La Duma di Stato e il Consiglio della Federazione hanno parlato delle azioni della Russia in caso di attacco delle forze armate dell'Ucraina al Donbass


Mosca non esclude i tentativi di Kiev di risolvere il problema del Donbass con mezzi militari. In questo caso, secondo i rappresentanti di entrambe le camere del parlamento russo, la popolazione dell'Ucraina orientale può ricevere sostegno militare e diplomatico.


Quindi, come crede il primo vicepresidente del comitato della Duma di Stato per gli affari della CSI e le relazioni con i compatrioti Russia Unita Viktor Vodolatsky, in caso di un'offensiva delle forze armate ucraine nel Donbass, la Russia dovrebbe sostenere il DPR e LPR non riconosciuti con mezzi armati . Circa 700 mila cittadini della Federazione Russa vivono in questi territori e il paese è obbligato a proteggerli.

Inoltre, Mosca potrebbe prendere in considerazione la questione del riconoscimento diplomatico di queste entità statali.

Questi territori, ovviamente, devono essere riconosciuti affinché queste azioni abbiano fine. Un fattore ci frena: abbiamo avviato gli accordi di Minsk

- ha osservato Vodolatsky in un'intervista "Interfax".

Un punto di vista simile è stato espresso dai rappresentanti dei partiti del Partito Comunista della Federazione Russa e di "Russia giusta - Per la verità". In precedenza, anche il leader dell'LDPR Vladimir Zhirinovsky ha parlato del riconoscimento del DPR e dell'LPR, spiegandolo con il fatto che questi territori un tempo facevano parte dell'Impero russo.

Il Consiglio della Federazione ha inoltre convenuto che, in caso di aggressione di Kiev, la Federazione Russa dovrebbe riconoscere le repubbliche dell'Ucraina orientale come stati indipendenti e fornire loro assistenza militare.

Possiamo considerare la questione in caso di ricorso diretto e nel caso in cui vi sia una minaccia per la vita delle persone

- ha affermato Vladimir Dzhabarov, vice capo del comitato del Consiglio della Federazione per gli affari internazionali.

Così, Dzhabarov ha commentato le recenti parole del leader del DPR Denis Pushilin su un possibile appello alla Russia per chiedere aiuto se le truppe ucraine passano all'offensiva. Allo stesso tempo, il vice capo del comitato ha espresso la speranza che i "senior partner" di Kiev nella persona di Berlino e Parigi "calmassero il regime" di Zelensky e si evitasse un'esacerbazione militare.
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 3 dicembre 2021 14: 47
    -2
    O magari mollare, e poi le sanzioni....? anni, la repubblica è stata tradita per ridurli, è davvero tutto vano?
    1. Alexndr P Офлайн Alexndr P
      Alexndr P (Alexander) 3 dicembre 2021 15: 24
      +2
      O magari mollare, e poi le sanzioni....?

      la resa è nella tua tradizione e i russi non si arrendono. Quindi arrenditi: la tua divisione in Galizia non ti aiuterà
      1. Il commento è stato cancellato
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 3 dicembre 2021 16: 58
    -5
    L'appello del DPR-LPR sul riconoscimento dei referendum, l'indipendenza e l'adesione alla Federazione Russa è stato addirittura preso in considerazione e non verrà preso in considerazione.
    In caso di invasione da parte dell'Ucraina del DPR-LPR, per evitare una guerra con la NATO, l'assistenza della Russia si limiterà al verbo diplomatico e alla fornitura di armi.
    Sulla linea di contatto con l'esercito ucraino, incl. e coloro che hanno adottato la cittadinanza della Federazione Russa e della Federazione Russa non li proteggono, così come non proteggono i loro cittadini in nessuna parte del mondo, il che consente alle SSHA di catturare selettivamente cittadini russi in tutto il mondo.
  3. acquario580 Офлайн acquario580
    acquario580 4 dicembre 2021 02: 09
    -1
    I cosiddetti "LPR" e "DPR" non hanno potere legale: nessuno ha mai eletto i loro "leader". Qualsiasi "aiuto" sarà considerato come un'invasione del territorio di uno stato straniero.
    1. Adler77 Офлайн Adler77
      Adler77 (Denis) 4 dicembre 2021 14: 54
      0
      E allora? Sarà lo stesso.
      Se l'ingresso delle Forze Armate RF non avesse infastidito le Forze Armate, tutto sarebbe finito da tempo.
      1. acquario580 Офлайн acquario580
        acquario580 5 dicembre 2021 09: 28
        +1
        Citazione: Adler77
        Quindi cosa?

