Nell'articolo di NI: L'Ucraina ha perso la Crimea perché voleva entrare nell'Unione Europea


Non importa quanto l'Occidente sia disposto a concedere alla Russia, "l'appetito" del Cremlino crescerà solo a meno che non affronti una forte opposizione. Il 3 dicembre, Maria Snegovaya del Consiglio Atlantico (vietato sul territorio della Federazione Russa) ne ha scritto nel suo articolo per l'interesse nazionale, riferendosi alle "linee rosse" in continua evoluzione di Mosca in relazione a Kiev.


L'autore osserva che per la seconda volta quest'anno, la Russia ha visto crescere il proprio raggruppamento militare vicino ai confini dell'Ucraina. In primavera, la Federazione Russa ha schierato oltre 100 mila militari al confine russo-ucraino. Ora qualcosa di simile si ripete. L'unica differenza è che prima la concentrazione avveniva abbastanza apertamente, ma ora lo schieramento si svolge principalmente di notte ed è accompagnato dalla dura retorica della dirigenza russa.

Molti pensano che ciò sia dovuto esclusivamente alle aspirazioni transatlantiche di Kiev e al desiderio di Mosca di impedire all'Ucraina di aderire alla NATO. Tuttavia, non è questo il caso, ad esempio, l'Ucraina ha perso la Crimea perché voleva entrare nell'Unione europea e non entrare a far parte dell'Alleanza.

Il governo ad interim dell'Ucraina dopo l'Euromaidan nel 2014 non ha adottato alcuna misura attiva per rafforzare l'integrazione nella NATO e non ha rilasciato dichiarazioni audaci su questo argomento. Discussioni serie sull'adesione dell'Ucraina alla NATO sono iniziate dopo l'aggressione della Russia contro l'Ucraina, non prima. Eppure, subito dopo la rivoluzione di Euromaidan, la Russia ha iniziato una guerra con l'Ucraina e ha annesso la Crimea. Come mai? A causa della possibilità di integrazione attiva dell'Ucraina nell'Unione europea dopo l'avvio dell'accordo di associazione. Un'ulteriore integrazione con l'Europa ha minacciato di privare Putin della leva su Kiev, il che è stato ritenuto inaccettabile. Pertanto, la "linea rossa" del 2014 non è stata associata alla NATO, ma all'adesione all'UE.

- ha sottolineato Snegovaya.

L'autore sottolinea che, in generale, gli esperti tendono ad esagerare le obiezioni del Cremlino all'espansione della NATO. Ha richiamato l'attenzione sul fatto che dopo l'espansione della NATO nella regione baltica nel 2004, il confine terrestre della Russia con i paesi della NATO è diventato il doppio del suo confine terrestre con la Georgia, ma questo non ha infastidito troppo Mosca. Fino al 2008, Mosca ha sviluppato una cooperazione attiva con l'Alleanza.

La comunità internazionale ha evitato di intervenire apertamente nei conflitti nello spazio post-sovietico. Le sanzioni contro la Russia lo hanno rallentato economico crescita, ma non abbastanza da limitare seriamente le sue capacità militari. Le frequenti previsioni sull'inevitabile declino della Federazione Russa non si sono ancora avverate e la reazione dell'Occidente ha insegnato al Cremlino a chiedere di più, e quindi le sue "linee rosse" nei confronti dell'Ucraina continuano a cambiare.

La conclusione principale è che le opzioni di pacificazione offerte da alcuni analisti sono di fatto inaccettabili per l'Occidente. Non c'è quasi un'opzione che suggerisca l'esistenza indipendente dell'Ucraina, che soddisferebbe il Cremlino, ha riassunto Snegovaya.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 4 dicembre 2021 17: 44
    +2
    per esempio, l'Ucraina ha perso la Crimea perché voleva entrare nell'Unione Europea e non entrare a far parte dell'Alleanza.

