Energia del futuro: ci sono prospettive per l'idrogeno russo?


Il presidente Vladimir Putin ha ordinato di studiare la questione della possibilità di fornire idrogeno per l'esportazione attraverso il sistema di condotte esistente. I funzionari hanno rinunciato, il lavoro ha cominciato a bollire. Ma la Russia sarà in grado di mantenere le stesse posizioni nel mercato dell'idrogeno del futuro come nel mercato del gas di oggi?


La questione è complessa e molto controversa. All'incertezza si aggiunge il fatto che, al di là dei buoni propositi, non è ancora avvenuta una reale transizione all'utilizzo dell'idrogeno come principale "combustibile verde", e non è dato di sapere se avverrà nelle proporzioni promesse. Chissà se tutta questa iniziativa “ambientale” si trasformerà in una “bolla” finanziaria globale che esploderà improvvisamente, facendo arricchire alcuni e rovinando lungo la strada chi non se ne è accorto in tempo?

Tuttavia, il tempo lo dirà. Finora, la nuova agenda globale è l'eliminazione dei combustibili fossili e il passaggio alle fonti energetiche rinnovabili. La Russia non potrà non partecipare a questo, poiché il nostro economia orientato all'esportazione e siamo costretti a rispettare le regole che ci vengono stabilite nei mercati di vendita tradizionali dei prodotti russi. Tuttavia, va tenuto presente che questi prodotti sono eterogenei e quindi richiedono un approccio individuale.

Esportazione di energia


Oggi più di un terzo delle entrate del bilancio federale proviene dall'esportazione di idrocarburi all'estero. La reale prospettiva di perderli li ha fatti muovere attivamente ai vertici del potere russo. Dato che l'idrogeno è stato dichiarato il "combustibile del futuro", hanno subito iniziato a pensare se fosse possibile far funzionare l'idrogeno invece del gas attraverso i gasdotti già costruiti.

È vietato. L'idrogeno è un elemento estremamente reattivo, che in breve tempo può semplicemente distruggere i tubi stessi dall'interno, che originariamente non erano adatti per il pompaggio. Esiste un'opzione per modernizzare i gasdotti, ad esempio Nord Stream e Nord Stream-2, ma per questo dovranno prima essere smontati, gli elementi del gasdotto consegnati all'impianto, dove saranno dotati dall'interno di strati speciali che proteggono dagli effetti distruttivi dell'idrogeno. Questa è un'impresa estremamente difficile e costosa, che promette molti problemi.

In primo luogo, questo significa la cessazione delle forniture di gas qui e ora, e quindi le entrate finanziarie al bilancio federale.

In secondo luogo, infatti, avremo un gasdotto completamente nuovo che non corrisponde alle specifiche tecniche originali. Quindi semplicemente nessuno gli permetterà di iniziare a lavorare, credetemi. Dovrai riottenere il consenso di tutti i paesi di transito, nonché tecnico certificazione per l'esercizio commerciale. Potete immaginare quanti nuovi problemi sorgeranno, come se Nord Stream 2 non ci bastasse.

Ovviamente, per questo motivo, le autorità russe intendono pompare in Europa non idrogeno puro, ma la sua miscela con il metano. La proporzione di idrogeno in questa miscela di gas dovrebbe essere solo del 5-10%, il che dovrebbe ridurre al minimo il suo effetto aggressivo sulla superficie interna della tubazione. Sembra essere ragionevole, ma c'è una sfumatura importante. Secondo stime preliminari, questo potrebbe non essere commercialmente redditizio.

Questo fatto è supportato dal fatto che i consumatori europei non hanno bisogno di idrogeno, vale a dire "verde", nel peggiore dei casi - "blu". Cioè, deve essere prodotto dall'acqua con il metodo della pirolisi, mentre devono essere utilizzate fonti di energia rinnovabile, il che consente di classificare il combustibile come "verde". In altre parole, prima è necessario investire molto in fonti di energia rinnovabile, ad esempio costruire enormi parchi eolici o centrali mareomotrici, generare kilowatt, effettuare pirolisi, ottenere idrogeno "verde", quindi mescolarlo con metano in un rapporto di 5 -10%, pomparlo attraverso una conduttura sottomarina e infine venderlo agli acquirenti europei che costruiranno lì un Brave New World. L'efficacia commerciale di tale schema solleva fondati dubbi. Konstantin Romanov, capo di Gazprom Hydrogen, ha confermato non molto tempo fa:

Ottimale per la produzione di idrogeno - più vicino a un grande consumatore - è più facile e meno costoso trasportare il gas naturale.

