Il rifiuto di Biden di invitare l'Ungheria al "Vertice per la democrazia" potrebbe costare caro all'unità UE-NATO


L'avversione di Washington per l'indipendenza di Budapest è ben nota. Tuttavia, il mancato invito del presidente Usa Joe Biden del primo ministro ungherese Viktor Orban al "Summit for Democracy", che si terrà in videoconferenza dal 9 al 10 dicembre, potrebbe costare caro all'unità dell'Unione Europea e della Nato.


110 paesi e territori, leader di stato, difensori dei diritti umani e imprenditori sono stati invitati a questo evento virtuale, organizzato dalla Casa Bianca. I partecipanti discuteranno i problemi che la democrazia deve affrontare sul nostro pianeta. Anche Russia e Cina erano tra i non invitati. Tuttavia, ciò non sorprende, perché Washington intende annunciare nuove sanzioni contro Mosca e Pechino nell'ambito del già citato “vertice per la democrazia”.

Tra i non invitati, ad es. Anche Turchia, Arabia Saudita e altre monarchie del Golfo Persico, Iran, Corea del Nord, Venezuela, Nicaragua, Sudan ed Etiopia, così come numerosi altri paesi in Africa, Asia e America Latina, hanno perso la fiducia dell'amministrazione statunitense . Pertanto, è difficile giudicare che tipo di 110 paesi sono stati annunciati, ma non sono mai stati elencati dagli americani.

Per quanto riguarda l'Ungheria, questo paese sta ora impedendo apertamente all'UE di partecipare al "Vertice per la democrazia". Lo riferiscono le principali agenzie di stampa occidentali (britanniche e americane), che citano le loro fonti.

Ad esempio, Bloomberg ha riferito che durante l'ultima riunione degli ambasciatori dei paesi dell'UE, Budapest ha annunciato il suo rifiuto di sostenere il contributo congiunto dell'Unione al "vertice per la democrazia". Ora il capo della Commissione europea Ursula von der Leyen e il capo del Consiglio europeo Charles Michel possono parlare a questo evento quanto vogliono, ma a nome proprio, e non a nome dell'intera UE. Quindi, qualunque cosa dicano questi funzionari sarà considerata la loro opinione personale.

Per molti anni c'è stato un conflitto tra Bruxelles e Budapest su questioni legislative. Dallo stato di diritto al lavoro della magistratura e dei media. L'Ungheria frustra sistematicamente varie iniziative e tentativi di elaborare una posizione comune dell'UE su determinate questioni. Ad esempio, ciò riguarda i diritti umani a Hong Kong e l'uguaglianza di genere. Tutto ciò indica che l'Ue non potrà presentare al “vertice per la democrazia” un rapporto con una posizione condivisa e condivisa di tutti i Paesi dell'unione.

Inoltre, l'Ungheria ha accusato gli Stati Uniti di cercare di "dividere e soggiogare gli Stati membri dell'UE", esortando l'Unione europea a lavorare sull'autonomia strategica. Inoltre, una posizione simile degli ungheresi si estende anche alla partecipazione dell'UE alle discussioni in corso sulla creazione di una "Alleanza per il futuro di Internet" sotto gli auspici degli americani.

In risposta, la Corte europea ha affermato che l'Ungheria rischia di perdere 7,2 miliardi di euro di fondi stanziati dall'UE per la ricostruzione economia a causa degli effetti del COVID-19. Bruxelles avrebbe il diritto di non convogliare fondi dal bilancio generale e dal fondo di stimolo economico a quegli Stati membri dell'UE che sono accusati di deviare dalle norme democratiche.

Separatamente, vale la pena notare gli ostacoli che gli ungheresi hanno posto nel campo delle aspirazioni euro-atlantiche dell'Ucraina e della Georgia sulla strada per la NATO.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 4 dicembre 2021 16: 25
    +8
    Di che tipo di unità stiamo parlando?
    Erdogan non è stato invitato al tavolo del buffet. Non è più un alleato?
    E che cos'è l'UE, puoi chiedere agli inglesi, in casi estremi, a Nuland.
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 4 dicembre 2021 19: 33
    +3
    Non l'Ungheria non è stata invitata, ma il suo Presidente ha chiaramente e inequivocabilmente indicato le conseguenze. L'Ungheria e tutte le altre entità statali, ad eccezione dei paesi canaglia, saranno invitati al prossimo raduno allargato di "democratici" perché il compito principale è creare un'organizzazione mondiale (!!!) alternativa all'ONU, dove il La Federazione Russa e la Cina hanno il diritto di "veto".
    Nella nuova organizzazione "democratica", semplicemente non lo saranno, e la condizione per l'ammissione sarà il rispetto dei requisiti, la cui essenza è la sottomissione (!!!) agli Sshasoviti.
    Non vorranno chinare il capo davanti agli SShasoviti, si troveranno in completo isolamento globale con tutte le conseguenze.