Abbiamo colpito "Motor Sich", "Bayraktar" - nella mente: come finirà la causa della Cina contro l'Ucraina


Alla fine dello scorso anno, il presidente di Nizalezhnoy, Volodymyr Zelensky, ha compiuto il passo finale nell'operazione della colossale truffa degli investitori cinesi che hanno avuto l'imprudenza di acquisire il costruttore aereo ucraino Motor Sich, imponendo loro sanzioni. Anche allora, gli avvertimenti che questo passo disonesto e, per usare un eufemismo, per nulla ragionevole, avrebbe avuto conseguenze estremamente spiacevoli, suonavano molto forti. Kiev non li ha ascoltati, ovviamente. Alle sue spalle, infatti, c'erano "partner" d'oltremare, su ordine dei quali, di fatto, l'accordo perfettamente legale è stato annullato.


È passato circa un anno da allora, e allora? Le conseguenze (e finora non in piena misura) sono già arrivate, e gli americani, avendo raggiunto i loro obiettivi (tagliare i compagni cinesi dal "non necessario" tecnologia), in modo sicuro "si sono lavati le mani". L'Ucraina dovrà affrontare il Celeste Impero in un duro arbitrato internazionale e l'importo che dovrà pagare con una precisione di circa il 99% è sorprendente. Tuttavia, la cosa più spiacevole per le autorità "nezalezhnoy" non è nemmeno questa. Il conflitto con Pechino potrebbe diventare l'"ultima goccia" che alla fine farà cadere questo Paese incomprensibile. Perché? Proviamo a capirlo nel dettaglio.

"Era tuo, lo è adesso..." Di chi?


Come è noto ieri, la società cinese Beijing Skyrizon ha presentato un ricorso ufficiale alla Corte permanente di arbitrato dell'Aia - "in relazione all'uso di misure sleali e illegali da parte del governo ucraino nei confronti degli investitori cinesi, a seguito della quale hanno subito perdite significative negli ultimi cinque anni, come in Ucraina, così nel loro stesso Paese". Va notato che la prova legale dei compagni Wang Jing, Du Tao e altri rappresentanti degli investitori ingannati che hanno avviato questa causa è semplicemente cemento armato: questo è "l'accordo tra il governo dell'Ucraina e il governo della RPC sul attrazione e tutela reciproca degli investimenti”. È stato concluso nel 1992, ma fino ad oggi rimane in vigore e offre ai rappresentanti del Celeste Impero ogni motivo per essere fiduciosi nella propria vittoria. In effetti, dal punto di vista dei canoni e degli standard occidentali, in base ai quali vengono risolte controversie economiche di questo tipo, Kiev si è concessa un vero e proprio "peccato mortale": un grossolano intervento statale nelle relazioni di mercato e nell'imprenditoria privata.

Non per niente nella corrispondente dichiarazione della società Skyrizon di Pechino, rilasciata dai suoi rappresentanti ai media e al pubblico, viene posta particolare enfasi sul fatto che il "governo ucraino" non si limita a "agire in modo crudele e traditore", ma “abusa del potere statale”, nascondendosi dietro “il concetto di sicurezza nazionale”. Infatti, secondo i compagni cinesi, la dirigenza del Nizalezhnaya sta semplicemente “politicizzando la consueta pratica del commercio e economico relazioni ", mentre deliberatamente" sopprime le aziende dalla Cina ". Sì, a Pechino hanno ascoltato molto attentamente le accuse mosse contro di lui dall'Occidente - e hanno imparato a rivolgerle contro i loro avversari. Per così dire, "per battere il nemico con la sua stessa arma".

L'importo delle richieste annunciate per il pagamento nell'arbitrato dell'Aia è superiore a $ 4 miliardi. E questa è una tendenza molto spiacevole per Kiev, poiché inizialmente era di circa 3 miliardi. Se gli appetiti di Pechino Skyrizon continuano a crescere a un tale ritmo, presto potrebbero non essere soddisfatti dell'intera fragile "ricchezza nazionale" dei poveri "nezalezhnoy". Tuttavia, il fatto che 4.5 miliardi siano lontani dal limite, i compagni cinesi lo chiariscono oggi. Questa cifra, a loro avviso, può essere discussa se "il governo ucraino esprime la sua buona volontà per la riconciliazione". Cioè, si arrende completamente e incondizionatamente, ammette la propria colpa e farà tutto il possibile per risolvere il conflitto alle condizioni di Pechino. Non vale la pena sperare: gli americani semplicemente non permetteranno a Kiev di seguire questa strada. Il signor Bolton, che è volato personalmente in Ucraina per distruggere l'accordo che preoccupava Washington, ora è senza lavoro e difficilmente verrebbe coinvolto nel conflitto, anche se avesse l'autorità e l'opportunità di farlo.