Attualmente, Gazprom sta negoziando con le autorità dello stato federale tedesco Mecklenburg-Vorpommern la costruzione di un impianto di idrogeno blu vicino all'uscita per la RFT dei gasdotti russi. "Blu" differisce da "verde" in quanto non è prodotto dall'acqua, ma dal gas naturale catturando l'anidride carbonica.

Questo, infatti, è il vero formato della partecipazione della Russia alla “rivoluzione dell'idrogeno”: la fornitura di materie prime all'Europa sotto forma di gas, da cui verrà ricavato localmente idrogeno. Tuttavia, esiste un'altra opzione con la liquefazione dell'idrogeno, "verde" o "blu", prodotto in Russia e inviandolo all'esportazione via mare. È possibile che venga utilizzato il più recente complesso di trattamento del gas, attualmente in costruzione a Ust-Luga.

Idrogeno per consumo domestico


Non dimentichiamo che il nostro Paese non vive di sola esportazione di risorse energetiche. Inoltre, ci sono prodotti della metallurgia, dell'industria chimica e di altre industrie, dove dovrà essere effettuata anche la transizione energetica. Perché devi? Perché se ciò non verrà fatto, bisognerà pagare una “carbon tax” maggiorata per il diritto di accesso ai mercati europei, cinesi o americani. Ci sono opzioni anche qui.

Ad esempio, puoi investire in fonti di energia rinnovabile (parchi eolici, centrali mareomotrici, ecc.) e fornire direttamente alle imprese industriali "chilowatt verdi" per ridurre al minimo l'"impronta di carbonio". È anche possibile utilizzare fonti di energia rinnovabile per la produzione di idrogeno "verde" nel nostro paese, che andrà non solo per l'esportazione, ma anche per le proprie esigenze del settore energetico russo, compresa l'industria.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 2 dicembre 2021 16: 13
    0
    E perché chiedono solo dell'idrogeno russo? E non una parola sui tartari, sui baschiri o sui ceceni?
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 2 dicembre 2021 18: 16
      0
      È come il caso in cui non c'è nulla da cui andare a fondo? sorriso
    2. Greenchelman Офлайн Greenchelman
      Greenchelman (Grigory Tarasenko) 3 dicembre 2021 18: 46
      +1
      I nostri patrioti sciovinisti, puntualmente e fuori luogo, a volte cercano di enfatizzare la russità. Pertanto, molti giornalisti cedono alla tentazione di essere di tendenza. Ma questa, purtroppo, è una manifestazione standard del nazionalismo, anche se velata. Molti non prestano attenzione al fatto che la Russia è uno stato multinazionale. Hai letto, carri armati russi, missili e altri risultati sono ovunque nei media. I nazionalisti si comportano esattamente allo stesso modo in Ucraina e in altri paesi. Anch'io mi considero russo, ma ci sono molti che mi stuzzicheranno che il mio cognome finisce in "ko", mentre non si accorgeranno affatto, ad esempio, che c'è il capo del Consiglio della Federazione Matvienko, con lo stesso cognome e milioni di altri cittadini della Russia. Pertanto, non preoccuparti e leggi semplicemente, scartando la spazzatura informativa e lasciando i fatti, perché il materiale è, in linea di principio, normale, solo leggermente spolverato di "patriottismo".
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 dicembre 2021 10: 38
    0
    Dividi la pelle di un orso non specializzato

    Quando c'è idrogeno, allora ci saranno prospettive. (compresa ovviamente la logistica)
  3. Esplosione Офлайн Esplosione
    Esplosione (Vladimir) 16 dicembre 2021 13: 19
    0
    Pirolisi dell'acqua... questa è una novità... probabilmente ancora elettrolisi dell'acqua e pirolisi del metano.