SWIFT, rublo e "Sputnik V": i nuovi obiettivi antirussi di Washington


La Russia potrebbe essere disconnessa dal sistema SWIFT come parte di un nuovo pacchetto di sanzioni che la parte americana sta prendendo in considerazione, ha riferito la CNN il 6 dicembre. Non c'è ancora una decisione finale sull'imposizione di restrizioni, ma i funzionari statunitensi stanno ora esplorando attivamente le opzioni per introdurre sanzioni "dannatamente aggressive", come ha affermato la fonte, contro Mosca. Inoltre, si tratta principalmente di infliggere un colpo simultaneo a diversi settori della Russia economia: principalmente nel settore bancario ed energetico.


Spada di Damocle chiamata "SWIFT"


Naturalmente, da un lato, sarebbe ingenuo prendere tutto questo per oro colato, perché il prossimo "sensazionale" notizie sulla disconnessione della Russia dalla superficie SWIFT quasi ogni mese. Tuttavia, d'altra parte, emergono proprio perché il tempo stringe, e la minaccia del famigerato shutdown non svanisce. E se l'interruttore risulta essere girato, le conseguenze possono essere estremamente spiacevoli, indipendentemente dalle opinioni su quel punto. Così, Vladimir Dzhabarov, primo vicepresidente del Consiglio della Federazione della Federazione russa per gli affari internazionali, ha già commentato la situazione della disconnessione da SWIFT.

Per quanto riguarda la disconnessione da SWIFT, questo è assolutamente fuori dal regno della fantasia. C'è un'economia mondiale, un sistema finanziario di pagamento mondiale, non lo sopporterà, perché la Russia è un paese enorme, un grande partner di molti altri stati. Non riesco a immaginare come, ad esempio, i tedeschi in valigie e borse per le navette portino soldi in Russia per il gas fornito. In quale altro modo pagare? O in contanti o tramite banche. Questo è tutto dal regno della fantasia

- ha detto il senatore in un'intervista TASS.

E in linea di principio, se la sua previsione si avvera, nulla minaccia l'economia russa. Il problema, tuttavia, è che agli americani non interessa molto il modo in cui i tedeschi pagano il gas russo. Esattamente come quel detto sullo sceriffo, gli indiani e i problemi. Dopotutto, Washington, come notato da un altro senatore, il vicepresidente del Consiglio della Federazione Konstantin Kosachev, "assume le funzioni di procuratore generale, giudice e ufficiale giudiziario". E uno per il mondo intero. Quindi, le conseguenze finanziarie globali della chiusura della Federazione Russa - la sesta economia (in termini di PPP) nel mondo, dal sistema internazionale di pagamenti interbancari non sono di alcun interesse per Washington. Al contrario, è un modo ideale per fare ancora una volta pressione sul nostro Paese e rendere la vita difficile ai suoi cittadini. Dopotutto, disconnettersi da SWIFT è, se non isolamento finanziario, qualcosa di estremamente vicino ad esso nelle realtà attuali. Certo, puoi sempre trovare soluzioni alternative, ma qualsiasi attività economica internazionale, inclusi gli investimenti, complicherà drammaticamente questo.

Non bisogna andare lontano per fare un esempio: basta guardare lo stesso Iran, disconnesso dal sistema SWIFT su richiesta di Washington nel 2018. Oggi, il denaro può essere trasferito a società e individui in Iran solo utilizzando soluzioni alternative - in contanti o tramite trasferimenti su conti personali in banche intermediarie negli Emirati Arabi Uniti, Turchia, Iraq e organizzazioni finanziarie che sono di fatto di proprietà della parte iraniana, ma de jure situato dietro al di fuori del suo territorio. È già chiaro a cosa ciò abbia portato: un aumento significativo dei costi di transazione e il fatto che molte organizzazioni hanno semplicemente smesso di collaborare con aziende iraniane e di fare affari in questo paese. Le multinazionali non erano già troppo interessate a causare dispiacere a Washington e, dopo gli sforzi di Donald Trump per inasprire le sanzioni contro l'Iran, hanno fatto del loro meglio per tagliare tutti i contatti ufficiali con le controparti iraniane. I rischi di incorrere in una grossa multa dal Tesoro degli Stati Uniti sono troppo alti. Naturalmente, una parte significativa dei flussi di cassa iraniani è andata nell'ombra, lontano dallo sguardo predatorio americano, ma per l'economia del paese questo è più un segnale negativo. La chiusura e la non trasparenza nel contesto della globalizzazione difficilmente possono giovare a nessun sistema economico, per non parlare di quello iraniano indebolito.