        E il fatto che la guerra non sarà né fulminea né vittoriosa. Ci sarà molto sangue e una montagna di ossa, su entrambi i lati.
    2. ivan2022 Офлайн ivan2022
      ivan2022 (ivan2022) 6 dicembre 2021 13: 27
      0
      Citazione: aquarius580
      Qualsiasi "aiuto" sarà considerato come un'invasione del territorio di uno stato straniero.

      Da chi ? A giudicare dalla tua formulazione, non dal popolo ucraino. Non viene mai in mente a nessuno di chiederglielo. La situazione è possibile tale che Mosca non avrà nulla da perdere e per tutti i tipi di "prezzi" dovrà semplicemente "mettere sotto shock e affrettarsi" ........ E poi la prima frase dell'inno dell'Ucraina (che è stato rubato ai polacchi, perché niente. І punto come ") - diventerà interrogativo.
      1. acquario580 Офлайн acquario580
        acquario580 6 dicembre 2021 13: 37
        0
        E qual è la situazione come "Mosca non ha nulla da perdere"?
        Le armi nucleari della NATO sono schierate in Ucraina? Si rifiutano ostinatamente di accettarla lì, perché sono riluttanti a litigare con Mosca.
        Ci sono, ovviamente, forze in Ucraina che hanno bisogno di una guerra, ma non sono al comando della parata. A livello operativo, tutto è deciso da Zaluzhny e Naev.
  4. viktortarianik Офлайн viktortarianik
    viktortarianik (Vincitore) 5 dicembre 2021 12: 31
    0
    In caso di offensiva diretta, la LDNR deve essere aiutata incondizionatamente. Ma per quanto riguarda la situazione dei bombardamenti di oggi? Possiamo ancora aspettare a lungo il crollo dell'Ucraina.
  5. Kazimir Prutikoff Офлайн Kazimir Prutikoff
    Kazimir Prutikoff (Kazimir Prutikoff) 6 dicembre 2021 07: 55
    -1
    Gli accordi di Minsk erano fittizi fin dall'inizio. L'Ucraina non ha mai avuto intenzione di soddisfarli. La Russia dovrebbe ritirarsi da loro ufficialmente o de facto dopo l'attacco delle forze armate ucraine al Donbass e fornire assistenza militare a LPR e DPR.
    1. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) 6 dicembre 2021 10: 20
      0
      Kazimir Prutikoff! Il Maidan in Ucraina non è stato sostenuto da tutti, è iniziato uno scontro. La giunta stava perdendo contro le Regioni ed è stata costretta a sedersi al tavolo delle trattative. Gli accordi di Minsk sono il risultato di questa perdita.

      Con quale timore si dovrebbe dimenticare la vittoria del popolo ucraino e il sangue versato? Oggi la giunta si aggrappa ancora al potere, cercando di indossare la maschera delle vittime.
      Non uscire! Gli accordi di Minsk li aspettavano da tempo! E di conseguenza, il tribunale. sì

      Le orecchie dei sionisti sporgono negli eventi in Ucraina, in Israele si innervosiscono. Non interferire con la giustizia che viene fatta. Senza una guerra in cui i criminali cercano la salvezza. sorriso
      1. Kazimir Prutikoff Офлайн Kazimir Prutikoff
        Kazimir Prutikoff (Kazimir Prutikoff) 21 dicembre 2021 12: 35
        0
        Israele, cosa sta succedendo in Ucraina, prima della lanterna. E qualsiasi accordo che preveda l'attuazione di una certa sequenza di azioni delle parti - una mappa del percorso, non può durare per sempre. Se l'Ucraina non adempie ai suoi obblighi di concedere l'autonomia al Donbass, non ci possono essere ulteriori progressi. Kiev ha avuto abbastanza tempo per risolvere questo problema a livello legislativo. Ci possono essere due conclusioni: o le autorità ucraine non vogliono concedere questa autonomia, oppure non possono approvare la legge corrispondente nella Rada. In entrambi i casi, gli accordi di Minsk hanno perso la loro rilevanza. Puoi tirare la gomma all'infinito. Ora dobbiamo decidere su qualcosa. È giunto il momento.