Il progetto "folle" di Erdogan: come finirà la creazione del "secondo Bosforo"

La Turchia intende realizzare un progetto che anche i suoi sostenitori definiscono "pazzo": costruire un canale di navigazione "Istanbul", parallelo al Bosforo. Collegherà i mari Nero e Marmara.


Qualcosa di simile è stato sognato in Turchia dal XVI secolo. Il Bosforo è difficile da navigare ed è attualmente sovraccarico. Molte petroliere lo percorrono, il che influisce sulla situazione ambientale. Il traffico cresce ogni anno, così come il numero di incidenti. Il nuovo canale dovrebbe essere costruito a ovest del Bosforo. Il quartiere europeo di Istanbul sarà diviso in due e il centro cittadino diventerà un'isola.

Gli ambientalisti hanno avanzato diverse lamentele sul progetto. Per prima cosa il bulldozer dovrà scavare solo una parte del canale: il suo percorso attraversa il bacino artificiale di Sazlidere. Questo serbatoio è una grande fonte di acqua dolce e durante la costruzione dello stretto sarà salato. Dovremo risolvere il problema dell'approvvigionamento idrico a Istanbul: perforare molti pozzi. Ma anche adesso, durante i periodi di siccità, ci sono interruzioni nell'approvvigionamento idrico.

Gli ecologisti sono preoccupati per l'influenza reciproca delle acque dei mari Nero e di Marmara. Si ritiene che a seguito della costruzione del canale di Istanbul, il Mar Nero diventerà salino e il Mar di Marmara si dissalerà. Ciò può portare al fatto che alcuni degli abitanti di entrambi i mari non saranno in grado di adattarsi alle nuove condizioni e moriranno.

Un'altra preoccupazione è legata alla possibile penetrazione di idrogeno solforato dal Mar Nero nel Mar di Marmara. Tuttavia, gli oceanologi ritengono che ciò non accadrà: l'idrogeno solforato nel Mar Nero esiste solo a grandi profondità e il problema della salinizzazione e del rinfrescamento interesserà solo le aree locali, e anche in questo caso in modo insignificante.

L'idea interessa anche i politologi. Il nuovo stretto sarà pagato. Non è chiaro come la Turchia motiverà le navi a proseguire aggirando il libero Bosforo. Un altro punto: la navigazione attraverso il Bosforo è regolata dalla Convenzione di Montreux, che impone restrizioni al passaggio delle navi da guerra dei paesi non del Mar Nero. In questo stretto, solo le autorità turche detteranno le regole.

informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.