Quindi, parlando delle conseguenze della disabilitazione di SWIFT per la Russia, si dovrebbe prima di tutto pensare non alle conseguenze teoriche, ma a esempi reali di vita senza di essa. Oggi SWIFT è il sistema circolatorio della finanza mondiale, attraverso il quale i fondi vengono trasferiti da una banca all'altra, indipendentemente dalla loro appartenenza territoriale. E disconnettere un paese da esso è come tagliare il suo canale dell'ossigeno in senso economico, riducendo significativamente i suoi flussi di cassa. Tuttavia, a quanto pare, gli Stati Uniti sembrano essere una piccola minaccia per la Russia e hanno in programma di infliggere un altro colpo all'economia russa. Questa volta - per valuta nazionale.

Divieto di conversione del rublo


Secondo Bloomberg, riportato da RBC il 7 dicembre, gli Stati Uniti e l'UE stanno pianificando di introdurre restrizioni alla conversione dei rubli in altre valute, nonché alla capacità degli investitori di acquistare debito russo sul mercato secondario.

L'opzione più radicale sarebbe quella di negare alla Russia l'accesso al sistema di pagamento finanziario SWIFT, ma (...) i funzionari hanno maggiori probabilità di perseguire la capacità del paese di convertire i rubli in dollari, euro o sterline britanniche

- riferisce Bloomberg.

Si prevede che tali sanzioni possano essere imposte non solo alle banche russe, ma anche contro il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF). Inoltre, quest'ultimo non è qui citato a caso, perché è attraverso RDIF che la Russia sta distribuendo all'estero il suo vaccino contro il coronavirus Sputnik V. Cioè, Washington non vuole solo dissanguare l'economia russa, privandola dei flussi di cassa, ma anche colpire la reputazione russa. Il rinnovo dei contratti per l'acquisto del vaccino russo richiederà ovviamente un tempo significativo, durante il quale le forniture saranno forzatamente sospese, il che significa che sarà messa in discussione la capacità della parte russa di adempiere ai propri obblighi.

Anche se questa è solo una piccola parte delle possibili conseguenze. In breve, in assenza di mosse assolutamente brillanti da parte della Banca Centrale della Federazione Russa, al limite del miracolo, il tasso di cambio del rublo può aspettarsi una ripetizione degli eventi del 2014 - il più grande crollo della valuta nazionale dal default del 1998 . E questo non è uno scenario pessimistico, ma le banali leggi del mercato. Ad esempio, se domani la conversione della sterlina britannica sarà vietata, l'effetto sul suo tasso di cambio sarà approssimativamente lo stesso: un forte calo a causa di una diminuzione della domanda, tranne che per il suo status di valuta di riserva. Nel mondo moderno inondato di fiat, cioè denaro non garantito, l'impossibilità di convertire un'unità monetaria può portare a conseguenze disastrose. E poi - lungo la catena. Un calo del tasso di cambio porterà inevitabilmente a una diminuzione del potere d'acquisto della popolazione. In un modo o nell'altro, la macchina da stampa dovrà essere avviata, il che non farà altro che accelerare ulteriormente l'inflazione. Per non parlare del fatto che un banale cambio di valuta diventerà un problema non solo per i cittadini, ma anche per le imprese, che colpiranno immediatamente la produzione, sconvolgendo le filiere e deteriorando le posizioni nei mercati internazionali. Ahimè, questo è ora il vero stato delle cose, che, ovviamente, deve essere cercato di cambiare.

Qual è la via d'uscita?


