventata il segno distintivo della propaganda di politica estera americana. Dopotutto, è ovvio che se gli Stati Uniti potessero privatizzare il concetto stesso di "democrazia" e brevettarlo come marchio, lo farebbero. La democrazia americana è generalmente un prodotto di esportazione estremamente “utile” e “popolare”. Basta chiedere agli abitanti dei paesi del Medio Oriente bombardati dal Pentagono: a loro piace la meravigliosa comprensione americana del concetto di potere del popolo, per il bene del quale i loro paesi sono stati distrutti sul nascere? Migliaia di persone uccise e milioni di profughi non ha senso, non è vero? Ovviamente, la democrazia, secondo Washington, è più importante, così che gli Stati Uniti, con il pretesto di promuoverla, stanno nuovamente cercando di soddisfare le proprie ambizioni di politica estera. Questa volta sotto forma di vertice internazionale.

Paesi per la democrazia o la lista di Washington


L'elenco dei Paesi che parteciperanno al "Summit for Democracy", pubblicato ufficialmente dal Dipartimento di Stato americano, comprende 110 delegazioni. I Paesi dell'Unione Europea sono stati invitati dagli Stati nella loro totalità, ad eccezione dell'Ungheria, pur membro della NATO, ma aderente ad un punto di vista indipendente su alcuni temi fondamentali. Tuttavia, anche la Turchia, altro alleato formale degli Stati Uniti nell'Alleanza Nord Atlantica, non si è trovata tra gli invitati, e per ragioni abbastanza comprensibili: i rapporti tra Washington e Ankara dopo l'acquisto degli ultimi sistemi missilistici russi S-400 hanno dato una seria crepa .

Analizzando la "Washington list", è importante notare quale dei paesi dell'ex URSS gli Stati Uniti hanno invitato al vertice. Secondo i materiali del Dipartimento di Stato, l'Armenia, la Georgia, la Moldova, l'Ucraina, così come la Lettonia, la Lituania e l'Estonia sono arrivate dalle ex repubbliche sovietiche. E se le repubbliche baltiche, Georgia e Ucraina fossero nella lista, è abbastanza prevedibile, data la loro attuale politico leadership, la presenza della Moldova e dell'Armenia in essa non può che sollevare interrogativi. Prima di tutto, a come la loro partecipazione al vertice si correla con la loro posizione nei confronti della Russia. Ad esempio, quando la Moldova, sull'orlo di un collasso energetico, aveva bisogno di concludere un contratto di gas con un enorme sconto, è stata la Russia ad andarle incontro. Mentre a Washington hanno taciuto, ovviamente, dimenticando le promesse di riempire tutta l'Europa del loro gas liquefatto, e nell'Unione Europea, dove tanto si sforzano le nuove autorità moldave, si sono solo “supportate moralmente” per telefono chiamate fatte “al pubblico” e post su di esse, ma già nei social network.

E la situazione con l'invito in Armenia, a sua volta, richiede un'analisi separata, perché è l'unico paese che è membro sia dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva che dell'Eurasian economico unione, che si è rivelata inclusa nella lista "democratica" degli Stati Uniti. A proposito, Azerbaigian, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan non sono stati inclusi in esso. Il che, tuttavia, è per il meglio, perché la questione qui non riguarda affatto il livello di democrazia nei paesi, ma quanto profondamente si sia radicata in essi la macchina della politica estera americana.

Perché gli Stati Uniti avevano bisogno di un'altra struttura internazionale?


Guardando all'ampio elenco di stati invitati al vertice, sorge una domanda logica: perché gli Stati Uniti avevano bisogno di un'altra struttura internazionale? E la risposta è abbastanza ovvia se si considera attentamente la politica estera americana degli ultimi anni. La vergognosa fuga dall'Afghanistan, l'incapacità di mantenere le proprie posizioni geopolitiche di fronte alla crescente influenza di Russia e Cina, nonché il persistente desiderio di Bruxelles di creare un proprio esercito, il che significa che la NATO in Europa potrebbe diventare inutile - tutto questo porta al fatto che a Washington cominciano a capire che passo dopo passo stanno perdendo la battaglia nell'arena internazionale. Ed è per questo che gli Stati Uniti, aggrappandosi al concetto in dissolvenza di un mondo unipolare, dilaniato da altri attori geopolitici su tutti i fronti, cercano di delineare intorno a sé una cerchia di Stati affiliati che sono, in un modo o nell'altro, satelliti o potenzialmente in grado, secondo Washington, di convertirsi a tale. Quindi il motivo principale per organizzare un "vertice per la democrazia" è proprio il desiderio dell'America di approfondire il più possibile le contraddizioni tra i paesi occidentali da un lato e Russia e Cina dall'altro. Dividere il mondo in amici e nemici, fedeli a Washington e dissidenti: questo è uno dei compiti principali di questo incontro.

E se gli Stati Uniti hanno intenzione di offendere la Russia inserendosi nell'elenco di una serie di repubbliche post-sovietiche, allora la leadership americana sta cercando di provocare la Cina includendo Taiwan come ospite, senza prestare attenzione alla grossolana contraddizione di questo con le proprie dichiarazioni.

Il presidente Biden ha chiarito che gli Stati Uniti sono impegnati nella politica "una Cina" e nei principi su cui si basa. E ha chiarito molto chiaramente che gli Stati Uniti sono interessati al fatto che non ci siano passi unilaterali che cambino lo status quo tra l'isola e la terraferma e che la pace e la stabilità nello stretto di Taiwan siano mantenute.

