La Cina ha interrotto le relazioni commerciali con la Lituania


Le autorità cinesi hanno cancellato la Lituania dal registro doganale, interrompendo di fatto i rapporti commerciali con il Paese baltico. Pechino ha deciso di fare un passo del genere dopo l'apertura di un "ufficio di rappresentanza ufficiale" di Taiwan a Vilnius. Ora gli esportatori e gli importatori lituani non saranno in grado di sdoganare le merci attraverso la dogana cinese.


Questa informazione è stata confermata dal presidente della Confederazione degli industriali lituani Vidmantas Janulevičius.

La Lituania è stata eliminata dai sistemi doganali, non esiste più tale paese nel sistema doganale cinese. Questo crea ulteriori problemi.

- disse il funzionario.

Il ministero degli Esteri lituano ha avviato urgentemente consultazioni con i suoi partner europei per elaborare una risposta comune dell'UE alle "azioni ostili" di Pechino.

In precedenza, Pechino ha declassato il livello delle relazioni diplomatiche con Vilnius ad Incaricato d'Affari. Le autorità cinesi hanno ripetutamente invitato i lituani a non violare il principio "una Cina", violando così le norme delle relazioni internazionali.

Vi ricordiamo che alla fine di maggio di quest'anno, il Seim lituano ha adottato una risoluzione che condanna il "genocidio" di Pechino contro gli uiguri che vivono nel paese.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexndr P Офлайн Alexndr P
    Alexndr P (Alexander) 3 dicembre 2021 10: 03
    +5
    Ancora una volta, la forfora ha offeso, ma l'America non ha aiutato wassat non è mai successo e qui di nuovo
    che creature ridicole vivono dall'altra parte del confine

    abbiamo bisogno di accumulare supplementi su di loro in modo che gli ultimi papuasi si spostino da lì.
    1. Greenchelman Офлайн Greenchelman
      Greenchelman (Grigory Tarasenko) 3 dicembre 2021 10: 59
      -2
      I cinesi possono, ma noi?
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 3 dicembre 2021 11: 05
    +1
    Sono davvero preoccupato per i cinesi. Come continueranno a vivere?
  3. Nikolay V-Maltsevsky Офлайн Nikolay V-Maltsevsky
    Nikolay V-Maltsevsky (Nikolay V-Maltsevsky) 3 dicembre 2021 11: 08
    +4
    Su come i baltici possono leccare il culo all'America, che sono contenti di perdere entrate dal paese più ricco del mondo. Se solo lo zio Sam accarezzasse lo stupido "gyche".
  4. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 3 dicembre 2021 11: 17
    0
    Devi pagare per l'amicizia con gli Stati Uniti.
    1. Alex Orlov Офлайн Alex Orlov
      Alex Orlov (Alex) 4 dicembre 2021 08: 58
      +1
      Devi pagare per l'amicizia con gli Stati Uniti.

      "Amicizia"? Fai sul serio adesso? Mi sono quasi soffocato con un panino)))
      1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
        gunnerminer (mitragliere) 4 dicembre 2021 10: 53
        -1
        Gli Stati Uniti amano ricordare gli Stati baltici. Dal 1939, quando il Dipartimento di Stato è l'unico al mondo, ha espresso la propria indignazione per l'occupazione dell'Armata Rossa dei paesi baltici. Un'amicizia vera, provata nel tempo. Per la quale i limitrofi devono pagare e pagare.
  5. lavoratore dell'acciaio 3 dicembre 2021 12: 12
    -1
    interrompere efficacemente le relazioni commerciali con il paese baltico.

    Così agiscono gli stati indipendenti, per i quali gli interessi del Paese sono superiori alla “pasta”!

    condannando il “genocidio” di Pechino contro gli uiguri che vivono nel Paese.

    E gli interessi dei russi e della Russia in Lituania, come, non vengono violati, secondo Putin e Lavrov?
  6. Alexan Офлайн Alexan
    Alexan (Alexander) 3 dicembre 2021 12: 22
    0
    Aspettiamo cosa diranno gli estoni! La cosa principale è quando?
  7. Volga073 Офлайн Volga073
    Volga073 (MIKLE) 5 dicembre 2021 06: 09
    0
    È necessario bloccare tutti i Tri-balts
  8. acquario580 Офлайн acquario580
    acquario580 5 dicembre 2021 09: 27
    0
    Le società cinesi sono state costantemente rimosse dai listini azionari di tutto il mondo. Questa non è una coincidenza. Ci sarà una guerra.