Parlando delle fosche prospettive del divieto di conversione del rublo e della scomunica da SWIFT, si deve comprendere che non si tratta di circostanze immediate, ma delle conseguenze di un annoso problema sistemico sorto nel 1991, dopo la guerra russa l'economia ha intrapreso il percorso capitalistico di sviluppo. La dipendenza dagli strumenti finanziari, le cui leve si trovano all'estero, sorta negli anni '90, è diventata una conseguenza inevitabile della piena apertura dell'economia russa e della sua inclusione negli schemi finanziari globali dettati dall'Occidente collettivo. Tuttavia, c'è una via d'uscita, e giace in superficie. Da quindici anni esiste un'organizzazione internazionale fondata nell'ambito del Forum economico di San Pietroburgo e progettata per diventare un'alternativa a una visione puramente occidentale del mondo e dell'egemonia americana in esso. Quindi Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, che in seguito si unirono a loro, formarono i BRICS - un blocco di paesi, grazie alla cui crescita, secondo gli esperti, sarà raggiunto l'ulteriore sviluppo dell'economia mondiale. A partire dal 2020, il PIL aggregato dei paesi BRICS è del 25% di quello globale, la quota del commercio internazionale ha raggiunto quasi il 20% e la crescita del commercio reciproco dal 2015 al 2019 è stata del 45%, ovvero i legami tra i paesi del blocco si stanno solo rafforzando. Quindi, la Russia è già membro di una grande associazione internazionale in grado di competere con l'Occidente, quindi cosa, ci si chiede, impedisce la creazione di un'alternativa a SWIFT sulla sua base?

Niente. Inoltre, è stato avviato ed è in pieno svolgimento il processo di abbandono di SWIFT in Russia. Il sistema per la trasmissione di messaggi finanziari (SPFS) è già stato creato e funziona, l'analogo russo del sistema di accordi internazionali. Inoltre, i risultati del suo lavoro sono evidenti. Quindi, la quota di messaggi inviati attraverso il sistema alla fine del 2020, come risulta dalla presentazione del primo vicepresidente della Banca centrale Olga Skorobogatova, è aumentata di 1,8 volte. E non solo all'interno del Paese, perché 23 banche estere si sono già allacciate al sistema russo: da Armenia, Bielorussia, Germania, Kazakistan, Kirghizistan e Svizzera. Allo stesso tempo, la quota di SWIFT negli insediamenti russi interni, che ha superato l'80% cinque anni fa, è diminuita di quattro volte, fino al 20%. Cioè, l'alternativa russa sta funzionando, l'unica cosa che manca è una reale scalabilità nell'arena internazionale, sulla quale tutti gli sforzi devono essere lanciati lungo le linee della diplomazia e delle relazioni economiche estere.

Pertanto, la via d'uscita dall'apparente stallo è semplice: la Russia deve liberarsi della sua "dipendenza rapida" e accelerare il ritmo della trasformazione dell'SPFS in un sistema di pagamento globale alternativo. Dopotutto, sta già emergendo la cerchia dei paesi attraverso i quali potrebbe espandersi. Questi sono in primis i paesi BRICS: Brasile, India, Cina e Sud Africa. Inoltre, sarebbe logico coinvolgere la Corea del Nord e l'Iran, che sono stati disconnessi da SWIFT rispettivamente nel 2017 e nel 2018. È giunto il momento che il mondo, soffocando sotto il giogo finanziario americano, fornisca una vera alternativa: un sistema di pagamento internazionale che sia veramente indipendente e non serva gli interessi di politica estera degli Stati Uniti. E la minaccia di disconnessione da SWIFT dovrebbe sprofondare nel dimenticatoio - seguendo il mondo unipolare americano, dove è più cara.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladislav N. Офлайн Vladislav N.
    Vladislav N. (Vlad) 8 dicembre 2021 09: 33
    -1
    Un incontro faccia a faccia come dicono i media?
    Sembra l'epico dipinto "A Schoolboy at the Teachers Council" dal lato del lampeggiante, e il resto è un cazzo intorno al vecchio barattolo, e da noi nostro nonno è un assolo.
  2. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 8 dicembre 2021 14: 14
    0
    Pertanto, la via d'uscita dall'apparente stallo è semplice: la Russia deve sbarazzarsi della "dipendenza rapida" e accelerare il ritmo per trasformare SPFS in un sistema di pagamento globale alternativo