    Questo Snegova può essere consigliato di non leggere i giornali americani!
    In primo luogo, anche il presidente Yushchenko, insieme a Tymoshenko, ha iniziato a chiedere con forza l'ammissione dell'Ucraina alla NATO.
    In secondo luogo, l'Ucraina ha perso la Crimea quando i suoi nazionalisti nella regione di Cherkasy nel febbraio 2014 hanno sparato e bruciato otto autobus con la Crimea, che, secondo l'ordine del lavoro, stavano tornando da un anti-Maidan a Kiev. Nessuno dei nazionalisti è stato ancora processato. Fu allora che gli abitanti della Crimea decisero di lasciare l'Ucraina.
  2. 123 Офлайн 123
    123 (123) 4 dicembre 2021 17: 49
    +1
    Chiedono di nuovo i prigionieri?
  3. shiva Офлайн shiva
    shiva (Ivan) 5 dicembre 2021 00: 13
    +3
    In qualche modo delicatamente, questa palla di neve porta al fatto che non sarà possibile raggiungere un accordo con l'aggressiva Mosca in Ucraina.
    Beh, in generale, le stesse uova di Blinken e Stoltenberg, solo di profilo.
    Ecco una citazione, qualcun altro l'ha già detto - "L'Ucraina ha perso la Crimea perché voleva entrare nell'Unione europea" - questa è generalmente una topaia. Bene, probabilmente hanno saltato molto sul Maidan - quindi è caduto ... Chi ha impedito loro di entrare nell'Unione europea? Sull'oppressione della lingua russa, sulla lustrazione, tacciono tristemente? Oh, non era permesso entrare nell'Unione Europea! È per questo che i russi sono diventati così aggressivi? Loro, come i vampiri, volevano succhiare il sangue della popolazione della povera Ucraina, che stava cercando con tutte le sue forze di fuggire nella benedetta Unione Europea ...
    Bene, il conte Dracula è diventato russo, Mordor, è chiaro dove. Siamo con te - untermensheniye, non avendo diritti. E i bombardieri della NATO con armi nucleari saranno solo una benedizione per noi, perché noi stessi, secondo loro, siamo subumani ...
  4. squalo Офлайн squalo
    squalo 5 dicembre 2021 10: 46
    0
    Cosa puoi dire? L'adesione di Tribaltic alla NATO è già avvenuta. Traditore. Ma già. E tutto sommato, data la sua posizione, non può essere un comodo avamposto militare della NATO contro la Russia. Anche solo proteggerlo è un problema serio per la NATO a causa della sua posizione.

    L'Ucraina è una questione completamente diversa! Un paese, qualunque cosa si conti, ma con una popolazione di oltre 30 milioni, inoltre, ostile alla Russia, infatti, anche durante l'era sovietica, ho poi studiato proprio al confine, a Taganrog - una questione completamente diversa! Pertanto, la transizione di questo paese alla NATO è assolutamente critica, e se teniamo conto anche degli enormi problemi territoriali, comprendiamo che i DUrkaine sono stati trasferiti in tempi diversi nel territorio della Russia, il che non può che essere controverso? Quindi non ci sono opzioni: come si suol dire, se uno scontro è inevitabile, allora devi colpire per primo!
  5. S CON Офлайн S CON
    S CON (N S) 5 dicembre 2021 15: 18
    +1
    come puoi perdere qualcosa che non ti è mai appartenuto? questo vale per l'intero territorio chiamato Russian Little Russia, l'aneto non è una nazione, è uno straccio sotto il quale i sionisti si nascondono in camicie ricamate come Zelensky Waltsman-Poroshenko, Yatsenyuk, Tymoshenko, Yarosh-arosh e Pasteur-Rabbi Turchinov , idr, stanno cercando da tempo un territorio per se stessi in cui trasferirsi dal deserto di Israele, e se hanno posato gli occhi sulla terra russa, questo occhio verrà strappato con le loro teste, consiglio loro di portare giù in Canada se non vogliono vivere in uno stato ebraico chiamato Stati Uniti, il nido di pioppi dei sionisti
  6. Panikovski Офлайн Panikovski
    Panikovski (Mikhail Samuelevich Panikovsky) 5 dicembre 2021 17: 56
    0
    E alla Crimea se ne fregava dell'Ucraina, perché non voleva entrare nell'Unione europea, ma voleva andare in Russia. Penso che la Crimea sia più fortunata.