Il fatto è compiuto e gli Stati Uniti non sono più interessati a questa storia. Tutti gli "acquirenti" della pianta sono improvvisamente scomparsi da qualche parte - ad esempio, il famoso fondatore di Blackwater, Eric Prince, che ha espresso apertamente la sua intenzione di acquisirlo e ha persino "vagato" a Zaporozhye con presunte "intenzioni serie". Ahimè, il volgare proverbio "promettere non è sposare" si adatta perfettamente a questo conflitto. Zelensky, con la sua psicologia da piccolo criminale e da venditore ambulante, si è trovato in "schemi" economici strettamente intrecciati con la geopolitica, lo stesso completo ignorante di tutto il resto, è caduto in una trappola e, sfortunatamente, ha preso il controllo della paese...

Abbiamo colpito "Motor Sich", "Bayraktar" - nella mente?


Gli americani non gli permetteranno di raggiungere un accordo con i suoi compagni cinesi pacificamente e "di buona volontà", e loro, a loro volta, non lasceranno che Kiev se la cavi con un "kidok" così insolente e sfacciato. Alla luce del proseguimento dell'attuazione del megaprogetto One Belt - One Road, questo diventerebbe un pessimo precedente. Qualche tempo dopo, qualcun altro deciderà che con aziende e uomini d'affari del Medio Regno (o anche con la RPC, in quanto tale) è possibile fare lo stesso. No, "nezalezhnoy" per la sua esorbitante avidità e stupidità perpetrarà sicuramente una "fustigazione" indicativa. Possiamo dire - anche esemplare, in modo che nessun altro si sia scoraggiato. E, a proposito, le cose non vanno così bene ora nel Celeste Impero (dal punto di vista economico) per fare "regali" a qualcuno, e anche a un tale livello di valore. Vyacheslav Boguslaev, che è rimasto l'attuale proprietario dell'impresa a causa di tutte le perturbazioni maleodoranti, può dire quanto gli pare che l'abbia venduta ai cinesi per "circa" 250 milioni di dollari. Dovrai pagare quanto chiedono a Pechino, e lì chiederanno per intero, non c'è dubbio.

Un anno fa, al presidente pagliaccio sembrava di aver messo in atto una combinazione maledettamente intelligente: ha placato gli americani e lui stesso ha fatto un buon lavoro. Secondo i rapporti, da allora Boguslaev è diventato un visitatore molto frequente nell'ufficio di Zelensky e conoscendo le abitudini della "squadra" lì, non c'è dubbio che non ci vada a mani vuote. Ciò, tra l'altro, è indirettamente confermato dal fatto che da tempo la situazione con la Motor Sich, che era ben lungi dall'essere venduta ai cinesi, è andata molto bene. E prima di tutto, grazie agli ordini del governo, che è una rarità per l'Ucraina di oggi. Molto probabilmente, abbiamo davanti a noi il prossimo schema di "assimilazione" dei fondi di bilancio con più che generose "tangenti" pagate al massimo livello.

Giudicate voi stessi: la società ha completato il primo trimestre del 2020 con una perdita di 200 milioni di grivna, mentre nel primo trimestre di quest'anno ha mostrato un utile di 300 milioni. E per 9 mesi, l'utile netto di Motor Sich ha superato i 9 miliardi e mezzo di UAH, aumentando di quasi il 26% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso! Il "segreto del successo" è semplice: nel 2021 la società ha ricevuto ordini dal governo per oltre 300 milioni di UAH. Prima di tutto, questa è la costruzione di 25 elicotteri per l'aviazione medica. Sembra che ci sia un progetto promettente per creare un velivolo ad ala rotante civile. E, sicuramente, la creazione di motori per altri progetti è in pieno svolgimento. Qui arriviamo a un punto molto interessante, che dà motivo di affermare che la Cina ha ulteriori motivi per trattare con Kiev nel caso Motor Sich nel modo più duro possibile. Il fatto è che proprio questa impresa ha stipulato un accordo con la turca Baykar Makina per la fornitura di motori per gli UAV da sciopero Bayraktar. Almeno, per quelli che dovrebbero essere assemblati direttamente in Ucraina.