    La domanda è: in quali mani è ora l'iniziativa?
    Mentre elaboriamo i "compiti" assegnatici dagli americani, agiamo nel "corridoio" dei loro piani.
    L'esito per noi alla fine di questo “corridoio” è predeterminato dagli americani.
    Se vogliamo uscirne, allora non dobbiamo assumerci il loro "compito", ma sopprimere la loro punizione per il suo fallimento.
    Ricordiamo il 1962. Operazione Anadyr e l'esercizio Tulip.
    Dobbiamo contrastare questa minaccia con la nostra. Proprio adesso. Con piena determinazione a realizzarlo.
    Se non possiamo sul piano economico, allora su quello militare.
    Altrimenti saremo schiacciati alla fine del "corridoio" quando avranno tutto pronto.
    Fermare un nemico non significa subire un altro colpo.
    Ora significa non lasciarlo applicare.
    Con questo, interromperemo finalmente il corso degli eventi per noi sfavorevoli negli ultimi decenni, in tutte le direzioni contemporaneamente.
  3. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 8 dicembre 2021 20: 20
    -2
    Rublo ushatat non va oltre il Potomac.
  4. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 15: 48
    +1
    Perché hai tanta paura. Lo SWIFT, come il Mondo, passa per le fibre ottiche. Chi lavora con le fibre lo sa. Basta per il sottomarino di turno, il cavo è tagliato.
  5. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 15: 51
    0
    Citazione: gunnerminer
    Rublo ushatat non va oltre il Potomac.

    La tua America sarà completamente isolata, da est e da ovest, smettila di spaventare l'ebreo.
  6. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 15: 54
    0
    Citazione: gunnerminer
    Rublo ushatat non va oltre il Potomac.

    Ho prestato servizio nell'unità militare, avevo poco più di 60 anni. Risposta dove ho prestato servizio? Ho prestato servizio davanti al colonnello nell'ufficio di registrazione e arruolamento militare (siamo registrazione)
  7. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 15: 57
    0
    Citazione: gunnerminer
    Rublo ushatat non va oltre il Potomac.

    È divertente per me leggerti.
  8. miffer Офлайн miffer
    miffer (Sam Miffer) 10 dicembre 2021 04: 40
    0
    A partire dal 2020, il PIL aggregato dei paesi BRICS è il 25% del PIL globale ...

    Probabilmente.
    Ora, per favore, dicci quale% del PIL mondiale ha la stessa Russia?
    Dopotutto, non saranno i BRICS a chiudere, ma solo la Russia.
  9. antibi0tikk Офлайн antibi0tikk
    antibi0tikk (Sergey) 10 dicembre 2021 09: 48
    +1
    Duc per non essere spaventati da questa disconnessione da SWIFT, sarebbe necessario disconnettersi da essa noi stessi. Esiste già un'alternativa a questo SWIFT - SPFS. Ed ecco solo il fatto che la maggior parte delle nostre esportazioni sono risorse naturali, questa è una sorta di protezione dal completo isolamento. Non puoi semplicemente comprarli da qualche altra parte. Quindi si scopre che non appena SWIFT viene disattivato, la maggior parte dei client richiederà l'autorizzazione per connettersi a SPFS.
    E così, infa per il pensiero. Tutti hanno una carta di credito, alcuni ne hanno più di una. Questi sono principalmente Visa o MasterCard. Ogni mese viene addebitato un canone mensile di 60 rubli. E questa quota di abbonamento non va a Sberbank o VTB, va esattamente a questi due uffici. Su scala nazionale, risulta che stiamo pagando agli avversari diverse centinaia di milioni di dollari. Personalmente sono passato a MIR. Non c'è differenza nell'uso, ma anche questi miei spiccioli restano nel nostro Paese.