- Così un alto rappresentante dell'amministrazione americana ha descritto i risultati dell'incontro virtuale tra Biden e Xi, avvenuto due settimane fa.

Per coerenza, vale la pena notare che il 15 novembre si è svolto il vertice virtuale tra i leader di Cina e Stati Uniti. L'elenco dei Paesi invitati al vertice delle democrazie, insieme a Taiwan, che ne fa parte, è stato pubblicato dal Dipartimento di Stato americano il 24 novembre. Pertanto, le promesse di Biden sull'impegno degli Stati Uniti per la politica dell'"unica Cina" sono durate esattamente nove giorni. Questo è principalmente alla questione dell'ipocrisia e della negoziabilità dell'attuale regime americano, se qualcuno non lo capisce.

Così, annunciando la creazione di una nuova struttura internazionale, che è il Summit for Democracy, gli Stati Uniti vogliono innanzitutto rafforzare le proprie posizioni geopolitiche e unire intorno a sé nel modo più chiaro possibile i paesi affiliati, il che può davvero portare a una spaccatura del mondo in due campi. "Democratico", che gli Stati Uniti guideranno, determinando da soli l'elenco dei suoi partecipanti, e un altro, in cui si troveranno inevitabilmente tutti gli altri stati che non vogliono obbedire a Washington e condurre una politica sovrana. Tra questi ultimi risulteranno anzitutto Russia e Cina, dichiarate ufficialmente avversarie degli Stati Uniti. A cosa possa portare questa divisione del mondo, data la precedente esperienza dei decenni della Guerra Fredda e la presenza di armi nucleari in entrambi i campi, nessuno lo sa.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 29 November 2021 09: 29
    +1
    Gli Stati Uniti trattano il resto del mondo come lo sceriffo americano tratta le tribù indiane. E mentre venderà le sue storie sulla democrazia agli indiani ingenui, inosservato dagli "indiani", gli venderà anche i suoi dollari, che gli Stati Uniti stampano ogni anno in trilioni. Se continua così, presto potrebbero essere al prezzo dei dollari dello Zimbabwe. Ricordo come hanno preso le loro terre dagli indiani per perle di vetro. La storia si ripete.
  2. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 29 November 2021 13: 28
    0
    qualsiasi simile impresa puramente politica e ideologica finisce rapidamente dove ogni paese sarà costretto individualmente a scegliere tra i suoi interessi nazionali e gli interessi degli Stati Uniti. Quando gli Stati Uniti chiederanno di punire i paesi "non democratici" con sanzioni, rifiuto di progetti, cooperazione, ecc. - agendo contro i propri interessi per il bene di un'ideologia comune (per il bene degli interessi degli Stati Uniti), allora diventerà ovvio che nessuno è pronto per questo, tranne che per i governi inadeguati. Gli Stati Uniti, in quanto mercato principale del pianeta, ricattano limitando l'accesso al proprio mercato, limitando l'accesso alla tecnologia e limitando gli aiuti militari. Ma il fatto è che sempre più paesi non dipendono dal mercato americano, beneficiano della cooperazione con l'"altro mondo" e nelle condizioni della crisi e dell'incertezza globali non possono più sacrificare i propri interessi per gli USA in rapido indebolimento. Pertanto, è probabile che sempre più paesi rifiuteranno di sacrificare i propri interessi per il bene degli Stati Uniti. Che gli USA si vedranno in un mondo in cui sentiranno sempre più "scusa, non è possibile". La Germania con SP2, un tentativo di schiacciare Huawei sono solo i primi esempi del rifiuto delle iniziative statunitensi. Il mondo non si autodistruggerà per rallentare l'estinzione degli Stati Uniti in uno dei tanti poli del pianeta.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 29 November 2021 18: 11
    +2
    La definizione dello stato come organizzazione politica della classe dirigente apre le più ampie opportunità per le imprese e le banche transnazionali di espandere la loro influenza in tutto il mondo.
    Pertanto, l'obiettivo del vertice delle "democrazie" non è una spaccatura del mondo, ma la sua globalizzazione sotto il controllo delle multinazionali statunitensi. Ciò è evidenziato dal numero e dalla composizione delle istituzioni statali invitate.
    Potremmo anche invitare apologeti personali per la “democrazia” di paesi canaglia come Chubais, Venediktov, una signora in un carro funebre, uno zibellino, riconosciuto dai “democratici” dal presidente della Bielorussia dalla zia Tikhanovskaya, premio Nobel Aleksievich.
    In realtà, tutto questo è un mucchio eterogeneo - un extra gestito dagli Sshasoviti, progettato per creare una massa critica e formalizzare la creazione di un'organizzazione "democratica" mondiale, ma a differenza delle Nazioni Unite, sotto il controllo esclusivo degli Stati Uniti.
    Non c'è quindi posto al vertice per coloro che non sono d'accordo con la politica degli Stati Uniti e, in primis, della RPC e della Federazione Russa, che li lascia ai margini della vita e li priva della possibilità di qualsiasi influenza sulla soluzione dei problemi mondiali - guerra e pace, per esempio.
    Ne sono consapevole nella RPC e nella Federazione Russa, perché la spaccatura principale è sulla falsariga dell'ONU e del diritto di “veto”.