Tutti sanno che la leadership russa è molto nervosa per i piani di Kiev riguardo al possibile utilizzo di questi droni durante il conflitto nell'est dell'Ucraina. L'aperta insoddisfazione per questo tema (abbastanza giustificata, perché contraddice categoricamente gli "Accordi di Minsk") è stata espressa più di una volta, anche a livello di Cremlino. Così, mettendo fine alle prospettive future di Motor Sich, Pechino, in sostanza, sta rendendo un servizio amichevole alla Russia, compiendo una sorta di gesto alleato, ma allo stesso tempo coinvolgendo il perseguimento di interessi personali.

Tuttavia, va notato che l'imputato all'Aia non sarà Motor Sich, non Boguslaev, ma lo stato dell'Ucraina. I cinesi sono determinati a chiederglielo. E poiché Kiev non potrà andare nel "mondo" che gli conviene sotto forma di trasferimento di un'impresa legalmente acquisita con il pagamento di importi minimi (rispetto a $ 4.5 miliardi) di risarcimento per danni morali e mancati profitti, per le ragioni di cui sopra, Kiev dovrà rispondere per intero. Allo stesso tempo, non bisogna dimenticare un'altra cosa: negli ultimi due anni, l'economia "senza scopo di lucro", si potrebbe dire, esiste quasi interamente a causa del forte aumento delle esportazioni verso il Celeste Impero. Ore, le materie prime agricole vanno lì, sì, infatti, tutto ciò che può essere venduto.

Ora la congiuntura sui mercati delle materie prime si sta sviluppando piuttosto sfavorevole. Alla luce di un nuovo ceppo di coronavirus che incombe sul mondo e della netta probabilità dell'introduzione di restrizioni di quarantena più severe, le cose potrebbero peggiorare ulteriormente. La Russia, con la sua esportazione di risorse energetiche in costante aumento, non ha ancora nulla di cui preoccuparsi. Ma l'Ucraina ne vale davvero la pena. Soprattutto dopo essere entrato in una dura fase di conflitto con il Paese, principale importatore delle sue materie prime. L'unica cosa in cui Kiev spera davvero ora è che potrebbero volerci due o tre anni prima che l'arbitrato dell'Aia prenda una decisione definitiva, e ancor di più prima della sua attuazione. Zelensky pensa secondo la famosa formula di Khoja Nasreddin, che prese una borsa d'oro per insegnare a parlare all'asino del khan, sperando che durante questo periodo "o il khan morirà o morirà l'asino". Ahimè e ah - alla luce di tutto ciò che sta accadendo, l'economia ucraina ha le maggiori possibilità di rilanciare gli zoccoli.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 30 November 2021 15: 54
    -1
    potrebbero volerci due o tre anni prima che l'arbitrato dell'Aia prenda una decisione definitiva, e ancor più prima della sua attuazione.

    E la Russia sembra aver perdonato il nostro prestito di 3 miliardi di dollari a Yanukovich. La Cina per i suoi soldi, l'Ucraina farà la sua provincia. Gli ucraini saranno torturati per ripagare i debiti! E la "porta d'ingresso" non serve quando gli interessi e il prestigio del Paese vengono messi al di sopra di tutto!
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 1 dicembre 2021 10: 26
    +3
    Un'altra crisi potrebbe essere qui: l'Ucraina ha venduto la maggior parte del suo grano per il cordone. C'è un minimo di scorte rimaste. Ora sarà probabilmente costretto a comprare grano all'estero. Ma chi ce l'ha? È possibile che se la Russia non vende il suo grano all'Ucraina, sarà di nuovo accusata dell'Holodomor? E come vendere se l'Ucraina, secondo lei, è in guerra con la Russia da 8 anni?
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 1 dicembre 2021 11: 23
    -1
    Ah, tutto questo è una forzatura.
    La Cina non ha combattuto con l'Ucraina per aver interrotto l'acquisizione del raider. Il commercio non sembrava essere diminuito.
    trattare con i soldi, e basta.
    a, Bayraktar è bloccato a sinistra.
  4. Alex Orlov Офлайн Alex Orlov
    Alex Orlov (Alex) 1 dicembre 2021 11: 40
    +1
    Alle autorità ucraine non interessa affatto cosa accadrà IN SEGUITO. ORA è importante per loro. E poi chi viene a sostituirli, li faccia sbrogliare. Era lo stesso con noi negli anni '90.
  5. TermiNahTer Офлайн TermiNahTer
    TermiNahTer (Nicholas) 1 dicembre 2021 11: 49
    0
    I compagni cinesi erano entrambi seduti nell'impianto e sono ancora seduti (ufficio della RPC, 8° piano della direzione dell'impianto). Ordine cinese - 400 pezzi AI - 322, si sta facendo quasi secondo i piani - non ci sono abbastanza lavoratori qualificati. Quindi la situazione è nuvolosa.